Settembre in Finlandia

Settembre in Finlandia

Settembre, chiamato syyskuu, che vuole appunto dire mese dell’autunno, è un mese piovoso. Gli alberi perdono le foglie e si può ammirare quell’eccezionale spettacolo di colori nelle immense foreste finlandesi chiamato ruska.

Il clima non è ancora rigido e tutta la pioggia che cade fa crescere tantissimi funghi. La Finlandia è famosissima per la quantità di funghi che cresce nei suoi boschi, soprattutto porcini e cantarelli, e raccogliere funghi è una delle attività preferite a Settembre in Finlandia. Troverete ottimi funghi a poco prezzo nei supermercati e nei banchetti dei mercati, venduti al litro e non al chilo.
I mercati sono letteralmente invasi dal genere preferito di funghi qui in Finlandia: i cantarelli.

Il 23 Settembre è l’equinozio d’autunno: il giorno e la notte hanno la stessa durata.

Settembre a Helsinki

Se siete ad Helsinki a Settembre potrebbe piovere spesso: le giornate di sole saranno ormai un ricordo lontano dell’estate. Perché non approfittarne per un giro al parco nazionale di Nuuksio, a meno di un’ora da Helsinki? Potrete ammirare la vera natura finlandese e tornare a casa con un cestino pieno di funghi.

A settembre a Helsinki viene organizzato il celebre Rakkautta & Anarkia (amore e anarchia), un festival cinematografico estremamente popolare.

[include file=/include/calendario.htm]

Registi finlandesi

I fratelli Aki e Mika Kaurismäki non sono gli unici registi finlandesi famosi

Esistono alcuni ottimi registi in Finlandia, le cui opere – raramente giunte in Italia nel circuito della distribuzione nazionale o nel mercato dell’home video – vale la pena recuperare. La stragrande maggioranza dei dvd di film finlandesi è dotata di sottotitoli in inglese, che rendono la fruizione possibile anche a chi non parla il finnico.
Vivere all’ombra di mostri sacri come i Fratelli Kaurismäki non deve essere facile, ma le nuove generazioni di registi finlandesi hanno saputo creare opere molto personali e apprezzate dal pubblico e spesso anche dalla critica.

I fratelli Kaurismäki

Alla domanda “Quali sono i registi finlandesi famosi?”, la risposta è semplice ed univoca: “I fratelli Kaurismäki”. Non si può parlare del cinema finlandese senza nominare i due fratelli Aki e Mika Kaurismäki, che dall’inizio degli anni ’80 sfornano cult movies apprezzati dai cinefili di mezzo mondo, come “Delitto e Castigo”, “Ho affittato un Killer” e “Vita da Bohéme”. I due hanno collaborato per quasi vent’anni, ma negli ultimi dieci anni hanno prodotto diverse pellicole singolarmente.

Il più osannato dalla critica, anche a livello internazionale, è Aki Kaurismäki. Caratteristici nella sua produzione sono i personaggi che si ritrovano all’improvviso ai margini della società, per rovesci di fortuna o per fallimento personale. Le persone dipinte da Aki Kaurismäki parlano poco, e si esprimono utilizzando una forma secca e formale di linguaggio, con dialoghi fatti di frasi brevi e pronunciate rapidamente. In finlandese la lingua parlata è nettamente diversa dalla lingua scritta, e i personaggi di Aki Kaurismäki utilizzano appunto la lingua scritta nelle loro battute, cosa che aumenta la percezione di alienamento dei protagonisti dalla società comune. Tra le sue pellicole la più famosa rimane “L’uomo senza passato” (“Mies vailla menneisyyttä”), vincitore nel 2002 del Gran Premio Speciale della Giuria alla 55ª edizione del Festival di Cannes.

Breve Filmografia di Aki Kaurismaki

Le Havre
Laitakaupungin valot (2006, Le luci della sera)
Mies vailla menneisyyttä (2002, L’uomo senza passato)
Juha (1999)
Kauas pilvet karkaavat (1996, Nuvole in viaggio)
Leningrad Cowboys Meet Moses (1994)
Total Balalaika Show (1994)
Pidä huivista kiinni, Tatjana (1994, Tatjana)
Boheemielämää (1992, Vita da bohème)
I Hired a Contract Killer (1990, Ho affittato un killer)
Tulitikkutehtaan tyttö (1989, La fiammiferaia)
Leningrad Cowboys Go America (1989)
Ariel (1988)
Hamlet liikemaailmassa (1987, Amleto si mette in affari)
Rikos ja rangaistus (1983, Crime and Punishment)
Calamari Union (1984)
Varjoja paratiisissa (1986, Shadows in Paradise)
Saimaa-ilmiö (1981, La sindrome del lago Saimaa)

I fratelli Kaurismäki hanno anche fondato il Midnight Sun Film Festival di Sodankylä.

Altri registi finlandesi famosi

Oltre ai fratelli Kaurismaki, tra i registi finlandesi famosi troviamo:

Renny Harlin, regista di film di azione hollywoodiani come “58 Minuti per Morire (Die Hard 2)” con Bruce Willis, “Cliffhanger – L’ultima sfida” e “Driven”, entrambi con Sylvester Stallone. Renny Harlin sta attualemente cercando finanziatori per lo storico “Mannerheim”, incentrato sull’omonimo generale finlandese.

Aku Louhimies, giovane regista (classe 1968) con all’attivo già sei lungometraggi. Delle pellicole, la più interessante è la più recente, “L’ordine” (Käsky), uscita nel 2008. Käsky, tratto dall’omonimo romanzo di Leena Lander (edito in Italia da Iperborea) narra la cruda vicenda di un soldato e della prigioniera a lui affidata, sullo sfondo della furiosa guerra civile che insanguinò la Finlandia nel 1918.

Markku Pölönen, classe 1957, ha all’attivo otto lungometraggi e una serie televisiva. Le pellicole di Pölönen – soprattutto commedie – ruotano intorno ad una nostalgica rappresentazione del mondo agreste finlandese degli anni passati, popolato di personaggi forse non sempre affidabili e gentili, ma comunque decifrabili ed autentici. Possiamo raccomandare “L’artiglio del cane” (Koirankynnen leikkaaja), tratto dall’omonimo romanzo di Veikko Huovinen, che racconta a cuor leggero il reinserimento nella società di un invalido di guerra, e le commedie Lieksa! e Ralliraita, tutte interpretate dall’ottimo Peter Franzen.

Klaus Härö, con il suo ultimo film Postia Pappi Jaakobille (“Posta a Padre Jakob”) ha riscosso un notevole successo di critica e di pubblico nel 2009. Il film per la verità è un po’ noioso, per cui vi rimandiamo al meglio riuscito Äideistä parhain (“La miglior mamma”, in Italia reperibile con il titolo “Due madri per Eero”), candidato dalla Finlandia per l’Oscar come Miglior Film Straniero nel 2006. La pellicola racconta la triste vicenda di uno dei 72.000 bambini che durante la Guerra d’Inverno e la Guerra di Continuazione furono inviati in Svezia per sfuggire ai bombardamenti sovietici. Di questi bambini oltre 15.000 non fecero ritorno in patria alla fine delle ostilità.

Giovani registi finlandesi famosi

Aleksi Salmenperä (classe 1973) ha sfornato due film che hanno incassato parecchio al botteghino riscontrando anche il favore della critica. Parliamo di Miehen työ (titolo italiano: “Un lavoro da uomo”) del 2007, che parla di un uomo costretto a prostituirsi per mantenere la propria famiglia, e Paha Perhe (“La cattiva famiglia”, del 2010), tragicommedia sul divorzio ed i traumi che ne derivano, visti dalla parte dei giovani.

Il più giovane dei registi emergenti finlandesi, Dome Karukoski (classe 1977) affronta il mondo dei giovani e le sue tematiche nelle sue opere cinematografiche. Da Tyttö sinä olet tähti (“Bimba, sei una stella”) del 2005 a Naapapiirin sankarit del 2010 – ogni suo film coniuga incassi e recensioni positive. Vi raccomandiamo soprattutto Tummien perhosten koti (“La casa delle farfalle nere”), anche per il fatto che l’omonimo romanzo da cui è tratto il film è edito in Italia da Feltrinelli, autrice Leena Lander. Napapiirin Sankarit ha vinto ben sei premi Jussi -il corrispettivo finlandese dei David di Donatello- nell’edizione 2010 del concorso cinematografico.

Il più eclettico delle giovani leve, Antti-Jussi Annila (nato nel 1978) ha al suo attivo solo due lungometraggi, e tutti e due di ispirazione fantastica. Il primo, Jade Soturi, del 2006, è un film che coniuga il genere wuxia (quelli di arti marziali cinesi, per intenderci) con la mitologia finnica. Non interamente riuscito, vale comunque la pena di essere visto, soprattutto per le atmosfere e lo stile visivo. Molto migliore è il successivo Sauna, un horror di tipo metafisico, girato con un budget più ridotto e in meno tempo. Ambientato nella Finlandia di fine 1500, la pellicola è incentrata sul tema della colpa, del peccato e della sua assoluzione. Ottima fotografia e prova di recitazione degli attori protagonisti, tra tutti Ville Virtanen.

I fratelli Kaurismäki sono proprietari di due bar nel pieno centro di Helsinki, il Corona Bar, rinomato per i tavoli da biliardo e per i toast sublimi, e il piccolo Moskova, che ricorda come stile un anonimo bar della Russia sovietica, situato a fianco al Corona. Se decideste di entrare al Moskova non aspettatevi musica alta, cocktail scintillanti e arredamento da designer. Alla triste luce delle lampade al neon troverete solo tavoli in fòrmica, panche rigide e una selezione di drink che comprende solo caffè, birra, vodka e vino. Non aspettatevi neanche sorrisi e simpatia: il motto del Moskova è “Birra fredda e servizio più freddo!”

Pori Jazz

Uno dei più longevi e conosciuti festival musicali finlandesi

Pori Jazz è un’istituzione. Giunto nel 2010 alla sua 45esima edizione, possiamo senza dubbio classificarlo come uno dei più celebri e frequentati festival dell’estate musicale finlandese.

Jazz e molto altro in uno dei più celebri appuntamenti dell’estate finlandese!

Pori Jazz

Il festival, come suggerisce il nome, ha luogo nella cittadina di Pori, situata nella costa Ovest della Finlandia, a circa 110 km da Tampere e 140 km da Turku. Pori, che per varie vicende non ha mai ospitato un’università pur avendone avuto l’occasione, durante l’anno ha, per così dire, una densità di giovani mediamente più bassa rispetto ad altre città finlandesi. Il paese sboccia però in estate grazie ai festival musicali, di cui Pori Jazz è sicuramente il rappresentante più celebre.

A dispetto del nome, il festival ha ospitato non solo artisti jazz, che rimangono comunque la maggioranza, ma anche nomi celebri provenienti da altri generi, come ad esempio Tori Amos, i N.E.R.D., i Massive Attack, i Toto ed altri, evidentemente per attirare un pubblico un po’ più eterogeneo.

Il Pori Jazz è un festival davvero lungo, nove giorni consecutivi nel mese di Luglio. Fra i servizi offerti ai visitatori c’è un’area camping, la possibilità di far entrare gratuitamente bambini fino ai 12 anni, un parcheggio custodito e un’area ristoranti. Sono previsti inoltre dei trasporti aggiuntivi (sia bus che treni) nei giorni del festival e la città di Pori mette a disposizione una rete wireless gratuita che copre tutta l’area.

Il prezzo di entrata al festival si aggira sui 75 euro, ma alcuni concerti vanno pagati separatamente e non sono compresi nei biglietti “globali” del festival. Per acquistare biglietti online, cliccate sul seguente indirizzo: http://www.lippupalvelu.fi/html/outletsregions.htmI?language=en&l=EN&tm_link=tm_header_lang2

Alcuni esercizi all’interno di Pori Jazz non accettano carte di credito o bancomat. Assicuratevi di avere del contante con voi, o dovrete tornare a piedi fino alla piazza centrale di Pori per ritirare dei soldi!

Festival in Finlandia

Numerosi festival sono organizzati in Finlandia durante la breve estate.

I Finlandesi sono amanti della musica e il loro amore si esprime a pieno durante l’estate quando festival musicali vengono organizzati praticamente ogni fine settimana in quasi tutte le maggiori città finlandesi. Alcuni di questi festival si sono guadagnati anche un’importante posizione nel panorama internazionale e sono molti gli artisti famosi che vengono ad esibirsi in Finlandia ogni anno.
Sole, Musica e Alcool: un mix esplosivo al quale i Finlandesi non sanno davvero resistere


I Finlandesi adorano la musica. I Finlandesi adorano il sole visto che non splende molto spesso qui al Nord. E i Finlandesi amano l’alcool. Ora immaginate questi tre elementi insieme, mescolati sapientemente durante una calda estate finlandese: benvenuti ad un tipico festival in Finlandia!

Ovviamente ci sono anche dei festival minori durante l’autunno, l’inverno e la primavera ma i festival più famosi e amati dai finlandesi sono tutti durante l’estate.

Particolarità di molti festival è che il consumo di bevande alcoliche è confinato ad aree ben delimitate. In questo modo è possibile effettuare un controllo sull’età visto che in Finlandia è illegale somministrare o vendere alcool ai minori di 18 anni. All’ingresso gli zainetti e le borse vengono controllati per vedere se contengono oggetti pericolosi o alcolici come bottiglie di vodka o lattine di birra.

Festival Jazz

I Finlandesi amano la musica jazz e sono molte le manifestazioni jazz sparse su tutto il territorio nazionale

Pori Jazz Festival

Festival di Jazz che prende il nome dalla città che lo ospita, il Festival Jazz di Pori ha ospitato artisti come James Brown, Miles Davis, Stevie Wonder, Carlos Santana, Sting, solo per citare alcuni nomi di artisti famosi che hanno calcato il palco di questo rinomato festival che si svolge ogni anno durante il mese di luglio. Per maggiori informazioni

http://www.porijazz.fi/

April Jazz

Festival internazionale di Jazz della durata di cinque giorni che si svolge a Espoo, vicino Helsinki alla fine di aprile. Tra i maggiori artisti della scena Jazz internazionale, si sono esibiti nel 2010 Calle Real, Dwayne Dopsie e George Duke. Tutti i giorni ci sono bus gratuiti che connettono Helsinki a Espoo, dove si svolgono i concerti. Per maggiori informazioni

www.apriljazz.fi

Festival Rock e Metal

Ogni finlandese che si rispetti, in gioventù, ha fatto parte di una band rock. La musica rock dal vivo è un must qui in Finlandia e molte sono le band che sono riuscite a diventare famose anche fuori dai confini nazionali.

Ilosaarirock

Ilosaarirock prende vita a Joensuu, in Carelia, e dura due giorni. Come tutti i festival estivi, molto dipende dal tempo atmosferico, e all’Ilosaarirock il sole è fondamentale. Ci sono normalmente quattro palchi, di cui due sotto tendoni e due all’aperto, su cui si avvicendano alcuni dei grossi nomi del panorama musicale contemporaneo, finlandese e internazionale. Un sound system reggae, posizionato in spiaggia sulla riva del lago aiuta a scaldare gli animi e contribuisce all’umore festaiolo generale.

Ilosaarirock è a detta di molti il festival rock migliore in terra finlandese, non solo per gli artisti che propone, ma per l’atmosfera speciale che lo pervade e accomuna tutti i partecipanti, dall’indie rocker più trendy all’hippie fanatico di reggae, fino ad arrivare agli onnipresenti metallari.

http://www.ilosaarirock.fi/

Provinssirock

Dal 1979 Provinssirock è uno dei festival rock più grandi qui in Finlandia. Il festival dura tre giorni ed è organizzato nella città di Seinäjoki nel mese di giugno, aprendo la stagione dei festival rock in Finlandia.

Quasi 80mila persone partecipano a questo festival…. forse perché stiamo parlando di artisti del calibro di Tori Amos, David Bowie, Him, Limp Bizkit, Marilyn Manson e Red Hot Chili Peppers?

http://www.provinssirock.fi/

Ruisrock

Ruisrock si svolge ogni anno a luglio in un’isola vicino Turku, Ruissalo. Organizzato per la prima volta nel 1970 è il festival rock più vecchio e con i suoi cinque palchi uno dei più vivi e amati dai finlandesi.

In media ogni anno 70 mila persone vengono a divertirsi al Ruisrock. Sembra che nel 1971, solo al suo secondo anno di vita, Ruisrock abbia fatto ballare più di 100 mila persone, un vero record per la Finlandia.

http://www.ruisrock.fi/

Ankkarock

Ankkarock può essere considerato sia rock festival che metal festival. Ankkarock viene organizzato a Vantaa (a pochi chilometri da Helsinki) nel mese di agosto e fa divertire ogni anno circa 40 mila persone.

http://www.ankkarock.fi/

Tuska

Tuska, che in finnico vuol dire dolore, agonia, è un festival interamente dedicato alla musica metal. Si svolge nel parco di Kaisaniemi al centro di Helsinki e viene organizzato nell’ultimo fine settimana di giugno. Il festival registra un’affluenza di circa 30 mila persone, ovviamente tutte vestite di nero.

http://www.tuska-festival.fi/

Festival Indie/Pop

Flow Festival

Uno degli eventi più attesi dagli abitanti di Helsinki, il Flow Festival segna l’inizio della fine dell’estate, uno degli ultimi weekend di sole da godersi ascoltando buona musica. Il Flow Festival costa circa 100 euro per tre giorni di musica e ha visto la partecipazione negli scorsi anni di artisti come Lily Allen, The Kings of Convenience, Crystal Castle. Non sono comunque mai mancate band più ermetiche, come Fever Ray, Ulver, Borko, o emergenti come ad esempio Le Corps Mince De Francoise.

http://www.flowfestival.com/en/

Festival elettronici in Finlandia

Club colors Festival

Quasi esclusivamente nella zona di Helsinki, i Club Colors festivals sono d’impronta trance ed elettronica e ne viene organizzato circa uno ogni due mesi. Artisti come Armin Van Buuren, Tiësto e Above & Beyond sono spesso presenti a queste manifestazioni di musica elettronica in Finlandia.

http://www.clubcolors.net/

Hytky

L’Hytky è un’associazione studentesca di Helsinki che organizza techno party nella capitale, ciò che di più simile troverete ai rave party nostrani. Almeno una volta al mese si trovano all’aperto o in qualche locale appartenente all’università e organizzano concerti di musica techno. Solo se iscritti alla newsletter potete venire a conoscenza del luogo di appuntamento. L’alcool è di solito molto economico e potete portarvi anche alcol da casa! L’organizzazione amatoriale e spontanea fa si che le feste siano a volte piene di gente a volte completamente vuote.

http://www.hytky.org/

Konemetsä

Konemetsä è un festival all’aperto organizzato in una foresta tra Helsinki e Turku (Sud-Est della Finlandia). Circa 4000 persone si riuniscono ogni anno per ballare 24 ore al giorno. Infatti la musica non smette mai di suonare con i vari dj che si alternano durante tutto l’arco della giornata e inutile dire che a luglio, quando il festival è organizzato, la notte quasi non esiste.

Il festival promuove il contatto con la natura, proprio per questo vengono organizzati bus dalle principali città finlandesi. Il prezzo per quattro giorni di festival varia dai 50 ai 70 euro per quattro giorni non-stop di musica elettronica/psichedelica. Il festival non si terrà nell’estate 2010 per ragioni organizzative.

http://konemetsa.net/

Festival Gotico in Finlandia

Lumous Gothic Festival

il festival Gotico Lumous è il secondo festival gotico più a nord in tutto il mondo. Ed in assoluto l’evento gotico più seguito in tutta la Finlandia. La prima edizione è stata organizzata nel 2001 ed è rimasto subito nel cuore degli appassionati di questo genere.

L’unico genere musical non trattato è il metal, visto che già esistono molti festival dedicati al metal in Finlandia. Altrimenti oltre al gotico è possibile ascoltare stili musicali diversi come musica dance dark, EBM, death rock, dark ambient, industrial e neofolk.

Al momento il festival non viene organizzato in un’area specifica ma si distribuisce in diversi club dove i vari eventi vengono organizzati ogni anno.

I biglietti possono essere acquistati presso:

www.lumous.net

Altri Festival Famosi

Savonlinna Oopera Festival

Il festival dell’opera di Savonlinna (in finlandese Savonlinnan oopperajuhlat ) viene organizzato ogni anno nel suggestivo castello di Olavi nella città di Savonlinna, nell’Est della Finlandia.

Il festival affonda le sue radici nel 1912, quando venne organizzata la prima edizione. Oggigiorno il festival dura dalla festa di juhannus – alla fine di giugno – per tutto il mese di luglio, permettendo ai circa 60 mila spettatori di godere delle loro opere preferite immersi nell’incantato ambiente di un castello sul lago Saimaa.

Ci sono anche dei pacchetti da Helsinki, organizzati da Finnair, dove potrete andare in aereo ad assistere l’opera a Savonlinna in serata e tornare direttamente dopo lo spettacolo,senza il problema del pernottamento.

http://www.operafestival.fi/In_English/Front_Page.iw3

World Village Festival

Il world village festival, maailmakylässä in finnico, si svolge ogni anno alla fine di maggio nel parco di Kaisaniemi, a Helsinki.

Intanto il festival è gratuito ed adatto per tutta la famiglia. Lo scopo

del festival, organizzato dal 1995, è dare un assaggio delle differenti culture. Durante il festival è possibile ascoltare concerti di gruppi africani o indiani, per esempio, e nello stesso tempo è possibile assaggiare, presso gli stands, la cucina proveniente dai Paesi più lontani. Insomma un assaggio delle differenti culture presenti sul nostro pianeta.

http://www.maailmakylassa.fi/english

Down by the Laituri

Down by the Laituri è il festival estivo più famoso di Turku, organizzato durante l’estate alla fine del mese di Luglio. Vengono organizzati dei concerti a pagamento ma è possibile partecipare al festival down by the Laituri anche passeggiando lungo il fiume Aura che taglia la città di Turku in due. E’ possibile passare la serata lungo il fiume sorseggiando birra o partecipare alle numerose feste organizzate sulle navi ormeggiate lungo il fiume.

Laituri è la parola finlandese che indica il pontile di legno usato per fare il bagno dopo una sauna o per ormeggiare una barca.

http://www.dbtl.fi/

Solitamente a mezzanotte i concerti finiscono e la festa si sposta in città. Durante le giornate di festival saranno venduti biglietti per discoteche con deejay o concerti a tema col festival di turno

Estate in Finlandia

L’Estate finlandese: quando la natura e l’uomo si amano davvero

L’estate finlandese, seppur breve, è la stagione che i Finlandesi aspettano maggiormente. In una giornata estiva di sole qualunque area verde delle città è invasa da Finlandesi pronti con la loro coperta ad organizzare un pic-nic ad ogni ora del giorno…visto che il sole non tramonta mai.

Giornate che non finiscono mai, sole di mezzanotte, pic-nic, festival, visitare la Finlandia d’estate è un’esperienza indimenticabile.

D’estate la Finlandia e i Finlandesi si trasformano completamente. Non c’è più traccia della neve e i Finlandesi, sapendo quanto sia breve questa splendida stagione al Nord, ne godono ogni singolo momento.

L’aspetto più particolare dell’estate finlandese è caratterizzato dalla lunghezza delle giornate: in molte parti della Finlandia il sole non tramonta. Parliamo infatti del famoso sole di mezzanotte e cioè quando a mezzanotte (per via dell’ora legale il fenomeno si manifesta all’una di mattina) il sole rimane ancora sopra l’orizzonte. In pratica non c’è tramonto e il sole invece di tramontare e nascondersi dietro l’orizzonte inizia ad ergersi di nuovo. La notte, d’estate in Finlandia, non scende mai .

Giornate di 24 ore permettono ai Finlandesi di godere a pieno della natura, di cui sono grandi amanti. Molti Finlandesi partono per una gita nei cottage estivi: niente di meglio di una vacanza lontano da tutto e tutti e dove la sauna e il bagno nel lago sono all’ordine del giorno.

I Finlandesi amano nuotare. D’estate la temperatura del mar Baltico varia riscaldandosi un po’ ma sono i laghi a farla da padrone. Le acque di molti laghi raggiungono una temperatura che permette di nuotare piacevolmente, cosa non possibile o proibitiva durante il resto dell’anno, quando le acque sono fredde o spesso ghiacciate.

Il calendario delle manifestazioni è vivissimo e in tutta la Finlandia vengono organizzati numerosissimi festival, musicali e non.

Quello che colpisce è vedere ogni singolo angolo verde nelle città invaso da numerosissima gente. Pic-nic improvvisati: basta una coperta, un cestino con qualcosa da mangiare, magari accompagnato da un po’ di alcool, e interi pomeriggi con gli amici vengono passati a chiacchierare e a godersi il meraviglioso spettacolo della Finlandia d’estate. E durante tutta la giornata è possibile acquistare presso le bancarelle sparse in ogni parte della città fragole, ciliegie, bacche provenienti dai boschi finlandesi e delle fave dolci vendute fresche nei loro baccelli verdi.

Unica nota negativa dell’estate finlandese? Le zanzare! Se passate tutta l’estate in città, potreste non notarle eccessivamente. Se invece organizzate un’escursione in campagna o a passate un fine settimana vicino ad un lago e vi accorgerete di come anche i repellenti più potenti non terranno lontani a lungo questi piccoli voraci insetti.

In Finlandia vengono venduti spray contro le zanzare che sono illegali in altri paesi. Ma in Lapponia questo problema è serio e spesso è necessario indossare maniche lunghe e cappelli con visiera e retina per evitare di essere punti continuamente