Finlandese ubriaco si butta dal primo piano

Tragicomica vicenda a Roma

Una pattuglia di polizia municipale ha fermato a Roma un uomo finlandese per disturbo della quiete pubblica. Trovato senza documenti e in stato di ubriachezza, l’uomo è stato portato al comando per l’identificazione. Attendendo le consuete procedure, l’uomo finlandese ha chiesto di fumare una sigaretta fuori e ha tentato poi la fuga dal parapetto del primo piano del comando, cadendo malamente e riportando un trauma cranico e un braccio rotto.

Volete saperne di più sui Finlandesi e l’alcol?

I Finlandesi e il rapporto con l’alcol

I Finlandesi e il gelato: “È AMORE!”

I Finlandesi mangiano più gelato di tutti in Europa

Secondo un’inchiesta della Nestlé Finlandia, circa un finlandese su due tiene scorte di gelato nel freezer tutto l’anno. In estate ben il 71% dei 1200 intervistati rivela di gustare un gelato almeno una volta a settimana.

Negli altri periodi dell’anno, anche quando è inverno e la Finlandia è ricoperta di neve, i Finlandesi mangiano il gelato una o più volte al mese.

In Europa i Finlandesi sono i più ghiotti di gelato

Con una media di ben 14 litri a testa all’anno la Finlandia è la nazione che mangia più gelato in Europa, dove la media è inferiore a 10 litri di gelato.

A livello mondiale di questa speciale graduatoria per gli amanti del gelato i Finlandesi devono cedere il passo ad Americani, Australiani e Neozelandesi.

Ne volete sapere di più sui cibi preferiti dai Finlandesi?

Gastronomia finlandese

I denti bianchi dei Finlandesi

I Finlandesi e i loro famosi denti bianchi

Una caratteristica popolare dei Finlandesi è il fatto che abbiano denti bianchissimi, come nella celebre pubblicità delle Vivident Xylit… e ciò avviene in un Paese dove le caramelle si vendono dappertutto, persino in ferramenta!
Denti bianchi come la neve della Lapponia!

Un'immagine della pubblicità delle Vivident Xylit
Uno stereotipo popolare dei Finlandesi è quello di avere denti bianchissimi per l’alto consumo di xilitolo. Lo xilitolo, chiamato anche zucchero del legno, è un dolcificante naturale che si estrae principalmente da betulle (di cui la Finlandia è ricca), fragole e lamponi. Proprio in Finlandia una ricerca condotta negli anni Settanta trovò una correlazione tra il consumo di xilitolo ed effetti benefici sulla salute dei denti. Lo xilitolo inoltre ha il 40% delle calorie in meno del comune saccarosio e in Europa è utilizzato come dolcificante in molti prodotti, specialmente caramelle e chewing gum.

E’ proprio grazie alla nota pubblicità delle Vivident Xylit che i Finlandesi hanno guadagnato in Italia la fama di avere denti bianchi e forti. In questa pubblicità si vede una foresta dove un finlandese, vestito con una pelle d’orso, viene colpito con un potente tranquillante -come fosse una belva- per poter mostrare al pubblico la sua candida dentatura. I Finlandesi sono rappresentati come persone che vivono abitualmente nella foresta e mantengono la loro igiene orale rosicchiando betulla, e quindi assumendo tanto xilitolo.

Ad accrescere la fama dei denti bianchi dei Finlandesi la scoperta nell’agosto 2007 della più antica gomma da masticare della storia. A Kierikki, non molto distante da Oulu, nella costa Nord-Ovest della Finlandia è stata ritrovato un grumo scuro, ricavato da resina di betulla con chiari segni lasciati da denti, e risalente al periodo Neolitico, circa 5000 anni fa. Che i Finlandesi siano stati i pionieri della gomma da masticare?

La vicenda della pubblicità delle Vivident Xylit è arrivata naturalmente anche in Finlandia e il popolare quotidiano Iltalehti vi dedicò un articolo. Ovviamente in finlandese.

Come si ubriacano i Finlandesi

Il comico svedese Robert Gustafsson fa una divertente parodia su come si ubriacano i FInlandesi

In questo video pubblicato su youtube Robert Gustafsson, un comico svedese, parla delle varie fasi a cui va incontro un Finlandese quando beve
The Finnish Way of Drinking – Robert Gustafsson
1. Silenzio
2. Felicità
3. Melanconia
4. Rabbia
5. Coma

Da non perdere, dopo la spiegazione, la sua imitazione di un Finlandese ubriaco

Storia d’amore con un finlandese (o una finlandese)

Cosa c’è da aspettarsi da una relazione d’amore con un finlandese?

Se si pensa ad una relazione d’amore con un o una Finlandese, si fa spesso riferimento alla relazione con una donna finlandese. E a ragione. La maggioranza delle coppie sono composte da un uomo italiano e una donna finlandese, ma di certo non mancano le eccezioni. Cerchiamo di analizzare quali sono le principali differenze in una relazione tra i due popoli.
Famiglie ristrette, libertà e riservatezza, ecco cosa vi aspetta se vi trovate in una relazione con un finlandese.

Il ponte dell'amore a Helsinki

Italiani in Finlandia

In Finlandia ci sono tanti stranieri, ben 120.000 nel 2006 su una popolazione di 5 milioni (dati di Demographic Statistics). Di questi, la maggior parte sono russi, estoni e svedesi, ma anche, ovviamente, italiani. Degli Italiani residenti in Finlandia in quell’anno ce n’erano 1200. Alcuni sono rimasti dopo l’Erasmus a fare i ricercatori (le università sono molto appetibili per molti “cervelli in fuga” dall’Italia), molti sono venuti per lavoro: aziende come Nokia, Pöyry, Wärtsilä, Kone o ABB sono ricche di italiani. Ma tanti altri, la maggior parte, sono venuti perché in una relazione con un o una Finlandese.

Non è difficile immaginare il perché degli uomini italiani. È difficile resistere alle donne finlandesi, così belle e indipendenti. Il 75% di quei 1200 italiani è infatti di sesso maschile (dati di Demographic Statistics. E le donne italiane? Per alcune di loro, il carattere riservato, modesto, per niente esuberante dell’uomo finlandese, sommato all’essere spesso alto, biondo e con uno stile “dark”, forma un mix irresistibile.

L‘alta qualità della vita e il modello economico-sociale nordico convince molti italiani a restare e mettere su famiglia in Finlandia.
Ma com’è allora la storia d’amore con un Finlandese o una Finlandese?

Libertà e indipendenza

Una delle prime differenze è senza dubbio il fatto che ai finlandesi piace la loro libertà e indipendenza, e bisogna rispettarla. Questo funziona anche al contrario. Non significa solo che i finlandesi vi lasceranno liberi di uscire spesso la sera con gli amici, ma anche che, in casa, loro avranno bisogno di tempo da soli e in silenzio. Abituati alle famiglie numerose e spesso ad amici e parenti invadenti, è difficile per un italiano all’inizio accettare e capire questi momenti di solitudine che tutti i finlandesi hanno e che possono durare anche ore: i finlandesi sono un popolo abbastanza introverso, che ha bisogno di tempo e spazio da dedicare a sé stessi.

Per i maschi italiani gelosi: le donne finlandesi spesso escono con le amiche, fatevene una ragione! Come a voi piace tornare alle ore piccole, anche loro hanno il diritto di farlo. Per controparte, anche gli uomini finlandesi sono generalmente molto rispettosi della libertà delle loro compagne e la gelosia si limita all’essere protettivi, ma non in modo possessivo com’è tipico dei maschi italiani.

La casalinga finlandese non esiste

La casalinga è un mestiere che in Finlandia non riscuote molto successo. La donna finlandese studia (più del 70% dei laureati universitari sono donne) e lavora tanto quanto l’uomo. I lavori domestici quindi, sono un dovere di entrambi. Tenere tutto in ordine, pulire, fare la lavatrice, stendere il bucato, cucinare, stirare… in alcuni casi anche riattaccare bottoni o rammendare i calzini: preparatevi.

Assenza per paternità in Finlandia

In caso di maternità, le donne finlandesi sono solite prendere da 10 mesi a 3 anni di aspettativa. Ma anche gli uomini passano del tempo in casa: in Finlandia i padri prendono regolarmente almeno 1 mese di paternità, in molti casi anche 2 o 3.

Differenze culturali: come dimostrare l’amore in Finlandia

Abitare in Finlandia può essere uno schock culturale per molti italiani e specialmente in una relazione con un o una finlandese alcuni comportamenti che possono essere ovvi per la nostra cultura, sono del tutto estranei a quella finlandese. Pensiamo ad esempio il mandarsi miriadi di messaggi o telefonarsi spesso in caso di distanza: è assolutamente normale che una un finlandese non vi chiami per ore e ore. Non sanno cosa state facendo e non vogliono disturbare, ma in realtà si fidano di voi!

Persino pagare fuori a cena è una delle differenze culturali in una relazione con un finlandese. I ragazzi finlandesi non pagheranno la cena e spesso neanche il caffè. Si paga da un conto comune alla coppia o si divide. L’uomo finlandese è un romantico pratico, non farà regali fuori dalle date importanti e non comprerà i fiori, ma dimostrerà l’amore con altri, piccoli e ben più pratici gesti, come grattare il ghiaccio della macchina d’inverno dalla sua e dalla vostra macchina.

Litigare con un o una finlandese: non alzate la voce!

A parte alcuni casi rari, i finlandesi non alzano la voce, non fanno scenate. La comunicazione è diretta, spesso anche troppo. Questo vuol dire che non assisterete a litigi in strada o sentirete le urla dei vicini come in Italia, i finlandesi vi daranno la loro versione pacatamente e altrettanto si aspetteranno da voi. Alzare la voce è mancanza di rispetto. Quando ferite un o una finlandese, li vedrete chiudersi in loro stessi. Evitate per un po’ di parlarne o convincerli a parlare. Per un finlandese il litigio a quel punto è già finito. Seguiranno momenti o ore di silenzio finché non decideranno di tornare da voi per ridiscuterne o semplicemente lasciar “cadere” la discussione.

Relazione a distanza con un finlandese

Sovente le coppie nate da Erasmus o vacanze in Finlandia possono avere periodi più o meno lungo di relazione a distanza. Come gestirle? Dato il carattere indipendente dei finlandesi e la tecnologia che accorcia sempre più le distanze, non avrete grosse difficoltà a mantenere un rapporto, se ci sono sentimenti veri alla base. Inoltre i finlandesi non hanno nessuna difficoltà a muoversi o viaggiare da soli, quando hanno un po’ di tempo. Perciò i momenti di incontro anche in una relazione a distanza con un o una finlandese possono essere frequenti durante l’arco dell’anno.

I finlandesi dicono ciò che pensano e se pensano che non abbia senso non lo dicono affatto. Non parlano per evitare momenti di silenzio come facciamo in Italia. E’ normale fare un viaggio in macchina dove per qualche ora nessuno dice niente. Non prendetelo come un brutto segno riguardo la vostra storia d’amore che probabilmente sta andando a gonfie vele 😉

L’uomo finlandese

L’uomo finlandese è pratico e ama risolvere i problemi da solo

L’uomo finlandese non è l’uomo a cui siamo abituati noi sud-europei. Per le loro partner, le donne finlandesi, il tipico uomo finlandese è introverso, timido, taciturno, orgoglioso e romantico a modo suo.
Il romanticismo pratico: pulire la macchina della fidanzata dalla neve la mattina!

L’uomo finlandese è alto, robusto, con gli occhi chiari, capelli castano chiaro e la pelle molto bianca. Generalmente gli uomini finlandesi non sono molto curati o attenti alla moda, almeno non quanto i vicini svedesi. L’onestà e l’orgoglio sono però il punto di forza degli uomini finlandesi: uomini affidabili, esperti nelle faccende pratiche di tutti i giorni, sportivi e amanti della natura. I Finlandesi sottolineano l’uguaglianza tra i sessi che regna sovrana. Sembra però che la donna finlandese ha raggiunto un tale livello di emancipazione da rendere l’uomo finlandese più debole, spesso dominato nel rapporto di coppia, molto diverso dall’idea di “uomo” che abbiamo in Italia.

L’onestà dell’uomo finlandese: nello sport, nella vita

L’onestà degli uomini finlandesi è proverbiale. Un uomo finlandese è famoso per non essere molto loquace, ma tutto ciò che dirà, sarà vero. Al lavoro questo rende l’uomo finlandese un collega affidabile e rispettato. Lo stesso si può dire in ambito sportivo. I finlandesi non protestano con l’arbitro se non credono di essere nel giusto, non fanno scenate e rispettano l’avversario senza ricorrere a sotterfugi. Un vero e proprio shock culturale quando, durante un torneo di poker con circa 50 partecipanti, tutti si alzano durante le pause lasciando i soldi sul tavolo. Nessuno penserebbe di rubarli.

L’uomo vero

Gli uomini finlandesi amano provare di essere uomini veri, duri, che non hanno bisogno di cure, attenzioni e possono sbrigare tutte le faccende da soli. Non è raro vedere un uomo finlandese senza guanti con temperature ben al di sotto dello zero. O vederlo afferrare un legno incandescente dal camino o da un falò, sempre a mani nude. I finlandesi non vanno dal dottore e non vanno all’ospedale se non quando obbligati e veramente solo nel caso di bisogno. L’uomo finlandese vuole di solito dimostrare che è un uomo vero, soprattutto agli stranieri. Un esempio di questo atteggiamento si può notare in discoteca, dove molti uomini finlandesi non ballano, soprattutto nei piccoli villaggi. Proprio nei piccoli centri di campagna un tale atteggiamento può portare a volte ad essere persino un po’ intolleranti nei confronti degli omosessuali o anche stranieri, di chiunque dimostri di essere meno uomo vero secondo i canoni finlandesi.

La sisu

La sisu è la virtù che rappresenta l’orgoglio finlandese. La sisu è la capacità di superare da soli le avversità e gli ostacoli che si pongono dinanzi. Non dimentichiamo che i Finlandesi hanno vissuto perlopiù in campagna fino agli anni Cinquanta e “dover sbrigare le faccende da soli” era quasi una necessità. La sisu è la qualità che fa camminare 20 km a temperature glaciale senza morire assiderati, che fa creare uno stradello per la barca incastrata nel ghiaccio senza chiamare aiuto, che fa costruire un cottage in mezzo alla foresta praticamente da soli…

In sauna fino alla fine

Prima o poi vi capiterà l’occasione di essere invitati in sauna da qualche amico finlandese. L’uomo finlandese non uscirà dalla sauna prima che lo avrete fatto voi. Starà seduto a sudare buttando acqua sulle pietre, senza mai lamentarsi del caldo, e rimarrà dentro finché voi non uscirete per primi. Anche se avete passato diversi anni in Finlandia e siete abituati a queste temperature e tradizioni, per l’uomo finlandese, è semplicemente una questione d’orgoglio.

L’uomo finlandese è taciturno e riflessivo

L’uomo finlandese è tipicamente molto taciturno e non soffre la solitudine. Non è affatto raro vedere un uomo finlandese in discoteca o al bar da solo, bevendo una birra e guardando una partita di hockey su ghiaccio. L’uomo finlandese è molto orgoglioso e ci tiene a non fare brutta figura: per questo è molto riflessivo nelle parole e nelle azioni specialmente davanti ad estranei. Quando l’uomo finlandese ha qualche problema, si chiude in sé stesso pensando e cercando di risolvere il problema da solo. Questo atteggiamento molto accentuato è quasi una paura di mettersi in gioco, e può portare a lunghi silenzi con il rischio trovare la soluzione quando potrebbe essere molto tardi. Esistono alcuni uomini chiamati scherzosamente joo-joo-mies, che traduce l’uomo che dice sempre di sì e sembra che non abbia opinione sull’argomento. In realtà quest’uomo spesso non ha voglia di prendere responsabilità e delega le decisioni alla sua donna; quando questa tendenza cambia e l’uomo vuole il suo ruolo decisionale nella coppia, possono nascere incomprensioni e problemi.

L’uomo finlandese non è romantico, è pratico

Per un uomo nato in Finlandia, la parola “romanticismo” è alquanto differente dal significato che usiamo in italiano. Gli uomini finlandesi hanno un modo di trasmettere i sentimenti e l’amore differente da quella a cui siamo abituati in Italia: infatti non comprano spesso fiori o fanno molti complimenti sdolcinati, e non è raro dividere i conti quando si va a cena fuori. Però se la fidanzata rientra alticcia da una serata con amiche, l’uomo le va incontro per aiutarla a tornare a casa, senza biasimarla per aver alzato un po’ il gomito. Nelle fredde mattine d’inverno in Finlandia, tutti escono di casa prima per pulire l’auto dalla neve e dal ghiaccio. L’uomo finlandese romantico, si alza ancora prima e gratta via anche il ghiaccio della macchina della sua compagna: l’uomo finlandese è romantico nel senso pratico. Aiuta la compagna, senza dirlo, senza aspettarsi un “grazie”, un bacio, una forma di riconoscimento come ci aspettiamo sempre noi italiani.

Le attività degli uomini finlandesi

Gli uomini finlandesi amano generalemente fare attività fra di loro e coltivano molti hobby, anche estremi. Sono popolari i fine settimana nel cottage, andando in sauna, grigliando e bevendo birra. Anche le uscite in barca per pescare o le battute di caccia sono diffuse. Gli uomini finlandesi amano costruire e aggiustare oggetti da soli, piuttosto che andarli a comprare già pronti. Infine spesso quando vogliono fare baldoria e ubriacarsi, preferiscono cominciare la serata solo con altri uomini piuttosto che in compagnie miste.

La convivenza dell’uomo finlandese con gli stranieri

A parte alcuni casi rari, è molto difficile che un uomo finlandese diventi il vostro migliore amico. Le differenze culturali sono tante, ma se queste differenze possono essere fonte di curiosità ed attrazione verso la donna finlandese, con l’uomo finlandese sono spesso ostacoli molto ardui da superare o l’inizio di amicizie un po’ superficiali. Una di queste è ad esempio che l’uomo finlandese non è pro-attivo nei rapporti d’amicizia. Non chiamano al telefono per fare due chiacchiere e magari vedersi solo per un caffè. Sono spesso molto impegnati nei loro progetti e con i loro gruppi di amici di tutta una vita e new entry non sono ammesse molto facilmente. Come succede in molte altri parti del mondo, la più grande barriera é probabilmente la lingua finlandese. Per molti finlandesi parlare inglese richiede uno sforzo a cui non sempre hanno voglia di sottoporsi, se non strettamente necessario. Dovrete essere voi a imparare la lingua della nazione per poter partecipare a discussioni più profonde o capire le battute e le allusioni verbali. Non è facile ma neanche impossibile .

Scherzosamente si dice che gli uomini finlandesi abbiano solo quattro tipi di acconciatura: 

  1. Capelli modello “lungo” (amante del rock-metal)
  2. Capelli modello “impiegato-della-Nokia” (che possono diventare modello “io-sono-diverso-dalla-massa” con appena un po’ di gel)
  3. Capelli rasati a zero modello “da duro”
  4. Capelli lunghi solo da una parte, modello “alla svedese”

I Finlandesi

I Finlandesi: timidi, organizzati e silenziosi. Pro e contro

I Finlandesi e il loro carattere sono profondamente influenzati dal territorio: un Paese nel profondo Nord Europa formato per lo più da fitte foreste e silenziose distese. GuidaFinlandia vi farà scoprire come sono davvero i Finlandesi.
Nessuno che urla o interrompe quando si parla… ecco come comunicare con i Finlandesi!

Alcuni Finlandesi aspettano il bus

Con il termine “Finlandesi” (suomalaiset in finlandese, finländare in svedese) consideriamo gli abitanti e i nativi della Finlandia.

A seconda dell’area geografica, i Finlandesi si caratterizzano in base ai caratteri culturali e dialettali. I dialetti finlandesi sono tutti estremamente simili l’uno all’altro, al contrario dei dialetti italiani. Similmente anche le diverse regioni non presentano grosse differenze sul piano culturale. Solo all’estremo Nord, in Lapponia, il popolo Sami ha caratteri molto peculiari, una cultura e una lingua propria ben riconosciute e addirittura una propria bandiera.

I Finlandesi non sono di solito molto alti e i visi hanno caratteri specifici, come occhi allungati, zigomi sporgenti, naso piccolo, labbra sottili e capelli biondo cenere.

La questione della lingua

I Finlandesi sono poco più di cinque milioni, ma in Finlandia ci sono due lingue ufficiali: il finlandese (o finnico) e lo svedese. Il finlandese è parlato come prima lingua da più del 92% della popolazione, mentre lo svedese da una minoranza del 6%, concentrata maggiormente nella zona occidentale della Finlandia.

Nonostante le differenze linguistiche e in parte culturali, la maggior parte dei Finlandesi di lingua svedese (suomenruotsalaiset in finnico, finlandssvenskar in svedese) si sente “finlandese” allo stesso modo di coloro che parlano finnico.

L’uomo e la donna finlandese

L’uomo finlandese è onesto, calmo, amante delle cose semplici e molto affidabile. Di solito gli uomini finlandesi sono molto timidi, ma si sciolgono facilmente con qualche bicchierino. Generalmente non sono eccessivamente ambiziosi e amano stare a contatto con la natura.

In Finlandia sono le donne che generalmente hanno un ruolo principale in famiglia: sono loro che prendono le decisioni importanti e gestiscono anche le piccole cose della vita di tutti i giorni.

La donna finlandese è forte, indipendente e determinata. In Finlandia le donne hanno avuto il diritto di voto già nel 1906 (prima volta nel mondo) e anche le più importanti cariche di Stato sono state ricoperte da donne, come Tarja Halonen, Presidente della Repubblica, che ha avuto ben due mandati, e il Primo Ministro Mari Kiviniemi. La donna finlandese è emancipata e moderatamente femminista: è un fatto naturale che le donne abbiano gli stessi diritti degli uomini e non c’è bisogno di proclamarlo. Poiché siete Italiani con voi la donna finlandese potrebbe fare un’eccezione e sottolinearlo, soprattutto durante i primi incontri e per mettere le cose in chiaro fin da subito.

Il carattere e i comportamenti dei Finlandesi

Una delle caratteristiche più emblematiche dei Finlandesi è l’indipendenza. Basta pensare che i ragazzi vanno a vivere da soli attorno i 18 anni di età, persino se il lavoro o lo studio li costringano nella stessa città dei genitori. Vivere da soli è un aspetto culturale, che per le mamme italiane potrebbe essere assolutamente uno shock culturale. Questa indipendenza viene inculcata già dall’infanzia, quando i bambini finlandesi sono lasciati molto liberi, sia nelle ore di gioco che nelle cose di tutti i giorni.

L’indipendenza, unita alla tendenza a risolvere i problemi comunque da soli, porta a trascorrere molto tempo lontano dagli altri. Quando questo atteggiamento è accentuato, unito ad un carattere magari timido e introverso, può portare a soffrire di solitudine. In soggetti non molto forti ciò può sfociare anche in depressione profonda, specie nel lungo e buio inverno. Questo è uno dei problemi in Finlandia.

I Finlandesi sono tradizionalmente introversi, timidi, sinceri e riservati, forse perché abituati da generazioni a stare soli molto tempo nelle sterminate foreste della Finlandia. Per questo è abbastanza difficile entrare in confidenza con loro, ma quando un Finlandese sarà vostro amico, lo sarà per sempre.

Una virtù peculiare dei Finlandesi è la sisu.Questo termine si può tradurre in italiano come determinazione, perseveranza, ma non è comunque esaustivo. Stando ad un articolo del New York Times, la sisu è la “parola preferita dei finlandesi” e “la più bella di tutte le parole finlandesi”. Sisu è la capacità che hanno i Finlandesi – soprattutto quelli che vivono lontano dai centri urbani – di portare una cosa a termine indipendentemente da ciò che accade. Questa caratteristica ha in sé anche un po’ di testardaggine, di finire comunque ciò che è stato cominciato, seppur magari ci si accorga che quella non sia la soluzione ideale. I Finlandesi sono di solito abbastanza testardi.

La Finlandia è una nazione all’avanguardia, molto efficiente e con una burocrazia snella e veloce. Questo aspetto è merito dei Finlandesi, che sono estremamente ligi nel rispetto delle regole, persino se a volte non le condividano appieno. Questo rispetto quasi maniacale delle regole porta i Finlandesi a non essere molto critici e flessibili, rimanendo quindi rigidi nelle proprie posizioni e stimolando poco la loro fantasia. Il rispetto delle regole è anche rispetto degli orari: i Finlandesi sono molto puntuali, persino per gli appuntamenti informali e per le feste.

L’onestà è un punto di forza dei Finlandesi, visibile nel fatto che la Finlandia ha un tasso di corruzione tra i più bassi al mondo. I Finlandesi sono estremamente onesti, sia per un aspetto culturale che per il sistema finlandese che rende difficilissimo “fare i furbi”.

La comunicazione in Finlandia

I Finlandesi comunicano in maniera differente dai popoli mediterranei. Innanzitutto usano un tono di voce basso e quasi costante, monotono, e non sono usi gesticolare. E’ molto difficile che i Finlandesi alzino la voce persino durante un litigio.

La distanza tra gli interlocutori è una cosa che salta subito all’occhio dello straniero, e conviene tenerla presente e rispettarla quando parlate con qualche Finlandese. Molti si trovano persino a disagio quando qualcuno invade il proprio spazio vitale durante una conversazione. Una comunicazione troppo “teatrale”, condotta con un tono di voce un po’ alto e troppo gesticolare potrebbe intimorire chi vi ascolta, che perderà attenzione in ciò che state dicendo.

I Finlandesi sanno ascoltare: non verrete interrotti mentre parlate, il vostro interlocutore finlandese starà in silenzio e aspetterà che abbiate finito per prendere la parola. E’ considerato scortese interrompere qualcuno durante un discorso, per cui evitate di farlo.

I Finlandesi comunicano in maniera concisa e diretta, non girano tanto attorno alle parole. In generale aspettano prima di dare commenti negativi, forse per la scarsa capacità di dire le cose in “maniera diplomatica”.

Secondo un trattato del 2002 del prof. Niskanen dell’Università di Oulu, i Finlandesi e i Sami sono i popoli più vicini all’Uomo di Cro-Magnon per quanto riguarda l’antropologia fisica.

Shock culturale in Finlandia

Visitare la Finlandia può provocare un vero e proprio shock culturale

La Finlandia è lontanissima dall’Italia, non solo geograficamente, ma anche culturalmente. Alcune abitudini dei Finlandesi vi stupiranno a tal punto da farvi rimanere a bocca aperta.

Niente baci! In Finlandia si saluta con una stretta di mano!

Se non c'è nessuno in cassa...basta prendere quello che volete e lasciare i soldi sul tavolo :)

I Finlandesi, seppur colonizzati prima dagli Svedesi e poi dai Russi, hanno delle abitudini molto diverse da entrambi questi popoli. E abitudini e tradizioni completamente diverse da noi Italiani. A seguire è descritto un ipotetico viaggio che può fare un nuovo arrivato in Finlandia… e scoprire tutto ciò che è differente!

L’arrivo in Finlandia

Appena arrivati in Finlandia vi sembrerà che l’aeroporto sia deserto ma vi renderete presto conto che i Finlandesi chiacchierano in modo meno rumoroso e apprezzano molto il silenzio.

Ed ovviamente i Finlandesi chiacchierano in finnico, lingua ostica e poco comprensibile, dotata di 15 casi con pochissime parole simili all’inglese o a nessun’altra lingua da noi conosciuta. Noterete forse che in giro è tutto scritto in due lingue: finlandese e svedese. La Finlandia ha infatti due lingue ufficiali.

Noterete subito che in Finlandia abbondano reti wi-fi non protette: è possibile collegarsi ad internet gratuitamente quasi ovunque.

E a qualunque ora del giorno siete arrivati noterete anche che qualche finlandese seduto al bar sta bevendo una birra. Prendere un caffè costa poco meno. In Finlandia i prezzi sono alti.

Verso il centro

Prendiamo l’autobus e andiamo al centro. Abituati agli orari italiani vi accorgerete che se l’autobus è previsto per le 12:21 arriverà alle 12:21. Niente scuse, i Finlandesi sono puntuali e due minuti di ritardo sono gravi ma tollerati, cinque minuti non sono molto ben visti e dieci minuti, beh…avete sbagliato nazione.

In Finlandia i contanti si usano molto poco: il Paese è tecnologicamente avanzato e perfino sull’autobus della Finnair che collega Helsinki all’aeroporto è possibile pagare il biglietto anche con carta di credito.

La Finlandia è un paese molto pulito: non ci sono cartacce per strada (tranne il sabato notte) e il traffico è scorrevole. In giro è pieno di gente in bicicletta -persino d’inverno con la neve e venti gradi sotto zero- e l’intero territorio nazionale è percorso da piste ciclabili. Anche i disabili possono muoversi in libertà, perché qui le barriere architettoniche sono inesistenti o ridotte al minimo.

Seppur non si veda nessuna macchina nel raggio di un chilometro, molti Finlandesi aspettano comunque il verde per attraversare la strada. In Finlandia il rispetto per le regole è rigoroso e così maniacale che può significare scarsa flessibilità. I Finlandesi sono abituati alle regole e, fin da bambini, viene loro insegnato a rispettarle: se vi capita di imbattervi in una scuola elementare per strada noterete che tutti i bambini indossano gilet catarifrangenti e sono tutti in fila ordinatamente per due, per mano, con una maestra davanti, una in mezzo e una dietro. All’occhio del turista potrebbero sembrare dei soldatini inquadrati in una truppa.

In base alla stagione potreste venire accolti con molti sorrisi o con sguardi depressi rivolti verso il basso: il finlandese d’estate e il finlandese d’inverno sono infatti due persone completamente diverse.

I Finlandesi sono persone educate e rispettose. Fanno la fila ordinatamente in qualunque situazione, ma se per caso vi urtano per strada, per sbaglio, di solito non si girano per chiedervi scusa… forse abituati alle partite di hockey su ghiaccio.

I ristoranti in Finlandia

Vi è venuta fame e magari volete andare in pizzeria perché sentite nostalgia di casa. Pizza in finnico si dice pitsa. Ovviamente non potete aspettarvi la stessa pizza che gustate in Italia, questa è un’altra cosa! A partire dalla preparazione, alla consistenza e all’innumerevole quantità di ingredienti che ci mettono sopra.

Non consigliamo quindi di prendere la pizza, magari provate qualche piatto di carne o pesce, servito sempre con una salsa e le immancabili patate. Potete però mangiare in qualunque momento del giorno: i ristoranti in Finlandia sono aperti dalle 10 fino alle 22.

Dopo mangiato non c’è niente di meglio di un buon caffè. In Finlandia il caffè è tipo americano, molto lungo servito in una grande tazza, quindi non ha molto a che vedere con il caffè italiano! Approfittate per dirlo ai vostri vicini di tavolo e fate amicizia. I Finlandesi sono curiosi e vi chiederanno subito per quale motivo siete venuti in vacanza in questo posto così lontano, dove non c’è niente da vedere. I Finlandesi sono modesti ma fate un piccolo complimento alla loro Finlandia e vi ameranno per sempre.

Arrivati al momento del conto, anche in una tavolata da 20 persone, la magia finlandese. I conti sono tutti separati: a ognuno arriverá il conto a seconda di ciò che ha preso. E potrete persiono dividere il prezzo di una bottiglia di vino. Non sentitevi obbligati ad offrire alle ragazze: in Finlandia non è di uso comune e alcune donne potrebbero addirittura offendersi. I Finlandesi vanno via senza salutare. Quando si è fatto tardi, si alzano e vanno via, salutando solo quelli seduti vicino a loro.

La casa finlandese

In una casa finlandese ci sono spesso due porte di ingresso (generalmente non blindate), la seconda con la funzione di isolante acustico e termico. Le case finlandesi sono molto calde anche d’inverno e non si sente sovente qualche vicino cantare o litigare.

Appena entrati dovete togliervi le scarpe: come in Giappone qui in Finlandia si gira per casa scalzi o con i calzini. Ma non vi preoccupate, i pavimenti sono caldi.

Se dovete dormire d’estate in una casa finlandese non dimenticare di portare una mascherina per gli occhi. Infatti di notte non fa mai veramente buio e potreste avere problemi di insonnia. Generalmente, in una normale casa finlandese non ci sono tapparelle. I Finlandesi amano la luce, e quella poca che hanno durante l’estate vogliono godersela tutta. E se verso le quattro di mattina sentite dei rumori provenienti dalla porta non vi preoccupate, non sono i ladri: qui in Finlandia il giornale viene recapitato direttamente dentro casa prima dell’alba!

Se vi siete offerti di cucinare qualcosa per i vostri ospiti ricordate che l’olio d’oliva, che per noi Italiani è una cosa scontata, è una prelibatezza in Finlandia. In una cucina finlandese infatti troverete molto più facilmente l’olio di colza (rypsiöljy), che vi verrà spacciato come alternativa più salutare rispetto all’olio d’oliva. Di solito non ci sono fornelli a gas: in Finlandia si usano le piastre elettriche. E non scandalizzatevi se i Finlandesi a tavola bevono il latte anche a pranzo, e non un quartino di vino rosso… paese che vai, usanza che trovi.

Un’altra particolarità delle case finlandesi: qui non ci si affaccia mai dalla finestra. Anche perché spesso le finestre si aprono solo quanto basta per far circolare l’aria. E solo in casi straordinari, quando si devono pulire, vengono spalancate.

Dove buttare la spazzatura? Non ci sono i bidoni per le strade ma non portate la spazzatura in giro per la città. La spazzatura si butta sotto casa: ogni condominio ha un punto di raccolta, con i vari bidoni per differenziare i rifiuti.

Il bagno finlandese

Nei bagni finlandesi non c’è il bidet. E per noi Italiani questo è uno shock. L’unico bagno dotato di bidet in tutta la Finlandia è quello della casa-museo dell’ex Presidente della Repubblica Urho Kaleva Kekkonen. Ovviamente la presenza del bidet non ha influito sulla decisione di trasformare l’abitazione privata in un museo. Al posto del bidet i Finlandesi usano una specie di doccetta, collegata al lavandino, che è possibile quindi utilizzare senza muoversi dal gabinetto.

Nei bagni finlandesi le docce sono prive di box e persino di piatto: l’acqua scorre libera bagnando tutto il pavimento per andare a raccogliersi in uno scarico posto solitamente sotto il lavandino. Insomma, niente più paura di sgocciolare in giro.

Al parco e sul ghiaccio

E’ molto bello in Finlandia passare il tempo nei numerosi parchi, che sono curati e puliti. Chiaramente in base alla stagione troverete un paesaggio completamente diverso ma sicuramente vi stupirà che qui le ragazze girano da sole, anche di notte, perché la Finlandia è un paese molto sicuro. E’ così sicuro che anche gli animali si fidano degli uomini. In alcuni luoghi molto popolari, come Seurasaari a Helsinki, gli scoiattoli, vi assaliranno amorevolmente salendo dalle gambe fino alle spalle in cerca di qualche nocciola. Anche i conigli abbondano, ma generalmente non si avvicinano alle persone. Ricordate però di portare dell’acqua con voi perché in Finlandia non ci sono fontanelle né nei parchi né per strada.

D’estate i Finlandesi sono sempre fuori, al parco, appena c’è un po’ di sole. Picnic nascono in ogni angolo delle città e l’alcol scorre a fiumi. I Finlandesi bevono molto, d’estate e d’inverno. Nel fine settimana sono spesso ubriachi e non vi sarà difficile fare nuove amicizie. E ovviamente vi renderete conto presto che non è praticamente mai notte durante l’estate visto che in Finlandia si verifica il fenomeno del sole di mezzanotte.

D’inverno, i 25 gradi sotto zero potrebbero essere uno shock. Ma uno shock più grande è il fatto che anche con queste temperature i Finlandesi fanno un buco nel ghiaccio e vanno a fare il bagno. Il mare si ghiaccia qui in Finlandia e durante le giornate invernali di sole tutti vanno a fare una passeggiata sul Mar Baltico, persino andando a piedi fino alle isole più vicine.

I vostri amici finlandesi

Avete iniziato a fare amicizia e avrete imparato già alcune parole finlandesi. Katso mertä è la frase di cui i Finlandesi si vantano di più con gli italiani. In finnico vuol dire “guarda il mare”. Si dice che questa frase sia stata pronunciata dalla mamma finlandese di Anna Falchi su una spiaggia italiana, scatenando lo stupore dei bagnanti e l’imbarazzo della povera Anna.

Scoprirete presto che i Finlandesi non vivono con i genitori: tra i 16 e i 19 anni vanno tutti via di casa, per studiare o per lavorare. Uno dei motivi principali di questa scelta sono i sussidi allo studio e i vari sconti che permettono ai giovani di poter lasciare il tetto familiare senza doversi preoccupare eccessivamente. C’è comunque da dire che in generale per tutti i giovani finlandesi, anche per quelli che hanno deciso di non continuare gli studi dopo le superiori, l’indipendenza personale e la voglia di iniziare a vivere una vita “adulta” sono degli stimoli fortissimi, molto più che per quelli italiani. Gli studenti si riconoscono perché in diverse occasioni festive indossano l’halaari, una specie di tuta integrale, di un colore diverso in base alla facoltà di provenienza. In Finlandia le facoltà universitarie sono dotate di laboratori e sale studio accessibili 24 ore al giorno.

La sauna e la vodka

Scoprirete anche che in due occasioni i Finlandesi diventano ospitali: quando si tratta di farvi assaggiare la koskenkorva e quando scoprono che non siete mai stati in sauna.

La koskenkorva (o kossu) è una tipica acquavite finlandese con gradazione alcolica che varia da 40 a 60 gradi. I Finlandesi vi offriranno subito un bicchiere per vedere la vostra faccia contrariata. Amano dimostrare come per loro, la koskenkorva, non è né più né meno di un bicchiere d’acqua.

Per quanto riguarda la vostra prima sauna, se siete uomini, succederà questo. Beh, intanto in Finlandia ci sono milioni di saune: è stata inventata qui, i Finlandesi la adorano e non possono farne a meno. In una stanza con pareti di legno delle pietre vengono riscaldate e la temperatura raggiunge i 100 gradi. Ecco…la temperatura. Se è la vostra prima sauna e i Finlandesi faranno salire la temperatura così tanto da farvi uscire per farvi vedere come loro non hanno problemi a tollerare il calore della sauna e voi siete delle femminucce….ma da quel momento in poi siete benvenuti nel club. Diciamo che questo è un po’ un rito di iniziazione per guadagnare la fiducia del maschio finlandese. Il maschio finlandese che è solitamente taciturno ma in occasioni come queste, aiutato dall’alcool, parla senza sosta.

Finita la sauna si fa una doccia e anche qui shock, i Finlandesi non usano le ciabatte. Non le usano neanche nelle piscine pubbliche, così come non usano la cuffia. Altra cosa che non usano è l’asciugacapelli: anche in pieno inverno qui si esce con i capelli umidi.

La vita notturna in Finlandia

Abbiamo già detto che i Finlandesi bevono molto. Vale la pena ripeterlo. I Finlandesi bevono molto: uomini, donne, giovani, anziani. Soprattutto la sera i Finlandesi si scatenano e bere oltre le quattro birre non è un problema.

I Finlandesi come i giapponesi amano il karaoke e se avete la fortuna (o sfortuna) di visitarne uno scoprirete che il pezzo di Toto Cutugno, L’Italiano, è uno dei cavalli di battaglia dei Finlandesi. Solo che la canzone è stata tradotta in Olen suomalainen (Sono finlandese) e solo la melodia rimane la stessa. Certo, se sapete le parole dell’originale, potete sempre cantarla in italiano e farete la vostra bella figura. Semplicemente non fate apprezzamenti su Berlusconi, perché qui non è ben visto, dopo che ha insultato più volte la Finlandia e Tarja Halonen, il Presidente della Repubblica.

Altro piccolo particolare: i Finlandesi sputano, soprattutto i giovani. Ritrovatevi a parlare fuori da un locale con un gruppo di Finlandesi e noterete che sia gli uomini che le donne non si fanno problemi a sputare per terra tra un tiro di sigaretta e l’altro. E più sono giovani e più sputano.

I bambini finlandesi

I bambini finlandesi possono sporcarsi. Al parco vedrete bambini sporchi, pieni di fango ovunque. Le mamme li lasciano giocare, sarà la lavatrice a prendersi cura delle loro tutine integrali (chiamate per l’appunto kuravaatteet, ovvero vestiti per il fango). La nazione è piena di parchi giochi per bambini, anche nel centro di città come Helsinki. E i bambini possono giocare liberamente e usare giocattoli come ruspe, palette e secchielli ad uso pubblico. Nessuno porta via niente. I giocattoli rimangono lì affinchè tutti possano giocarci. A scuola i bambini escono tutti i giorni, con qualsiasi tipo di tempo, tranne quando piova a dirotto o con temperature sotto i -20.

I treni in Finlandia

Anche nei treni a lunga percorrenza ci sono reparti per bambini. Insomma, i genitori possono rilassarsi mentre i bambini giocano.

Parlando di treni vi stupirà che ci sono almeno venti tipi di posti differenti. Ovviamente i posti di prima e seconda classe, a cui si aggiungono il posto per allergici, vagoni dedicati a chi ha animali, posti per il computer con presa elettrica, cabine per poter telefonare senza essere disturbati e senza disturbare (il silenzio e la riservatezza in Finlandia sono apprezzate moltissimo)…e una puntualità che spacca il secondo.

I Finlandesi sono abituati a vedere gente per terra ubriaca. Per cui non rimanete di sasso se vedete gente che tira dritto senza prestare soccorso ad una persona che giace a terra in stato di incoscienza.

Vivere in Finlandia

Vivere in Finlandia, uno stile di vita davvero speciale

Per un Italiano può risultare difficile capire lo stile di vita finlandese. Un popolo che cammina sempre di fretta, a volte silenzioso, a volte chiacchierone. Un clima a volte mite e accogliente altre volte terribilmente freddo, con i Finlandesi che si adattano velocemente e con cambiamenti radicali.

Alcuni suggerimenti per capire come si vive davvero in Finlandia, da veri Finlandesi

Vivere in Finlandia - il lungo e freddo inverno finlandese

La vita in Finlandia durante l’anno

La vita in Finlandia durante l’estate è molto piacevole. La gente è sorridente e il clima mite e non afoso. Tutti appena possono vanno nei parchi organizzando pic-nic. Le biciclette sono le padrone delle strade e l’intera nazione è animata da un’energia unica.

Durante l’inverno finlandese, quando la temperatura scende fino a meno -30 gradi sotto lo zero e il sole non si vede mai per diversi giorni, i Finlandesi diventano più cupi. Il freddo non permette di passare molte ore all’aperto e i Finlandesi sono a casa o nei pub. Ma non appena il sole fa capolino, anche per alcune ore, i Finlandesi sono tutti fuori a passeggiare magari sul mar Baltico o sui numerosi laghi, che in pieno inverno normalmente ghiacciano.

Come sono i Finlandesi?

I Finlandesi sono un popolo indipendente. In Finlandia si va a vivere da soli molto presto, solitamente tra i 16 e i 20 anni. I Finlandesi sono onesti, puntuali e anche curiosi. Il loro silenzio potrebbe spaventarvi all’inizio, ma con il tempo, e qualche bicchiere, ogni finlandese si scioglie e condivide con voi un po’ della sua vita.

L’uomo finlandese è più taciturno se confrontato con la donna finlandese. A volte sono le stesse Finlandesi che si lamentano di questo comportamento. E’ difficile far aprire un uomo finlandese: è quasi impossibile che vi parlino dei loro sentimenti o delle loro situazioni personali. D’altro canto, se riusciste a fare amicizia con un finlandese, avrete un amico leale, disponibile e per sempre.

La Finlandia può essere vista come una nazione governata dalle donne. In Finlandia il suffragio universale è stato introdotto nel 1906, le donne votavano 40 anni prima rispetto all’Italia. Addirittura nel 2003 per alcuni mesi sia la carica di Presidente della Repubblica (Tarja Halonen) che quella di Primo Ministro (Mari Kiviniemi) sono state occupate da donne.

In Finlandia c’è molta attenzione per i bambini. Ci sono molte strutture dedicate alla ricreazione e all’educazione dei bambini. Inoltre, visto l’alto tasso di divorzi, viene posta molta attenzione ai genitori single, sia con aiuti finanziari che sociali. E’ inoltre pratica diffusa che il padre si alterni con la madre a casa in “paternità”, supportando la famiglia.

Storicamente, la Finlandia è stata dominata prima dalla Svezia poi dalla Russia, e ciò ha segnato questa nazione. Un segno profondo è visibile ancora oggi: in Finlandia lo svedese è lingua ufficiale riconosciuta dalla Costituzione e il 5% della popolazione parla svedese come prima lingua specialmente nella zona Ovest della Finlandia, l’Ostrobotnia.

Depressione, suicidio e carattere dei Finlandesi

Purtroppo la Finlandia è tristemente conosciuta per la depressione dei suoi abitanti e l’alto tasso di suicidi. E’ molto facile reperire anti-depressivi in farmacia: i medici li prescrivono abbastanza facilmente. Sicuramente è vero che i Finlandesi non sono generalmente gioviali come noi italiani, ed è vero che durante il lungo freddo e buio inverno sono tendenzialmente cupi, ma la situazione rispetto a 40 anni fa è cambiata: la Finlandia non detiene più il primato del più alto tasso di suicidi nel mondo, anzi, è stata sorpassata da Nazioni come il Belgio.

Qualcosa che però è rimasto intatto è un tratto della personalità dei Finlandesi: la perseveranza, la grinta, che qui viene riassunta sotto il nome di sisu. Se un finlandese ha in mente di fare qualcosa e inizia il lavoro deve portarlo fino alla fine. A volte la poca flessibilità e la testardaggine portano questo aspetto dei Finlandesi all’eccesso.

L’istruzione in Finlandia

Studiare in Finlandia è gratis. Le università sono a numero chiuso ma una volta entrati si ha diritto ad una serie di vantaggi impensabili per noi italiani. Si riceve uno stipendio mensile di circa 500 €, un alloggio scontato e sconti per moltissimi servizi, come il treno a metà prezzo.Qui le biblioteche universitarie sono accessibili 24 ore su 24, e non è raro per gli studenti finlandesi andare a studiare all’università anche a notte fonda.

La famiglia finlandese

La famiglia finlandese è differente da quella italiana. In Finlandia quando i figli vanno via di casa, molto presto, il rapporto economico in qualche modo si interrompe. Per studiare i giovani finlandesi chiedono prestiti alle banche (opintotuki) e non sono i genitori a supportare la loro carriera. Sono prestiti agevolati che alla fine degli studi andranno restituiti, a tasso zero. Ma certo questa è una grandissima differenza con il sistema italiano: studenti universitari mantenuti di solito dai genitori.

Nelle famiglie finlandesi entrambi i genitori lavorano e i figli vengono accuditi da entrambi. Entrambi i genitori partecipano alle attività domestiche: l’eguaglianza tra i sessi è assoluta.

La casa finlandese

La casa finlandese è calda, sia d’estate che d’inverno. Ci si toglie le scarpe appena entrati e si può fare molto rumore visto che l’isolamento sia termico che acustico è buono. In cucina i finlandesi non sono portati e tra i giovani vanno di moda sughi e piatti già pronti o magari surgelati. Al bagno manca il bidet ma la doccia è meravigliosa: l’acqua calda è disponibile immediatamente, grazie ai sistemi centralizzati e al vasto uso del teleriscaldamanto.

Ricordate che di solito non ci sono di solito citofoni, quindi è bene far sapere in anticipo se state per visitare qualcuno, ed essere puntuali per farvi aprire il portone.

Mangiare in Finlandia

La gastronomia finlandese è molto lontana da quella italiana, ma sorprenderà la varietà di prelibatezze che si possono gustare. Certo, si mangia ad orari parecchio anticipati rispetto alle abitudini italiane. Per esempio non è raro che alle 17 una famiglia finlandese abbia già cenato. E non è raro che i giovani si incontrino al bar alle 18 per iniziare la serata senza andare a cena. Fra l’altro cenare fuori costa molto più che in Italia!

Diversamente dall’Italia, gli orari dei pasti soprattutto tra i più giovani non sono così rigorosi, e infatti troverete sempre gente nei ristoranti a qualsiasi ora, specialmente a Helsinki.

Feste e Tradizioni

Le principali feste e tradizioni finlandesi non sono solamente legate alla religione. Oltre al Natale e la Pasqua, le feste nazionali sono legate alla storia finlandese, alle vittorie militari e alla celebrazione degli eroi nazionali.

Tra le feste più sentite, ricordiamo vappu, festa del Primo Maggio, e juhannus, celebrata alla fine di giugno. A vappu tutti indossano il tipico cappello bianco (lakki in finnico), che si riceve al conseguimento del diploma di maturità, e si riversano nei parchi per fare un grande pic-nic. Nel periodo di juhannus, che è anche la festa della luce, è possibile ammirare in Finlandia il fenomeno del sole di mezzanotte, con il sole che non tramonta mai e le giornate che durano 24 ore.

Altra festa molto sentita qui in Finlandia è la festa della mamma, che si festeggia la seconda domenica di maggio. Come per le feste militari e di identità nazionale, durante la festa della mamma lungo le strade delle città viene esposta la bandiera della Finlandia. Le madri ricevono regali e attenzioni particolari dagli altri membri della famiglia.

La Sauna

La sauna è tradizionlamente molto in voga in Finlandia e i Finlandesi ci vanno spesso. La temperatura intorno ai 100 gradi aiuta a scaldarsi dopo una giornata passata al freddo, e a rilassarsi. D’estate i Finlandesi amano fare la sauna nei pressi di un lago o del mare, avendo la possibilità di alternare quindi la sensazione di caldo con un bel bagno rinfrescante. Bagno che spesso viene fatto anche d’inverno in un buco scavato nel ghiaccio: il cosiddetto avanto.

 I Finlandesi nel tempo libero

I Finlandesi amano lo sport e la natura. Sono amanti del trekking e della vita all’aria aperta. Infatti amano passare weekend o addirittura intere settimane nei loro cottage (mökki) in riva al lago, dove vanno in sauna, pescano e fanno passeggiate in mezzo alla foresta.

Altro aspetto è che amano uscire la sera e ballare. E insieme ai giapponesi sono tra i paesi più amanti del karaoke. I Finlandesi cantano, tutta la notte, classici del passato e hit del momento. Olen Suomalainen, cover de l’Italiano di Toto Cutugno, è uno dei pezzi più amati e popolari.

La vita notturna in Finlandia

La vita notturna è molto attiva. Molti sono i concerti dal vivo e le opportunità di svago. Solitamente l’ingresso nei locali è gratuito, o a prezzi accessibili, ma le consumazioni sono più care rispetto all’Italia. La gente comincia ad affollare bar e pub a partire dalle 18. I locali chiudono alle 3:30 di mattina, ma spesso la festa continua a casa di qualcuno o al parco. Insomma, finché c’è qualcosa da bere i Finlandesi non si tirano indietro!

Da notare che se non si sono compiuti i 18 anni in Finlandia non si può entrare praticamente in nessun locale. Dopo le 18 non ci sono bar accessibili ai minorenni e molte discoteche hanno il limite di età anche a partire da 24 anni. Non dimenticate un documento d’identità!

Alcol e droga in Finlandia

Aspetto costante di tutte le feste è l’alcol, di cui i Finlandesi fanno abbondante consumo, seppur gli alcolici non siano così a buon mercato. L’unico mese in cui i Finlandesi bevono meno è Gennaio, chiamato tipaton. In questo mese i Finlandesi sono usi “depurarsi” dopo il periodo natalizio costellato dalle feste prenatalizie (pikkujoulut) e Capodanno, quando il consumo di alcool è ai massimi livelli.

Le droghe invece sono consumate pochissimo. Per un finlandese medio, il consumo di droghe leggere non è molto differente dal consumo di droghe pesanti. Sono tutte droghe e sono tutte viste malissimo dalla società. In Finlandia anche uno spinello può farti perdere il posto di lavoro per sempre. Parlare del consumo di droghe leggere è quasi un tabù, al contrario dell’Italia.

La Finlandia e gli stranieri

I rapporti con i Paesi confinanti, siano Russi, Svedesi o Estoni, è molto diverso e riflette gli eventi storici.

I Russi sono gli “eterni nemici”. Nonostante la guerra sia finita molti anni fa i Finlandesi sono ancora in guardia perché la Russia potrebbe sempre provare ad invaderli e gli sconfinamenti dello spazio aereo sono sempre mal visti dalla Finlandia, che come nazione si aspetta sempre una risposta politica severa.

Gli Svedesi sono gli “eterni vincitori”. Per la Finlandia è più importante vincere contro la Svezia che vincere il primo posto. Un classico esempio sono le partite di hockey su ghiaccio, sport nazionale finlandese, giocate contro la Svezia, particolarmente sentite dai Finlandesi.

Gli Estoni sono visti come dei “fratellastri”, forse per la somiglianza delle due lingue. Paragonati con gli Estoni, i Finlandesi possono sentirsi a volte “superiori” e i loro viaggi a Tallinn si limitano solo ad escursioni per acquistare alcool a buon prezzo e fare shopping a prezzi convenienti rispetto alla Finlandia.

Il rapporto con gli altri stranieri è diversificato: da una parte i Finlandesi sono chiusi e si assiste a volte ad episodi di razzismo, specialmente nei piccoli villaggi. Dall’altra, i Finlandesi sono molto curiosi, parecchi viaggianotanto e parlano inglese in maniera fluente. Molti Finlandesi hanno una vera e propria sete di conoscenza verso l’estero e gli stranieri sono molto popolari.

Il solo essere italiani può darvi quell’esoticità e carattere in più rispetto a tutti i Finlandesi. Quindi il rapporto con noi italiani è generalmente positivo, anche se i Finlandesi odiano Berlusconi, a causa di esternazioni sulla cucina finlandese e anche su Tarja Halonen, quando era Presidente della Repubblica.

I Finlandesi e l’alcool

I Finlandesi sono un popolo che ha due facce. Quella sobria e quella non.

Non è uno stereotipo: ai Finlandesi piace bere. Un popolo piuttosto chiuso e silenzioso che però diventa rumoroso, aperto e fin troppo chiaccherone ogni volta che si stappa una bottiglia.
Il famoso metro quadrato di spazio vitale finlandese scompare dinanzi alla forza dell’alcool.

L'alcol in Finlandia
I Finlandesi, amanti del silenzio, si trasformano grazie all’alcool.

Il consumo di alcool è proibito al di sotto dei 18 anni di età, ma questo non ferma orde di adolescenti dal mandare amici o fratelli maggiorenni al supermercato o all’Alko locale per comprare i “rifornimenti” per la serata.

I Finlandesi sono soliti iniziare le feste molto presto, anche alle 18 al sabato, nelle quali si inizia immediatamente a bere. Verso le 22, molti Finlandesi sono già ubriachi e per alcuni la serata può finire già a quell’ora. Gli altri continuano in bar e locali, dove sfoggiano abilità sociali tutte nuove, grazie ai beveroni che ricordano la pozione magica di Asterix e Obelix.

Inibizione, timidezza e silenzio vengono sostituiti da balli sui tavoli, abbracci e baci a connazionali e stranieri, urla e conversazioni senza fine.

Il più grosso problema del binomio “Finlandesi e alcool” è sicuramente il fatto che spesso non riescano a controllarsi e a decidere quando smettere. Molti di loro non lascerebbero mai una bottiglia a metà.

In grande contrasto con gli Italiani che spesso bevono un bicchiere di vino a pasto, i Finlandesi non bevono quasi mai alcool durante i pasti tranne che in occasioni speciali, come cene formali o di lavoro. Paradossalmente, durante i pasti, insieme all’acqua i Finlandesi sono soliti bere un bicchiere di latte! Bere in pausa pranzo al lavoro non è generalmente permesso né visto di buon occhio.

Una bottiglia di vino, una volta aperta, si finisce. Questo può derivare anche dal fatto che l’alcool si può acquistare solo nell’Alko, i negozi di alcolici del monopolio di stato, e il prezzo è ben al di sopra della media italiana. Pensate che un lambrusco (2 euro in Italia) viene venduto a partire da 7 euro.

Altra differenza con l’Italia è il fatto che alcuni Finlandesi usino l’alcool come mezzo per abbattere quel velo di timidezza che li caratterizza e diventare più spigliati in situazioni sociali.

Al contrario del Bel Paese, in Finlandia nessuno berrebbe neppure un bicchiere di vino o di birra se è l’autista designato della serata. I Finlandesi sono terrorizzati sia dalla polizia che controlla regolarmente i tassi alcolici dei conducenti, sia dall’eventualità di creare incidenti per colpa di quello che è comunemente considerato come uno dei maggiori problemi della nazione, l’alcolismo.

Cosa bevono i Finlandesi?

Non è vero che i Finlandesi bevono solo vodka. Il popolo finlandese è grande amante della birra, soprattutto nazionale, come la Lapin Kulta, Karhu, Karjala e Koff. Gli shot sono generalmente fisu, una bevanda al sapore di menta piperita, o salmiakki, al sapore di liquirizia.

Le donne preferiscono il vino o il sidro, nei gusti mela e pera. Apprezzati dal popolo femminile anche mix di drink più leggeri come il karpalovodka: la vodka con succo di mirtillo palustre.

Il giorno dopo una bevuta è solitamente il giorno di krapula, termine che indica i “postumi della sbornia”. Durante la krapula i Finlandesi sono soliti riposare sul divano e mangiare pizza e caramelle gommose, ripensando con un certo imbarazzo e rimorso (morkkis) a molte delle cose fatte la sera prima, che non avrebbero mai fatto se sobri.

Mai bere un bicchiere se dovete guidare: per i Finlandesi è sinonimo di irresponsabilità e non sareste visti di buon occhio.