I funghi in Finlandia

Raccogliere funghi: un passatempo che avvicina i Finlandesi alla natura

Negli immensi boschi della Finlandia si trovano tantissime specie di funghi e la stagione per la raccolta dura circa sei mesi. Un vero paradiso per gli appassionati!
Vai nel bosco e riempi il tuo cestino con decine di porcini… in Finlandia non c’è bisogno di licenza!

La varietà dei funghi in Finlandia
La varietà dei funghi in Finlandia

In Finlandia si trovano più di 2000 specie di funghi (sienet in finnico) e più di 200 sono commestibili. In altre parole ogni anno in Finlandia ci sono 500 milioni di chili di funghi eduli. Delle specie commestibili, 91 sono di qualità eccellente mentre le restanti sono comunque di buona qualità. Inoltre ce ne sono molte altre commestibili ma meno gustose.

Da notare che in Finlandia non serve alcuna licenza per raccogliere funghi e bacche nei boschi, né tanto meno ci sono limiti di peso. E’ bene comunque andare con un esperto almeno le prime volte, viste che ci sono specie non commestibili o addirittura velenose!

Quando si raccolgono i funghi in Finlandia?

La stagione di raccolta dei funghi va da aprile a novembre inoltrato, dipende dalla zona della Finlandia. Ovviamente la neve che cade in Lapponia già in ottobre uccide la maggior parte dei funghi. Nel Sud della Finlandia, invece, nelle annate più temperate si può andare nel bosco a raccogliere fino al tardo autunno.

Da aprile a giugno si possono raccogliere i korvasieni (gyromitra esculenta), che è un fungo molto simile alla spugnola e dal forte odore. Sebbene debba essere bollito per dieci minuti per rimuovere il suo veleno, questa spugnola è uno dei funghi, di cui i Finlandesi sono più ghiotti. Infatti i korvasieni sono di solito utilizzati in gustose salse per accompagnare le carni.

Il mese di luglio, generalmente secco, non si presta alla raccolta dei funghi in Finlandia, ad eccezione della Lapponia, dove le pioggie di fine mese favoriscono la crescita di qualche specie.

Da agosto comincia il periodo clou per la raccolta dei funghi in Finlandia. L’autunno infatti è la stagione dei funghi (e delle bacche). Nei boschi finlandesi c’è abbondanza di funghi porcini, di galletti o finferli, di lattari, di russule e di moltissime altre specie. I porcini sono la specie più abbondante in Finlandia, seppur i Finlandesi non ne siano particolarmente attratti.

L’arrivo della neve consente in Finlandia di raccogliere una specie di fungo che resiste al gelo: il pregiato cantarello tubiforme (suppilovahvero in finnico). Questo può essere raccolto anche scavando il manto nevoso ed è la specie di funghi preferita dai Finlandesi.

Dove si raccolgono i funghi in Finlandia?

In Finlandia ci sono boschi e foreste sia in Lapponia che al Sud, perciò ogni posto è buono per raccogliere funghi. Pini, abeti e betulle costituiscono l’ambiente ideale per la crescita di funghi, grazie anche a periodi piovosi con temperature miti. D’altro canto la quantità e le specie di funghi non sono uniformi su tutto il territorio finlandese.

La Carelia del Nord, in particolare la zona di Joensuu, è la più famosa per la raccolta dei funghi, tanto che vengono anche organizzate competizioni di raccolta nel tempo di due ore. Tra tutte le specie, i porcini sono quelli più abbondanti, persino i pregiati boletus edulis. In Finlandia i porcini vengono preparati in salse da accompagnare al filetto di manzo o anche di alce con contorno di purea di patate. Le cappelle dei funghi più grandi possono essere semplicemente grigliate e riempite con formaggio fresco o gorgonzola, o anche avvolte in una fetta di pancetta.

Se raccogliete funghi nella zona Sud-Occidentale della Finlandia, tenete presente che questi potrebbero aver tracce di cesio-137, dovuti all’esplosione della centrale nucleare di Chernobyl del 1986. Il cesio, solubile in acqua, si può eliminare con acqua corrente o consumando i funghi previa bollitura. Secondo alcune ricerche la quantità di funghi finlandesi da consumare non dovrebbe eccedere il chilo alla settimana per persona.

Le specie di funghi in Finlandia

Di seguito una lista dei funghi eduli più comuni in Finlandia:

  • i porcini, tra cui principalmente ci sono il boletus edulis, il boletus pinophilus e il boletus reticulatus.
  • i cantarelli, tra cui i famosi gallinacci (cantharellus cibarius) e il cantarello tubiforme (cantharellus tubaeformis), di cui i Finlandesi sono ghiotti.
  • i lattari, specialmente nelle varietà lactarius trivialis e lactarius rufus.
  • le russole, in particolare la russola paludosa, la russula decolorans e la russula vinosa, oltre all’eccellente fungo del pane albatrellus ovinus, che può essere molto abbondante in alcune foreste.

Toivo Rautavaara scrisse nel 1947 un libro “La raccolta dei funghi in Finlandia” (Suomen sienisato è il titolo originale), con lo scopo di indicare quanto siano pochi i funghi che si raccolgono in Finlandia rispetto alle potenzialità del Paese. Dal 1969 la Forestale (Metsähallitus) cominciò a formare istruttori. Attualmente in Finlandia ci sono 70 mila persone col diploma di istruttore.

L’autunno in Finlandia

La stagione dominata dai colori vivaci delle foglie che cadono

L’autunno è una stagione assai suggestiva in Finlandia per i colori delle foglie che cadono dagli alberi delle infinite foreste finlandesi. Solo in questa stagione, soprattutto in Lapponia, potrete assistere a scenari mozzafiato.
L’autunno: la stagione in cui i toni caldi della Natura e quelli freddi del cielo grigio si incontrano in Finlandia.

Autunno in Finlandia Ruska in Lapponia
L’autunno (syksy in finnico) è la stagione che in Finlandia saluta la mite estate e prepara il freddo inverno. Seppur formalmente cominci con l’equinozio di autunno a settembre (syyskuu in finnico, che significa mese dell’autunno) e finisca il 21 dicembre, il clima autunnale in Finlandia può fare la sua comparsa già a tardo agosto, in Lapponia, o a settembre, nella zona di Helsinki e Turku.

Il fenomeno più suggestivo da osservare in autunno in Finlandia è quello della cosiddetta ruska. Ruska, parola intraducibile letteralmente in italiano, è il fenomeno per cui nelle foreste finlandesi le foglie cambiano colore dal verde estivo in tantissime tonalità calde, dal giallo, al rosso, al marrone. La grande estensione delle foreste in Finlandia porta a effetti incantevoli, soprattutto per gli amanti della Natura e dei paesaggi. Ruska è molto evidente principalmente in Lapponia, dove si manifesta con maggiore intensità attorno dal 10 al 20 settembre. Nel Sud della Finlandia dovete aspettare l’inizio di ottobre per avere la maggiore varietà di colori delle foglie.

In autunno in Finlandia la temperatura si abbassa notevolmente e in Lapponia la neve diventa permanente già da novembre. Considerando la temperatura, l’autunno in Finlandia comincia quando la temperatura media di una giornata è inferiore ai 10 gradi e finisce quando la stessa è sotto lo zero.

In autunno in Finlandia le giornate sono spesso nuvolose e le precipitazioni sono frequenti, seppur le tempeste violente siano rare. Il cielo spesso grigio crea un particolare contrasto con i colori vivi delle foglie degli alberi nelle foreste. All’inizio di ottobre in Lapponia può cadere la prima neve, mentre al Sud della Finlandia bisogna aspettare almeno dicembre.

Tantissime varietà di fiori sbocciano durante l’autunno finlandese, come le dalie e le ortensie. Anche i frutti di alberi come meli e noccioli maturano in questo periodo. E’ molto comune inoltre raccogliere nei boschi bacche, come mirtilli, lamponi e ribes. I Finlandesi sono usi farne abbondanti scorte in autunno per preparare gustose marmellate.

L’autunno è anche un’ottima stagione per raccogliere i funghi. In Finlandia potete raccogliere liberamente funghi senza bisogno di avere una licenza. Le foreste finlandesi sono zeppe di funghi e può capitare di vederne anche nel cortile sotto casa. Le varietà più comuni sono senza dubbio porcini, leccini e cantarelli. I porcini non sono sovente raccolti dai Finlandesi, che vi preferiscono i cantarelli, soprattutto quelli della specie tubiforme (suppilovahvero in finnico). Se non volete avventurarvi nelle foreste, potrete comunque acquistare cantarelli al mercato, mentre i porcini di solito non vengono neppure venduti.

Per effetto del magnetismo della Terra, l’autunno è il periodo durante il quale c’è alta probabilità di ammirare un’aurora boreale, soprattutto in Lapponia e sempre a patto che il cielo sia sereno.