Come (non) guidare d’inverno

Le difficili condizioni climatiche dell’inverno fanno sì che in Finlandia ci sia l’obbligo di ruote termiche o chiodate dal 1 novembre al 31 marzo. In questo video ci si può rendere conto del perché.

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=ktUbQlgoGP4#!

Vuoi saperne di più sull’inverno in Finlandia?

Febbraio in Finlandia

Il martedì grasso in Finlandia, tutti sullo slittino!

Febbraio (helmikuu) è un altro bellissimo mese per gli amanti dell’inverno finlandese. Temperature sotto lo zero (anche -20, -30 gradi) e neve su tutta la Finlandia. Il mar Baltico è ghiacciato e così anche tutti i laghi della Finlandia. Un mese ideale per gli amanti dello sci e del pattinaggio sul ghiaccio.

Tutte le scuole finlandesi chiudono per una settimana per permettere agli studenti e alle famiglie finlandesi di fare la settimana bianca. Le scuole non chiudono tutte insieme ma in scaglioni separati, da nord a sud, per non affollare le località turistiche, concentrate in Lapponia.

Se siete in Finlandia a febbraio vi consigliamo di fare una sauna: ne avrete sicuramente bisogno per riscaldarvi dopo una passeggiata a -20 gradi.

Parecchie ricorrenze ci sono a febbraio.
Il 5 Febbraio si festeggia l’anniversario della nascita del poeta Johan Ludvig Runeberg, con i tipici dolcetti (Runebergin torttu) venduti per l’occasione.
Il 14 Febbraio si festeggia San Valentino che però in Finlandia non è la festa degli innamorati bensì la festa dell’amicizia (ystävänpäivä). Oggigiorno ognuno lo celebra come vuole.
Il 28 Febbraio si festeggia il giorno del Kalevala con le bandiere finlandesi esposte per le strade. Con l’occasione si celebra anche il Giorno della Cultura Finlandese.

Febbraio a Helsinki

Laskiainen  è l’equivalente del nostro martedì grasso e molto probabilmente capiterà a febbraio (sette settimane prima di Pasqua). I Finlandesi si radunano in tutti i parchi cittadini scivolando con slittini e bob da ogni collina disponibile. A Helsinki gli studenti affollano principalmente Kaivopuisto e Koffinpuisto, su Bulevardi.

Oltre ai dolcetti di Runenberg avrete la possibilità di assaporare anche le laskiaispullat, simili ai nostri maritozzi con la panna.

[include file=/include/calendario.htm]

Mondiali di Hockey: la Finlandia è in finale

La finale sarà Svezia – Finlandia!

La squadra nazionale di hockey su ghiaccio finlandese è in finale ai mondiali in corso in Serbia.

La squadra dei Leoni finlandesi ha sconfitto ieri la favorita Russia 3-0 (e il primo gol è stato uno dei più belli della storia dei mondiali) accedendo così alla finale.

La Russia aveva battuto ai quarti di finale dei campionati mondiali di hockey il Canada,la Finlandia la modesta Norvegia.

Dall’altra parte la Svezia ha battuto in semifinale la Repubblica Ceca.

E così,per la quinta volta nella storia,si affrontano la Svezia e la Finlandia. La Finlandia ha vinto una sola volta,nella storica partita del 1995,a Stoccolma.

Volete saperne di più?

L’hockey su ghiaccio

Campionati del Mondo Finlandesi

Corsa con la moglie in spalla: gli sport alternativi in Finlandia

In Finlandia si inventano quasi ogni anno un nuovo campionato del mondo. Tra gli sport riconosciuti e praticati in giro per il mondo ricordiamo la corsa con la moglie sulle spalle, il lancio del cellulare, il lancio dello stivale, i mondiali di permanenza in sauna e il nuoto invernale.

In vacanza in Finlandia? Prendete il vostro vecchio cellulare e lanciatelo il più lontano possibile: potreste diventare campioni del mondo! Cercate una competizione aperta a tutta la famiglia? Sedetevi sopra un formicaio e vedete chi resiste il più a lungo. Cose da pazzi? No, un semplice sport regolarmente praticato in Finlandia.

Specialità finlandesi, il trasporto della moglie
Vi proponiamo un elenco di sport alternativi per lo più nati in Finlandia o che hanno una discreta popolarità da queste parti. Sport insoliti sicuramente, alcuni di questi pazzi, altri molto simpatici. Se siete in Finlandia nel periodo giusto…perché non partecipare?

Permanenza in Sauna

Il campionato del mondo di Sauna (Saunomisen maailmanmestaruuskilpailut) incorona chi riesce a rimanere in sauna più a lungo. La temperatura iniziale è di 110 gradi centigradi con l’acqua che viene versata regolarmente ogni 30 secondi facendo aumentare ancora di più la temperatura. Il campionato del mondo si svolge a Heinola, ogni agosto: impossibile partecipare se non ci si è sottoposti a mesi di duro allenamento. Qui un video della competizione.

Trasporto della Moglie

La corsa con la moglie in spalla (Wife carrying in inglese, eukonkanto o akankanto in finlandese) è una competizione nella quale un uomo deve correre trasportando in spalla una compagna. Lo scopo è arrivare per primo alla fine del percorso superando tutti gli ostacoli. Questo sport è nato in Finlandia, nella cittadina di Sonkajärvi, nell’alta Savonia.

La Finlandia ha vinto le edizioni 2010 e 2011, riportandosi sul tetto del mondo dopo un dominio Estone di qualche anno. Gli Estoni avevano inventato un modo speciale di trasportare la propria moglie, posizionata a testa in giù dietro la schiena con le gambe incrociate sulla testa del marito.

Avere una moglie più leggera può aiutare a vincere, ma il premio, sarà meno prezioso. Infatti il premio finale per la corsa con la moglie in spalla è in litri di birra, commisurati al peso della moglie.

Le principali regole:
– percorso ad ostacoli di 253,5 metri con almeno un salto sull’acqua
– la donna deve avere più di 17 anni
– il peso minimo della donna dev’essere di 49 kg

Un video del campionato 2009 di Trasporto della moglie.

Lancio del Cellulare

La città di Savonlinna non vive del solo festival dell’Opera. Ogni agosto proprio a Savonlinna si svolge il mondiale di lancio del cellulare (Mobile Phone Throwing World Championships in inglese, Kännykänheitto in finlandese).

Disciplina nata nel 2000 proprio in Finlandia, patria della Nokia, recentemente si è evoluta permettendo, oltre al tradizionale lancio da dietro la schiena stile Fontana di Trevi, anche lanci con tecniche e stili diversi. Si può persino partecipare in gruppo mettendo in scena vere e proprie coreografie di lancio. Il record del mondo è stato stabilito da Chris Hughff ed è di 95.83 metri. Mikko Lamppi il migliore tra i finlandesi con 94.97 metri.

Si può lanciare qualcunque tipo di marca e modello. Un video da youtube.

Lancio dello stivale di gomma

Il campionato del mondo di lancio dello stivale di gomma Wellington (saappaanheitto o Boot throwing world championship) è arrivato anche da noi in Italia, ma sono i Finlandesi ad essere i campioni indisturbati di questo sport estremo, praticato professionalmente dal 1976. A differenza dello Shoefiti, dove lo scopo è lanciare un paio di scarpe allacciate tra di loro in modo che rimangano appese ad un albero o ad un filo della corrente elettrica, il lancio dello stivale è una competizione che si vince lanciando uno stivale di gomma il più lontano possibile. Il record mondiale è di 67 metri per gli uomini (Jukka Vesterinen) e 49 metri per le donne (Elina Uusitalo). I Finlandesi prendono il campionato di lancio dello stivale di gomma molto seriamente e durante le competizioni ufficiali (il primo campionato del mondo è stato organizzato in Finlandia nel 1992) vengono richiesti campioni d’urina per evitare episodi di doping.
Da notare che lo stivale lanciato è Made in Italy.

Il campionato del mondo si svolge ogni anno a Pielavesi. Gli uomini lanciano stivali di gomma numero 43, le donne numero 38. Aurora Narcisi, italiana, ha vinto il campionato del mondo in Polonia nel 2010.

Qui un video del lancio dello stivale.

Acchiappa zanzare

Se siete già stati in Finlandia d’estate avreste constatato come i boschi vengano invasi dalle zanzare (hyttyset). Non è un caso che in Finlandia esistano 35 specie di zanzare e proprio qui nasce il campionato del mondo di uccisione di zanzare. Si hanno 5 minuti di tempo per uccidere il maggior numero di zanzare (Mosquito Swatting Championships)

Campionato di Air Guitar

Per partecipare al campionato del mondo di Air Guitar bisogna saper suonare la chitarra…per finta. La competizione si basa sul valutare le performances di “atleti” alle prese con un brano rock e una chitarra invisibile da suonare. Lo scopo di questo campionato è…la promozione della pace nel mondo.

Un video di una delle più belle performance di air guitar vale più di mille parole.
Il campionato si svolge a Oulu durante l’Oulu Music Video Festival. Esiste anche un documentario, girato nel 2006, chiamato Air Guitar Nation.

Campionati di Calcio Alternativo

In Finlandia vengono organizzati due campionati di calcio alternativi. Il campionato del mondo di calcio nel fango (in Hyrynsalmi nel Nord della Finlandia, in Lapponia) e il campionato del mondo di calcio con le racchette da neve. (http://www.lumikenka.fi/index-en.htm)

Campionato di Nuoto Invernale

In diverse parti della Finlandia durante l’inverno vengono organizzati campionati di nuoto invernale, che consiste nel resistere nell’acqua gelida invernale del lago o del mare il più a lungo possibile.

Nell’edizione del 2010 del campionato del mondo di permanenza in sauna uno dei finalisti (il russo Vladimir Ladyzhensky) ha perso la vita e al momento non si conoscono le sorti future di questa manifestazione,

Problemi più comuni in Finlandia

I problemi più comuni in Finlandia

La Finlandia per chi la visita la prima volta può sembrare un paradiso. Ma anche in Paradiso si nascondono delle insidie… GuidaFinlandia vi presenta i problemi più comuni della vita in Finlandia e come si possono risolvere.

Divorzi, suicidi, alcol, depressione. Quanto incidono questi problemi sulla società finlandese?

Un elenco dei problemi più comuni (risolti e non risolti) a cui andrete incontro viaggiando o vivendo in Finlandia.

Problemi legati al clima

Il clima finlandese rappresenta sicuramente un problema. In un famoso video il “Coro delle lamentele di Helsinki” si lamenta con i propri antenati: non potevano scegliere un posto più caldo in cui fermarsi? Le temperature invernali proibitive (d’inverno si arriva normalmente a -20 o -30 gradi) fanno sì che i laghi si ghiaccino e che ci sia neve e ghiaccio nelle strade per diversi mesi. Capita molto raramente, ma è capitato che durante una passeggiata invernale sul lago o sul mare ghiacciato la crosta si sia rotta causando incidenti, a volte mortali.

Una delle varie leggende metropolitane della Finlandia (che hanno pur sempre un fondo di verità), parla di come le gelide temperature siano micidiali per chi, tornando a casa ubriaco la sera, crolla sulla neve. Chi si addormenta sulla neve a -30 gradi ha infatti pochissime possibilità di risvegliarsi vivo. Un problema serio per i senza tetto di Helsinki tanto che esistono dormitori e café aperti tutta la notte dove trovare riparo e scaldarsi.

Il ghiaccio nelle strade è un problema sia per chi guida sia per chi passeggia. Sono d’obbligo le gomme chiodate dal primo dicembre a marzo e per i pedoni non rimane altro che fare attenzione per non ritrovarsi con le gambe all’aria. Le persone anziane sono solite utilizzare una specie di suola chiodata da mettere sotto il tacco delle scarpe in modo da evitare cadute che potrebbero essere molto dannose in età avanzata.

D’estate il sole di mezzanotte non fa dormire tante persone, soprattutto i turisti che non sono abituati a giornate di sole della durata di anche 24 ore. E se siete degli ossi duri e volete fare trekking durante queste giornate lunghissime dovete fare i conti con le temibili zanzare finlandesi. Ce sono milioni nei boschi e in riva ai laghi, meglio portare un potente spray repellente.

Problemi legati al cibo e all’agricoltura in Finlandia

La coltura di alcuni vegetali e piante è problematica in Finlandia visto che il sole non splende abbastanza e l’inverno è troppo rigido. Ma i Finlandesi non si scoraggiano e coltivano tenacemente patate, pomodori, cetrioli e fragole. I cetrioli coltivati in Lapponia costano tantissimo, non sono molto saporiti eppure i Finlandesi li comprano per supportare l’agricoltura finlandese.

Un problema che invece è stato parzialmente risolto è legato alle intolleranze alimentari. Ogni Finlandese può scegliere nei supermercati e nei ristoranti prodotti adatti per ogni tipo di allergia: basso contenuto di lattosio, senza lattosio, senza latte, senza glutine. Un paradiso per vegetariani, vegani e celiachi.

Problemi legati al buio e al carattere dei Finlandesi

La tendenza dei Finlandesi ad essere chiusi e a ricercare la solitudine a volte diventa un problema, soprattutto durante la stagione invernale. Il lungo, freddo e buio inverno finlandese può uccidere, specialmente nei piccoli villaggi di campagna: difficili situazioni personali e familiari portano spesso a crisi depressive. Tante persone non riescono a superare queste crisi e, unitamente ai lunghi mesi di solitudine, arrivano a togliersi la vita. Il suicidio è un problema serio in Finlandia: sempre in cima alla classifica, ma per fortuna non più al top, per la percentuale di morti causate da suicidio.

Per combattere il buio e la conseguente depressione stagionale in moltissime case viene installata una speciale lampada che simula il sorgere della luce del sole in modo da rendere il risveglio più naturale. Altro problema derivato dal buio è la carenza di vitamina D, solitamente assunta tramite costante esposizione ai raggi del sole. Uno studio scandinavo ha evidenziato l’effetto della vitamina D per prevenire la depressione. Il problema è in molti casi risolto grazie alla vitamina D in pastiglia.

I problemi legati all’alcol

Uno dei grandi problemi della Finlandia è l’abuso di alcool. I Finlandesi spesso abusano nel consumo di bevande alcoliche, sia in compagnia di amici che da soli. Qualche volta l’alcool viene bevuto per combattere la proverbiale timidezza, ma troppo spesso finisce per diventare dapprima un vizio, e poi una prigione dalla quale non si riesce ad uscire.

Una recente campagna pubblicitaria ha tentato di sensibilizzare l’opinione pubblica ma il problema dell’alcol è profondamente radicato. Spesso è trattato come un tabù e difficilmente i Finlandesi sono pronti a parlarne. A volte persone in stato di ubriachezza possono diventare anche violente e, purtroppo, non sono così rari i casi di maltrattamenti in stato di ebbrezza.

Problemi economico-finanziari

La Finlandia si è sviluppata notevolmente negli ultimi anni (economia), soprattutto il settore terziario, e a buon ragione può essere considerata una nazione ricca e moderna. La disoccupazione, intorno al 7% nel 2007, è un problema che viene ben gestito tramite gli ammortizzatori sociali che permettono a chi non ha un lavoro di ottenere un sussidio statale sufficiente per sopravvivere.

Ma non è un sistema perfetto e la crisi economica che ha colpito duramente il sistema economico-finanziario mondiale si è fatta sentire anche qui. Grandi aziende come la Nokia si sono viste costrette a licenziare molti lavoratori. Ad ogni modo la Finlandia è stata uno degli Stati che, a differenza di altre, si è risollevata molto in fretta dalla crisi.

Problemi sociali

Recentemente la Finlandia è salita agli onori della cronaca internazionale grazie a tre episodi che hanno sconvolto una nazione solitamente scevra di grandi eventi drammatici. Negli ultimi tre anni si sono verificati tre atti di sangue in cui un individuo ha aperto il fuoco su più persone innocenti, con conseguenze tragiche: il bilancio dei morti ha raggiunto anche la decina.

A parte questi episodi isolati la Finlandia è una nazione tranquilla dove si può girare da soli, anche di notte, senza rischiare di fare brutti incontri. Le cose stanno lentamente cambiando anche nel Paese di Babbo Natale, ma a Helsinki una ragazza in minigonna non ha paura di girare da sola nel cuore della notte.

La droga sta lentamente arrivando anche in Finlandia, ma non è ancora un problema se confrontata con la quantità di droga che circola in Italia o con la quantità di alcol consumata in Finlandia. In alcuni locali bisogna fare attenzione perché qualche malintenzionato potrebbe drogare il vostro drink con le droghe dello stupro come il Rohypnol. Queste droghe aumentano gli effetti del consumo di alcol, quindi non lasciate mai bibite incustodite e non accettate drink da sconosciuti.

I Finlandesi generalmente sono persone molto oneste e quindi non aspettatevi di venire truffati. Ma anche da queste parti ogni tanto c’è delinquenza e quindi fare un po’ d’attenzione non guasterà.

Il divorzio è un problema molto sentito: nel 2002 la Finlandia era al terzo posto mondiale per tasso di divorzi con il 51.6%. Confrontato con il 10% dell’Italia dà un po’ un’idea sulle differenze sociali tra le due nazioni. E’ anche verò però che molte persone in Finlandia hanno alle spalle due o più divorzi, facendo semplicemente aumentare il numero totale dei divorzi.

Problemi legati agli animali selvatici

In Finlandia c’è un solo tipo di serpente velenoso: il marasso, in finlandese kyykäärme. Prestate attenzione quando camminate per le foreste. Se il morso di una zanzara è solo fastidioso fate invece attenzione ai morsi delle zecche (punkki in finlandese).

Se venite morsi da una zecca rivolgetevi al pronto soccorso o al vostro medico curante. Il morso delle zecche infatti può trasmettere malattie anche piuttosto serie, dall’encefalite al Morbo di Lyme.

Sono in diminuzione, ma frequentemente mortali, gli incidenti dovuti all’attraversamento stradale di alci, in particolare all’alba e al tramonto. Bisogna quindi fare sempre attenzione e guidare con prudenza, specialmente nei tratti di strada segnalati con pericolo di attraversamento animali selvatici.

Non si tratta di un problema in sé, ma sicuramente la rigidità ferrea nell’attenersi a leggi e regolamenti può rappresentare un problema per molti stranieri che si trovano ad interagire con le autorità e con la burocrazia finlandese. Se ad esempio un regolamento prevede una sanzione per una certa mancanza, non aspettatevi di cavarvela esponendo a chi sta per multarvi le vostre ragioni per la suddetta mancanza. E non importa quanto pensiate di avere ragione, la sanzione verrà applicata, puntuale come un orologio svizzero, pardon, finlandese.

Come vestirsi d’inverno?

Cosa mettersi addosso d’inverno in Finlandia?

La Finlandia è stretta nella morsa del gelo per diversi mesi all’anno: le prime nevicate si possono verificare già ad ottobre e continuano fino ad aprile inoltrato. È dunque necessario essere preparati ad affrontare le avverse condizioni atmosferiche a cui andrete incontro.

Quando la terra si ricopre di ghiaccio e neve, e la temperatura scende sotto allo zero, cosa indossare quando uscite di casa?

Consigli pratici su come vestirsi in Finlandia

Per prima cosa, fate come tutti i Finlandesi e controllate la temperatura (e le condizioni delle strade) prima di iniziare a vestirvi per uscire. In tutte le case e nella maggior parte degli alberghi è presente un termometro all’esterno di una finestra che vi permette di dare un’occhiata a quanto freddo fa fuori. La temperatura può variare notevolmente nel giro di una nottata, per cui è meglio sapere a cosa si va incontro una volta fuori dall’uscio di casa.

La seconda cosa da considerare, oltre alla temperatura, è l’esposizione all’acqua e al vento. La neve che cade può essere asciutta o bagnata, così come lo strato di neve sul terreno può essere compatto e relativamente asciutto, o può esserci una poltiglia di neve sciolta e acqua. Il vento influenza soprattutto il tipo di giacca da utilizzare.

Scarpe e calze

La cosa più importante per il benessere fisico è avere un paio di scarpe comode e asciutte con cui camminare. Anche qui vale il discorso di scegliere a seconda delle condizioni climatiche con un po’ di buon senso: se piove o se nevischia è d’obbligo mettersi scarpe che resistano all’acqua. In genere, fino al momento in cui la temperatura non si assesta sui -10 gradi è consigliabile indossare scarpe impermeabili, dal momento che appena la temperatura si alza in prossimità dello zero, la neve sul terreno si scioglie e i marciapiedi si trasformano in un pantano. Molto indicate le scarpe in Gore-tex©, gli anfibi, gli stivali o scarpe di pelle resistente. In casi estremi, potete prendere in considerazione anche gli stivali di gomma (kumisaappat). I Finlandesi negli ultimi anni hanno reinventato queste calzature in chiave trendy, e oggigiorno sfornano in continuazione nuove paia decorate in ogni modo possibile (soprattutto per le donne).

Quando le temperature si fanno più rigide l’impermeabilità delle scarpe conta relativamente, a meno che non vogliate camminare nella neve alta. Lo strato di neve ghiacciato sui marciapiedi è infatti estremamente compatto e relativamente asciutto per cui potete permettervi di andare in giro anche con scarpe da tennis, specialmente in città.

Il segreto nella scelta delle calzature invernali è scomporre il problema del “caldo + asciutto” in due fattori: le scarpe devono garantirvi “l’asciutto”, mentre al “caldo” ci pensano le calze. Inutile pagare cifre assurde per scarpe foderate con pelliccia di orso polare: un paio di calze di lana garantiranno la stessa protezione termica. Molti utilizzano qui in Finlandia due paia di calze: il paio a contatto con la pelle è in genere in cotone molto sottile o in fibre tecniche come il Coolmax© per favorire la traspirazione. Il secondo è generalmente di lana (magari fatte a mano da qualche nonna) o in acrilico. Una soletta termica aiuta notevolmente a isolare la pianta del piede dal freddo proveniente dal terreno.

Maglie e maglioni

Il cotone non tiene molto caldo, al contrario della lana e delle fibre sintetiche. Le fibre sintetiche hanno il vantaggio di una traspirazione più elevata e tempi ridotti per asciugarsi. Un bel maglione di lana o un pile (in inglese ‘fleece’, particolarmente indicati quelli in Polartec©), vanno molto meglio di una felpa di cotone.

Giacca e giubbotto

Se tira vento e piove o nevica bagnato, una giacca tecnica in Gore-tex© fa al caso vostro. Il Gore-Tex© è un tipo di tessuto sintetico altamente impermeabile e traspirante, capace quindi di trattenere all’esterno la pioggia o la neve permettendo il passaggio del vapore acqueo prodotto dalla sudorazione umana. Il compito di queste giacche è quello di tenervi asciutti e al riparo dal vento senza farvi sudare come in una sauna, ma non è quello di tenervi caldi.

Se il clima è polare (freddo pungente ma secco) e non avete bisogno di fare altro movimento che camminare, per la città la cosa migliore è un bel giubbotto imbottito (piume d’oca o fibre sintetiche), magari leggermente lungo in modo da coprire anche il bacino. Nessun pile al momento fornisce tanto isolamento termico da rivaleggiare con un giubbotto imbottito per cui, nonostante sia più ingombrante quest’ultimo, è senza dubbio da preferire quando il termometro segna i -30 gradi.

Guanti, cappello, sciarpe e altro

D’inverno uscite proteggendo le orecchie e le mani: il dolore causato dal freddo vi costringerebbe a tornare indietro. Se non sopportate i cappelli dotatevi almeno di fascia o di uno scaldaorecchie. Per la scelta dei materiali: lana, acrilico o pelliccia (sintetica o naturale) sono da privilegiare. Per quanto riguarda i guanti, lana, acrilico o esemplari imbottiti come quelli da alta montagna o da sci.

Il collo è uno dei punti del corpo umano in cui maggiormente si verifica la dispersione del calore: non dimenticate di proteggerlo con una sciarpa o perlomeno tirando su il colletto della giacca fino al mento (meglio se anche il vostro maglione/pile ha il collo alto). Una sciarpa posta davanti alla bocca può anche servire per riscaldare un minimo l’aria che inspirate, cosa utile quando persino le nuvolette delle idee si congelano e cadono a terra.

Un capo di abbigliamento maschile che causa un vero e proprio culture shock negli italiani è la calzamaglia, da indossare sotto ai pantaloni per ridurre la dispersione termica che si verifica d’inverno. Seppur l’idea di indossare una calzamaglia possa rievocare alla mente immagini di Robin Hood, se volete farvi beffe del Generale Inverno, dovete seriamente prenderle in considerazione. Ricordatevi che anche se non si sente molto freddo alle gambe, si dissipa una gran quantità di calore corporeo attraverso di esse. Le donne possono tranquillamente indossare calze più o meno spesse, anche sotto i pantaloni.

Non vi spaventate eccessivamente quando leggete che le temperature possono raggiungere i -20C: si tratta di freddo secco, sopportabile più facilmente di ciò che si pensi, se ci si copre adeguatamente. Al contrario di quello umido che si trova solitamente in Italia, contro cui non bastano vestiti pesanti. Inoltre le case e gli ambienti interni sono ben coibentati e generalente molto caldi.

Inverno in Finlandia

Inverno in Finlandia

L’inverno in Finlandia è la stagione che caratterizza di più il Paese di Babbo Natale. Lunghe giornate al buio, temperature sotto lo zero, tanta neve e il mar Baltico che si ghiaccia.

Avete mai camminato sul mare ghiacciato? Avete mai fatto il bagno all’aperto d’inverno? Se le lunghe e buie giornate non vi spaventano preparatevi ad un’esperienza unica: la Finlandia d’inverno.

Sempre meno sole e la temperatura cala…

Dopo le splendide giornate autunnali con le foglie che cambiano colore offrendo uno spettacolo di colori unici, in Finlandia arriva l’inverno con il buio e le gelide temperature.

Le giornate si accorciano. A Helsinki durante le giornate più corte il sole sorge alle 9 di mattina e tramonta verso le 3 di pomeriggio. Per chi lavora in ufficio questo vuol dire praticamente non vedere mai la luce del sole se non nel fine settimana. A Helsinki ci sono in media 20 ore di luce in tutto il mese di Dicembre. In alcune zone a Nord della Lapponia il sole non sorge per molti mesi (si vede solo un certo bagliore all’orizzonte) e alcune città sono al buio per gran parte della stagione invernale.

La temperatura può essere proibitiva. Di solito la colonnina di mercurio segna temperature sotto lo zero. Non è raro passeggiare a -20 gradi. In tutte le città finlandesi il servizio del trasporto pubblico è comunque sempre garantito ed efficiente, anche con tanta neve. In alcune zone a Nord però anche i Finlandesi devono arrendersi, poiché si segnalano spesso temperature inferiori ai -30 o-35 gradi.

L’umore dei Finlandesi cambia in base alle stagioni

I Finlandesi sono abbastanza metereopatici. Infatti durante l’inverno la gente si trasforma. la gente soffre la mancanza di luce e, al contrario delle bellissime giornate d’estate dove tutti sono allegri, si fa fatica ad adattarsi alle brevi, buie e fredde giornate invernali. E l’inizio dell’inverno è la parte più dura, proprio per la consapevolezza di essere solo all’inizio di un’altra lunga fredda stagione. L’arrivo della neve, d’altro canto, trasforma il paesaggio, che diventa ovattato, e aumenta la lumonisità… e l’umore.

Recentemente è in voga nelle case finlandesi usare una speciale lampada da accendere la mattina,  che simula l’azione del sole, apportando benefici anche alla produzione di vitamina D. La vitamina D, che normalmente assorbiamo tramite l’esposizione ai raggi del sole, durante l’inverno viene da molti assunta in pillole.

Guidare d’inverno

Alcune accortezze per chi viaggia in auto. A norma di legge entro il Primo dicembre bisogna cambiare i pneumatici e montare gomme da neve. A seconda delle condizioni atmosferiche però le autorità possono suggerire di compiere il cambio già a novembre o persino ad ottobre in Lapponia. In Finlandia non si usano le catene ma solo gomme chiodate o gomme termiche, al Sud. Le gomme chiodate non possono essere usate prima del Primo novembre e oltre il 30 aprile, a meno di disposizioni speciali. Da notare come i limiti di velocità durante l’inverno calano, e sull’autostrada si passa da 120 a 100 km/h. Per evitare che i liquidi all’interno della macchina ghiaccino, per chi parcheggia all’aperto sono disponibili delle prese elettriche da collegare alla vettura, che si attivano la mattina presto per riscaldare l’olio motore e l’abitacolo della macchina.

La neve e il ghiaccio in Finlandia

La neve e il ghiaccio sono una presenza importante dell’inverno finlandese. Da novembre fino a marzo non è raro che ci sia neve sulle strade. Infatti, il nome in finnico il mese di marzo, maaliskuu, richiama il fatto che si riveda il terreno nascosto per tanti mesi sotto un manto nevoso. Durante tutto il periodo invernale la neve viene raccolta e portata fuori dalle città in depositi in modo che si sciolga senza provocare disagi. Le strade sono battute per mantenere la viabilità in ottime condizioni e i marciapiedi vengono cosparsi di ghiaietta per rendere meno scivolosa la superficie. Può capitare però, soprattutto a Helsinki, che le continue nevicate non riescano a formare un manto permanente. L’alternarsi di precipitazioni nevose e piovose produce la cosiddetta loska, neve disciolta mista a fango che rende difficoltoso camminare.

Il mar Baltico d’inverno

Il mar Baltico e i laghi presenti all’interno della Finlandia si ghiacciano. Per mantenere attivo il trasporto marittimo le navi rompighiaccio (famose la Urho e la Sampo, sono ormeggiate a Helsinki durante le altre stagioni) spaccano il ghiaccio mantenendo attive le rotte marittime che collegano la Finlandia all’Estonia, alla Svezia, alla Germania e alla Russia.

Il mare ghiacciato è uno spettacolo unico: è possibile infatti passeggiare dalla terra ferma fino alle isole più vicine. Negli inverni più rigidi si può camminare anche per diversi chilometri di distanza dalla costa. I Finlandesi ne approfittano per lunghe gite indossando gli sci da fondo o i pattini. Per i più temerari è possibile fare dei buchi nel ghiaccio e tuffarsi nell’acqua quasi a zero gradi, o addirittura pescare!

Inverno in Lapponia

La Lapponia è la meta ideale per vivere pienamente l’inverno finlandese. Tanta neve e una buona probabilità di ammirare un’aurora boreale, un’esperienza davvero indimenticabile. Da Rovaniemi, la “capitale” della Lapponia, partono gite organizzate con le slitte trainate da cani, i famosi safari artici.

Come vestirsi d’inverno in Finlandia

Indossate indumenti caldi e preparatevi a togliervi il giubbotto quando entrate in negozi e centri commerciali, visto che sono riscaldati a volte in modo eccessivo. Le scarpe invernali sono d’obbligo, meglio se in gore-tex in modo che i vostri piedi rimangano sempre asciutti. Evitate scarpe che possano farvi scivolare, ci sono lastre di ghiaccio ovunque e soprattutto a fine stagione il ghiaccio sulle strade diventa nero per via dello sporco e dell’inquinamento e si confonde con l’asfalto. Fate attenzione sia a piedi che in bicicletta!

Come vestirsi in casa

Se fuori la temperatura è sotto lo zero dentro una casa finlandese la temperatura è sempre intorno ai 20 gradi. Infatti tutti hanno le doppie finestre con il doppio vetro. Ricordate sempre di togliervi le scarpe appena entrati. Togliersi le scarpe è una buona abitudine d’estate ma d’inverno è necessario, per non portare pezzi di neve e ghiaccio all’interno della casa.

Come riscaldarsi durante l’inverno

Dopo una lunga passeggiata non c’è niente di meglio che una sauna calda per riscaldare il proprio corpo. Se non avete una sauna in casa, potete andare in una sauna pubblica, in ogni città ce n’è almeno una.

In commercio, nei negozi che vendono attrezzature sportive, si vendono delle bustine (tipo quelle da tè), che a contatto con l’aria si riscaldano arrivando fino a 40 gradi. Se siete particolarmente freddolosi vi consigliamo di comprarle, costano circa un euro e rimangono calde per 7 ore. Tenerne due in tasca o nelle scarpe aiuta a combattere il freddo inverno finlandese.

D’inverno lo strato di ghiaccio è così spesso che in alcune zone della Finlandia, i più temerari si divertono ad andarci con la macchina facendo acrobazie sulla superficie scivolosa. Informatevi che il ghiaccio sia abbastanza spesso: nelle zone meridionali delle Finlandia andare con la macchina sul ghiaccio è oggigiorno vietato.

Arctic Icebar

Chill out @Arctic Icebar!

Quando neanche l’alcool aiuta a rompere il ghiaccio!

L’Arctic Ice Bar è un bar molto peculiare, situato a Yliopistonkatu 5, a due passi dalla fermata della metro di Kaisaniemi.

Pur conoscendo l’indirizzo trovare l’Arctic Ice Bar può essere un’impresa, dal momento che si trova all’interno del ristorante Copacabana.

I muri interni dell’Arctic Ice Bar sono costituiti da blocchi di ghiaccio, e anche l’arredamento ricorda il ghiaccio, grazie alle superfici in plexiglas trasparente trattate ad arte.

Nel bar la temperatura è costantemente tenuta a -5C, ma non dovrete temere l’assideramento, dal momento che al vostro ingresso vi saranno forniti giacconi e guanti adatti a sopportare il freddo.

A scacciare il gelo un’altra mano ve la darà sicuramente la vodka, una delle poche bevande disponibili nel bar, servita in sei gustose varietà.

L’Arctic Ice Bar è abbastanza piccolo, per cui se doveste essere un gruppo molto numeroso potrebbe essere difficile entrarvi tutti in una volta.

Il biglietto d’ingresso è di 10 euro e comprende una consumazione.

Le consumazioni successive costano 10 euro l’una.

Per maggiori informazioni: http://www.arcticicebar.fi/

    [include file=/include/vitanotturna.htm]

Kauppatori, la Piazza del Mercato di Helsinki

Kauppatori, la Piazza del Mercato di Helsinki

Un vero paradiso per il turista alla ricerca di un souvenir artigianale o di un bel piatto di pesce appena pescato. Kauppatori è un punto di interesse conosciutissimo, forse tra i più conosciuti della capitale finlandese, Helsinki. Con il suo mercato caratteristico, Kauppatori accoglie non solo i Finlandesi, ma anche e soprattutto molti turisti.

La gastronomia e l’artigianato finlandese racchiusi in una piazza. A Kauppatori trovate i funghi cantarelli (o finferli), le migliori verdure, le pregiate bacche artiche, nonché pelli e carne di renna, pesce appena pescato e tutto l’artigianato finlandese come le famose tazze in legno fatte in Lapponia. Ideale per chi ha fretta di trovare un souvenir e per chi ha più tempo da spendere tra le miriadi di prodotti tipici finlandesi.

Kauppatori  piazza del mercato di Helsinki

Kauppatori è la piazza del Mercato affacciata sul porto di Helsinki. Il nome in finlandese deriva appunto da kauppa = mercato e tori = piazza.

A Kauppatori viene organizzato il mercato praticamente tutto l’anno. Kauppatori è una piazza in cui i turisti passano molto tempo passeggiando per il piccolo mercato, acquistando souvenir artigianali fatti in legno oppure facendo la spesa tra le verdure e le carni provenienti dalle campagne e boschi finlandesi. Non solo, a Kauppatori è anche possibile mangiare. Ci sono numerosi stand che cucinano pesce, come i coregoni fritti (muikut) o il salmone, serviti con patate e salse tipiche. Inoltre, non avrete difficoltà a trovare un posto dove riposarvi sorseggiando caffè e mangiando dolci o le famose crêpes con panna e marmellata (pannukakku).

Se visitate Kauppatori in una giornata senza il mercato noterete l’obelisco di granito al centro della piazza: la Keisarinnan kivi, costruita da K. Engel nel 1835. In cima all’obelisco si trova una palla di bronzo sopra la quale svetta un’aquila a due teste. Il monumento è dedicato allo Zar Nicola I e sua moglie Alessandra Feodorovna Romanova, i quali visitarono Helsinki durante il periodo della dominazione russa.

Molti dei traghetti turistici provenienti dalla Svezia, dall’Estonia o dalla Russia attraccano nelle vicinanze di Kauppatori, passando per il Golfo di Finlandia. Oltre alle grandi navi da crociera, da Kauppatori partono anche i traghetti che collegano Helsinki a Suomenlinna e allo zoo di Helsinki (Korkeasaari). Inoltre ogni giorno parte una vecchia nave, la “M/s Runeberg”, che in tre ore collega la capitale finlandese alla città di Porvoo.

Nei pressi di Kauppatori

La piccola via Sofiankatu (ancora in ciottolato originale) divide Kauppatori da Senaatintori, la famosa Piazza del Senato dove si può ammirare l’imponente chiesa bianca (Tuomiokirkko), il Duomo di Helsinki, vero simbolo della capitale finlandese. A pochi passi dal Duomo luterano si trova la cattedrale ortodossa Uspenski, da cui potrete avere una visione di Kauppatori dall’alto.

Nelle vicinanze della Piazza del Mercato c’è anche un mercato coperto (Kauppahalli), famoso per la qualità degli alimenti, con le macellerie, pescherie e prodotti tipici alimentari e non.

Da Kauppatori è possibile imboccare Esplanadi, una via alberata ricca di negozi di design “made in Finland” come Iittala, Arabia e Marimekko, o camminare per Alekanderinkatu, la via dello shopping di Helsinki, che termina con i grandi magazzini di Stockmann.

Webcam Helsinki

Su Kauppatori è puntata una delle più interessanti webcam di Helsinki

http://www.ek.fi/www/fi/nettikamera/index.php

Dopo la vittoria del gruppo Lordi all’Eurovision 2006 (manifestazione canora chiamata Eurovision molto seguita in Finlandia), venne organizzato a Kauppatori un mega concerto gratuito durante il quale il Presidente della Finlandia, Tarja Halonen, consegnò simbolicamente le chiavi della città al cantante del gruppo di “mostri” finlandesi più famoso nel mondo.

Camminare sul mare in Finlandia

In inverno in Finlandia camminare sulle acque non è poi così difficile…

In inverno, specialmente nei primi mesi dell’anno (gennaio, febbraio, marzo, spesso anche aprile) i laghi finlandesi e il mare si ghiacciano completamente permettendo alle persone di camminare sulla loro superficie senza pericolo.

Camminare sulle acque senza bagnarsi!

In Finlandia, è piuttosto comune uscire per una passeggiata durante una bella giornata invernale e vedere un laghetto o il mare affollati di gente che…ci cammina sopra. Contrariamente al buon senso, quando la temperatura è sufficientemente bassa, la crosta ghiacciata che si forma è talmente spessa da sopportare senza problemi non solo il peso delle persone, ma anche quello di macchinari decisamente più pesanti, come ad esempio quello di un gatto delle nevi.

Coppie di anziani si cimentano in traversate altrimenti impossibili, e i bambini si divertono a far finta di camminare sulle acque. Nonostante gli incidenti siano estremamente scarsi, è bene informarsi preventivamente sullo spessore della crosta ghiacciata per evitare pericolose cadute in acque freddissime. Esistono infatti dei reportage giornalieri stilati da specialisti e reperibili sul giornale, che si appostano in zone specifiche con un trapano per verificare lo spessore dello strato di ghiaccio. Generalmente 10 cm di ghiaccio sono sufficienti per reggere il peso delle persone.

In alcune zone (a Helsinki ricordiamo la spiaggia presso il caffè Regatta nel quartiere di Töölö) esistono anche delle speciali giostre di legno, simili a dondoli, che si possono utilizzare solo ed esclusivamente quando la superficie dell’acqua è ghiacciata, e sono altrimenti irraggiungibili nelle altre stagioni.

Nei pressi dei porti è possibile inoltre vedere, durante i periodi in cui l’acqua si ghiaccia, navi rompighiaccio in azione, che spezzano la crosta permettendo al traffico navale di continuare regolarmente

Un passatempo invernale praticato dai Finlandesi sullo strato di ghiaccio è la pesca. Si può praticare un foro con apposite trivelle a mano e calare un filo con un’esca nel buco.

Per i più temerari, un famoso passatempo da fare nel mare ghiacciato è l’avanto, o nuoto invernale.

Spesso la pratica di “camminare sul mare” viene utilizzata per raggiungere isole o zone della città altrimenti irraggiungibili a piedi. Negli inverni più rigidi o in Lapponia è possibile percorrere anche diversi chilometri “camminando sulle acque”. Un esempio noto (ma non sempre praticabile) è la camminata dal porto di Helsinki all’isola fortezza di Suomenlinna.

Lo sport in Finlandia

Lo sport in Finlandia è praticato in varie discipline lungo tutto l’arco dell’anno

Amanti dello sport e della natura, i Finlandesi praticano tanto sport in diverse forme. D’inverno e soprattutto d’estate adulti e bambini usano lo sport come passatempo e mezzo di socializzazione

In Finlandia puoi partecipare a una gimcana con tua moglie sulle spalle e magari vincere il titolo mondiale.

Specialità finlandesi, il trasporto della moglie
Lo sport è un aspetto molto importante della vita finlandese. Settimanalmente i Finlandesi fanno sport diverse volte, sia dopo la giornata lavorativa che nel fine settimana. Neppure le proibitive temperature invernali fermano i Finlandesi dal praticare sport. Inoltre d’estate, durante le lunghissime giornate, si possono notare gruppi di persone che giocano o podisti solitari,che corrono nelle numerose strutture all’aperto, fino a mezzanotte.

Gli sport invernali

Neve e ghiaccio per molti mesi permettono ai Finlandesi di praticare parecchi sport invernali. Infatti lo sport nazionale è l’hockey su ghiaccio (jääkiekko in finnico), praticato da molti sia a livello professionistico che amatoriale. D’inverno molti campi da calcio vengono trasformati in piste ghiacciate e utilizzate per gli sport invernali. Molto simile è il bandy (jääpallo in finnico), dove in luogo del disco si utilizza una pallina di materiale duro.

Altra disciplina molto popolare è lo sci di fondo (hiihto in finnico): infatti d’inverno parecchie piste d’atletica sono coperte di neve e utilizzate gratuitamente dai Finlandesi. Non solo. I Finlandesi amano anche praticare questo sport nelle estese foreste di pini e betulle o addirittura sul mare ghiacciato. D’altro canto, per la sua conformazione geografica abbastanza piatta e priva di montagne altissime, lo sci di discesa è meno popolare e praticato specialmente in Lapponia.

Disciplina invernale estrema è il salto con gli sci (mäkihyppy in lingua finlandese), che consiste nel lanciarsi nel vuoto con gli sci a 100 km orari e atterrare il più lontano possibile. Campione assoluto finlandese in questo sport è stato Matti Nykänen, ora famoso per la sua vita spericolata anche senza gli sci ai piedi.

Il pattinaggio su ghiaccio (jääluistelu in finnico) d’inverno è praticato da tutti. Nelle maggiori piazze delle principali città finlandesi viene allestita una pista di ghiaccio nel periodo invernale. La pista può essere utilizzata gratuitamente ed è possibile affittare pattini a prezzi modici.

Tra gli sport invernali i Finlandesi sono anche molto bravi nel curling, molto simile al gioco delle bocce ma le piste sono ghiacciate e non si lanciano sfere bensì pesanti pietre di marmo.

Gli sport estivi

D’estate le lunghe giornate e le temperature miti portano i Finlandesi a fare numerose attività all’aria aperta. Fare jogging è un’attività diffusa: molti corrono nei parchi ma anche in pista. A inizio maggio viene organizzata ogni anno la corsa cittadina di Helsinki (Helsinki City Run), di 21 km e ad agosto la maratona di Helsinki (Helsinki City Marathon), di 42 km. Ricordiamo il podista Paavo Nurmi tra gli atleti più famosi a livello internazionale. Anche le altre specialità di atletica sono praticate e molte strutture sono gratis e accessibili a tutti.

Per chi ama camminare, in Finlandia si può provare la camminata nordica (sauvakävely in finnico). Si tratta di una semplice camminata utilizzando però appositi bastoni, che vanno coordinati con il movimento delle braccia e delle gambe. La camminata nordica ha le sue origini proprio in Finlandia ed era utilizzata dagli atleti di sci di fondo nei loro allenamenti estivi. Infatti capiterà d’estate di vedere passeggiare nei parchi molti Finlandesi proprio con i bastoncini da sci. Questo sport, rispetto ad una normale camminata, permette di bruciare fino al 25% di calorie in più.

Anche il calcio è giocato da parecchi. Pensate che è lo sport più praticato in Finlandia e, per un Paese di cinque milioni di abitanti, si contano ben otto divisioni. Jari Litmanen e Sami Hyypiä sono alcuni dei calciatori finlandesi più famosi a livello internazionale.

Inoltre ai Finlandesi piace nuotare. Il nuoto è praticato nelle piscine tutto l’anno, ma specialmente d’estate si possono frequentare piscine all’aperto dove si passano interi pomeriggi a nuotare e prendere il sole.

Altri sport popolari

I Finlandesi sono appassionati di motori. Tra i più celebri piloti finlandesi di Formula uno ricorda Mika Häkkinen e Kimi Räikkönen, che nel 2007 vinse il titolo di Campione del Mondo con la scuderia Ferrari. Tra i piloti di rally tra tutti Marcus Grönholm e Mikko Hirvonen. Le interminabili campagne deserte finlandesi, specialmente lontano dalle città più grandi, consentono a giovani piloti di esercitarsi con macchine datate e prendere da subito dimestichezza con i motori.

Altra disciplina molto diffusa in Finlandia è il pesäpallo (letteralmente pallabase), ovvero la versione finlandese del baseball. Le differenze sostanziali con il baseball sono nel lancio della palla e del percorso tra le basi.

Infine uno sport molto giocato in Finlandia è l’hockey su pista (sälibandy in finnico), molto diffuso tra gente tutte le età. E’ la versione meno popolare dell’hockey su ghiaccio, anch’esso molto fisico e praticato in tutte le palestre.

Gli sport alternativi

La Finlandia è anche patria di alcuni campionati del mondo molto singolari e sport praticati solo qui. Tra i più famosi ci sono sicuramente le gare di resistenza in sauna a 120 gradi – la cui competizione annuale si svolge a Heinola – e il nuoto invernale, ovvero nuotare in acqua gelida per 25 metri nel minor tempo possibile.

Ci sono anche altre competizioni molto buffe. A Sonkajärvi, nella Savonia settentrionale, organizzano annualmente la competizione di trasporto della moglie (eukonkanto in finnico). Ciò consiste nel caricarsi in spalla la propria moglie o compagna e compiere una specie di gimcana che dura poco più di un minuto.

Si organizzano addirittura competizioni di lancio dello stivale (saappaanheitto in finnico) e lancio del telefonino (kännykänheitto in finlandese), immancabile nella patria della Nokia.

Infine, altri giochi tipici in Finlandia sono il gioco dei birilli finlandesi (kyykkä in finnico) e il mölkky. A kyykkä si gioca lanciando una mazza e cercando di colpire tutti i birilli posti ad una certa distanza con il minor numero di tiri possibile. La sua variante mölkky consta allo stesso modo nel buttare giù dei birilli, ma in questo caso essi sono segnati con un valore numerico.

Secondo un’indagine del 2006, il 75% dei Finlandesi reputa importante avere successi internazionali a livello sportivo

Le stagioni in Finlandia

Le Stagioni in Finlandia

Alcuni dicono che le stagioni in Finlandia sono solamente due: estate e inverno. Forse un’esagerazione, visto che alcune annate fanno pensare il contrario…
Inverno lungo e rigido, estate corta ma luminosissima e assolutamente splendida: benvenuti in Finlandia!
La scansione delle stagioni finlandesi non assomiglia a quella a cui gli italiani sono abituati.

L’inverno in Finlandia

L’inverno è, come risaputo, lungo, freddo e buio. Sebbene per definizione inizi il 21 dicembre, già ottobre e novembre sono mesi pienamente invernali. Nel momento di massima intensità, le temperature possono raggiungere, ad Helsinki, anche -25 gradi, mentre altre zone più a nord scendono tranquillamente fino a 30 gradi sotto lo zero. Le precipitazioni nevose vanno ad anni alterni, con annate record (2009-2010) con così tanta neve che i cumuli si sono sciolti solo in piena estate. Negli anni peggiori, invece della neve, scende un nevischio a metà fra pioggia e ghiaccio, chiamato räntä. E’ opinione comune che la räntä sia un’alternativa ben peggiore della neve poiché contribuisce ad ingrigire il paesaggio, mischiandosi molto più velocemente con sabbia e fango. Soprattutto nelle città costiere (come Helsinki, costruita peraltro in grandi “canaloni”) il vento in inverno è un problema fastidioso che abbassa notevolmente la temperatura percepita. A Nord del Circolo Polare Artico, parte dell’inverno viene definita “notte polare” (kaamos in finnico), che identifica quel periodo in cui il sole non sale mai sopra l’orizzonte. Al punto più a Nord della Finlandia la notte polare dura fino a 51 giorni, mentre a Sud il giorno più corto prevede comunque almeno sei ore di luce.

La Primavera in Finlandia

In primavera le temperature spaziano dagli 0° ai 10°C, a seconda dell’annata. A Sud la stagione inizia già ad aprile, mentre a Nord non ce ne è traccia fino a maggio. In Finlandia la primavera è una stagione di transizione, dove la neve inizia a sciogliersi, i laghi non sono più ghiacciati e le piogge sono di solito frequenti. Non è raro arrivare a Vappu (1 maggio) senza aver visto un solo giorno di sole!

L’Estate in Finlandia

L’estate è senza ombra di dubbio la stagione migliore per visitare la Finlandia ed è talmente luminosa da compensare i lunghi mesi invernali. Le temperature sono quasi sempre sopra i 10°C e possono raggiungere anche i 25-30°C. La stagione inizia generalmente a fine maggio e dura fino a metà settembre, anche se non è raro avere una seconda parte di agosto dove abbondano le precipitazioni. La principale attrattiva dell’estate finlandese, oltre ad un generale buonumore dei Finlandesi, è la quantità di ore di luce, nettamente sopra la media mediterranea. Nel giorno più lungo, il sole brilla per ben 19 ore consecutive. Nei due mesi estivi la Finlandia si trasforma: la gente passa moltissimo tempo all’aperto (i parchi sono una delle mete preferite), iniziano i numerosissimi festival musicali e le terrazze fuori dai bar sono sempre gremite di gente desiderosa di fare amicizia. Se invece avete intenzione di recarvi nei pressi un cottage, tenete presente che le zanzare finlandesi, soprattutto vicino ai laghi, sono particolarmente temute per la loro ferocia. Vi consigliamo quindi di munirvi di un potente anti-zanzare o, in caso di passeggiate nei boschi, di un cappello dotato di retina protettiva per il volto.

L’Autunno in Finlandia

In autunno, che parte a volte già dalla fine di agosto, le temperature scendono nuovamente sotto i 10 gradi, ricominciano le piogge e, nelle annate particolarmente fredde è possibile vedere i primi fiocchi di neve già in ottobre. In autunno è la Lapponia la protagonista della Finlandia: durante la Ruska, così viene chiamato questo periodo in Lapponia, le foglie cambiano colore e l’intero territorio lappone si presenta agli occhi dei visitatori come un’immensa distesa di verde, gialla, rossa e marrone. Uno spettacolo davvero unico per gli amanti della natura e del trekking.

La temperatura più bassa mai registrata da una stazione metereologica in Finlandia risale al 1999, ed è di ben -51,5 °C al Nord, in Lapponia.

Il nuoto invernale in Finlandia

Nuoto Invernale: cosa spinge i Finlandesi a tuffarsi in un buco ricavato nel ghiaccio con l’acqua che raggiunge temperature vicine allo zero?

Il nuoto invernale è un passatempo tipico dei Paesi del Nord. In particolare in Finlandia sta prendendo sempre più piede. C’è anche chi lo considera un proprio e vero sport e si organizzano anche competizioni di questa “disciplina”.

L’estate finlandese dura solo due settimane ma non perdetevi d’animo: qui al Nord potete fare il bagno all’aria aperta anche d’inverno!

Il nuoto invernale... non solo per i Finlandesi
La Finlandia non ha una stagione estiva molto calda e lunga. Al contrario, linverno è lungo e molto freddo, con temperature spesso sotto lo zero in tutto il Paese. In pieno inverno anche il mare gela e si può addirittura camminare sul ghiaccio e raggiungere le isolette più vicine alla costa. Tutto questo gelo non spaventa i Finlandesi, che hanno fatto di necessità virtù.

Il nuoto invernale (avantouinti in finnico) consiste nel calarsi con una scaletta in un buco ricavato proprio nello strato di ghiaccio; l’acqua è tenuta in movimento spesso con una pompa di ricircolo, che mantiene la temperatura di poco al di sopra dello zero.

Il nuoto invernale può essere praticato in mare o in lago. Molti Finlandesi si dedicano all’avantouinti anche nei loro cottage (mökki) in riva al lago.

Generalmente le discese nella gelida acqua sono alternate a turni in sauna, dove la temperatura è attorno ai 100 gradi. Nonostante ciò, alcuni preferiscono calarsi in acqua perfino senza sauna!

I benefici del nuoto invernale sono il miglioramento della circolazione sanguigna, l’alleviamento di dolori alla schiena, al collo e alle spalle, l’aumento della tolleranza al freddo – molto utile in Finlandia – e il rinvigorimento del corpo e dello spirito.

I Finlandesi dicono che il nuoto invernale aiuti anche contro stress, disturbi del sonno nonché depressione, dal momento che genera un’ondata di buon umore.

Chiunque può praticare il nuoto invernale, ammesso che non abbia gravi disturbi di cuore e respirazione: nel momento dell’entrata in acqua fredda il cuore è momentaneamente caricato e i bronchi si contraggono. In caso di dubbio, è sempre bene consultare un medico.

È inoltre sconsigliato immergere la testa o praticare nuoto invernale sotto l’effetto di alcool.

In Finlandia nel 2002 è stata fondata l’Associazione Finlandese di Nuoto Invernale (Suomen Avantouintiliitto Ry) che conta 13 club in tutto il Paese. Questa associazione organizza eventi di nuoto invernale e pubblica articoli sulla rivista Avanto. In Finlandia si contano circa 120 mila nuotatori invernali (talviuimari), equamente divisi tra uomini e donne.

Nel 2000 a Helsinki è stata perfino organizzata la prima competizione di nuoto invernale, dove i contendenti devono percorrere a nuoto nel minor tempo possibile una distanza di 25 metri, naturalmente in acqua gelida!

In Finlandia vedrete tante persone anziane praticare nuoto invernale. Infatti questo sport è più diffuso tra le persone meno giovani piuttosto che tra i ragazzi.

Hockey su ghiaccio in Finlandia

L’Hockey su ghiaccio è lo sport più popolare e più sentito dai Finlandesi

L’hockey su ghiaccio è senza dubbio lo sport più seguito e praticato dai finlandesi. Durante la stagione i mass-media parlano quotidianamente di hockey, dal campionato nazionale finlandese, alla NHL (National Hockey League) americana passando per i Mondiali che vengono giocati ogni anno. È uno sport veloce, maschio e spettacolare. L’hockey su ghiaccio conta più di 60 mila iscritti alla lega finlandese.
Assistere a una partita di hockey può essere un’esperienza molto divertente: fra tifo e pinte di birra prova a seguire il disco che schizza sul ghiaccio!

Una scena di una partita di hockey su ghiaccio
L’hockey su ghiaccio (jääkiekko in finnico, vuol dire “disco su ghiaccio”) è lo sport più seguito e più praticato in Finlandia. Seppur sia nato in America nel XIX secolo, si è diffuso presto anche in Europa, specialmente nei paesi che hanno inverni rigidi e temperature spesso sotto lo zero.

In Finlandia la Lega di Hockey su Ghiaccio (Suomen jääkiekkoliitto) conta più di 60 mila iscritti: ciò vuol dire che questo sport viene praticato mediamente da un abitante ogni 100… senza contare tutti i padri finlandesi che giocano con i propri figli sognando di avere un campione di hockey in famiglia. I palazzetti del ghiaccio sono quasi 250, diffusi su tutto il territorio nazionale.

Nella vostra permanenza in Finlandia, non potete mancare di assistere a una partita di hockey. La stagione regolare dura da ottobre a marzo e i playoff vengono disputati in aprile. Le squadre in Prima Divisione (Mestis-Sarja) sono 14 e giocano in genere due volte a settimana. Dal momento che a Helsinki ci sono addirittura due squadre che giocano in Prima Divisione, vi si disputano da due a quattro partite alla settimana.

La Nazionale Finlandese di Hockey

La Nazionale Finlandese di hockey su ghiaccio è fra le più forti al mondo, insieme con Svezia, Russia, Canada, Repubblica Ceca e Stati Uniti. I migliori giocatori finlandesi giocano in NHL (il campionato nordamericano di hockey), e qualcuno di loro, come Teemu Selanne e Jere Lehtinen, ha anche vinto la prestigiosa Stanley Cup, titolo assegnato alla squadra vincitrice dei play-off della NHL.

Quando giocano i Leijonat (“i Leoni”, così è chiamata la squadra nazionale) tutti si affollano davanti alla TV, in casa o nei bar, indipendentemente da sesso, età o ceto sociale. È facile vedere gruppi di tifosi girare per le città indossando sciarpe, cappelli e maglie coi colori della Finlandia, bianco e blu.

I finlandesi sono un popolo leale e sportivo, ma guai a perdere le sentitissime sfide contro la Svezia!

Infatti, le partite contro gli acerrimi nemici, i Tre Kronor (“Tre Corone”, come viene chiamata la nazionale svedese) hanno una particolare valenza per il popolo finlandese, frutto di un’atavica rivalità che risale al periodo di dominazione svedese. A conferma di questo, uno dei principali motivi di orgoglio dei finlandesi sono proprio le due finali mondiali vinte con la Svezia. La finale di Coppa del Mondo del 1995, quando la Finlandia vinse la finale contro le “Tre Corone” proprio a Stoccolma per 4-1.
E oggi si aggiunge la finale di coppa del mondo vinta nel 2011 a Bratislava (Slovacchia) sempre contro la Svezia. La Finlandia batte la Svezia per 6 a 1 e diventa campione del mondo. Qui le foto della festa nel centro di Helsinki subito dopo la vittoria.

La Nazionale Finlandese ha vinto anche la medaglia d’argento alle olimpiadi del 1988 e del 2006.

La sanzione per una rissa fra due giocatori durante un incontro è di soli cinque minuti a testa!