HIM e Ville Valo

Him: la band finlandese più famosa al mondo

Gli Him, il gruppo finlandese più conosciuto all’estero, suonano un genere musicale difficile da catalogare e devono molto del loro successo al cantante (ex) bello e impossibile: Ville Valo.

Him: Il love metal è nato in Finlandia!

HIM & Ville Valo

Gli HIM sono una rock band finlandese di Helsinki, nata nel 1991 e composta inizialmente da Ville Valo (frontman e “bello” del gruppo, anche se ormai gli anni sulle spalle si iniziano a vedere), dal chitarrista Mikko Lindström, dal bassista Mikko Paananen e dal batterista Janne Puurtinen. L’attuale line-up vede Janne Puurtinen spostato alle tastiere e Mika Karppinen è il nuovo batterista.

Il genere musicale degli Him

Nel corso degli anni il genere musicale proposto dagli HIM è stato definito in molti modi: alternative rock, alternative metal, pop, etc., ma la definizione più usata dalla band stessa è “Love Metal”, che è anche il titolo del loro quarto album, risalente al 2003.

Una definizione abbastanza onesta, ad essere sinceri, visto che la band effettivamente unisce elementi tipici del metal (una certa “pesantezza” di fondo nell’uso delle chitarre e della batteria) con melodie molto orecchiabili e tappeti di tastiere studiati appositamente per entrare rapidamente nella testa dell’ascoltatore. Le tematiche affrontate sono più o meno sempre le stesse: amore, morte, bellezza, decadenza, paura, gioia. Anche per questo motivo nel corso degli anni gli HIM sono stati spesso definiti, impropriamente da un punto di vista meramente tecnico, una band “gothic rock”.

Discografia degli Him

Gli HIM hanno rilasciato finora sette album in studio, uno ogni due anni, più una miriade di singoli brani rari, cover e altro materiale inedito. La lista completa è la seguente:

Greatest Lovesongs Vol. 666 (1997)
Razorblade Romance (1999)
Deep Shadows and Brilliant Highlights (2001)
Love Metal (2003)
Dark Light (2005)
Venus Doom (2007)
Screamworks: Love in Theory and Practive (2009)

Lo stile degli album cambia leggermente da un disco all’altro, anche se nel complesso rimangono tutti sulle stesse coordinate, con l’eccezione di Deep Shadows and Brilliant Highlights, nettamente il più soft (e pop) del lotto, e di Venus Doom, forse il disco meno riuscito, dove mancano quasi completamente le tastiere e si assiste ad una certa preponderanza di parti, per l’appunto, doom (ovvero lente e pesanti), che mal si sposano con i ritornelli catchy a cui gli HIM avevano abituato in precedenza.

Tra tutti vi consigliamo in particolare i primi due, dischi pieni di idee in cui ogni canzone è praticamente un classico.

Se volete sentire un solo pezzo degli HIM, Guida Finlandia vi consiglia a mani basse “Baby join me in death”, uno dei singoli dall’album Razorblade Romance e probabilmente il più grande successo degli HIM. Se non la conoscete, non vi uscirà più dalla testa: http://www.youtube.com/watch?v=1V4AscLidWg

Cover e collaborazioni

Nel corso della loro carriera gli HIM hanno reinterpretato diverse canzoni, come ad esempio “Wicked Games” di Chris Isaak, “Don’t Fear The Reaper” dei Blue Öyster Cult, “Solitary Man” di Neil Diamond, Black Sabbath’s “Hand of Doom”, “Rendevouz with Anus” dei Turbonegro e “Rebel Yell” di Billy Idol. Quasi tutte queste cover sono estremamente riuscite e ve ne consigliamo caldamente l’ascolto.

Gli HIM hanno spesso collaborato anche con altri artisti della scena finlandese, come i The 69 Eyes, i The Rasmus e gli Apocalyptica.

Ville Valo

Come spesso accade, molto del successo della band si deve al frontman e cantante di turno, nel nostro caso al bel tenebroso Ville Valo. Se si pensa agli HIM, non si può non pensare al loro frontman Ville Valo. Il classico cantante rock, misterioso, capelli lunghi neri, sguardo glaciale, tatuaggi. Il cantante degli HIM ha fatto sognare per più di dieci anni donne (ma soprattutto ragazzine) in tutto il mondo.
Negli ultimi anni il suo sex-appeal ha perso un pò di smalto, ma l’etichetta di cantante maledetto ce l’ha ancora ben impressa.
Ville Valo ha recentemente partecipato al reality show L.A. Ink, in cui è stato tatuato in diretta televisiva, e al film Jackass 2, forte dell’amicizia che lo lega al protagonista Johnny Knoxville.

[include file=/include/lsc.htm]

L’acronimo HIM significa…His Infernal Majesty, ovvero “Sua Maestà Infernale”, un nome probabilmente legato più agli inizi della band che non al proseguio della carriera. Ad un profano, infatti, il nome esteso potrebbe suggerire sonorità ben più pesanti di quelle che poi la band effettivamente propone.

[include file=/include/firma.htm]

5 pensieri riguardo “HIM e Ville Valo”

  1. Ma l’amicizia di Ville non era con Bam Maergera in Jackass?
    Margera che tra l’altro, si è fatto più o meno tatuaggi simili a Ville, primo tra tutti l’Heartagram (che ho anche io :3)e ha la casa in tema Him :)

  2. Tanto per iniziare,io non mi azzarderei proprio a dire che Ville Valo ormai non è più bello come lo era un tempo. Gli anni (che fra l’altro non sono nemmeno tanti) se li porta divinamente,sembra molto più piccolo di quello che è. Ha un viso molto bello,dei lineamenti delicati e spigolosi allo stesso tempo e il fisico di un giovane ragazzo,magro e scolpito. Siamo nel 2013 eppure Ville Valo fa ancora impazzire ragazze e donne mature. E comunque,gli HIM devono il loro successo anche ad altri 4 componenti,ad altri 4 uomini fantastici che mettono l’anima in quello che fanno. Migè,Linde,Gas e Burton sono grandi musicisti tanto quanto Ville.
    Seconda cosa. Il genere musicale che fanno è di stampo molto Gothic,è un gothic metal con delle sfumature diverse dal solito. Proprio per via di quelle sfumature è stato definito love metal dalla band.
    Terza cosa. Ville è molto amico di Bam Margera (probabilmente hanno avuto anche una relazione dato che entrambi sono molto gay soprattutto quando sono insieme) non di Johnny Knoxville.

    Correggete un po’ va.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>