Dicembre in Finlandia

Le strade di Helsinki pronte per il Natale

Dicembre si dice joulukuu in finlandese, che vuol dire proprio il mese del Natale. Infatti tutta la Finlandia si concentra su uno dei suoi simboli più forti: il Natale e Babbo Natale. Le città si trasformano già da Novembre per accogliere i turisti. Ma non è solo una questione di soldi: i Finlandesi ci tengono molto al Natale e alle sue tradizioni.

Le giornate sono corte, nel nord della Finlandia il sole non sorge mai, a Helsinki il sole sorge la mattina alle 9 e tramonta verso le 15. Per chi lavora in ufficio, l’arrivo dell’inverno significa vedere la luce del sole per diversi mesi solo nel fine settimana.

Il 6 Dicembre si festeggia una delle feste più importanti per la Finlandia: il giorno dell’indipendenza.

Per tutto il mese di Dicembre Babbo Natale è in tour per le varie città finlandesi, salutando i bambini e preparandoli all’arrivo del Natale.

Il Natale in Finlandia viene festeggiato in famiglia. Da non perdere la tradizione di lasciare candele ad illuminare i cimiteri.

Capodanno in Finlandia?

Dicembre a Helsinki

Il giorno dell’indipendenza viene celebrato con una parata degli studenti per la città, salutati dal Presidente della Repubblica che saluta dal Palazzo Presidenziale. Il corteo finisce a Senaatintori (Piazza del Senato, dove c’è il Duomo) con il coro che intona l’inno nazionale in finlandese e svedese.

A Natale Helsinki si svuota: tutti stanno in casa o tornano nei propri villaggi natii in tutta la Finlandia. Il trasporto pubblico viene addirittura sospeso dal pomeriggio del 24 fino alla mattina di Natale. Se siete a Helsinki nel giorno della Vigila fate un giro per il cimitero principale della città a Hietaniemi.

Capodanno a Helsinki?
Molti Finlandesi festeggiano il capodanno in casa per poi uscire per strada e sparare fuochi d’artificio. La città di Helsinki organizza sempre un concerto nella Piazza del Senato. Vestitevi pesanti.

[include file=/include/calendario.htm]

Rovaniemi

Rovaniemi, la città di Babbo Natale

Rovaniemi è il capoluogo della Lapponia finlandese. Conosciuta per essere la città dove vive Babbo Natale, recentemente si è fatta conoscere in tutto il mondo per essere la città d’origine dei LORDI, gruppo rock che ha vinto il concorso Eurovision con il brano “Hard Rock Hallelujah”
Viaggi a Rovaniemi: un posto da favola sia in estate, con il sole che non tramonta mai, che in inverno, con la neve a dare un’atmosfera magica alla capitale della Lapponia.

 

Rovaniemi è una piccola città (35 mila abitanti) a pochi chilometri dal Circolo Polare Artico, nel nord della Finlandia. Durante la guerra lappone (finlandesi contro tedeschi) la città venne rasa al suolo dai tedeschi che fecero terra bruciata in tutta la Lapponia. Finita la guerra iniziò la ricostruzione di Rovaniemi pianificata da Alvar Aalto tra il 1944 e il 1945: la pianta della città ricorda la figura stilizzata di una renna. Lo stesso Alvar Aalto firmò la costruzione di alcuni edifici come la libreria, la Camera della Lapponia, il Municipio e gli edifici della famiglia Aho più l’area residenziale di Korkalorinne.

Oggigiorno Rovaniemi vive di turismo, l’attività che dà da vivere alla maggior parte delle persone tramite il Villaggio di Babbo Natale, il Santa Park e i Safari Artici.

Moltissimi sono anche gli studenti residenti a Rovaniemi: 10.000 gli iscritti all’Università della Lapponia e al Politecnico di Rovaniemi.

La città è molto piccola e si può visitare a piedi in una giornata. Assolutamente da non perdere il ponte Jätkänkynttilä e gli edifici progettati dall’architetto Alvar Aalto. Per gli appassionati di musei c’è Arktikum (5-10 minuti dagli alberghi del centro), uno spazio espositivo progettato per diffondere la conoscenza della cultura e degli usi e costumi delle popolazioni del Nord e l’immancabile rapporto con le renne.

http://www.arktikum.fi/it/

Il Circolo Polare Artico

Rovaniemi si trova 10 km a sud del Circolo Polare Artico, una linea sulla carta geografica a nord della quale, d’estate, il sole rimane alto all’orizzonte anche dopo mezzanotte (il sole di mezzanotte).

D’inverno invece il sole non tramonta per parecchi giorni lasciando la città al buio per la maggior parte del tempo. Le uniche fonti di luce sono la luna, le stelle e le immancabili e affascinanti aurore boreali che si verificano molto frequentemente, circa 200 aurore boreali ogni anno.

La città di Rovaniemi è molto vicina a diverse località sciistiche della Lapponia, tra cui Ylläs e Kittilä, le migliori soluzioni per una settimana bianca in Finlandia.

Il Villaggio di Babbo Natale

Il Villaggio di Santa Claus è l’unico posto al mondo dove si può incontrare Babbo Natale ogni giorno dell’anno. Solo da qui potete spedire cartoline e lettere di Natale con lo speciale timbro postale del Circolo Polare Artico, a pochi passi dal Polo Nord, direttamente dall’ufficio postale di Babbo Natale. All’interno del villaggio, a due passi da Rovaniemi, troverete numerosi negozi e programmi di animazione a disposizione per i grandi e soprattutto i bambini.

Più informazioni sul villaggio di Babbo Natale nel sito ufficiale: http://www.santaclausvillage.info/it

Santa Park

Ricavato in un complesso di grotte scavate nella roccia, il Santa Park è il parco dei divertimenti che ha per tema lo spirito del Natale. Aperto in inverno da Novembre a Gennaio e d’estate da Giugno ad Agosto, promette un’esperienza unica per tutta la famiglia: corse in slitta, visita alla casa del biscotto allo zenzero e allo studio di Babbo Natale, possibilità di shopping, performance a tema, la galleria del ghiaccio, il bricolage con gli Elfi e la visita alla scuola degli Elfi.

Più informazioni sul Santa park nel sito ufficiale: http://www.santapark.fi/index.php?la=it

Voli Rovaniemi

Dall’Italia non ci sono voli diretti per Rovaniemi, ma le due principali compagnie finlandesi, la Blue1 e la Finnair, effettuano voli giornalieri da Helsinki a Rovaniemi. Il volo dura circa un’ora e i prezzi abbordabilissimi. Consultate l’articolo sui voli economici per la Finlandia. Spesso volare a Rovaniemi costa meno del treno. Il viaggio in treno dura circa 11ore e costa sugli 80 euro partendo da Helsinki.

Hotel a Rovaniemi

Clarion Hotel Santa Claus, Scandic Rovaniemi, Sokos Hotel Vaakuna Rovaniemi, solo alcuni degli hotel a tre o quattro stelle situati al centro di Rovaniemi o nel Villaggio di Babbo Natale. Prezzi in base alla stagione con l’offerta che varia dai 30euro a notte fino a 100 150 per gli hotel di lusso.

Il Meteo a Rovaniemi

Il clima a Rovaniemi è mite in estate e molto freddo in inverno, con temperature di molto al di sotto dello zero.
Per il meteo a Rovaniemi vi rimandiamo all’articolo sul meteo della Finlandia.

Webcam Rovaniemi

Che tempo fa a Rovaniemi? Questa immagine è presa dal villaggio di Babbo Natale, in diretta
http://www.santaclauslive.com/cam/cam.jpg

La natura a Rovaniemi

Per gli appassionati di natura, a Rovaniemi e nei Parchi Nazionali della regione è possibile praticare lo sci di fondo e d’estate, per gli amanti del trekking e delle escursioni nella natura, ci si può avventurare tra le colline lapponi per ore e ore, senza preoccuparsi della notte che tanto non arriverà fino a Settembre. Ci sono anche ottime possibilità di pesca per gli amanti di questo sport .

A Rovaniemi si trova il McDonald’s più a Nord del mondo.

Safari Artico in Lapponia

Safari artico in Lapponia: il ghiaccio al posto della savana

Il safari artico, un modo unico e sicuro per assaporare l’incontaminata natura finlandese. Per singoli, coppie o grandi gruppi, il safari è una delle esperienze consigliate per vivere a stretto contatto con l’incontaminata natura della Lapponia. Inoltre potrete conoscere da vicino le abitudini delle popolazioni Sami.

Un’esperienza indimenticabile avvolti dall’incantevole natura finlandese immersi nel silenzio di panorami lapponi mozzafiato.

safari artico lapponia - renne
safari artico lapponia - renne

I safari artici sono dei pacchetti organizzati da operatori turistici in Lapponia per permettere al maggior numero di persone di vivere sulla propria pelle la vita a nord del Circolo Polare Artico. I safari artici sono molto differenziati e ci sono diverse offerte dedicate ai singoli, ai gruppi numerosi, alle coppie, ai giovani e meno giovani e persino ai disabili. Un modo davvero alternativo di andare in vacanza, o di passare il Capodanno o il Natale.

L’esplorazione della natura lappone è al centro di questi safari come lo è la voglia di far conoscere la cultura dei Sami, il popolo che abita la Lapponia.

I safari possono durare da un giorno fino a una o due settimane. Il pernottamento potrebbe essere in tenda o in rifugi lungo il tragitto. Se la situazione climatica è particolarmente rigida gli organizzatori vi forniranno anche l’abbigliamento giusto per permettervi di godere al massimo l’esperienza senza morire di freddo.

Slitta trainata dalle renne

Le renne sono una delle attrazioni principali per chi prenota un safari artico. La visita agli allevamenti di renne è d’obbligo e non si può davvero rinunciare ad un giro in slitta e sentirsi come Babbo Natale. In alternativa altri safari artici prevedono un’esperienza di slitta trainata da husky.

Al termine del safari verrà consegnata una patente di guida per le slitte, naturalmente “per turisti”.

Motoslitta

Per gli amanti del brivido e della velocità la motoslitta è l’ideale: viene utilizzata per l’affidabilità e perché permette di compiere grandi distanze in pochissimo tempo. A tutti i partecipanti viene mostrato il funzionamento della motoslitta, ricevendo informazioni su come guidarla in totale sicurezza. Durante il safari artico le guide spiegheranno come riconoscere i sentieri tracciati dai vari animali selvatici: renne, volpi, linci, alci e lepri (no, l’orso polare non vive in Finlandia ma potete ammirarlo nello zoo vicino a Rovaniemi).

Affittare una motoslitta

Per affittare una motoslitta (gatto delle nevi) occorre innanzitutto avere una patente di guida valida. Le motoslitte sono solitamente per due persone e i prezzi variano a seconda della potenza del motore e del tempo di utilizzo.

In media, due ore costano all’incirca 65 euro sulla slitta meno potente, che può essere ad esempio un Touring 380. Un MXZ/F 550, una delle più potenti della categoria, costa anche 85 euro per due ore.

Naturalmente i prezzi salgono col tempo d’affitto. Per i modelli citati prima, due giorni possono costare rispettivamente 260 e 300 euro.
Il tempo massimo di affitto é generalmente una settimana (con prezzo da concordare).

L’incontro con Babbo Natale

Se siete a Rovaniemi e specialmente in compagnia di bambini, non perdete l’occasione d’incontrare Babbo Natale. Tutte le compagnie offriranno la possibilità di incontrare di persona Babbo Natale, di fare foto con lui e di spedire cartoline direttamente dal suo ufficio.

Pesca invernale

Per gli amanti della pesca molti safari offrono la possibilità di avventurarsi nei boschi finlandesi (tramite motoslitta o slitta trainata da cani) per arrivare a laghi ghiacciati dove è possibile passeggiare sulla superficie ghiacciata, fare un foro e pescare attraverso quel foro. Per chi ama la pesca è un’esperienza davvero indimenticabile.

Lo zoo più a Nord del mondo

A 80 km da Rovaniemi si trova lo zoo più a Nord del mondo. Una visita per i più piccoli ma anche per chi ha voglia di vedere gli animali artici nel loro habitat naturale. All’interno dello zoo di Ranua ci sono anche due orsi polari. Per maggiori informazioni

A caccia di aurore boreali

Molti safari vi permetteranno di osservare con i vostri occhi lo spettacolo delle aurore boreali, molto frequenti in Lapponia. Si possono ammirare aurore boreali con maggiore probabilità in autunno o a fine marzo, ma in inverno il paesaggio completamente innevato e i colori vivaci dell’aurora boreale creano un effetto unico.

Sci di fondo e racchette da neve

Questo tipo di safari è quello che vi permetterà un’esperienza molto intima con la natura finlandese. Con gli sci ai piedi o dotati di racchette da neve potrete camminare agevolmente anche sulla neve fresca e ammirare la natura incontaminata godendo del soffice silenzio che solo l’inverno finlandese può farvi provare.

Il Santasport Center

Nelle vicinanze di Rovaniemi è stata creata una struttura, il Santasport Center sul colle Ounasvaara, dov’è possibile praticare fino a 50 sport diversi. Lo sci alpino e lo sci di fondo sono i due sport più quotati ma non mancano piste per la slitta e percorsi per le racchette da neve.

La struttura è dotata anche di un centro termale dov’è possibile rilassarsi, aperto tutto l’anno.

Quanto costa un safari artico?

Qualunque sia la soluzione scelta i prezzi sono alti e variano da 90 euro a persona fino a più di 200 euro a testa. Informatevi presso un’agenzia di viaggi in Italia o visitando direttamente i siti delle compagnie che offrono safari artici in Lapponia, come quelle di seguito:

Lapland Safaris (in inglese)
http://www.lapinsafarit.fi/In_English/Home.iw3

Visit Rovaniemi (in italiano)
http://www.visitrovaniemi.fi/In_Italiano_/Attivit%C3%A0__.iw3

Un esempio di safari con cani da slitta

Un safari interessante è quello che parte dal villagio di Muonio, al confine con la Svezia. (Nord-Ovest della Finlandia). Il safari artico dura circa tre giorni avventurandosi nella natura lappone trainati da slitte. Il safari solitamente termina con una notte passata in un caratteristico hotel di legno sulle rive di un fiume (Harriniva) dotato di sauna.

E’ possibile prenotare safari artici anche d’estate quando si fanno escursioni in barca, rafting nei fiumi lapponi, trekking ed ovviamente visite gli allevamenti di renne. Per i meno avventurosi niente di meglio di una rilassante partita a golf. In estate è possibile giocare per 24 ore al giorno visto che il sole non tramonta mai. Tre i campi da golf presenti in Lapponia: uno a Levi, il più a Nord di tutta la Finlandia, un altro a Kemi e l’ultimo a Tornio, al confine tra la Svezia e la Finlandia.

Natale a Helsinki

A Helsinki è Natale tutto l’anno

Se avete deciso di passare il Natale a Helsinki, potreste essere davvero fortunati e ritrovarvi a passeggiare nel centro della città, ricoperta di neve, facendo shopping nel caratteristico mercatino di Natale nella centralissima piazza del Senato.

A Helsinki è Natale tutto l’anno: il negozio di Natale è infatti aperto 12 mesi all’anno: quest’anno nessuna scusa per non avere addobbi perfetti.

Natale a Helsinki - coro di babbo natale
Il Natale a Helsinki, come in tutte le grandi città, inizia a Novembre: le strade vengono addobbate con luci, festoni e alberi di Natale. La città cambia completamente immagine: da Aleksanterinkatu, la via dello shopping di Helsinki, le vetrine sono ricche di addobbi e luci colorate fino all’albero di Natale davanti alla cattedrale bianca che fa da cornice ai mercatini di Natale.

Verso l’inizio di dicembre Stockmann inaugura la stagione natalizia presentando la sua vetrina di Natale, che è la più grande della Finlandia: è tradizione che i genitori portino i propri figli a vedere la storia animata del Natale. Seppur il vero inizio della stagione natalizia lo segna l’arrivo di Babbo Natale direttamente da Rovaniemi, in Lapponia, con una cerimonia che inizia nella Piazza del Senato e si conclude con un carosello lungo le vie principali del centro, dove Babbo Natale viene portato su una carrozza (o una slitta se c’è neve) e tutta la città lo accoglie in festa.

Mercatini di Natale a Helsinki

Helsinki si riempie di mercatini a Natale. Da quest’anno il più famoso mercatino di Natale è  davanti alla cattedrale bianca nella piazza del Senato: ben 157 casette di legno rosse vengono montate  e dal Giorno dell’Indipendenza (6 dicembre) in poi è possibile passeggiare tra le varie bancarelle, sorseggiare una bevanda calda ed acquistare oggetti d’artigianato finlandese. Troverete gioielli, addobbi per il Natale, calzettoni di lana, cappelli, foto di aurore boreali, vestitini per i bambini, maglioni finlandesi, prodotti tradizionali, oggetti in legno per la casa e la cucina, souvenir e le immancabili caramelle (karkit), disponibili in tutte le forme e gusti.

Un altro mercatino viene organizzato di fronte al centro commerciale Kamppi, ma qui troverete soprattutto aziende locali che effettuano promozioni natalizie. Sul palco in mezzo alla piazza viene suonata continuamente musica natalizia e gruppi dal vivo intrattengono i passanti. Per i più piccoli c’è una giostra di cavalli.

Negozio di Natale a Helsinki

Sempre su Esplanadi (Pohjoisesplanadi 35, tra i café Esplanadi e Strindberg) si trova il negozio di artigianato e souvenir Kankurin Tupa. La caratteristica di questo negozio è che ha un reparto natalizio aperto tutto l’anno, molto suggestivo soprattutto se visitato in estate. Troverete addobbi per l’albero di Natale, oggetti per la tavola, cartoline natalizie, folletti e troll di diverse dimensioni.

Durante il Natale e la vigilia di Natale è tradizione visitare i cimiteri portando una candela per onorare i propri cari. Una passeggiata al cimitero di Hietaniemi, non lontano dal centro di Helsinki, è un’esperienza indimenticabile se avete deciso di passare il Natale nella capitale finlandese. Per l’occasione il cimitero è aperto 24 ore su 24.

Souvenir dalla Finlandia

Siete stati nel Paese di Babbo Natale e volete portare a casa qualche ricordo? Qual è un tipico souvenir finlandese?

Pupazzetti Mumin, magliette “SUOMI”, cioccolata Fazer, pelle di renna e vasi di Iittala: di souvenir tipici dalla Finlandia ce ne sono di tutti i tipi e per tutti i gusti. una panoramica completa dei regali dalla Finlandia.

La missione è semplice: ritornare a casa con un regalo o un souvenir che esiste solo in Finlandia!

Dove si vendono i souvenir in Finlandia?

Ci sono molti negozi di souvenir sparsi per la Finlandia. Nella sola Helsinki ce ne sono ad Esplanadi, a Kamppi e in Mannerheimintie. Consigliamo di dare uno sguardo nelle Piazza del Mercato per decorazioni e oggetti tipici finlandesi. In ogni Stockmann in Finlandia potete trovare dei souvenir, così come in quasi tutti i centri commerciali.

Souvenir finlandesi classici

Se avete l’occasione di entrare in una casa finlandese noterete l’immancabile oggetto di decoro che ogni finlandese possiede: il vaso di vetro di Iittala con design del grande architetto Alvar Aalto, chiamato vaso Savoy (o Aalto Maljakko). Di tantissimi colori e dimensioni, ma sempre della stessa forma, quest’oggetto in vetro è il perfetto souvenir finlandese. Dai 10 euro fino a più di 100 euro, lo consigliamo come assoluta prima scelta. Niente è più tipico finlandese. Lo potrete trovare in molti negozi, ma il più assortito è indubbiamente il negozio principale di Iittala su Esplanadi, a Helsinki, dove potete trovare tantissimi altri oggetti di vetro per tutti i gusti.

Lì vicino c’è anche il negozio della Marimekko, il secondo dei più classici design dalla Finlandia. Coperte, asciugamani, tende, vestiti, l’inconfondibile design a righe colorate o a fiori di Marimekko farà colpo su chiunque, specialmente sulle donne.

Sempre molto eleganti, ma forse più particolari, sono le pelli di renna. Per amore degli animali non consigliamo questa soluzione, ma non possiamo non ammettere che niente al mondo scalderà di più che una bella e morbida coperta di pelo di renna. La potete trovare ad esempio in ogni negozio della catena Stockmann in Finlandia. Anche i mercati all’aperto, come Kauppatori a Helsinki, di solito propongono capi originali di pelli di renna lappone.

In moltissimi mercati e negozi sparsi per la Finlandia, tra cui anche il negozio di Stockmann al Terminal 2 dell’aeroporto di Helsinki, troverete la famosissima tazza di legno lappone (kuksa). Con due buchi per le dita, queste particolari tazze da lavare a mano, possono tornare utilissime per campeggi e gite in montagna, resistono al caldo e al freddo e sono anche un bell’oggetto di design da tenere semplicemente esposto in casa.

Negli ultimi anni si sono diffusi moltissimo anche vari tipi di gioielli creati con la spectrolite che si trova nel granito finlandese e le cui stupende colorazioni ne hanno fatto una delle materie prime per le creazioni di gioielleria finlandese. Alla Piazza del Mercato la troverete in varie bancarelle, ma siate sempre ben accorti sull’autenticità del materiale usato.

Souvenir finlandesi sul Natale

La Lapponia è la patria di Babbo Natale. Se capitate nelle zone di Rovaniemi, non potrete non acquistare un souvenir di Babbo Natale. Dai pupazzetti, ai fumetti agli addobbi per la casa fino alle calze da usare per la cioccolata il giorno di Santa Lucia (13 dicembre), un souvenir di Babbo Natale è sicuramente qualcosa di tipico finlandese.

Se volete qualcosa di più specifico per il 25 dicembre e passate per Helsinki, come non mettere piede nel negozio del Natale di Esplanadi? Aperto 12 mesi all’anno, troverete tutto il necessario per addobbare la casa in perfetto stile natalizio finlandese.

Souvenir culinari finlandesi

Se volate a casa e volete portare qualcosa da assaggiare la sera, allora comprate all’aeroporto carne di renna sottovuoto e salsa di bacche d’accompagnamento: farete un figurone. Potrete trovare la carne di renna, sia congelata che in scatola, ma anche come insaccati quali salami o prosciutti affumicati.

Uno dei souvenir culinari più tipici è sicuramente il salmone, che viene venduto fresco, affumicato o marinato. Attenzione perché la maggior parte del salmone che troverete in Finlandia proviene in realtà da altri paesi come la Norvegia.

Altra cosa tipica della Finlandia è il pane di segale. A chi ama il pane nero, un pacco di pane di segale farà impazzire: infatti in Finlandia troverete tanti tipi di pane (non solo nero) arricchiti con semi di girasole, avena e altri cereali, o anche con uva sultanina. Particolare è anche un pane di segale dolce (ssaristoleipä), molto buono per fare gustose tartine, sia salate che dolci.

I dolci finlandesi

Lo sapevate che i Finlandesi sono ghiotti di cioccolata? Il motivo potrebbe essere che in Finlandia producono una delle cioccolate più buone al mondo, la cioccolata Fazer. Ci sono anche caffetterie e ristoranti Fazer sparsi in Finlandia, ma un box di cioccolatini Geisha è assolutamente il regalo indicato per chi ama i dolci. La più vasta scelta è sicuramente nel negozio Fazer di Helsinki.

Le caramelle al salmiakki, la tipica liquirizia salata, sono uno dei dolci più tipici finlandesi. Tutti i Finlandesi le amano e tutti gli italiani…le provano. Lasciamo a voi il giudizio.

Alcolici tipici finlandesi

I Finlandesi amano l’alcol e sono produttori di alcuni famosissimi prodotti alcolici. Tra le vodke la più famosa e tipica finlandese è indubbiamente la Koskenkorva. La Finlandia Vodka è un’altra molto conosciuta e apprezzata.

Particolarissimi sono il Minttu, al sapore di menta, il Salmiakki, liquirizia salata, la Terva, con il suo sapore affumicato, e i liquori dolci aromatizzati alle bacche artiche, come la mora di palude (lakka in finnico) e l’olivello spinoso (tyrni in finnico). Troverete tutto ciò solo nei negozi Alko, il monopolio statale che gestisce la vendita di alcolici ad alta gradazione, o nei negozi duty-free dell’aeroporto o del porto.

Souvenir finlandesi per i bambini (ma non solo)

Se dovete portare un regalo ai vostri bambini, andate sul sicuro con la serie dei Mumin. Pupazzetti, album da colorare, calendari, fumetti, libri iconici e tanti altri oggettini sono dedicati ai Mumin. I bambini li adorano, ma anche gli adulti apprezzano la tipica tazza di Iittala raffigurante i Mumin, di cui molti fanno collezione. Ce n’è praticamente almeno una in ogni casa finlandese.

Il merchandising dei Mumin è disponibile in tutti i negozi di souvenir ma ovviamente nei negozi specializzati troverete una migliore selezione di prodotti. A Helsinki, ne trovate uno nel centro commerciale Forum, uno nella Kamp Galleria e un altro, per i ritardatari, all’aeroporto di Vantaa.

Souvenir finlandesi di abbigliamento

E se invece volete comprare un capo d’abbigliamento? In tutti i mercati e moltissimi negozi, troverete sciarpe e cappelli di lana originale finlandese. Nel caso foste più interessati alle t-shirt, andate sul sicuro: la maglietta blu con la scritta bianca “SUOMI”, che vuol dire appunto Finlandia in finlandese. Questa è la t-shirt più tipica della Nazione, disponibile in tutti i negozi di souvenir e nei mercati.

Per i più sportivi la maglia della Nazionale di calcio finlandese è obiettivamente piuttosto noiosa, non rappresentando neppure i colori della bandiera nazionale. Coloratissime e originali sono invece le maglia ufficiali di hockey su ghiaccio, il vero sport nazionale. Le troverete nei negozi sportivi.

Souvenir finlandesi a poco prezzo

Se volete spendere proprio poco, consigliamo i bicchieri da shot. Magari il destinatario ha già una vodka a casa e il bicchiere da shot comprato in Finlandia aiuterà a formare una composizione perfetta. Nei negozi di Alko e negli aeroporti potrete trovare anche bottiglie mignon di Koskenkorva o Minttu, da 4-5 euro.

La spectrolite finlandese si trova solamente nelle zone meridionali vicine al confine con la Russia. Prima della Seconda Guerra mondiale il prezioso materiale non era mai stato notato e la scopertà avvenne casualmente durante la creazione di barricate anti carroarmato. Oggi la spectrolite è famosa non solo per i suoi splendidi colori ma anche per le sue proprietà guaritive.

Esportazioni Rare – Rare Exports

“Rare Exports”: Dal 2010 tutti credono a Babbo Natale

Il film delle feste natalizie del 2010 è un film finlandese che mette in luce una storia del tutto originale sul personaggio più famoso del Nord: Babbo Natale. Il film coniuga commedia e avventura ed è il successore dei famosissimi cortometraggi di Jalmari Helander di qualche anno fa. Una storia di Natale per tutta la famiglia. Una famiglia a cui piaccia anche un po’ il genere horror, però. Questo Babbo Natale non è quello della Coca Cola.

Babbo Natale come non lo avete mai visto: dimenticate il vecchietto paffuto e simpatico. Babbo Natale è una bestia selvatica che ama i bambini… per mangiarli!

Il film “Rare Exports (Le esportazioni rare) – Una storia di Natale”, è il film delle feste natalizie del 2010. È stato prodotto e creato dopo l’enorme successo scatenato dai cortometraggi di Jalmari Helander del 2003 e del 2005.

Il film rispetta i classici canoni dei film educativi: un bambino combatte la mancanza di fiducia degli adulti e s’imbarca in un’avventura che lo porterà ad essere un ometto. Gli adulti sono dei cacciatori lapponi e l’avventura è la “caccia a Babbo Natale”, vicino alla montagna di Korvatunturi, la residenza del vecchietto.

In finlandese Babbo Natale si dice Joulupukki, letteralmente “caprone di Natale”, e la leggenda narra che un uomo si travestiva da caprone, si ubriacava, spaventava i bambini ed esigeva da loro regali. Su questa premessa storica e leggendaria si basa il film Rare Exports – A Christmas Tale

Il corto “Rare Exports” (2003)

Nel primo cortometraggio, come racconta in inglese la voce fuoricampo: “Tre cacciatori professionisti, seguendo solo il loro istinto, vanno a caccia in Lapponia. […] Spaventano tutte le creature viventi grazie alle loro abilità. Non fanno rumore, perché sanno che la loro “preda” li può sentire da chilometri di distanza. La loro “preda” sente l’odore degli esseri umani. […] È un momento cruciale nella storia dell’uomo. Perché Babbo Natale è considerato la più preziosa delle creature selvatiche ancora in libertà che abitano al Nord”.

Questo è anche il tema principale di “Rare Exports”: cacciatori lapponi che dal diciottesimo secolo catturano dei Babbo Natale nelle foreste e poi li allenano. Il training intensivo a cui il canuto amico è sottoposto è “tremendo”: educazione, buone maniere e galateo.

Il cortometraggio si conclude con un perfetto Babbo Natale “made in Finland” spedito in una delle 150 Nazioni nel mondo, un’esportazione tutta finlandese, esclusiva, preziosa ma soprattutto rara, da cui nasce il titolo del cortometraggio e, poi, del film.

Il corto “Rare Exports – part 2” (2005)

Il secondo cortometraggio è dedicato agli importatori e distributori del “pacco” spedito precedentemente. Sono “istruzioni per l’uso e la sicurezza”, ma non solo del pacco, soprattutto di chi lo maneggia. Nell’anno precedente infatti, uno dei pacchi contenenti Babbo Natale non è mai arrivato a destinazione. La “bestia” è scappata nel golfo di Botnia e ha ucciso chiunque ha cercato di fermarlo. Spetta agli spedizionieri degli importatori garantire che tutto vada bene fino alla consegna e questo video istruisce cosa fare e non fare, nel solito carattere commedia horror del precedente corto.

Le regole sono chiare:

  • Non fare troppo baccano o Babbo Natale vi picchia a sangue
    Contromisura: non c’è
  • Comportarsi bene o Babbo Natale s’arrabbia
    Contromisura: far finta di essere morti
  • Non fumare o Babbo Natale vi strappa i polmoni
    Contromisura: dategli dei biscotti alla cannella, ma potreste perdere qualche dito nell’atto
  • Ma soprattutto, non bere alcol e dire parolacce allo stesso tempo o Babbo Natale diventerà furioso e il risultato è solo uno: morte certa..

Tutte le istruzioni sono le stesse dirette ai bambini o adulti che vogliono ricevere i regali di Natale. Gli specialisti lapponi, i cacciatori del primo corto, sono qui chiamati a dare la caccia al Babbo Natale fuggito, con l’aiuto di un bambino.

Il corto finisce con la cattura e l’uccisione del Babbo Natale scappato perché “Agli uomini non importava di lui”, non se ne sono presi cura.

Di cosa tratta e chi sono gli attori in “Rare Exports – A Christmas Tale”

Il film ha come protagonista un bambino, preoccupato perché convinto che un Babbo Natale cattivo sia fuggito e abbia cominciato a far sparire i bambini in Lapponia. Con l’aiuto di suo padre e dei suoi amici vanno tutti alla ricerca del fuggitivo. La storia ha luogo nelle fredde terri finlandesi ed è un mix di commedia, avventura e…horror.

E non dimentichiamoci degli elfi, gli aiutanti di Babbo Natale, che faranno di tutto per salvare il loro capo.

I cacciatori del Rare Exports Inc., dai nomi comici e simpatici di Pietari, Juuso e Piiparinen, sono interpretati da Onni Tommila, Ilmari Järvenpää e Rauno Juvunen, Babbo Natale è Peeter Jakobi. Tutti gli attori sono conosciuti in terra finlandese per alcune serie televisive trasmesse nei canali nazionali.

Natale in Finlandia

Come si celebra il Natale in Finlandia, la patria di Babbo Natale?

La vigilia di Natale è un giorno molto importante in Finlandia: le famiglie, che spesso abitano lontano, si riuniscono e celebrano tre giorni con le persone care, andando in sauna e mangiando cibi tradizionali – tra cui il tanto agognato prosciutto al forno – e rispettando alcune tradizioni che risalgono al Medioevo!

Babbo Natale che entra dalla porta durante il giorno, beve un bicchierino, parla ai bambini e lascia non uno ma dieci regali?! Questa è la norma in un Natale in Finlandia!


Il giorno di Natale è un giorno sacro in Finlandia, amato dai più piccoli, come dai più grandi. E’ forse l’unica occasione dell’anno in cui tutta la famiglia si riunisce e passa molte ore insieme. Con “famiglia” però non intendiamo la classica famiglia italiana, composta da genitori, figli, nonni, cugini e zii. A Natale in Finlandia si riunisce solo il nucleo familiare formato da genitori e figli. I nonni ad esempio non passano normalmente il Natale con i nipoti.

Vigilia o giorno di Natale?

Vigilia. I Finlandesi festeggiano il Natale il 24 dicembre. Il 25 dicembre è ancora un giorno di festa, ma il giorno principale di festa del Natale è il giorno della Vigilia. È l’unico giorno dell’anno in cui i Finlandesi siedono a tavola per più di mezz’ora e, come in ogni tradizione finlandese, ci sono dei rituali da rispettare. A Natale i rituali cominciano addirittura il giorno prima!

La sauna e la dichiarazione di pace del Natale in Finlandia

Il Natale comincia con l’immancabile sauna familiare. Il giorno della Vigilia di solito sono i genitori, che si sono alzati presto per riscaldare la sauna e controllare il cibo, che entrano per primi, seguiti poi dai figli. La casa viene pulita, ordinata, le candele accese e la tavola imbandita a festa. I bambini guardano i cartoni animati, con edizioni speciali per il giorno di Natale, che, ricordiamo, è il 24 dicembre.

A mezzogiorno si sintonizzano i canali delle televisioni per seguire la Dichiarazione di Pace del Natale dalla città di Turku. La Dichiarazione di Pace è una tradizione che viene rispettata ogni anno dal Medioevo (tranne nel 1939 durante la Guerra) ed è ormai letta in ogni grande città della Finlandia, ma quella della vecchia capitale Turku è l’unica trasmessa in tutto il Paese dal 1935.

La Dichiarazione di Pace del Natale comincia con una canzone, viene poi letto un testo vecchissimo in cui si proclama che nel giorno del Santo Natale sia rispettata la pace tra gli abitanti della città. La cerimonia si conclude con l’inno finlandese e tra le altre cose sancisce che per il 24 e 25 dicembre non si caccia e non si spara.

Il cenone di Natale in Finlandia

Finita la dichiarazione è giunto il momento di mangiare: qui il prosciutto è l’attore principale. Una particolarità tutta finlandese e motivo di schock culturale è senza dubbio lo stile a buffet del pranzo. Anche in un ambiente privato e intimo, bisogna mettersi in fila, fare la coda, scegliere il cibo e poi aspettare che tutti siano tornati al tavolo per iniziare a mangiare. Per quanto riguarda i piatti, non c’è un ordine preciso, non si dividono i cibi in antipasti, primi e secondi. Tutto va sullo stesso tavolo e ognuno decide da sé da cosa partire.

Cosa si mangia a Natale in Finlandia?

Il grande protagonista gastronomico del Natale è il prosciutto di Natale. I Finlandesi attendono di mangiare questa prelibatezza tutto l’anno. Il prosciutto di Natale viene consumato anche alle feste aziendali di Natale (pikkujoulut), ma per chi non partecipa a queste feste (come i più piccoli), l’unica occasione di mangiarlo è proprio il giorno di Natale. Il prosciutto viene comprato qualche giorno prima surgelato. Verrà poi fatto scongelare, ricoperto di pane grattugiato, alcune spezie, mostarda, bagnato con una birra non alcolica casereccia o acqua e cotto in forno per più di 10 ore (di solito un’ora per ogni chilo di carne). Il forno viene acceso la sera prima e il prosciutto è così pronto al mattino del giorno di Natale. Ma non caldo. Il prosciutto viene servito a fette molto sottili.

Inoltre si mangiano cibi tipici della gastronomia finlandese : salmone , stufato di renna al forno con bacche rosse, sformato di patate, carote, rapa svedese (lanttu), pane di segale, insalata mista e un assortimento di formaggi da cui non manca mai il leipäjuusto, formaggio di mucca fresco guarnito di marmellata di lakka.

L’albero di Natale in Finlandia

Dopo il cenone, la famiglia si riunisce per addobbare l’albero di Natale. L’albero di Natale in Finlandia è principalmente un abete vero. In Finlandia l’albero finto non va di moda e si rischia di essere giudicati negativamente se si adotta la soluzione albero di plastica. L’albero di Natale viene scelto nelle foreste adiacenti la casa (è legale) e prima della caduta delle prime nevi, già a novembre. Ognuno segna il proprio albero con un nastro colorato o un cartellino col proprio nome. L’albero viene tagliato qualche giorno prima di Natale o il 23 dicembre e portato in casa.

Gli addobbi dell’albero il giorno di Natale in Finlandia non sono molto differenti da quelli italiani, con palle di Natale e drappi colorati. Se c’è una differenza, è che in Finlandia, come sulle pizze, non c’è un limite: mettono drappi e palline finché possono, senza un vero senso o ordine logico.

L’arrivo di Babbo Natale e i tanti regali

Verso le 17 arriva Babbo Natale. Ma arriva davvero!

In Finlandia Babbo Natale non viene di notte, non scende dal camino e non si nasconde da occhi curiosi ma bussa la porta la Vigilia di Natale, entra e parla con tutta la famiglia, interroga i bambini se sono stati buoni durante l’anno e quindi meritevoli dei tanti regali che il simpatico vecchietto ha in dono. Joulupukki (Babbo Natale in finlandese) porta tantissimi regali a tutti i membri della famiglia. Le calze e i guanti di lana sono tra i suoi doni preferiti, ma anche caramelle di ogni genere e regali sia economici che costosi, fino a raggiungere anche dieci regali ciascuno.

Ma chi è Babbo Natale? Un membro della famiglia che non abita lontano, un amico o un vicino. Ma non solo, negli ultimi anni sono infatti stati tantissimi gli studenti che per guadagnarsi qualcosa durante la pausa invernale fanno i “Babbo Natale in affitto”, andando di casa in casa a portare doni ai più piccini e liberando la famiglia del fardello di trovare per quell’anno chi indossi la barba e il cappello rosso.

Dopo la consegna dei doni Babbo Natale se ne va, ma non prima di aver consumato un bicchierino e qualche dolcetto. Gli studenti “affittati” da molte famiglie spesso si ritrovano in poche ore parecchio brilli a cantare a bambini mai visti. Aperti i regali, il giorno della Vigilia del Natale volge lentamente al termine. La famiglia si riunisce a giocare a tavola o a guardare un film, bevendo vino rosso e glögi, il vin brulè finlandese.

La Santa Messa di Natale in Finlandia

La Messa di Natale è a mezzanotte del 24 dicembre, come in Italia. Molto popolari anche la messa delle sei di mattina, a mezzogiorno e alla sera.

Ricordiamo che la maggior parte della popolazione (più del 90%) è protestante quindi informatevi sul calendario delle celebrazioni cattoliche, sempre che non vogliate partecipare alla celebrazione del Natale luterano protestante.

Il Natale in Finlandia, tra parenti vivi e morti

Oltre all’immancabile sauna mattutina, è tradizione far visita ai parenti deceduti. Da questo punto di vista il Natale si può paragonare al 2 Novembre in Italia, quando i cimiteri sono affollati di visitatori. Ma non solo, visto che si è ormai usciti di casa, di solito il giorno seguente la Vigilia si fa visita ai parenti, ai nonni, agli zii e cugini più vicini. I cimiteri rimangono aperti con orario prolungato e senza illuminazione che viene sostituita dalle centinaia di candele che tutti portano sulle tombe dei propri cari. Uno spettacolo da non perdere.

Il cenone di Natale viene mangiato di continuo durante l’arco dei due tre giorni di festa. Ci si siede a tavola tutti insieme solo una volta, poi il tavolo del buffet rimane lì pronto ogni qualvolta si voglia avere un altro po’ di quello che è rimasto.

Inverno in Finlandia

Inverno in Finlandia

L’inverno in Finlandia è la stagione che caratterizza di più il Paese di Babbo Natale. Lunghe giornate al buio, temperature sotto lo zero, tanta neve e il mar Baltico che si ghiaccia.

Avete mai camminato sul mare ghiacciato? Avete mai fatto il bagno all’aperto d’inverno? Se le lunghe e buie giornate non vi spaventano preparatevi ad un’esperienza unica: la Finlandia d’inverno.

Sempre meno sole e la temperatura cala…

Dopo le splendide giornate autunnali con le foglie che cambiano colore offrendo uno spettacolo di colori unici, in Finlandia arriva l’inverno con il buio e le gelide temperature.

Le giornate si accorciano. A Helsinki durante le giornate più corte il sole sorge alle 9 di mattina e tramonta verso le 3 di pomeriggio. Per chi lavora in ufficio questo vuol dire praticamente non vedere mai la luce del sole se non nel fine settimana. A Helsinki ci sono in media 20 ore di luce in tutto il mese di Dicembre. In alcune zone a Nord della Lapponia il sole non sorge per molti mesi (si vede solo un certo bagliore all’orizzonte) e alcune città sono al buio per gran parte della stagione invernale.

La temperatura può essere proibitiva. Di solito la colonnina di mercurio segna temperature sotto lo zero. Non è raro passeggiare a -20 gradi. In tutte le città finlandesi il servizio del trasporto pubblico è comunque sempre garantito ed efficiente, anche con tanta neve. In alcune zone a Nord però anche i Finlandesi devono arrendersi, poiché si segnalano spesso temperature inferiori ai -30 o-35 gradi.

L’umore dei Finlandesi cambia in base alle stagioni

I Finlandesi sono abbastanza metereopatici. Infatti durante l’inverno la gente si trasforma. la gente soffre la mancanza di luce e, al contrario delle bellissime giornate d’estate dove tutti sono allegri, si fa fatica ad adattarsi alle brevi, buie e fredde giornate invernali. E l’inizio dell’inverno è la parte più dura, proprio per la consapevolezza di essere solo all’inizio di un’altra lunga fredda stagione. L’arrivo della neve, d’altro canto, trasforma il paesaggio, che diventa ovattato, e aumenta la lumonisità… e l’umore.

Recentemente è in voga nelle case finlandesi usare una speciale lampada da accendere la mattina,  che simula l’azione del sole, apportando benefici anche alla produzione di vitamina D. La vitamina D, che normalmente assorbiamo tramite l’esposizione ai raggi del sole, durante l’inverno viene da molti assunta in pillole.

Guidare d’inverno

Alcune accortezze per chi viaggia in auto. A norma di legge entro il Primo dicembre bisogna cambiare i pneumatici e montare gomme da neve. A seconda delle condizioni atmosferiche però le autorità possono suggerire di compiere il cambio già a novembre o persino ad ottobre in Lapponia. In Finlandia non si usano le catene ma solo gomme chiodate o gomme termiche, al Sud. Le gomme chiodate non possono essere usate prima del Primo novembre e oltre il 30 aprile, a meno di disposizioni speciali. Da notare come i limiti di velocità durante l’inverno calano, e sull’autostrada si passa da 120 a 100 km/h. Per evitare che i liquidi all’interno della macchina ghiaccino, per chi parcheggia all’aperto sono disponibili delle prese elettriche da collegare alla vettura, che si attivano la mattina presto per riscaldare l’olio motore e l’abitacolo della macchina.

La neve e il ghiaccio in Finlandia

La neve e il ghiaccio sono una presenza importante dell’inverno finlandese. Da novembre fino a marzo non è raro che ci sia neve sulle strade. Infatti, il nome in finnico il mese di marzo, maaliskuu, richiama il fatto che si riveda il terreno nascosto per tanti mesi sotto un manto nevoso. Durante tutto il periodo invernale la neve viene raccolta e portata fuori dalle città in depositi in modo che si sciolga senza provocare disagi. Le strade sono battute per mantenere la viabilità in ottime condizioni e i marciapiedi vengono cosparsi di ghiaietta per rendere meno scivolosa la superficie. Può capitare però, soprattutto a Helsinki, che le continue nevicate non riescano a formare un manto permanente. L’alternarsi di precipitazioni nevose e piovose produce la cosiddetta loska, neve disciolta mista a fango che rende difficoltoso camminare.

Il mar Baltico d’inverno

Il mar Baltico e i laghi presenti all’interno della Finlandia si ghiacciano. Per mantenere attivo il trasporto marittimo le navi rompighiaccio (famose la Urho e la Sampo, sono ormeggiate a Helsinki durante le altre stagioni) spaccano il ghiaccio mantenendo attive le rotte marittime che collegano la Finlandia all’Estonia, alla Svezia, alla Germania e alla Russia.

Il mare ghiacciato è uno spettacolo unico: è possibile infatti passeggiare dalla terra ferma fino alle isole più vicine. Negli inverni più rigidi si può camminare anche per diversi chilometri di distanza dalla costa. I Finlandesi ne approfittano per lunghe gite indossando gli sci da fondo o i pattini. Per i più temerari è possibile fare dei buchi nel ghiaccio e tuffarsi nell’acqua quasi a zero gradi, o addirittura pescare!

Inverno in Lapponia

La Lapponia è la meta ideale per vivere pienamente l’inverno finlandese. Tanta neve e una buona probabilità di ammirare un’aurora boreale, un’esperienza davvero indimenticabile. Da Rovaniemi, la “capitale” della Lapponia, partono gite organizzate con le slitte trainate da cani, i famosi safari artici.

Come vestirsi d’inverno in Finlandia

Indossate indumenti caldi e preparatevi a togliervi il giubbotto quando entrate in negozi e centri commerciali, visto che sono riscaldati a volte in modo eccessivo. Le scarpe invernali sono d’obbligo, meglio se in gore-tex in modo che i vostri piedi rimangano sempre asciutti. Evitate scarpe che possano farvi scivolare, ci sono lastre di ghiaccio ovunque e soprattutto a fine stagione il ghiaccio sulle strade diventa nero per via dello sporco e dell’inquinamento e si confonde con l’asfalto. Fate attenzione sia a piedi che in bicicletta!

Come vestirsi in casa

Se fuori la temperatura è sotto lo zero dentro una casa finlandese la temperatura è sempre intorno ai 20 gradi. Infatti tutti hanno le doppie finestre con il doppio vetro. Ricordate sempre di togliervi le scarpe appena entrati. Togliersi le scarpe è una buona abitudine d’estate ma d’inverno è necessario, per non portare pezzi di neve e ghiaccio all’interno della casa.

Come riscaldarsi durante l’inverno

Dopo una lunga passeggiata non c’è niente di meglio che una sauna calda per riscaldare il proprio corpo. Se non avete una sauna in casa, potete andare in una sauna pubblica, in ogni città ce n’è almeno una.

In commercio, nei negozi che vendono attrezzature sportive, si vendono delle bustine (tipo quelle da tè), che a contatto con l’aria si riscaldano arrivando fino a 40 gradi. Se siete particolarmente freddolosi vi consigliamo di comprarle, costano circa un euro e rimangono calde per 7 ore. Tenerne due in tasca o nelle scarpe aiuta a combattere il freddo inverno finlandese.

D’inverno lo strato di ghiaccio è così spesso che in alcune zone della Finlandia, i più temerari si divertono ad andarci con la macchina facendo acrobazie sulla superficie scivolosa. Informatevi che il ghiaccio sia abbastanza spesso: nelle zone meridionali delle Finlandia andare con la macchina sul ghiaccio è oggigiorno vietato.

Shopping a Helsinki

Shopping a Helsinki
Stockmann

Dove fare shopping a Helsinki?

Tutto quello che volete sapere sullo shopping di Helsinki ve lo dice Guida Finlandia. Tra centri commerciali, grandi magazzini, strade adibite allo shopping, design finlandese e souvenir, vi porteremo in giro per la città di Helsinki e vi diremo dove è più facile trovare ciò che state cercando. E non dimenticate il Negozio di Natale.

Non c’è solo Stockmann (che è anche il negozio più costoso della città)!

Siete a Helsinki e non sapete dove andare a fare shopping? Non perdetevi tra le vie secondarie per cercare il negozio con qualcosa di particolare…non lo troverete. Anche a Helsinki, come sta accadendo in moltissime città moderne, soprattutto del Nord, i negozi sono concentrati in centri commerciali, grandi magazzini e vie dedicate solo allo shopping.

Vi porteremo, a piedi, a fare un giro tra i negozi della capitale finlandese.

Prendete la metro in direzione Ruoholahti e scendete a Kamppi. Salendo le scale mobili, vi ritroverete nel più moderno centro commerciale di Helsinki: Kamppi.

Centro Commerciale Kamppi

Centro commerciale aperto dal 2005, dotato di molti dei più famosi negozi finlandesi e stranieri: IITTALA, BODY SHOP, VERO MODA, PENTIK, CLAS OHLSON, MARIMEKKO e GAME STOP.

Sette piani di negozi, ma anche di tantissimi ristoranti e fast food. A Kamppi troverete ristoranti italiani, greci, spagnoli e persino un sushi fast-food. Al settimo piano ci sono i negozi più trendy e uno dei migliori bar, lo Johto. WiFi gratuita e insalatone miste veramente appetitose. Al piano terra c’è il supermercato K-Market, aperto fino alle 22 tutti i giorni, e il Lidl, risorsa preziosa se volete spendere un po’ meno.

Singolare il fatto che a Kamppi manchi un negozio di sport.

Dal pian terreno di Kamppi un tunnel vi porta al prossimo centro commerciale del centro di Helsinki, Forum. Se siete fan di wargames come Warhammer, nel tunnel sotterraneo troverete il negozio della Games Workshop, oltre a un negozio che vende prodotti e souvenir della locale Legambiente (Suomen Luonnonsuojeluliitto).

Centro Commerciale Forum

Un altro centro commerciale di cinque piani. Famoso il piano sotterraneo con moltissimi fast-food e un supermercato. A Forum ci sono molti negozi non presenti a Kamppi, tra cui indubbiamente ricordiamo H&M e due negozi di sport, INTERSPORT e il più grande STADIUM, e tra i bar il Cafè FAZER e ARNOLDS.

Uscite da Forum e di fronte a voi sulla sinistra troverete un altro grande magazzino.

Centro Commerciale Sokos

Il centro commerciale Sokos si trova a due passi dalla stazione ferroviaria alla quale è collegato tramite un sottopassaggio.

Nel grande magazzino di Sokos troverete vari negozi, tra cui un reparto make-up tra i più forniti della Finlandia. La particolarità del grande magazzino Sokos sono i due estremi: all’ultimo piano troverete un hotel (Hotel Sokos) e un ristorante raffinato con una vista mozzafiato sulla città; al piano terra uno dei supermercati più economici della città.

Usciti da Sokos, camminate verso il centro. Sulla sinistra potrete notare il grande magazzino più famoso della Finlandia: Stockmann.

Stockmann

“Se non lo trovi a Stockmann, non esiste!”, dicono i finlandesi. E in effetti c’è veramente di tutto a Stockmann. Ma tutto è di qualità e quindi non economico. Dentro Stockmann troverete tutte le grandi firme internazionali: ARMANI e PRADA ad esempio. Reparto tecnologia, casa, luce, sport e animali sono solo alcuni dei reparti di Stockmann. Al pian terreno c’è anche il supermercato meglio rifornito della Finlandia, con tantissimi prodotti nostrani e prelibatezze da tutto il mondo.

Usciti da Stockmann vi ritroverete su Aleksanterinkatu, la via dello shopping.

Aleksanterinkatu

Il nostro consiglio è semplice: percorretela tutta. Partendo da ZARA, passando per MAX MARA e NOKIA, fino ai tre negozi di H&M in pochi metri, Aleksanterinkatu è la via commerciale di Helsinki. Il sabato pomeriggio è gremita di gente come in ogni capitale che si rispetti.

Arrivati a Kämp Galleria, entrate. È da vedere.

Kämp Galleria

Molto elegante nell’architettura, Kämp Galleria è un centro commerciale e hotel. Al suo interno troverete il negozio di GUESS, di PUMA, di LACOSTE, di PEAK PERFORMANCE e anche un SONY CENTER. Dentro a Kämp Galleria consigliamo il ristorantino di sushi al secondo piano.

Attraversiamo tutta la Galleria e sbucheremo sulla seconda via dello shopping, Esplanadi.

Esplanadi

Esplanadi è la via per i turisti. Partendo dal porto e risalendola verso il centro troviamo ristoranti e bar molto eleganti, dove un cornetto può costarvi anche tre euro. Tutti i negozi di design finlandese più famosi sono qui e sono tra i più grandi che troverete in Finlandia: MARIMEKKO (con 2 negozi), IITTALA e PENTIK, ma anche il francese LUIS VUITTON è in Esplanadi. Su questo elegante viale troverete anche uno delle due gelaterie BEN&JERRY di Helsinki (l’altra è un chiosco a Kamppi) e vari negozi di souvenir.

Esplanadi cambia volto d’estate e d’inverno. Se d’estate è il posto perfetto per rilassarsi, guardare la gente passare bevendo un caffè nelle terrazze dei bar o seduti sul parco in mezzo alla via, d’inverno è sede del mercatino di Natale. Tra gli alberi le luci di Natale vi accoglieranno al mercatino natalizio di Helsinki, dove potrete trovare una miriade di souvenir, soprattutto lapponi.

Parlando di Natale, a Esplanadi è presente uno dei negozi più famosi della Finalndia, il “negozio di Natale”.

Il negozio del Natale

Il negozio del Natale è un particolarissimo negozio con una miriade di oggetti, statuine e accessori che richiamano il tema natalizio. Come sapete, Babbo Natale vive in Finlandia e un negozio che celebri lui e la sua festività non poteva mancare. Anche d’estate, il negozio di Natale vi trasporterà in un ambiente invernale e tutti questi accessori natalizi vi sembreranno quasi surreali per questa stagione dell’anno! Ovviamente, è molto meno strano visitarlo d’inverno.

Alla fine di Esplanadi potete proseguire per il viale di Bulevardi.

Bulevardi

Nella zona di Bulevardi, così come nelle laterali Annankatu e Friedrinkatu, ci sono negozi dedicati al design per la casa, con negozi di complementi d’arredo, di oggetti anni ’70 o giapponesi. Bulevardi ospita anche diverse gallerie d’arte, fra cui quella del famoso pittore finlandese Kaj Stenvall, divenuto celebre per la sua reinterpretazione di un noto personaggio Disney (Paperino).

Non siete ancora soddisfatti?
Allora tornate a Kamppi, prendete la metro in direzione Est (Vuosaari/Mellunmäki) e scendete alla fermata di Itäkeskus.

Itäkeskus

È uno dei quartieri di Helsinki ma anche il nome di uno dei più grandi centri commerciali del Nord Europa.

Ci sono svariati negozi e alcuni anche molto meno costosi che in centro-città. Famoso tra gli stranieri e immigrati proprio per i prezzi ridotti, lo consigliamo a chiunque voglia fare shopping risparmiando qualche euro.

In Finlandia praticamente solo i turisti fanno acquisti con i contanti. I negozi non hanno spese di commissione per pagamenti con carta bancomat o carta di credito e quindi accettano pagamenti con carta anche di un solo euro.

Carne di Renna

Se il cigno è il simbolo ufficiale del Paese, la renna ne è quello spirituale…e gastronomico!

I bambini la conoscono come l’animale che traina la slitta di Babbo Natale, gli adulti, spesso, preferiscono pensare alla renna come ad un ottimo piatto di carne.

Dalla slitta di Babbo Natale fino al piatto con contorno di patate, la renna è un animale che non lascia nessun Finlandese indifferente.

Mangiare Renna
Estremamente popolare sulle tavole finlandesi, la renna ha carni morbide che ben si accompagnano al vino rosso, alla birra, al purè di patate e alla salsa di mirtilli rossi (puolukat).

Altri contorni tipici che vengono serviti con la renna sono una deliziosa crema di funghi o contorni come spinaci e patate novelle, bacche come mirtilli e ribes e persino formaggio di capra o piccante.

Troverete la carne di renna principalmente preparata come stufato (poronkäristys), accompagnato dal purè di patate e salsa di mirtilli rossi. E’ meno frequente la preparazione del filetto o controfiletto semplicemente arrostiti in padella, poiché la carne ha un sapore particolare e può risultare troppo forte se non accompagnato da qualche salsa o contorno. La renna viene anche consumata affumicata, o come ingrediente per salse che accompagnano altri cibi.

Nonostante la sua diffusione, i prezzi per la carne di renna sono notevolmente più alti rispetto a quelli di carni più comuni. Il filetto fresco, preso al bancone o confezionato, si aggira sui 50 euro al chilo, mentre la carne di renna per stufati congelata è assai più economica (dai 18 ai 40€ a seconda della provenienza).

Gli allevamenti di renne sono diffusi soprattutto in Lapponia, e tutte le provvigioni dipendono dalla produzione interna di circa 5000 fattorie, solitamente gestite da piccoli gruppi familiari di quattro o cinque persone. Ogni anno, circa il 2% dei prodotti gastronomici a base di renna vengono esportati verso altri paesi. La Finlandia da sola consuma circa 2,5 milioni di chili di carne di renna all’anno, di cui un terzo direttamente ai consumatori, mentre il resto a ristoranti ed alberghi.

La renna come ingrediente è stato messo dai Finlandesi persino sulla pizza. Infatti la celebre Pizza Berlusconi è una pizza impastata con farine di segale e di grano integrali, e guarnita con cipolle rosse, funghi, straccetti di renna e un formaggio finlandese simile al gorgonzola (aurajuusto). Il singolare nome di questa prelibatezza, creata dalla catena di pizzerie Kotipizza, è dovuto ad una famosa battuta di Silvio Berlusconi pronunciata in segno di spregio verso la gastronomia finlandese, durante il periodo della diatriba relativa all’assegnazione territoriale dell’EFSA, l’autorità europea per la sicurezza alimentare. I Finlandesi, non gradendo l’uscita dell’allora Primo Ministro italiano, hanno ben pensato di battezzare una pizza così patriottica in suo onore. Ironia della sorte, al momento della sua introduzione sul mercato, la Pizza Berlusconi è stata internazionalmente dichiarata la “più buona del mondo”.

Babbo Natale

Babbo Natale: il personaggio più amato dai bambini

Tutti i bimbi (e anche alcuni adulti) sognano di incontrare Babbo Natale… ora vi sveliamo dove vive!

Babbo Natale potrebbe essere il Santo patrono dei pendolari: ogni giorno percorre un totale di 465 km sulla sua slitta (che non è volante come in America), da casa al lavoro e viceversa!

Se vi trovaste a camminare nel centro di Helsinki durante la penultima domenica di novembre potreste imbattervi in una folla di bambini che aspettano impazientemente sui marciapiedi di Aleksanterinkatu l’arrivo di qualcuno. E se decideste di unirvi nell’attesa la vostra pazienza verrebbe sicuramente premiata, dal momento che vedreste arrivare a bordo della sua slitta trainata da renne, direttamente dalla Lapponia, niente-poco-di-meno-ché Babbo Natale in persona.

Dove vive Babbo Natale?

Dove vive esattamente Babbo Natale? Se lo si chiede ad un americano, la risposta sarà inequivocabilmente “al Polo Nord”. Per gli Europei, invece, Babbo Natale abita in Finlandia, in Lapponia, per la precisione a Korvatunturi, al confine con la Russia. La leggenda narra che il luogo sia stato scelto come dimora di Babbo Natale dal presentatore finlandese Markus Rautio (in arte Markus-setä, “zio Markus”), che negli anni Venti conduceva un programma radiofonico per bambini, Lastentunti. Zio Markus narrava ai bimbi che dall’alto della cima di Korvatunturi (La montagna dell’orecchio Babbo Natale era in grado di ascoltare tutto ciò che i bambini dicevano, scoprendo quindi se facevano i capricci o facevano i bravi. Se Babbo Natale è in grado di sentire tutto, ha però bisogno di occhi vigili: a questo ci pensano i piccoli gnomi (joulutontut), che spiano i bimbi dalle finestre delle loro camerette per vedere se fanno i monelli e fanno rapporto al capo.

Dal momento che l’officina in cui Babbo Natale e gli gnometti preparano i regali per i bambini buoni è un po’ fuori mano, lui riceve i suoi ospiti, grandi e piccoli, presso il suo ufficio postale a Rovaniemi, ufficio a cui possono essere indirizzate le lettere con le liste dei regali. L’indirizzo è

Joulupukki, 96930 Rovaniemi Finland.

Alternativamente inviate le vostre richieste direttamente a casa sua, indirizzandole alla casella postale di babbo natale: casella postale 99999, Korvatunturi Finland.

Le origini di Babbo Natale in Finlandia

Chi è Babbo Natale per i Finlandesi? Sicuramente è una figura molto importante, dal momento che possibilmente si tratta del loro connazionale più famoso al mondo. Babbo Natale è costantemente presente nella vita dei Finlandesi anno dopo anno nel periodo natalizio, dai libri ai film, fino ad arrivare agli spazi mediatici (è un personaggio molto amato e che “fa notizia”). Le origini del personaggio sono però alquanto singolari: secoli fa Babbo Natale era alquanto diverso e non propriamente “amichevole”.

Inizialmente in Finlandia non esisteva Babbo Natale, San Nicola, o Gesù Bambino. All’inizio esisteva solamente il Capro di Canuto. Il nuuttipukki (Capro di Nuutti, o Canuto) era un uomo che nel giorno di San Canuto (Nuuttipäivä, 13 gennaio) si travestiva da capro -figura simbolica dei riti sciamanistici della fertilità- e girava di casa in casa nei villaggi. Con indosso una pelle di capra girata al contrario, corna e maschera di corteccia, si faceva offrire dai padroni di casa bevande alcoliche, che solitamente venivano elargite a profusione per garantirsi la benevolenza degli spiriti. Tradizionalmente questo personaggio, che finiva per ubriacarsi pesantemente, spaventava i bambini della casa con le sue fattezze orrende. Questa figura veniva quindi raffigurata come una sorta di Babau, una creatura orrida che spaventa i bambini ed esige da loro regali, anziché donarli. Esso rimase popolare in Finlandia fino all’inizio del Novecento, in cui la figura a noi più nota del vecchietto con la barba bianca si diffuse soppiantandolo. Il “tema caprino” era però destinato a rimanere: il nome in finnico di Babbo Natale è infatti Joulupukki, letteralmente “Caprone Natale”. Un’altra caratteristica che deriva dalla tradizione del Capro di Canuto è che in Finlandia Babbo Natale non si intrufola di nascosto nelle case di notte per portare i regali, come in America, ma entra dalla porta principale, si intrattiene con tutta la famiglia e dialoga coi bambini per vedere se sono stati bravi.

Dal sito delle Poste finlandesi è possibile ordinare per i vostri bimbi una lettera illustrata scritta direttamente da Babbo Natale, e farla recapitare al vostro indirizzo. La lettera, che è accompagnata da un minicalendario natalizio, è disponibile in sette lingue (tra cui l’italiano) e viene affrancata con un francobollo ad annullamento speciale. Per ordinarne una (costo: 7 euro) e fare la felicità dei vostri bimbi recatevi al sito (in inglese): https://verkkokauppa.posti.fi/PublishedService?pageID=18&freePage=1699. Dal momento che la Finlandia è un Paese molto tecnologico, Babbo Natale si è adeguato ai tempi ed è possibile contattarlo anche tramite un modulo elettronico: http://www.santaclauslive.com/main.php?link=kirjoita_joulupukille&pid=2