Rovaniemi

Rovaniemi, la città di Babbo Natale

Rovaniemi è il capoluogo della Lapponia finlandese. Conosciuta per essere la città dove vive Babbo Natale, recentemente si è fatta conoscere in tutto il mondo per essere la città d’origine dei LORDI, gruppo rock che ha vinto il concorso Eurovision con il brano “Hard Rock Hallelujah”
Viaggi a Rovaniemi: un posto da favola sia in estate, con il sole che non tramonta mai, che in inverno, con la neve a dare un’atmosfera magica alla capitale della Lapponia.

 

Rovaniemi è una piccola città (35 mila abitanti) a pochi chilometri dal Circolo Polare Artico, nel nord della Finlandia. Durante la guerra lappone (finlandesi contro tedeschi) la città venne rasa al suolo dai tedeschi che fecero terra bruciata in tutta la Lapponia. Finita la guerra iniziò la ricostruzione di Rovaniemi pianificata da Alvar Aalto tra il 1944 e il 1945: la pianta della città ricorda la figura stilizzata di una renna. Lo stesso Alvar Aalto firmò la costruzione di alcuni edifici come la libreria, la Camera della Lapponia, il Municipio e gli edifici della famiglia Aho più l’area residenziale di Korkalorinne.

Oggigiorno Rovaniemi vive di turismo, l’attività che dà da vivere alla maggior parte delle persone tramite il Villaggio di Babbo Natale, il Santa Park e i Safari Artici.

Moltissimi sono anche gli studenti residenti a Rovaniemi: 10.000 gli iscritti all’Università della Lapponia e al Politecnico di Rovaniemi.

La città è molto piccola e si può visitare a piedi in una giornata. Assolutamente da non perdere il ponte Jätkänkynttilä e gli edifici progettati dall’architetto Alvar Aalto. Per gli appassionati di musei c’è Arktikum (5-10 minuti dagli alberghi del centro), uno spazio espositivo progettato per diffondere la conoscenza della cultura e degli usi e costumi delle popolazioni del Nord e l’immancabile rapporto con le renne.

http://www.arktikum.fi/it/

Il Circolo Polare Artico

Rovaniemi si trova 10 km a sud del Circolo Polare Artico, una linea sulla carta geografica a nord della quale, d’estate, il sole rimane alto all’orizzonte anche dopo mezzanotte (il sole di mezzanotte).

D’inverno invece il sole non tramonta per parecchi giorni lasciando la città al buio per la maggior parte del tempo. Le uniche fonti di luce sono la luna, le stelle e le immancabili e affascinanti aurore boreali che si verificano molto frequentemente, circa 200 aurore boreali ogni anno.

La città di Rovaniemi è molto vicina a diverse località sciistiche della Lapponia, tra cui Ylläs e Kittilä, le migliori soluzioni per una settimana bianca in Finlandia.

Il Villaggio di Babbo Natale

Il Villaggio di Santa Claus è l’unico posto al mondo dove si può incontrare Babbo Natale ogni giorno dell’anno. Solo da qui potete spedire cartoline e lettere di Natale con lo speciale timbro postale del Circolo Polare Artico, a pochi passi dal Polo Nord, direttamente dall’ufficio postale di Babbo Natale. All’interno del villaggio, a due passi da Rovaniemi, troverete numerosi negozi e programmi di animazione a disposizione per i grandi e soprattutto i bambini.

Più informazioni sul villaggio di Babbo Natale nel sito ufficiale: http://www.santaclausvillage.info/it

Santa Park

Ricavato in un complesso di grotte scavate nella roccia, il Santa Park è il parco dei divertimenti che ha per tema lo spirito del Natale. Aperto in inverno da Novembre a Gennaio e d’estate da Giugno ad Agosto, promette un’esperienza unica per tutta la famiglia: corse in slitta, visita alla casa del biscotto allo zenzero e allo studio di Babbo Natale, possibilità di shopping, performance a tema, la galleria del ghiaccio, il bricolage con gli Elfi e la visita alla scuola degli Elfi.

Più informazioni sul Santa park nel sito ufficiale: http://www.santapark.fi/index.php?la=it

Voli Rovaniemi

Dall’Italia non ci sono voli diretti per Rovaniemi, ma le due principali compagnie finlandesi, la Blue1 e la Finnair, effettuano voli giornalieri da Helsinki a Rovaniemi. Il volo dura circa un’ora e i prezzi abbordabilissimi. Consultate l’articolo sui voli economici per la Finlandia. Spesso volare a Rovaniemi costa meno del treno. Il viaggio in treno dura circa 11ore e costa sugli 80 euro partendo da Helsinki.

Hotel a Rovaniemi

Clarion Hotel Santa Claus, Scandic Rovaniemi, Sokos Hotel Vaakuna Rovaniemi, solo alcuni degli hotel a tre o quattro stelle situati al centro di Rovaniemi o nel Villaggio di Babbo Natale. Prezzi in base alla stagione con l’offerta che varia dai 30euro a notte fino a 100 150 per gli hotel di lusso.

Il Meteo a Rovaniemi

Il clima a Rovaniemi è mite in estate e molto freddo in inverno, con temperature di molto al di sotto dello zero.
Per il meteo a Rovaniemi vi rimandiamo all’articolo sul meteo della Finlandia.

Webcam Rovaniemi

Che tempo fa a Rovaniemi? Questa immagine è presa dal villaggio di Babbo Natale, in diretta
http://www.santaclauslive.com/cam/cam.jpg

La natura a Rovaniemi

Per gli appassionati di natura, a Rovaniemi e nei Parchi Nazionali della regione è possibile praticare lo sci di fondo e d’estate, per gli amanti del trekking e delle escursioni nella natura, ci si può avventurare tra le colline lapponi per ore e ore, senza preoccuparsi della notte che tanto non arriverà fino a Settembre. Ci sono anche ottime possibilità di pesca per gli amanti di questo sport .

A Rovaniemi si trova il McDonald’s più a Nord del mondo.

Safari Artico in Lapponia

Safari artico in Lapponia: il ghiaccio al posto della savana

Il safari artico, un modo unico e sicuro per assaporare l’incontaminata natura finlandese. Per singoli, coppie o grandi gruppi, il safari è una delle esperienze consigliate per vivere a stretto contatto con l’incontaminata natura della Lapponia. Inoltre potrete conoscere da vicino le abitudini delle popolazioni Sami.

Un’esperienza indimenticabile avvolti dall’incantevole natura finlandese immersi nel silenzio di panorami lapponi mozzafiato.

safari artico lapponia - renne
safari artico lapponia - renne

I safari artici sono dei pacchetti organizzati da operatori turistici in Lapponia per permettere al maggior numero di persone di vivere sulla propria pelle la vita a nord del Circolo Polare Artico. I safari artici sono molto differenziati e ci sono diverse offerte dedicate ai singoli, ai gruppi numerosi, alle coppie, ai giovani e meno giovani e persino ai disabili. Un modo davvero alternativo di andare in vacanza, o di passare il Capodanno o il Natale.

L’esplorazione della natura lappone è al centro di questi safari come lo è la voglia di far conoscere la cultura dei Sami, il popolo che abita la Lapponia.

I safari possono durare da un giorno fino a una o due settimane. Il pernottamento potrebbe essere in tenda o in rifugi lungo il tragitto. Se la situazione climatica è particolarmente rigida gli organizzatori vi forniranno anche l’abbigliamento giusto per permettervi di godere al massimo l’esperienza senza morire di freddo.

Slitta trainata dalle renne

Le renne sono una delle attrazioni principali per chi prenota un safari artico. La visita agli allevamenti di renne è d’obbligo e non si può davvero rinunciare ad un giro in slitta e sentirsi come Babbo Natale. In alternativa altri safari artici prevedono un’esperienza di slitta trainata da husky.

Al termine del safari verrà consegnata una patente di guida per le slitte, naturalmente “per turisti”.

Motoslitta

Per gli amanti del brivido e della velocità la motoslitta è l’ideale: viene utilizzata per l’affidabilità e perché permette di compiere grandi distanze in pochissimo tempo. A tutti i partecipanti viene mostrato il funzionamento della motoslitta, ricevendo informazioni su come guidarla in totale sicurezza. Durante il safari artico le guide spiegheranno come riconoscere i sentieri tracciati dai vari animali selvatici: renne, volpi, linci, alci e lepri (no, l’orso polare non vive in Finlandia ma potete ammirarlo nello zoo vicino a Rovaniemi).

Affittare una motoslitta

Per affittare una motoslitta (gatto delle nevi) occorre innanzitutto avere una patente di guida valida. Le motoslitte sono solitamente per due persone e i prezzi variano a seconda della potenza del motore e del tempo di utilizzo.

In media, due ore costano all’incirca 65 euro sulla slitta meno potente, che può essere ad esempio un Touring 380. Un MXZ/F 550, una delle più potenti della categoria, costa anche 85 euro per due ore.

Naturalmente i prezzi salgono col tempo d’affitto. Per i modelli citati prima, due giorni possono costare rispettivamente 260 e 300 euro.
Il tempo massimo di affitto é generalmente una settimana (con prezzo da concordare).

L’incontro con Babbo Natale

Se siete a Rovaniemi e specialmente in compagnia di bambini, non perdete l’occasione d’incontrare Babbo Natale. Tutte le compagnie offriranno la possibilità di incontrare di persona Babbo Natale, di fare foto con lui e di spedire cartoline direttamente dal suo ufficio.

Pesca invernale

Per gli amanti della pesca molti safari offrono la possibilità di avventurarsi nei boschi finlandesi (tramite motoslitta o slitta trainata da cani) per arrivare a laghi ghiacciati dove è possibile passeggiare sulla superficie ghiacciata, fare un foro e pescare attraverso quel foro. Per chi ama la pesca è un’esperienza davvero indimenticabile.

Lo zoo più a Nord del mondo

A 80 km da Rovaniemi si trova lo zoo più a Nord del mondo. Una visita per i più piccoli ma anche per chi ha voglia di vedere gli animali artici nel loro habitat naturale. All’interno dello zoo di Ranua ci sono anche due orsi polari. Per maggiori informazioni

A caccia di aurore boreali

Molti safari vi permetteranno di osservare con i vostri occhi lo spettacolo delle aurore boreali, molto frequenti in Lapponia. Si possono ammirare aurore boreali con maggiore probabilità in autunno o a fine marzo, ma in inverno il paesaggio completamente innevato e i colori vivaci dell’aurora boreale creano un effetto unico.

Sci di fondo e racchette da neve

Questo tipo di safari è quello che vi permetterà un’esperienza molto intima con la natura finlandese. Con gli sci ai piedi o dotati di racchette da neve potrete camminare agevolmente anche sulla neve fresca e ammirare la natura incontaminata godendo del soffice silenzio che solo l’inverno finlandese può farvi provare.

Il Santasport Center

Nelle vicinanze di Rovaniemi è stata creata una struttura, il Santasport Center sul colle Ounasvaara, dov’è possibile praticare fino a 50 sport diversi. Lo sci alpino e lo sci di fondo sono i due sport più quotati ma non mancano piste per la slitta e percorsi per le racchette da neve.

La struttura è dotata anche di un centro termale dov’è possibile rilassarsi, aperto tutto l’anno.

Quanto costa un safari artico?

Qualunque sia la soluzione scelta i prezzi sono alti e variano da 90 euro a persona fino a più di 200 euro a testa. Informatevi presso un’agenzia di viaggi in Italia o visitando direttamente i siti delle compagnie che offrono safari artici in Lapponia, come quelle di seguito:

Lapland Safaris (in inglese)
http://www.lapinsafarit.fi/In_English/Home.iw3

Visit Rovaniemi (in italiano)
http://www.visitrovaniemi.fi/In_Italiano_/Attivit%C3%A0__.iw3

Un esempio di safari con cani da slitta

Un safari interessante è quello che parte dal villagio di Muonio, al confine con la Svezia. (Nord-Ovest della Finlandia). Il safari artico dura circa tre giorni avventurandosi nella natura lappone trainati da slitte. Il safari solitamente termina con una notte passata in un caratteristico hotel di legno sulle rive di un fiume (Harriniva) dotato di sauna.

E’ possibile prenotare safari artici anche d’estate quando si fanno escursioni in barca, rafting nei fiumi lapponi, trekking ed ovviamente visite gli allevamenti di renne. Per i meno avventurosi niente di meglio di una rilassante partita a golf. In estate è possibile giocare per 24 ore al giorno visto che il sole non tramonta mai. Tre i campi da golf presenti in Lapponia: uno a Levi, il più a Nord di tutta la Finlandia, un altro a Kemi e l’ultimo a Tornio, al confine tra la Svezia e la Finlandia.

Erasmus in Finlandia

Erasmus in Finlandia: studiare con studenti da tutto il mondo nelle principali città Finlandesi

Un’esperienza che apre gli occhi agli studenti stranieri su un Paese da molti ancora ritenuto esotico. Altissimi livelli di insegnamento e tanto divertimento, cosa chiedere di meglio?

Un’esperienza di studio che in pochi riescono a dimenticare…

Erasmus in Finlandia

Fare l’Erasmus in Finlandia è una delle “situazioni d’entrata” più comuni per gli studenti stranieri che poi decidono di rimanere, o tornare, nel Paese. In Finlandia le istituzioni hanno ben presente il ritorno positivo in termini di immagine che si può ricavare dal fornire un’ottima esperienza di studio agli studenti stranieri, incentivando così l’immigrazione di ricercatori e lavoratori altamente specializzati.

Con un livello qualitativo degli insegnamenti estremamente alto, specie se rapportato alle tasse d’iscrizione, limitate spesso ad un’assicurazione sanitaria che costa circa 80€, la Finlandia mette a disposizione degli studenti stranieri posti riservati sia per le lauree brevi che per le specialistiche.

Anche la partecipazione ai corsi è generalmente facilitata per gli studenti Erasmus rispetto a quelli locali visto che questi devono spesso rispettare i requisiti di alcune graduatorie prima di ottenere l’agognato posto nelle classi. Mentre per gli studenti Erasmus si tratta semplicemente di combattere la classica burocrazia universitaria (e di preparare una bella lettera di presentazione), gli studenti locali devono spesso superare test d’ingresso, il cui non superamento comporta ritardi negli studi anche di svariati anni. A volte, invece, bisogna semplicemente iscriversi per primi on-line.

I preparativi prima dell’Erasmus in Finlandia

E’ generalmente buona regola per chi volesse fare l’Erasmus in Finlandia tenere d’occhio i siti dell’università prescelta partendo già molti mesi prima dell’inizio dell’anno accademico. Le università italiane generalmente richiedono un piano di studi preliminare e a volte anche di entrare in contatto con i coordinatori locali prima di spedire studenti allo sbaraglio.

I tempi universitari sono lenti da ambedue le parti, quindi non è mai troppo presto per iniziare a raccogliere informazioni. Vi capiterà spesso di non avere informazioni aggiornate fino a poche settimane dall’inizio dei corsi. Quello che vi consigliamo di fare è di scrivere il piano di studi e la lettera d’intenti basandovi sul materiale disponibile durante l’anno precedente. Nella maggior parte dei casi dovrete modificare le cose in corsa, ma di solito questa è una soluzione più che accettabile: serve, infatti, più per capire la vostra dedizione allo studio rispetto a quello che farete poi veramente.

Cercate comunque di trovare corsi corrispondenti e contattate gli eventuali insegnanti per conferma, onde evitare di trovarvi con programmi completamente incompatibili fra loro. Purtroppo non è cosa rara, anche per la scarsa collaborazione fra docenti italiani e finlandesi, ma in fondo studiare è solo uno degli altri mille buoni motivi per andare in Erasmus…

L’arrivo in Finlandia

Le università finlandesi generalmente organizzano 2-3 giorni introduttivi per gli studenti Erasmus, al fine di descrivere il funzionamento dell’università e di introdurre gli studenti ai propri tutor. Questi sono dei volontari che si offrono di guidare i nuovi studenti sia alla vita universitaria che alle possibilità mondane che il mondo studentesco può offrire.

L’alloggio in Finlandia

L’alloggio in Finlandia è una questione scottante e vi consigliamo caldamente di preoccuparvene dal primo giorno utile per mandare l’applicazione. In Finlandia la stragrande maggioranza degli alloggi studenteschi è in mano all’Unione degli Studenti Universitari, che li gestisce per mezzo della fondazione HOAS, e funzionano generalmente sulla base di chi primo arriva meglio alloggia. Negli ultimi anni è successo in ripetute occasioni che gli alloggi non bastassero, quindi se non volete ritrovarvi nei guai al vostro arrivo mettete la ricerca di una casa in affitto fra le vostre priorità principali.

Normalmente è sufficiente compilare un modulo on-line, effettuare il pagamento di un deposito che verrà restituito alla fine della vostra permanenza, e attendere il verdetto dell’associazione che possiede gli alloggi. Nella maggior parte dei casi dovrebbero farvi sapere il vostro indirizzo di casa alcune settimane prima del vostro arrivo.

Le chiavi vanno sempre recuperate a mano in orari d’ufficio, quindi assicuratevi di avere un alloggio alternativo se arrivate durante i weekend. Tenete presente che tutti gli Erasmus hanno lo stesso problema e arrivano tutti quasi contemporaneamente, quindi preparatevi a lunghe attese. Lasciare le chiavi vi sarà invece molto più facile visto che potete lasciarle a qualsiasi ora nella buca delle lettere dell’agenzia al momento in cui lasciate l’alloggio.

A seconda dell’affitto pagato, mobili e internet saranno inclusi o esclusi. Per evitare sorprese, cercate informazioni in merito nel contratto che vi viene proposto.

Le abitazioni studentesche in Finlandia sono ben studiate, immergendovi completamente in un ambiente popolato da ragazzi e ragazze come voi. Non è raro vedere interi edifici che partecipano alla stessa festa o gruppi di vicini che di sera si spostano insieme verso i locali. Tenete presente però che alcuni Finlandesi non apprezzano schiamazzi e maleducazione, e non è quindi sorprendente se alcune feste finiscano con una volante della polizia e il proprietario della casa che deve fare un verbale. In alcuni posti, addirittura, le residenze Erasmus sono completamente separate da quelle degli studenti Finlandesi, proprio per evitare screzi dovuti alla differente percezione del termine “silenzio”.

Le feste Erasmus sono ad alto tasso alcolico e cominciano già dal tardo pomeriggio… molto prima nei weekend! Poiché tutti gli appartamenti sono vicini, vi capiterà spesso di avere inconsapevolmente ospiti, pensando che siano amici di amici o che magari conosciate appena di vista. Il clima delle feste Erasmus porta ad avvicinare molto facilmente ragazzi e ragazze e ad improvvisare feste anche in un normale giorno feriale.

Erasmus a Helsinki

Helsinki è ovviamente una delle mete privilegiate, sia per il numero di facoltà presenti, sia per le altre attrattive che la città può offrire. L’università di Helsinki è piuttosto organizzata e nonostante la burocrazia regni sovrana anche qui, le code agli sportelli e i gravi problemi che affliggono molte università italiane si rivelano spesso solo un triste ricordo.

La città è piena di associazioni studentesche, sia legate alle regioni di provenienza (Osakunta) che alle facoltà o agli hobby più svariati. Generalmente il vostro tutor sarà in grado di aiutarvi ad iscrivervi a tutte le mailing list più rilevanti. Cercate di non fare gruppo solo con altri Erasmus, se non volete perdervi tutto quello che gli studenti di Helsinki hanno da offrire!

I pasti per gli studenti ad Helsinki sono serviti da Unicafé o le varie mense per studenti gestite da Sodexo o Fazer Amica, e vi verranno a costare generalmente fra i 2.60€ e i 4€. Libri e internet sono liberamente disponibili nella libreria Alexandria e più in generale in tutti gli edifici universitari.

L’Erasmus Student Network, o ESN in breve, si occupa dell’accoglienza degli studenti Erasmus in tutta Europa. La divisione finlandese è particolarmente attiva, e previo iscrizione (gratuita, o quasi) vi verrà rilasciata una tessera per avere consistenti sconti nei locali dove l’ESN organizza le serate (almeno una a settimana, spesso anche di più). L’ESN inoltre effettua viaggi organizzati in Russia o verso altre destinazioni nel Baltico. Il miglior modo per rimanere informati sulle iniziative collegate all’ESN è fare un salto sui loro forum internazionali e, una volta in Finlandia, iscriversi alla mailing list relativa: il vostro tutor vi spiegherà come.

Lapponia

La Lapponia, per chi ama davvero la natura!

La Lapponia è forse il posto più magico di tutta la Finlandia. Il sole che non tramonta mai durante l’estate, le aurore boreali che illuminano le lunghe notti polari, gli allevamenti di renne e le avventure immersi nella natura senza incontrare mai un uomo per settimane…forse uno degli unici posti al mondo dove i telefoni cellulari sono inutili visto che spesso non c’è campo.

Famosa per essere la casa di Babbo Natale, la Lapponia è una regione abitata principalmente da renne.

Lo spettacolo del sole di mezzanotte in Lapponia

La Lapponia è la più grande provincia della Finlandia (circa il 30% del territorio finlandese) ed è la regione finlandese che si trova più a Nord: la maggior parte del territorio si trova al di sopra del Circolo Polare Artico (napapiiri in finlandese).

Con Lapponia si indica in modo più esteso l’insieme delle regioni del Nord appartenenti alla Finlandia, alla Svezia, alla Norvegia e alla Russia. Questo perché la popolazione che vive in queste terre, i Sami, condivide lingua e cultura con gli abitanti delle nazioni confinanti.

Rovaniemi

Per i turisti italiani la Lapponia è sicuramente Rovaniemi, il capoluogo della regione. A Rovaniemi si trova l’attrazione turistica più importante: l’ufficio di Babbo Natale (nonché il suo parco giochi), dove potrete incontrare di persona il vecchietto più amato dai bambini. Sempre da Rovaniemi partono i famosi safari artici che permettono di provare l’emozione di guidare una slitta trainata da cani, sfrecciare ad alta velocità nelle pianure innevate lapponi usando un gatto delle nevi o semplicemente ammirare lo spettacolo delle giornate di 24 ore di luce o 24 di buio (dipende se state visitando la Lapponia d’estate o d’inverno). Il sole di mezzanotte è un fenomeno che avviene d’estate in Lapponia. In alcune città il sole non tramonta completamente per diversi mesi.

I Finlandesi e la Lapponia

Per i Finlandesi la Lapponia è sinonimo di Babbo Natale. I Finlandesi sono orgogliosi di avere Babbo Natale come compatriota e il simpatico vecchietto va in tour ogni anno nelle città della Finlandia per inaugurare la stagione natalizia.

Oltre a Babbo Natale per i Finlandesi la Lapponia vuol dire trekking. In estate, se non si ha paura delle zanzare, la Lapponia è una meta molto ambita per escursioni indimenticabili. La natura incontaminata, il sole di mezzanotte, le renne, le alci, gli orsi: la Lapponia lascia un segno indelebile nel cuore di chi la visita. Il periodo più bello è sicuramente settembre, quando l’estate è finita e arriva l’autunno. Le foglie cadono e i colori del paesaggio cambiano radicalmente, spesso sotto i vostri stessi occhi: questo fenomeno è chiamato in finlandese ruska. Durante il periodo di ruska la Lapponia si colora di marrone, giallo, rosso e alcuni paesaggi sono davvero mozzafiato.

In Lapponia sono concentrate le uniche montagne finlandesi. Anche se nessuna montagna finlandese raggiunge i 2000 metri, queste alture permettono comunque di praticare sport invernali. In alcune località come Ruka, Inari o Pallas, sono presenti impianti di risalita, quindi è possibile portare gli sci e lo snowboard oppure noleggiare i racchettoni e fare delle passeggiate sulla neve fresca alta diversi metri. Se poi siete coraggiosi potete sempre provare il salto con gli sci (mäkihyppy in finnico), in cui i Finlandesi sono dei veri maestri.

Unica nota negativa delle Lapponia in estate sono le zanzare. Le zanzare compaiono appena la temperatura smette di scendere sotto lo zero di notte. Se avete intenzione di passare alcune giornate in Lapponia acquistate spray anti zanzare o indossate cappelli con la retina e magliette a maniche lunghe. Nelle giornate poco ventose potreste venire assaliti da sciami di zanzare…meglio prepararsi al peggio.

Reindeerspotting

Reindeerspotting-locandina film
Locandina del film

Scappando da Babbo Natale!

Reindeerspotting è il titolo del documentario di maggior successo di tutta la storia cinematografica finlandese. Il film racconta la vera storia di Jani, eroinomane di Rovaniemi, e del suo desiderio di scappare via dalla Finlandia per esplorare il mondo.

Il protagonista del documentario, Jani Raappana, è poi riuscito nel suo sogno di scappare dalla Finlandia, andando in Cambogia…

Reindeerspotting è uno dei documentari più controversi degli ultimi anni. Il film racconta la vita quotidiana di Jani e della sua dipendenza. Nonostante i suoi problemi con la droga, Jani cova in sé il sogno di lasciare la Finlandia ed andare a visitare il mondo e comprare una casa in Spagna.

Il protagonista, Jani Rappana, è appena uscito di prigione e parla di fronte alla telecamera di tutti i suoi problemi, ma anche dei suoi sogni e del bene che nutre ancora verso i suoi familiari ed altre persone che gli sono care.

Il film è stato girato da Joonas Neuvonen, anche lui di Rovaniemi e con problemi di droga alle spalle. Tutte le scene sono girate in presa diretta e con una telecamera di bassissima qualità. Nonostante questo, il risultato è eccezionale. Il documentario è di alta espressività e non presenta scene forzate. Il regista si rimette all’intelligenza degli spettatori e tralascia l’aggiunta di musiche o scene forzatamente tristi.

Il film segue Jani in tutti i suoi momenti e molte delle scene sono forti. In Finlandia la visione del film è vietata ai minori di 18 anni. Nel film ci sono scene esplicite che propongono il protagonista mentre assume eroina e “Subutex”, una sostanza simile al metadone la cui vendita è proibita in Finlandia (arriva illegalmente dalla Russia e dai Paesi Baltici).

Il documentario non ha nulla a che vedere con altri film sulla droga e non è un film che inneggia al suo uso fuorviando la mente dei ragazzi più giovani. Al contrario, le scene forti e reali creano soprattutto consapevolezza e rifiuto della droga. Questo è quello che si evince anche dalla pagina ufficiale di Facebook di Reindeerspotting dove, a parte alcuni commenti di persone che vogliono attirare un pò di attenzione, si capisce come il film sia di vero aiuto per tanta gente che vive sfortunatamente nella stessa condizione di Jani.

Il film ha avuto scarso successo nelle sale cinematografiche, ma la critica, i vari apprezzamenti, anche a livello internazionale, e il passaparola stanno diffondendo la vendita ed il noleggio del DVD uscito a Settembre 2010.

Il protagonista Jani è riuscito a realizzare il suo sogno ed è andato in Cambogia, dove al momento è stato dichiarato scomparso. Secondo alcuni pare che Jani Rappana sia morto in circostanze poco chiare, ma al momento queste voci non sono state confermate dagli investigatori.

Babbo Natale

Babbo Natale: il personaggio più amato dai bambini

Tutti i bimbi (e anche alcuni adulti) sognano di incontrare Babbo Natale… ora vi sveliamo dove vive!

Babbo Natale potrebbe essere il Santo patrono dei pendolari: ogni giorno percorre un totale di 465 km sulla sua slitta (che non è volante come in America), da casa al lavoro e viceversa!

Se vi trovaste a camminare nel centro di Helsinki durante la penultima domenica di novembre potreste imbattervi in una folla di bambini che aspettano impazientemente sui marciapiedi di Aleksanterinkatu l’arrivo di qualcuno. E se decideste di unirvi nell’attesa la vostra pazienza verrebbe sicuramente premiata, dal momento che vedreste arrivare a bordo della sua slitta trainata da renne, direttamente dalla Lapponia, niente-poco-di-meno-ché Babbo Natale in persona.

Dove vive Babbo Natale?

Dove vive esattamente Babbo Natale? Se lo si chiede ad un americano, la risposta sarà inequivocabilmente “al Polo Nord”. Per gli Europei, invece, Babbo Natale abita in Finlandia, in Lapponia, per la precisione a Korvatunturi, al confine con la Russia. La leggenda narra che il luogo sia stato scelto come dimora di Babbo Natale dal presentatore finlandese Markus Rautio (in arte Markus-setä, “zio Markus”), che negli anni Venti conduceva un programma radiofonico per bambini, Lastentunti. Zio Markus narrava ai bimbi che dall’alto della cima di Korvatunturi (La montagna dell’orecchio Babbo Natale era in grado di ascoltare tutto ciò che i bambini dicevano, scoprendo quindi se facevano i capricci o facevano i bravi. Se Babbo Natale è in grado di sentire tutto, ha però bisogno di occhi vigili: a questo ci pensano i piccoli gnomi (joulutontut), che spiano i bimbi dalle finestre delle loro camerette per vedere se fanno i monelli e fanno rapporto al capo.

Dal momento che l’officina in cui Babbo Natale e gli gnometti preparano i regali per i bambini buoni è un po’ fuori mano, lui riceve i suoi ospiti, grandi e piccoli, presso il suo ufficio postale a Rovaniemi, ufficio a cui possono essere indirizzate le lettere con le liste dei regali. L’indirizzo è

Joulupukki, 96930 Rovaniemi Finland.

Alternativamente inviate le vostre richieste direttamente a casa sua, indirizzandole alla casella postale di babbo natale: casella postale 99999, Korvatunturi Finland.

Le origini di Babbo Natale in Finlandia

Chi è Babbo Natale per i Finlandesi? Sicuramente è una figura molto importante, dal momento che possibilmente si tratta del loro connazionale più famoso al mondo. Babbo Natale è costantemente presente nella vita dei Finlandesi anno dopo anno nel periodo natalizio, dai libri ai film, fino ad arrivare agli spazi mediatici (è un personaggio molto amato e che “fa notizia”). Le origini del personaggio sono però alquanto singolari: secoli fa Babbo Natale era alquanto diverso e non propriamente “amichevole”.

Inizialmente in Finlandia non esisteva Babbo Natale, San Nicola, o Gesù Bambino. All’inizio esisteva solamente il Capro di Canuto. Il nuuttipukki (Capro di Nuutti, o Canuto) era un uomo che nel giorno di San Canuto (Nuuttipäivä, 13 gennaio) si travestiva da capro -figura simbolica dei riti sciamanistici della fertilità- e girava di casa in casa nei villaggi. Con indosso una pelle di capra girata al contrario, corna e maschera di corteccia, si faceva offrire dai padroni di casa bevande alcoliche, che solitamente venivano elargite a profusione per garantirsi la benevolenza degli spiriti. Tradizionalmente questo personaggio, che finiva per ubriacarsi pesantemente, spaventava i bambini della casa con le sue fattezze orrende. Questa figura veniva quindi raffigurata come una sorta di Babau, una creatura orrida che spaventa i bambini ed esige da loro regali, anziché donarli. Esso rimase popolare in Finlandia fino all’inizio del Novecento, in cui la figura a noi più nota del vecchietto con la barba bianca si diffuse soppiantandolo. Il “tema caprino” era però destinato a rimanere: il nome in finnico di Babbo Natale è infatti Joulupukki, letteralmente “Caprone Natale”. Un’altra caratteristica che deriva dalla tradizione del Capro di Canuto è che in Finlandia Babbo Natale non si intrufola di nascosto nelle case di notte per portare i regali, come in America, ma entra dalla porta principale, si intrattiene con tutta la famiglia e dialoga coi bambini per vedere se sono stati bravi.

Dal sito delle Poste finlandesi è possibile ordinare per i vostri bimbi una lettera illustrata scritta direttamente da Babbo Natale, e farla recapitare al vostro indirizzo. La lettera, che è accompagnata da un minicalendario natalizio, è disponibile in sette lingue (tra cui l’italiano) e viene affrancata con un francobollo ad annullamento speciale. Per ordinarne una (costo: 7 euro) e fare la felicità dei vostri bimbi recatevi al sito (in inglese): https://verkkokauppa.posti.fi/PublishedService?pageID=18&freePage=1699. Dal momento che la Finlandia è un Paese molto tecnologico, Babbo Natale si è adeguato ai tempi ed è possibile contattarlo anche tramite un modulo elettronico: http://www.santaclauslive.com/main.php?link=kirjoita_joulupukille&pid=2