Il Karaoke in Finlandia

I Finlandesi amano cantare al Karaoke…di fronte a tutti!

Tranne che per una breve parentesi inaugurata da Fiorello all’inizio degli anni Novanta, il karaoke non ha mai riscosso un successo straordinario in Italia. In Finlandia il karaoke è uno dei passatempi notturni più diffusi: incredibilmente, se c’è qualcosa di cui in Finlandesi non hanno paura, è cantare di fronte ad un pubblico.

Se pensavate che il Karaoke fosse una passione solo giapponese…beh, ripensateci!

Karaoke in Finlandia

Karaoke è un termine di origine giapponese che significa, letteralmente “orchestra vuota“. Come è noto, si tratta di una base musicale su cui la gente può cantare, seguendo i testi che scorrono sullo schermo, nel tentativo di riproporre la canzone in maniera simile alla versione originale. Sebbene la passione dei giapponesi per questa forma di intrattenimento sia di dominio pubblico, meno celebre è il fatto che, per motivi abbastanza misteriosi, il karaoke goda di ottima salute anche in Finlandia.

Potremmo cercare di indovinarne le ragioni: la Finlandia ha una cultura musicale molto forte, e la difficoltà ad esprimere emozioni e sensazioni in situazioni normali in qualche modo si allenta in una fase catartica e “rituale” come quella di cantare un pezzo, sia esso musica popolare o l’ultima rock hit degli HIM. Aggiungiamo inoltre che questo “blocco espressivo” si allenta notevolmente sotto l’effetto dell’alcool, per cui possiamo tranquillamente annoverare i karaoke bar finlandesi tra i locali con il più alto numero di persone in stato di ebrezza nel weekend.

I Finlandesi sono talmente pazzi per il karaoke, che non solo i karaoke bar sono fra i locali notturni più diffusi del paese, ma è perfino possibile prendere un “taxi musicale” dove l’intera compagnia può divertirsi a cantare insieme durante gli spostamenti da un posto all’altro.

I Karaoke Bar

Disseminati un po’ ovunque e generalmente presenti anche nelle cittadine più piccole, i karaoke bar sono locali frequentatissimi dai Finlandesi, giovani e non. Sebbene non manchino locali più adatti ad un pubblico giovane, l’età media dei “cantanti” è sui 35-45, o anche di più.

Prima di decidere di passare una serata al karaoke bar tenete a mente alcune precauzioni:

1) I Finlandesi in questi karaoke bar sono clienti abituali. Questo significa che, salvo eccezioni, molti di loro sono estremamente bravi a cantare. Sebbene nessuno vi prenda in giro per una prestazione sottotono, cercate di capire esattamente con che tipo di “competizione” avete a che fare, giusto per non rimediare solo una magra figura.

2) Di fronte a certe performance vocali, è a volte difficile resistere alla tentazione di registrare un video con il telefono o la macchina fotografica. Ricordatevi però che molte di queste persone NON vogliono apparire nei vostri video, e se particolarmente infastidite, potrebbero anche chiamare la sicurezza del locale. E’ buona educazione chiedere il permesso.

Cosa succede se nessuno se la sente di cantare? Di solito c’è una sorta di ospite che “riempie i buchi” mentre i clienti rimediano un altro drink e scelgono la prossima canzone, da un menù con centinaia di opzioni disponibili. I video che scorrono di sfondo ai testi non sono originali e sono spesso qualitativamente atroci. Non fateci caso alle immagini però, la selezione musicale spazia fra i generi più disparati e non si ferma certo solo al pop finlandese.

Karaoke a casa

I più giovani, piuttosto che andare nei locali, preferiscono il “karaoke casalingo“. Sebbene siano in vendita degli apparecchi che leggono DVD appositamente riempiti di basi musicali, è oggigiorno più semplice ritrovarsi ad una festa dove, sulla TV di casa, campeggia la scritta SingStar o Lips, software di karaoke disponibili rispettivamente per i marchi Playstation 2/3 e Xbox 360. Un’alternativa più laboriosa sono i giochi musicali Rock Band o Guitar Hero, che vedono ogni componente suonare uno strumento diverso: cantare, ovviamente, è solo una delle possibilità.

Karaoke in taxi

Se una compagnia composta da molte persone deve spostarsi, per esempio, da una festa in casa fino al centro del paese, può affittare un “karaoke taxi”. Questi taxi, molto spaziosi e in grado di ospitare anche 15 persone, sono equipaggiati con schermi e microfoni per permettere alle persone di intrattenere gli amici con qualche nota alcolica durante gli altrimenti noiosi – ma necessari – spostamenti notturni.

[include file=/include/lsc.htm]

Fra i pezzi più richiesti nei karaoke bar spiccano delle reinterpretazioni di classici italiani, come ad esempio Aikuinen Nainen (la versione locale di “Maledetta Primavera”) e Olen Suomalainen (ovvero la versione finlandese de “L’Italiano” di Toto Cotugno).

[include file=/include/firma.htm]

Il gioco d’azzardo in Finlandia

Lotto, poker, roulette, black jack: in Finlandia piace il gioco d’azzardo.

In Finlandia le slot machines sono praticamente ovunque. Alcune sono vietate ai minori di 18 anni, altre ai minori di 15 anni. I Finlandesi non disdegnano il lotto (anche se il loro jackpot è molto più basso di quello italiano) e sono un popolo a cui piace giocare a poker, soprattutto on-line. Inoltre in quasi tutti i locali, e non solo nei casinò, è possibile giocare alla roulette o al black jack. Ma ricordate: il banco vince sempre.

Un volto privo di espressione è l’asso nella manica dei Finlandesi che si avventurano nella carriera di giocatori di poker professionisti.


Gioco d’azzardo, scommesse, lotto, poker: in Finlandia c’è l’imbarazzo della scelta.

Nel territorio nazionale ci sono due casinò (uno a Helsinki e uno nelle isole Åland), quasi 20 mila slot machines e una cinquantina di impianti come gli ippodromi dove è possibile scommettere dal vivo. E non dimentichiamo i quasi 300 locali o ristoranti con tavoli da gioco dove i Finlandesi si cimentano magari guardando una partita di calcio o di hockey o prendendosi una pausa dalla pista da ballo.

Una nota molto positiva è che gli introiti derivanti da scommesse e gioco d’azzardo vengono investiti in organizzazioni no-profit legate al mondo dello sport, dell’educazione e della cultura.

Lo Stato ha il monopolio sulle scommesse e l’intero sistema viene gestito tramite quattro compagnie: RAY, Veikkaus Oy, Fintoto Oy e PAF.

Casinò, Slot Machines e Tavoli da Gioco

La RAY gestisce per conto del Monopolio statale i casinò, le slot machines e i tavoli da gioco. Tutti i guadagni sono reindirizzati ad organizzazioni che si occupano di problemi sociali e di salute pubblica. Alla RAY non è concessa la gestione delle scommesse on-line: la società è in attesa di ricevere l’autorizzazione governativa. In passato c’è stata una battaglia legale tra la RAY e la PAF, proprio perché con l’avvento del poker on-line le scommesse nei casinò sono calate vertiginosamente.

Lotto in Finlandia

La particolarità del lotto finlandese è che, oltre a poter essere giocato interamente on line, i numeri che possono essere scelti vanno dall’uno al trentanove. Il lotto, la lotteria nazionale finlandese, è gestito da Veikkaus Oy che si occupa dei proventi e li destina in programmi per la cultura, l’arte, la scienza, offerte lavoro per i giovani e attività sportive.

Il viking lotto è la lotteria organizzata in collaborazione tra Danimarca, Svezia, Norvegia, Islanda, Estonia e Finlandia. Il gioco permette di vincere un mega premio unico e altri piccoli premi gestiti indipendentemente dalle varie nazioni. Lo scopo è selezionare una combinazione di sei numeri scelti tra 1 e 48. Durante l’estrazione vengono estratti 6+2 numeri. Il primo premio viene vinto da chi indovina tutti e 6 i numeri, dopodiché vengono assegnati tutti gli altri premi minori a livello locale.

Corse dei cavalli

Le scommesse legate alle corse dei cavalli (o simili) sono gestite dalla Fintoto Oy. Tutti i guadagni sono reinvestiti nel mondo dei cavalli.

Scommesse on-line

Una quarta azienda, la PAF, si occupa delle scommesse nel territorio delle isole Åland. La PAF gestisce anche le scommesse sui traghetti che ad esempio collegano la Finlandia alla Svezia e tutto quello che avviene su internet come slot macchine virtuali, lotterie, poker, scommesse sportive e altri tipi di giochi legati al mondo delle scommesse.

Come nei casi precedenti, tutti i profitti sono reinvestiti in opere pubbliche legate alla cultura, al settore sociale e allo sviluppo e promozione dello sport.

Il Poker in Finlandia

La popolarità del poker è cresciuta molto negli ultimi anni, grazie anche alla copertura mediatica e ai numerosi eventi trasmessi in televisione. La Finlandia è la patria di Patrik Antonius (attualmente residente a Monte Carlo), vera e propria star nel mondo del poker. In Finlandia viene giocata spesso una variante del poker, chiamata Sökö, dove tra coppia e doppia coppia ci sono altre combinazioni vincenti come ad esempio una scala fatta con solo quattro carte.

I premi importanti si vincono nei tornei di poker organizzati nei due casinò statali gestiti dalla RAY. Altri tornei di poker (Helsinki Freezeout, Extreme Poker Challenge, Small Town Poker Tour) sono giocati in diversi locali delle varie città. Quando non ci sono tornei è possibile giocare on line. La PAF è la compagnia che gestisce e offre la possibilità di giocare a poker on-line. E’ possibile trovare stanze per giocare a poker, piazzare scommesse sportive o tentare la fortuna tramite la lotteria.

Le star finlandesi di poker a livello internazionale, oltre a Patrik Antonius, sono: Juha Helppi, Sami Kelopuro, Ilari Sahamies e Jani Sointula. Per ognuno di loro esiste una biografia in inglese su wikipedia.

Età minima per scommettere

Come detto precedentemente, l’età minima dipende dal luogo dove si scommette e da quale società gestisce quel tipo di scommessa. Per i servizi RAY l’età minima è di 18 anni mentre per Veikkaus Oy l’età legale è di 15 anni. Ad ogni modo si sta tentando a livello legislativo di uniformare le cose e di applicare l’età minima di 18 anni per scommesse e gioco d’azzardo.

[include file=/include/lsc.htm]

L’87% dei Finlandesi ha fatto una scommessa o giocato d’azzardo almeno una volta nella vita. Il lotto è la forma più comune seguita dai gratta e vinci e dalle slot machine.

[include file=/include/firma.htm]

La vita notturna in Finlandia

La vita notturna in Finlandia comincia molto presto ma finisce altrettanto presto: alle 3:30 chiudono tutti i locali!

I Finlandesi amano divertirsi, frequentano ristoranti, bar, locali e di solito non perdono l’occasione per bere qualche bicchiere in più. Troverete tante ragazze e nessuno che vuole menare le mani.
Nel fine settimana festa nei bar e anche per strada, ma cosa fare quando i locali chiudono così presto? Organizzate un after party!

Un tipico locale di Helsinki: tante ragazze bionde che si divertono
La vita notturna in Finlandia è molto attiva e ci sono divertimenti per ogni età. I Finlandesi amano divertirsi e spesso il frequentare locali e feste è uno dei mezzi più efficienti per mantenere una vita sociale attiva, specialmente d’inverno. Pub e discoteche si trovano quasi sempre in centro città per permettere a tutti di potervi giungere agevolmente con il trasporto pubblico, taxi o bicicletta, senza bisogno di prendere mezzi propri e di privarsi quindi di qualche birra!

Nelle discoteche e nei pub rimarrete colpiti dalla quantità di ragazze presenti. Se in Italia la maggioranza è principalmente maschile, qui sono le ragazze finlandesi ad essere in numero sempre più elevato. Soprattutto in pista, non troverete quasi mai più uomini che donne. Anzi, vi capiterà spesso, se siete Italiani e se è ancora presto, di essere gli unici uomini in pista.

I locali notturni, le discoteche, i pub e le birrerie sono categorizzati come ristoranti: in Finlandia li troverete infatti sotto la dicitura ravintola. Seppur nelle città la distinzione tra le discoteche e i veri e propri ristoranti sia evidente, nei paesini spesso lo stesso locale ha funzione di ristorante e di locale notturno. Generalmente i locali si affollano dalle 23 a mezzanotte, ma già prima è possibile trovare gente.

Di solito le discoteche vere e proprie non sono grandissime e il prezzo d’ingresso è inferiore ai 15 euro. Ricordate che ciò non comprende nessuna consumazione. I drink generalmente sono abbastanza costosi; in più la quantità di alcool servita per ogni cocktail o shot è misurata attentamente per mezzo di misurini. Altra peculiarità dei locali finlandesi è che il servizio guardaroba è obbligatorio – spesso anche in assenza di giacche – e di solito costa 2 euro. Per molti locali questo è anche l’unico prezzo di entrata che pagherete.

In Finlandia il gioco d’azzardo è legalizzato e nella maggior parte dei locali potete sedervi al tavolo e giocare a poker, black jack o alla classica roulette.

I locali in Finlandia chiudono al massimo alle h 3:30. A quell’ora la musica si ferma e gli addetti alla sicurezza iniziano ad invitare i clienti a lasciare il locale. Quello è l’orario dopo il quale, per legge, non è possibile servire bevande alcoliche, almeno fino alle 9 di mattina. Cosa fare? Se avete conosciuto qualcuno e guadagnato la sua fiducia, potete organizzare un after-party (jatkot) a casa o in albergo, per continuare a bere e divertirvi fino a quando non siete esausti… D’estate, alla chiusura dei locali troverete gente per strada ancora per qualche ora, perché c’è già luce nelle strade grazie al sole di mezzanotte.

I generi preferiti dai Finlandesi sono la musica commerciale, il rock e la musica elettronica. Popolare è anche il pop finlandese (suomipoppi), che i Finlandesi amano poiché possono cantare le canzoni a squarciagola anche ballando ubriachi sui tavoli. Non a caso il karaoke è una delle attività preferite dai Finlandesi, che cantano canzoni sia finlandesi che straniere. Tra le più famose ci sono due cover: Olen suomalainen -cover de “l’Italiano” di Toto Cutugno- e Aikuinen nainen -cover di “Maledetta primavera” di Loretta Goggi. Se conoscete queste canzoni magari potete divertirvi con qualche finlandese a cantarla a due voci (e due lingue).

Una peculiarità tutta finlandese sono le feste in casa. Ogni occasione è buona per organizzare feste, riunirsi e bere qualcosa insieme. Compleanni (synttärit), feste d’inaugurazione della casa (polttarit) e persino feste di divorzio sono le più gettonate. Generalmente il padrone di casa è uso offrire un punch alcolico e qualche stuzzichino da mangiare, tra cui le immancabili caramelle gommose, che i Finlandesi adorano. Le bevande? Ognuno se le porta da casa e non è comune condividerle. Queste feste cominciano verso le 18 e il grado di rumore (e umore) aumenta col passare del tempo. Ricordate che dopo le 23 in Finlandia non si può urlare per non disturbare la tranquillità dei vicini! A quell’ora la festa si sposta altrove.

[include file=/include/lsc.htm]

Nei piccoli villaggi non troverete quasi mai uomini che ballano nelle discoteche. Di solito le donne ballano e gli uomini rimangono seduti a continuare a bere. Il ballo non è considerato molto virile nelle campagne finlandesi.

[include file=/include/firma.htm]