Ristoranti e Cafè a Helsinki

Dove andare a mangiare fuori nella capitale finlandese? Quanto costa un caffè? Quali sono i migliori ristoranti italiani di Helsinki? Questo e tanto altro nella pagina dedicata ai ristoranti e café di Helsinki di Guida Finlandia.

Come in tutte le maggiori città europee, anche Helsinki pullula di ristoranti, caffè e birrerie. Talvolta aperti fino a tardi, mediamente chiudono tutti abbastanza presto rispetto ai canoni italiani. Cliccando sui link verrete trasferiti agli elenchi dei locali più famosi e in voga di Helsinki e la nostra personalissima opinione e considerazione del rapporto qualità/prezzo, se è conveniente oppure no.
Ristoranti aperti dalle 10 alle 22 non-stop, cornetti senza glutine e cucine da ogni parte del mondo. Benvenuti nei ristoranti e caffè di Helsinki!


Bere qualcosa e mangiare fuori è un’abitudine consolidata anche a Helsinki. E’ bene dirlo subito: la differenza principale che troverete con l’Italia è nel prezzo, che approfondiremo meglio fra poco. A discapito di quanto si possa pensare, in Finlandia si può mangiare anche abbastanza bene ma di certo, la bontà la pagherete salata!

I Bar di Helsinki

I prezzi dei bar sono da vero e proprio shock culturale all’inizio (e anche dopo tanti anni, si fa ancora fatica ad abituarsi).

In media pagherete:
2 euro per un caffè americano (il tipico caffè finlandese)
2,50 euro per un cappuccino
4,50 per una cioccolata calda
2 euro per un cornetto
4-7 euro per un pezzo di torta
L’acqua almeno è gratis! 🙂

I bar e cafè di Helsinki sono aperti dal mattino presto fino a verso le 18, con l’eccezione di quei locali che di sera si trasformano in disco-pub, come l’mBar in centro a Kamppi.

I bar e i cafè della capitale sono i posti preferiti dai giovani (ma anche dagli adulti) per incontrare amici e chiaccherare, alcuni anche per incontri di lavoro. La maggior parte dei bar è vicina ai punti di massimo traffico e sembra che i finlandesi davvero amino tanto i cafè perchè ce ne sono a centinaia.

C’è lo Starbucks Coffee ad Helsinki?

Ci dispiace informarvi che non esiste Starbucks in Finlandia. Ma ci sono almeno un paio di catene molto simili:

Robert’s Coffee
Famosa catena svedese di café, approdata anche in terra finlandese

Wayne’s Coffee
Con le migliori bagel che troverete in Finlandia

Tra gli altri bar più famosi della capitale:
mBar -a Kamppi, con la sua terrazza estiva e la musica funky-jazz, é forse il bar più famoso di Helsinki
Cafè Engel
Di fronte al Duomo di Helsinki, uno dei più antichi ed eleganti bar della città
Cafè Java
A Lasipalatsi e a Hakaniemi, suddiviso in due piani, perfetto per un rendez-vous in centro

Cafè Regatta

Il bar Regatta è senza ombra di dubbio l’unico bar di Helsinki che va obbligatoriamente visitato, sia d’estate che d’inverno. E’ così particolare, così carino, così controcorrente, che non vi diremo dov’è o cosa vi aspetta al suo interno. Parte del suo fascino è che il caffè Regatta va trovato. Il team di Guida Finlandia v’invita a trovarlo e poi, come si dice in inglese, enjoy!

Cosa cambia dai bar italiani ai bar finlandesi?

La differenza maggiore è probabilmente il servizio. Nei bar finlandesi non avrete mai un cameriere. E’ tutto self-service e non si usa consumare al bancone. Così come nei pub. Un’altra differenza è che in tantissimi bar (come ad esempio Robert’s Coffee) non vendono alcolici. L’acqua è gratis, ma tutto il resto si paga, e tanto. Non esistono bar in cui fare un aperitivo con gli amici, non esistono stuzzichini per i clienti.

Brunch

I bar e alcune discoteche offrono nel fine settimana il brunch, ormai di moda anche in Finlandia. Uno dei migliori, che farebbe a gara con qualche locale nostrano, è indubbiamente Dylan, ad Arabianranta, nella zona Est di Helsinki. Prenotazione obbligatoria per la domenica mattina. Vivamente consigliato. Altri famosi brunch si trovano al Nolla, al Siltanen, al Cafè Engel e al Belly. Prezzi che variano dai 10 ai 15 euro, caffè (finlandese) incluso.

I Ristoranti di Helsinki

A parte alcuni casi estremi, i prezzi di un ristorante della capitale in media si aggirano su queste cifre:
8-10 euro per un antipasto
15-20 euro per la portata principale
10 euro per un insalata mista
8-10 euro per il dolce
10-13 euro per una pizza
5,50-6 euro per una birra o un bicchiere di vino
più di 20 euro per una bottiglia di vino
L’acqua naturale e il pane sono spesso gratis ma dovete chiederli 😉

I prezzi sopraccitati variano chiaramente da ristorante a ristorante, raggiungendo picchi altissimi ad esempio da “Chez Dominique” giudicato come il 23esimo ristorante migliore al mondo.

C’è da dire che questi prezzi sono notevolmente ridotti quando si va a mangiare fuori a pranzo. Negli stessi ristoranti viene spesso offerto un menù a buffet o comunque un prezzo sotto i 10 euro per un pasto completo.

Una regola generale e sempre valida per i ristoranti della capitale finlandese è la prenotazione anticipata, soprattutto nei weekeend.

Cosa si mangia?

La gastronomia finlandese offre molte possibilità. Nei ristoranti tipici finlandesi si mangiano prelibatezze locali. Ma siamo in una capitale, e come in tutte le capitali si trovano anche (e soprattutto è il caso di dire) ristoranti con cucina internazionali.

Helsinki è veramente ricca di ristoranti con cucine provenienti da tutto il mondo:

Ristoranti di cucina tipica Finlandese

Sono molto numerosi. Ricordiamo il Konstan Molja e l’estivo Klippan, tra i nostri preferiti. Nei ristoranti tipici finlandesi potete assaporare i piatti tipici della Finlandia, dallo stufato di renna con salsa di bacche al salmone con purea di patate. A Savu potete degustare specialità tipiche affumicate.

Ristoranti italiani

I ristoranti gestiti da Italiani sono numerosi e famosissimi in tutta la città. Li abbiamo provati un po’ tutti e sono tutti mediamente buoni. Per il rapporto qualità/prezzo e lo sconto che ogni tanto concedono, consigliamo però il Leonardo, posizionato di fronte alla stazione dei treni, e Il Duetto, che potete trovare dietro al centro commerciale di Kamppi.

Ristoranti Francesi

I ristoranti d’Oltralpe sono numerosi a Helsinki. Tra questi il sopracitato Chez Dominique e Fransmanni, letteralmente “L’uomo Francese”, in cui potrete gustare prelibati manicaretti dei cugini francesi.

American Bar

Tra i ristoranti americani citiamo il Virgin Oil e il Baker’s, entrambi anche birrerie e entrambi discoteche non appena chiude la cucina, il mercoledì e il fine settimana.

Ristoranti asiatici

Se siete amanti del sushi, Helsinki ha almeno due ristoranti all’altezza dei locali di Giza a Tokyo: Umeshu e Kabuki. In quest’ultimo vi consigliamo di mangiare il Sukiyachi. Non solo, la cucina asiatica è in costante aumento nella capitale della Finlandia, soprattutto con ristoranti indiani e nepalesi. Se non avete mai provato un pollo al curry e latte di cocco, vi consigliamo di dargli una chance. Il ristorante Faran, dietro al Museo di Storia Naturale, offre invece una cucina asiatica moderna in un ambiente esclusivo: tutto quello che vi porteranno sarà delizioso, ma occhio al conto!

Ristoranti vegetariani e vegani

Non mancano i ristoranti per vegetariani e vegani, anche se hanno tutti lo stesso problema: chiudono prestissimo. Il migliore è sicuramente il Silvoplee, nei pressi della piazza di Hakaniemi, con un’ampia offerta di cibi adatti anche ai crudisti. I finlandesi sono molto attenti a chi segue una dieta particolare e spesso nel menù di fianco ad ogni portata è evidenziato se è adatta ai vegetariani, ai vegani, agli intolleranti al glutine (celiaci), agli intolleranti al lattosio e così via.

Kebab e ristoranti turchi

I ristoranti turchi sono veramente sparsi un po’ ovunque nella capitale e sono gli unici a fare le ore piccole. Per il miglior kebab della Finlandia, in grado di far impallidire alcuni coetanei di Berlino, vi consigliamo vivamente di provare il famoso Eerikinpippuri, aperto praticamente a qualsiasi ora del giorno e della notte.

Bar Sport

Se volete vedere una partita di calcio o qualsiasi altro sport gustando un ottimo hamburger (per circa 13 euro), Sports Academy di fronte alla stazione ferroviaria è il posto che fa per voi. Per voi e per altre centinaia di fan nel caso di eventi importanti. Raccomandiamo di andare là anche un’ora prima dell’inizio del match, anche per evitare la fila davanti all’entrata.

Fast food

Se siete di fretta o volete risparmiare, anche Helsinki come ogni altra città del mondo occidentale, è ricca di fast food. Se non volete andare dal solito Mc Donald, Hesburger è la variante finlandese per gli hamburger. Tra i fast food “All you can eat” del RAX è sicuramente il più in voga tra i giovanissimi.

La stragrande maggioranza dei ristoranti e bar o café finlandesi ha il wi-fi gratuito, ma spesso e volentieri protetto da password, che potete comunque gentilmente chiedere al bancone o al cameriere.

Kauppatori, la Piazza del Mercato di Helsinki

Kauppatori, la Piazza del Mercato di Helsinki

Un vero paradiso per il turista alla ricerca di un souvenir artigianale o di un bel piatto di pesce appena pescato. Kauppatori è un punto di interesse conosciutissimo, forse tra i più conosciuti della capitale finlandese, Helsinki. Con il suo mercato caratteristico, Kauppatori accoglie non solo i Finlandesi, ma anche e soprattutto molti turisti.

La gastronomia e l’artigianato finlandese racchiusi in una piazza. A Kauppatori trovate i funghi cantarelli (o finferli), le migliori verdure, le pregiate bacche artiche, nonché pelli e carne di renna, pesce appena pescato e tutto l’artigianato finlandese come le famose tazze in legno fatte in Lapponia. Ideale per chi ha fretta di trovare un souvenir e per chi ha più tempo da spendere tra le miriadi di prodotti tipici finlandesi.

Kauppatori  piazza del mercato di Helsinki

Kauppatori è la piazza del Mercato affacciata sul porto di Helsinki. Il nome in finlandese deriva appunto da kauppa = mercato e tori = piazza.

A Kauppatori viene organizzato il mercato praticamente tutto l’anno. Kauppatori è una piazza in cui i turisti passano molto tempo passeggiando per il piccolo mercato, acquistando souvenir artigianali fatti in legno oppure facendo la spesa tra le verdure e le carni provenienti dalle campagne e boschi finlandesi. Non solo, a Kauppatori è anche possibile mangiare. Ci sono numerosi stand che cucinano pesce, come i coregoni fritti (muikut) o il salmone, serviti con patate e salse tipiche. Inoltre, non avrete difficoltà a trovare un posto dove riposarvi sorseggiando caffè e mangiando dolci o le famose crêpes con panna e marmellata (pannukakku).

Se visitate Kauppatori in una giornata senza il mercato noterete l’obelisco di granito al centro della piazza: la Keisarinnan kivi, costruita da K. Engel nel 1835. In cima all’obelisco si trova una palla di bronzo sopra la quale svetta un’aquila a due teste. Il monumento è dedicato allo Zar Nicola I e sua moglie Alessandra Feodorovna Romanova, i quali visitarono Helsinki durante il periodo della dominazione russa.

Molti dei traghetti turistici provenienti dalla Svezia, dall’Estonia o dalla Russia attraccano nelle vicinanze di Kauppatori, passando per il Golfo di Finlandia. Oltre alle grandi navi da crociera, da Kauppatori partono anche i traghetti che collegano Helsinki a Suomenlinna e allo zoo di Helsinki (Korkeasaari). Inoltre ogni giorno parte una vecchia nave, la “M/s Runeberg”, che in tre ore collega la capitale finlandese alla città di Porvoo.

Nei pressi di Kauppatori

La piccola via Sofiankatu (ancora in ciottolato originale) divide Kauppatori da Senaatintori, la famosa Piazza del Senato dove si può ammirare l’imponente chiesa bianca (Tuomiokirkko), il Duomo di Helsinki, vero simbolo della capitale finlandese. A pochi passi dal Duomo luterano si trova la cattedrale ortodossa Uspenski, da cui potrete avere una visione di Kauppatori dall’alto.

Nelle vicinanze della Piazza del Mercato c’è anche un mercato coperto (Kauppahalli), famoso per la qualità degli alimenti, con le macellerie, pescherie e prodotti tipici alimentari e non.

Da Kauppatori è possibile imboccare Esplanadi, una via alberata ricca di negozi di design “made in Finland” come Iittala, Arabia e Marimekko, o camminare per Alekanderinkatu, la via dello shopping di Helsinki, che termina con i grandi magazzini di Stockmann.

Webcam Helsinki

Su Kauppatori è puntata una delle più interessanti webcam di Helsinki

http://www.ek.fi/www/fi/nettikamera/index.php

Dopo la vittoria del gruppo Lordi all’Eurovision 2006 (manifestazione canora chiamata Eurovision molto seguita in Finlandia), venne organizzato a Kauppatori un mega concerto gratuito durante il quale il Presidente della Finlandia, Tarja Halonen, consegnò simbolicamente le chiavi della città al cantante del gruppo di “mostri” finlandesi più famoso nel mondo.

Carne di Renna

Se il cigno è il simbolo ufficiale del Paese, la renna ne è quello spirituale…e gastronomico!

I bambini la conoscono come l’animale che traina la slitta di Babbo Natale, gli adulti, spesso, preferiscono pensare alla renna come ad un ottimo piatto di carne.

Dalla slitta di Babbo Natale fino al piatto con contorno di patate, la renna è un animale che non lascia nessun Finlandese indifferente.

Mangiare Renna
Estremamente popolare sulle tavole finlandesi, la renna ha carni morbide che ben si accompagnano al vino rosso, alla birra, al purè di patate e alla salsa di mirtilli rossi (puolukat).

Altri contorni tipici che vengono serviti con la renna sono una deliziosa crema di funghi o contorni come spinaci e patate novelle, bacche come mirtilli e ribes e persino formaggio di capra o piccante.

Troverete la carne di renna principalmente preparata come stufato (poronkäristys), accompagnato dal purè di patate e salsa di mirtilli rossi. E’ meno frequente la preparazione del filetto o controfiletto semplicemente arrostiti in padella, poiché la carne ha un sapore particolare e può risultare troppo forte se non accompagnato da qualche salsa o contorno. La renna viene anche consumata affumicata, o come ingrediente per salse che accompagnano altri cibi.

Nonostante la sua diffusione, i prezzi per la carne di renna sono notevolmente più alti rispetto a quelli di carni più comuni. Il filetto fresco, preso al bancone o confezionato, si aggira sui 50 euro al chilo, mentre la carne di renna per stufati congelata è assai più economica (dai 18 ai 40€ a seconda della provenienza).

Gli allevamenti di renne sono diffusi soprattutto in Lapponia, e tutte le provvigioni dipendono dalla produzione interna di circa 5000 fattorie, solitamente gestite da piccoli gruppi familiari di quattro o cinque persone. Ogni anno, circa il 2% dei prodotti gastronomici a base di renna vengono esportati verso altri paesi. La Finlandia da sola consuma circa 2,5 milioni di chili di carne di renna all’anno, di cui un terzo direttamente ai consumatori, mentre il resto a ristoranti ed alberghi.

La renna come ingrediente è stato messo dai Finlandesi persino sulla pizza. Infatti la celebre Pizza Berlusconi è una pizza impastata con farine di segale e di grano integrali, e guarnita con cipolle rosse, funghi, straccetti di renna e un formaggio finlandese simile al gorgonzola (aurajuusto). Il singolare nome di questa prelibatezza, creata dalla catena di pizzerie Kotipizza, è dovuto ad una famosa battuta di Silvio Berlusconi pronunciata in segno di spregio verso la gastronomia finlandese, durante il periodo della diatriba relativa all’assegnazione territoriale dell’EFSA, l’autorità europea per la sicurezza alimentare. I Finlandesi, non gradendo l’uscita dell’allora Primo Ministro italiano, hanno ben pensato di battezzare una pizza così patriottica in suo onore. Ironia della sorte, al momento della sua introduzione sul mercato, la Pizza Berlusconi è stata internazionalmente dichiarata la “più buona del mondo”.

La gastronomia finlandese

La gastronomia finlandese: una cucina ricca per sopportare bene il freddo inverno

La cucina finlandese risente molto delle influenze dei paesi limitrofi, come Svezia e Russia. Nonostante ciò esistono molte specialità che si possono trovare solo in Finlandia: il leipäjuusto, formaggio cotto a fiamma, il kalakukko, una pagnotta di pane di segale ripiena di pesce e carne di maiale o il tradizionale joulukinkku, un grande prosciutto cotto lentamente al forno. Grande è la varietà di pane, preparato con farine di diversi cereali, e dolci finlandesi.
Non solo patate! Carne, pesce, formaggi e dolci… lasciatevi stupire dalla gastronomia finlandese!

Tipico cottage finlandese con cibi tradizionali

La Finlandia, per la sua particolare posizione geografica fra Occidente e Oriente, è stata influenzata sia dalle popolazioni europee – in particolare dalla Svezia – che dalla Russia. I principali alimenti della cucina finlandese sono il pesce, specialmente di lago e di fiume, la carne bovina e suina, il latte e i suoi derivati (fra tutti la panna), ma anche bacche e funghi, che vengono utilizzati specialmente nel periodo autunnale. Molto vari e gustosi sono i diversi tipi di pane così come la pasticceria finlandese.

La patata è l’alimento più comune della cucina finlandese. Serve tipicamente per accompagnare il piatto principale di carne o pesce. Viene generalmente servita bollita, come pure in casseruola con panna o aglio. Molto comune è anche il purè di patate. Anche la rapa (nauris), in tante varietà, è assai popolare.

Il salmone (lohi) spicca tra i pesci più comuni ed è assai più economico che in Italia. Può essere servito al forno con patate ma è molto gustoso e particolare quello essiccato (graavilohi). In questa preparazione il salmone viene salato da crudo e, successivamente, vengono aggiunti pepe rosa in grani e aneto.

Altri tipi di pesce diffusi in Finlandia sono il luccio (hauki), il pesce persico (ahven), il coregone (siika), il luccioperca (kuha) nonché l’aringa del Baltico (silakka) e un pesciolino di lago chiamato muikku.

Fra le carni, la renna (poro) è senza dubbio la più caratteristica, ma non la più diffusa. Gli allevamenti di renne si trovano in Lapponia, ma è abbastanza comune trovare carne di renna (inscatolata o surgelata, fresca è una rarità) al supermercato in tutta la Finlandia. Lo stufato di renna (poron käristys) è la più classica delle ricette; esso viene accompagnato da purea di patate e mirtilli rossi. C’è comunque un largo consumo di carne suina e bovina, specialmente come spezzatini e stufati.

Il latte (maito) è molto popolare tra i Finlandesi, visto che viene bevuto perfino a pranzo e consumato anche sotto forma di latte acido (piimä). Nella cucina finlandese, inoltre, sono molto utilizzati la panna da cucina (ruokakerma) ed il burro (voi) per la preparazione di molti piatti. La gastronomia finlandese presenta alcune specialità di formaggi: tra tutte il leipäjuusto, un formaggio lappone cotto a fiamma da gustare con una confettura di mora di palude (lakka).

Le bacche sono molto utilizzate dal finlandese. Specialmente nel periodo autunnale le bacche si trovano in tutti i mercati e vengono vendute a usando come unità di misura il litro! Oltre a fragole, mirtilli, more e lamponi esistono in Finlandia alcune bacche che non potete gustare in Italia, come il rovo artico (lakka) o l’olivello spinoso (tyrni).

In autunno, inoltre, nelle numerose foreste finlandesi si trovano moltissimi funghi, fra tutti porcini (tatti) e gallinacci (kantarelli).

Le varietà di pane sono tantissime. Il pane di segale (ruisleipä) ha un ruolo principale sulle tavole finlandesi e viene consumato in abbondanza specialmente dalle persone anziane. Sono sicuramente da provare anche alcuni tortini salati. I più famosi sono i karjalanpiirakka, che sono costituiti da un impasto di farina di segale ed un ripieno di riso cotto nel latte (riisipuuro).

Infine, i Finlandesi sono ghiotti di dolci e, per questo, la gastronomia finlandese conta tante specialità di pasticceria. Tra tutti consigliamo il korvapuusti, che è un rotolo di pasta con zucchero, cardamomo e cannella.

Il fiore del lampone artico è raffigurato nella moneta finlandese da due euro