L’uomo finlandese

L’uomo finlandese è pratico e ama risolvere i problemi da solo

L’uomo finlandese non è l’uomo a cui siamo abituati noi sud-europei. Per le loro partner, le donne finlandesi, il tipico uomo finlandese è introverso, timido, taciturno, orgoglioso e romantico a modo suo.
Il romanticismo pratico: pulire la macchina della fidanzata dalla neve la mattina!

L’uomo finlandese è alto, robusto, con gli occhi chiari, capelli castano chiaro e la pelle molto bianca. Generalmente gli uomini finlandesi non sono molto curati o attenti alla moda, almeno non quanto i vicini svedesi. L’onestà e l’orgoglio sono però il punto di forza degli uomini finlandesi: uomini affidabili, esperti nelle faccende pratiche di tutti i giorni, sportivi e amanti della natura. I Finlandesi sottolineano l’uguaglianza tra i sessi che regna sovrana. Sembra però che la donna finlandese ha raggiunto un tale livello di emancipazione da rendere l’uomo finlandese più debole, spesso dominato nel rapporto di coppia, molto diverso dall’idea di “uomo” che abbiamo in Italia.

L’onestà dell’uomo finlandese: nello sport, nella vita

L’onestà degli uomini finlandesi è proverbiale. Un uomo finlandese è famoso per non essere molto loquace, ma tutto ciò che dirà, sarà vero. Al lavoro questo rende l’uomo finlandese un collega affidabile e rispettato. Lo stesso si può dire in ambito sportivo. I finlandesi non protestano con l’arbitro se non credono di essere nel giusto, non fanno scenate e rispettano l’avversario senza ricorrere a sotterfugi. Un vero e proprio shock culturale quando, durante un torneo di poker con circa 50 partecipanti, tutti si alzano durante le pause lasciando i soldi sul tavolo. Nessuno penserebbe di rubarli.

L’uomo vero

Gli uomini finlandesi amano provare di essere uomini veri, duri, che non hanno bisogno di cure, attenzioni e possono sbrigare tutte le faccende da soli. Non è raro vedere un uomo finlandese senza guanti con temperature ben al di sotto dello zero. O vederlo afferrare un legno incandescente dal camino o da un falò, sempre a mani nude. I finlandesi non vanno dal dottore e non vanno all’ospedale se non quando obbligati e veramente solo nel caso di bisogno. L’uomo finlandese vuole di solito dimostrare che è un uomo vero, soprattutto agli stranieri. Un esempio di questo atteggiamento si può notare in discoteca, dove molti uomini finlandesi non ballano, soprattutto nei piccoli villaggi. Proprio nei piccoli centri di campagna un tale atteggiamento può portare a volte ad essere persino un po’ intolleranti nei confronti degli omosessuali o anche stranieri, di chiunque dimostri di essere meno uomo vero secondo i canoni finlandesi.

La sisu

La sisu è la virtù che rappresenta l’orgoglio finlandese. La sisu è la capacità di superare da soli le avversità e gli ostacoli che si pongono dinanzi. Non dimentichiamo che i Finlandesi hanno vissuto perlopiù in campagna fino agli anni Cinquanta e “dover sbrigare le faccende da soli” era quasi una necessità. La sisu è la qualità che fa camminare 20 km a temperature glaciale senza morire assiderati, che fa creare uno stradello per la barca incastrata nel ghiaccio senza chiamare aiuto, che fa costruire un cottage in mezzo alla foresta praticamente da soli…

In sauna fino alla fine

Prima o poi vi capiterà l’occasione di essere invitati in sauna da qualche amico finlandese. L’uomo finlandese non uscirà dalla sauna prima che lo avrete fatto voi. Starà seduto a sudare buttando acqua sulle pietre, senza mai lamentarsi del caldo, e rimarrà dentro finché voi non uscirete per primi. Anche se avete passato diversi anni in Finlandia e siete abituati a queste temperature e tradizioni, per l’uomo finlandese, è semplicemente una questione d’orgoglio.

L’uomo finlandese è taciturno e riflessivo

L’uomo finlandese è tipicamente molto taciturno e non soffre la solitudine. Non è affatto raro vedere un uomo finlandese in discoteca o al bar da solo, bevendo una birra e guardando una partita di hockey su ghiaccio. L’uomo finlandese è molto orgoglioso e ci tiene a non fare brutta figura: per questo è molto riflessivo nelle parole e nelle azioni specialmente davanti ad estranei. Quando l’uomo finlandese ha qualche problema, si chiude in sé stesso pensando e cercando di risolvere il problema da solo. Questo atteggiamento molto accentuato è quasi una paura di mettersi in gioco, e può portare a lunghi silenzi con il rischio trovare la soluzione quando potrebbe essere molto tardi. Esistono alcuni uomini chiamati scherzosamente joo-joo-mies, che traduce l’uomo che dice sempre di sì e sembra che non abbia opinione sull’argomento. In realtà quest’uomo spesso non ha voglia di prendere responsabilità e delega le decisioni alla sua donna; quando questa tendenza cambia e l’uomo vuole il suo ruolo decisionale nella coppia, possono nascere incomprensioni e problemi.

L’uomo finlandese non è romantico, è pratico

Per un uomo nato in Finlandia, la parola “romanticismo” è alquanto differente dal significato che usiamo in italiano. Gli uomini finlandesi hanno un modo di trasmettere i sentimenti e l’amore differente da quella a cui siamo abituati in Italia: infatti non comprano spesso fiori o fanno molti complimenti sdolcinati, e non è raro dividere i conti quando si va a cena fuori. Però se la fidanzata rientra alticcia da una serata con amiche, l’uomo le va incontro per aiutarla a tornare a casa, senza biasimarla per aver alzato un po’ il gomito. Nelle fredde mattine d’inverno in Finlandia, tutti escono di casa prima per pulire l’auto dalla neve e dal ghiaccio. L’uomo finlandese romantico, si alza ancora prima e gratta via anche il ghiaccio della macchina della sua compagna: l’uomo finlandese è romantico nel senso pratico. Aiuta la compagna, senza dirlo, senza aspettarsi un “grazie”, un bacio, una forma di riconoscimento come ci aspettiamo sempre noi italiani.

Le attività degli uomini finlandesi

Gli uomini finlandesi amano generalemente fare attività fra di loro e coltivano molti hobby, anche estremi. Sono popolari i fine settimana nel cottage, andando in sauna, grigliando e bevendo birra. Anche le uscite in barca per pescare o le battute di caccia sono diffuse. Gli uomini finlandesi amano costruire e aggiustare oggetti da soli, piuttosto che andarli a comprare già pronti. Infine spesso quando vogliono fare baldoria e ubriacarsi, preferiscono cominciare la serata solo con altri uomini piuttosto che in compagnie miste.

La convivenza dell’uomo finlandese con gli stranieri

A parte alcuni casi rari, è molto difficile che un uomo finlandese diventi il vostro migliore amico. Le differenze culturali sono tante, ma se queste differenze possono essere fonte di curiosità ed attrazione verso la donna finlandese, con l’uomo finlandese sono spesso ostacoli molto ardui da superare o l’inizio di amicizie un po’ superficiali. Una di queste è ad esempio che l’uomo finlandese non è pro-attivo nei rapporti d’amicizia. Non chiamano al telefono per fare due chiacchiere e magari vedersi solo per un caffè. Sono spesso molto impegnati nei loro progetti e con i loro gruppi di amici di tutta una vita e new entry non sono ammesse molto facilmente. Come succede in molte altri parti del mondo, la più grande barriera é probabilmente la lingua finlandese. Per molti finlandesi parlare inglese richiede uno sforzo a cui non sempre hanno voglia di sottoporsi, se non strettamente necessario. Dovrete essere voi a imparare la lingua della nazione per poter partecipare a discussioni più profonde o capire le battute e le allusioni verbali. Non è facile ma neanche impossibile .

Scherzosamente si dice che gli uomini finlandesi abbiano solo quattro tipi di acconciatura: 

  1. Capelli modello “lungo” (amante del rock-metal)
  2. Capelli modello “impiegato-della-Nokia” (che possono diventare modello “io-sono-diverso-dalla-massa” con appena un po’ di gel)
  3. Capelli rasati a zero modello “da duro”
  4. Capelli lunghi solo da una parte, modello “alla svedese”

I Finlandesi

I Finlandesi: timidi, organizzati e silenziosi. Pro e contro

I Finlandesi e il loro carattere sono profondamente influenzati dal territorio: un Paese nel profondo Nord Europa formato per lo più da fitte foreste e silenziose distese. GuidaFinlandia vi farà scoprire come sono davvero i Finlandesi.
Nessuno che urla o interrompe quando si parla… ecco come comunicare con i Finlandesi!

Alcuni Finlandesi aspettano il bus

Con il termine “Finlandesi” (suomalaiset in finlandese, finländare in svedese) consideriamo gli abitanti e i nativi della Finlandia.

A seconda dell’area geografica, i Finlandesi si caratterizzano in base ai caratteri culturali e dialettali. I dialetti finlandesi sono tutti estremamente simili l’uno all’altro, al contrario dei dialetti italiani. Similmente anche le diverse regioni non presentano grosse differenze sul piano culturale. Solo all’estremo Nord, in Lapponia, il popolo Sami ha caratteri molto peculiari, una cultura e una lingua propria ben riconosciute e addirittura una propria bandiera.

I Finlandesi non sono di solito molto alti e i visi hanno caratteri specifici, come occhi allungati, zigomi sporgenti, naso piccolo, labbra sottili e capelli biondo cenere.

La questione della lingua

I Finlandesi sono poco più di cinque milioni, ma in Finlandia ci sono due lingue ufficiali: il finlandese (o finnico) e lo svedese. Il finlandese è parlato come prima lingua da più del 92% della popolazione, mentre lo svedese da una minoranza del 6%, concentrata maggiormente nella zona occidentale della Finlandia.

Nonostante le differenze linguistiche e in parte culturali, la maggior parte dei Finlandesi di lingua svedese (suomenruotsalaiset in finnico, finlandssvenskar in svedese) si sente “finlandese” allo stesso modo di coloro che parlano finnico.

L’uomo e la donna finlandese

L’uomo finlandese è onesto, calmo, amante delle cose semplici e molto affidabile. Di solito gli uomini finlandesi sono molto timidi, ma si sciolgono facilmente con qualche bicchierino. Generalmente non sono eccessivamente ambiziosi e amano stare a contatto con la natura.

In Finlandia sono le donne che generalmente hanno un ruolo principale in famiglia: sono loro che prendono le decisioni importanti e gestiscono anche le piccole cose della vita di tutti i giorni.

La donna finlandese è forte, indipendente e determinata. In Finlandia le donne hanno avuto il diritto di voto già nel 1906 (prima volta nel mondo) e anche le più importanti cariche di Stato sono state ricoperte da donne, come Tarja Halonen, Presidente della Repubblica, che ha avuto ben due mandati, e il Primo Ministro Mari Kiviniemi. La donna finlandese è emancipata e moderatamente femminista: è un fatto naturale che le donne abbiano gli stessi diritti degli uomini e non c’è bisogno di proclamarlo. Poiché siete Italiani con voi la donna finlandese potrebbe fare un’eccezione e sottolinearlo, soprattutto durante i primi incontri e per mettere le cose in chiaro fin da subito.

Il carattere e i comportamenti dei Finlandesi

Una delle caratteristiche più emblematiche dei Finlandesi è l’indipendenza. Basta pensare che i ragazzi vanno a vivere da soli attorno i 18 anni di età, persino se il lavoro o lo studio li costringano nella stessa città dei genitori. Vivere da soli è un aspetto culturale, che per le mamme italiane potrebbe essere assolutamente uno shock culturale. Questa indipendenza viene inculcata già dall’infanzia, quando i bambini finlandesi sono lasciati molto liberi, sia nelle ore di gioco che nelle cose di tutti i giorni.

L’indipendenza, unita alla tendenza a risolvere i problemi comunque da soli, porta a trascorrere molto tempo lontano dagli altri. Quando questo atteggiamento è accentuato, unito ad un carattere magari timido e introverso, può portare a soffrire di solitudine. In soggetti non molto forti ciò può sfociare anche in depressione profonda, specie nel lungo e buio inverno. Questo è uno dei problemi in Finlandia.

I Finlandesi sono tradizionalmente introversi, timidi, sinceri e riservati, forse perché abituati da generazioni a stare soli molto tempo nelle sterminate foreste della Finlandia. Per questo è abbastanza difficile entrare in confidenza con loro, ma quando un Finlandese sarà vostro amico, lo sarà per sempre.

Una virtù peculiare dei Finlandesi è la sisu.Questo termine si può tradurre in italiano come determinazione, perseveranza, ma non è comunque esaustivo. Stando ad un articolo del New York Times, la sisu è la “parola preferita dei finlandesi” e “la più bella di tutte le parole finlandesi”. Sisu è la capacità che hanno i Finlandesi – soprattutto quelli che vivono lontano dai centri urbani – di portare una cosa a termine indipendentemente da ciò che accade. Questa caratteristica ha in sé anche un po’ di testardaggine, di finire comunque ciò che è stato cominciato, seppur magari ci si accorga che quella non sia la soluzione ideale. I Finlandesi sono di solito abbastanza testardi.

La Finlandia è una nazione all’avanguardia, molto efficiente e con una burocrazia snella e veloce. Questo aspetto è merito dei Finlandesi, che sono estremamente ligi nel rispetto delle regole, persino se a volte non le condividano appieno. Questo rispetto quasi maniacale delle regole porta i Finlandesi a non essere molto critici e flessibili, rimanendo quindi rigidi nelle proprie posizioni e stimolando poco la loro fantasia. Il rispetto delle regole è anche rispetto degli orari: i Finlandesi sono molto puntuali, persino per gli appuntamenti informali e per le feste.

L’onestà è un punto di forza dei Finlandesi, visibile nel fatto che la Finlandia ha un tasso di corruzione tra i più bassi al mondo. I Finlandesi sono estremamente onesti, sia per un aspetto culturale che per il sistema finlandese che rende difficilissimo “fare i furbi”.

La comunicazione in Finlandia

I Finlandesi comunicano in maniera differente dai popoli mediterranei. Innanzitutto usano un tono di voce basso e quasi costante, monotono, e non sono usi gesticolare. E’ molto difficile che i Finlandesi alzino la voce persino durante un litigio.

La distanza tra gli interlocutori è una cosa che salta subito all’occhio dello straniero, e conviene tenerla presente e rispettarla quando parlate con qualche Finlandese. Molti si trovano persino a disagio quando qualcuno invade il proprio spazio vitale durante una conversazione. Una comunicazione troppo “teatrale”, condotta con un tono di voce un po’ alto e troppo gesticolare potrebbe intimorire chi vi ascolta, che perderà attenzione in ciò che state dicendo.

I Finlandesi sanno ascoltare: non verrete interrotti mentre parlate, il vostro interlocutore finlandese starà in silenzio e aspetterà che abbiate finito per prendere la parola. E’ considerato scortese interrompere qualcuno durante un discorso, per cui evitate di farlo.

I Finlandesi comunicano in maniera concisa e diretta, non girano tanto attorno alle parole. In generale aspettano prima di dare commenti negativi, forse per la scarsa capacità di dire le cose in “maniera diplomatica”.

Secondo un trattato del 2002 del prof. Niskanen dell’Università di Oulu, i Finlandesi e i Sami sono i popoli più vicini all’Uomo di Cro-Magnon per quanto riguarda l’antropologia fisica.

Il Karaoke in Finlandia

I Finlandesi amano cantare al Karaoke…di fronte a tutti!

Tranne che per una breve parentesi inaugurata da Fiorello all’inizio degli anni Novanta, il karaoke non ha mai riscosso un successo straordinario in Italia. In Finlandia il karaoke è uno dei passatempi notturni più diffusi: incredibilmente, se c’è qualcosa di cui in Finlandesi non hanno paura, è cantare di fronte ad un pubblico.

Se pensavate che il Karaoke fosse una passione solo giapponese…beh, ripensateci!

Karaoke in Finlandia

Karaoke è un termine di origine giapponese che significa, letteralmente “orchestra vuota“. Come è noto, si tratta di una base musicale su cui la gente può cantare, seguendo i testi che scorrono sullo schermo, nel tentativo di riproporre la canzone in maniera simile alla versione originale. Sebbene la passione dei giapponesi per questa forma di intrattenimento sia di dominio pubblico, meno celebre è il fatto che, per motivi abbastanza misteriosi, il karaoke goda di ottima salute anche in Finlandia.

Potremmo cercare di indovinarne le ragioni: la Finlandia ha una cultura musicale molto forte, e la difficoltà ad esprimere emozioni e sensazioni in situazioni normali in qualche modo si allenta in una fase catartica e “rituale” come quella di cantare un pezzo, sia esso musica popolare o l’ultima rock hit degli HIM. Aggiungiamo inoltre che questo “blocco espressivo” si allenta notevolmente sotto l’effetto dell’alcool, per cui possiamo tranquillamente annoverare i karaoke bar finlandesi tra i locali con il più alto numero di persone in stato di ebrezza nel weekend.

I Finlandesi sono talmente pazzi per il karaoke, che non solo i karaoke bar sono fra i locali notturni più diffusi del paese, ma è perfino possibile prendere un “taxi musicale” dove l’intera compagnia può divertirsi a cantare insieme durante gli spostamenti da un posto all’altro.

I Karaoke Bar

Disseminati un po’ ovunque e generalmente presenti anche nelle cittadine più piccole, i karaoke bar sono locali frequentatissimi dai Finlandesi, giovani e non. Sebbene non manchino locali più adatti ad un pubblico giovane, l’età media dei “cantanti” è sui 35-45, o anche di più.

Prima di decidere di passare una serata al karaoke bar tenete a mente alcune precauzioni:

1) I Finlandesi in questi karaoke bar sono clienti abituali. Questo significa che, salvo eccezioni, molti di loro sono estremamente bravi a cantare. Sebbene nessuno vi prenda in giro per una prestazione sottotono, cercate di capire esattamente con che tipo di “competizione” avete a che fare, giusto per non rimediare solo una magra figura.

2) Di fronte a certe performance vocali, è a volte difficile resistere alla tentazione di registrare un video con il telefono o la macchina fotografica. Ricordatevi però che molte di queste persone NON vogliono apparire nei vostri video, e se particolarmente infastidite, potrebbero anche chiamare la sicurezza del locale. E’ buona educazione chiedere il permesso.

Cosa succede se nessuno se la sente di cantare? Di solito c’è una sorta di ospite che “riempie i buchi” mentre i clienti rimediano un altro drink e scelgono la prossima canzone, da un menù con centinaia di opzioni disponibili. I video che scorrono di sfondo ai testi non sono originali e sono spesso qualitativamente atroci. Non fateci caso alle immagini però, la selezione musicale spazia fra i generi più disparati e non si ferma certo solo al pop finlandese.

Karaoke a casa

I più giovani, piuttosto che andare nei locali, preferiscono il “karaoke casalingo“. Sebbene siano in vendita degli apparecchi che leggono DVD appositamente riempiti di basi musicali, è oggigiorno più semplice ritrovarsi ad una festa dove, sulla TV di casa, campeggia la scritta SingStar o Lips, software di karaoke disponibili rispettivamente per i marchi Playstation 2/3 e Xbox 360. Un’alternativa più laboriosa sono i giochi musicali Rock Band o Guitar Hero, che vedono ogni componente suonare uno strumento diverso: cantare, ovviamente, è solo una delle possibilità.

Karaoke in taxi

Se una compagnia composta da molte persone deve spostarsi, per esempio, da una festa in casa fino al centro del paese, può affittare un “karaoke taxi”. Questi taxi, molto spaziosi e in grado di ospitare anche 15 persone, sono equipaggiati con schermi e microfoni per permettere alle persone di intrattenere gli amici con qualche nota alcolica durante gli altrimenti noiosi – ma necessari – spostamenti notturni.

Fra i pezzi più richiesti nei karaoke bar spiccano delle reinterpretazioni di classici italiani, come ad esempio Aikuinen Nainen (la versione locale di “Maledetta Primavera”) e Olen Suomalainen (ovvero la versione finlandese de “L’Italiano” di Toto Cotugno).

Problemi più comuni in Finlandia

I problemi più comuni in Finlandia

La Finlandia per chi la visita la prima volta può sembrare un paradiso. Ma anche in Paradiso si nascondono delle insidie… GuidaFinlandia vi presenta i problemi più comuni della vita in Finlandia e come si possono risolvere.

Divorzi, suicidi, alcol, depressione. Quanto incidono questi problemi sulla società finlandese?

Un elenco dei problemi più comuni (risolti e non risolti) a cui andrete incontro viaggiando o vivendo in Finlandia.

Problemi legati al clima

Il clima finlandese rappresenta sicuramente un problema. In un famoso video il “Coro delle lamentele di Helsinki” si lamenta con i propri antenati: non potevano scegliere un posto più caldo in cui fermarsi? Le temperature invernali proibitive (d’inverno si arriva normalmente a -20 o -30 gradi) fanno sì che i laghi si ghiaccino e che ci sia neve e ghiaccio nelle strade per diversi mesi. Capita molto raramente, ma è capitato che durante una passeggiata invernale sul lago o sul mare ghiacciato la crosta si sia rotta causando incidenti, a volte mortali.

Una delle varie leggende metropolitane della Finlandia (che hanno pur sempre un fondo di verità), parla di come le gelide temperature siano micidiali per chi, tornando a casa ubriaco la sera, crolla sulla neve. Chi si addormenta sulla neve a -30 gradi ha infatti pochissime possibilità di risvegliarsi vivo. Un problema serio per i senza tetto di Helsinki tanto che esistono dormitori e café aperti tutta la notte dove trovare riparo e scaldarsi.

Il ghiaccio nelle strade è un problema sia per chi guida sia per chi passeggia. Sono d’obbligo le gomme chiodate dal primo dicembre a marzo e per i pedoni non rimane altro che fare attenzione per non ritrovarsi con le gambe all’aria. Le persone anziane sono solite utilizzare una specie di suola chiodata da mettere sotto il tacco delle scarpe in modo da evitare cadute che potrebbero essere molto dannose in età avanzata.

D’estate il sole di mezzanotte non fa dormire tante persone, soprattutto i turisti che non sono abituati a giornate di sole della durata di anche 24 ore. E se siete degli ossi duri e volete fare trekking durante queste giornate lunghissime dovete fare i conti con le temibili zanzare finlandesi. Ce sono milioni nei boschi e in riva ai laghi, meglio portare un potente spray repellente.

Problemi legati al cibo e all’agricoltura in Finlandia

La coltura di alcuni vegetali e piante è problematica in Finlandia visto che il sole non splende abbastanza e l’inverno è troppo rigido. Ma i Finlandesi non si scoraggiano e coltivano tenacemente patate, pomodori, cetrioli e fragole. I cetrioli coltivati in Lapponia costano tantissimo, non sono molto saporiti eppure i Finlandesi li comprano per supportare l’agricoltura finlandese.

Un problema che invece è stato parzialmente risolto è legato alle intolleranze alimentari. Ogni Finlandese può scegliere nei supermercati e nei ristoranti prodotti adatti per ogni tipo di allergia: basso contenuto di lattosio, senza lattosio, senza latte, senza glutine. Un paradiso per vegetariani, vegani e celiachi.

Problemi legati al buio e al carattere dei Finlandesi

La tendenza dei Finlandesi ad essere chiusi e a ricercare la solitudine a volte diventa un problema, soprattutto durante la stagione invernale. Il lungo, freddo e buio inverno finlandese può uccidere, specialmente nei piccoli villaggi di campagna: difficili situazioni personali e familiari portano spesso a crisi depressive. Tante persone non riescono a superare queste crisi e, unitamente ai lunghi mesi di solitudine, arrivano a togliersi la vita. Il suicidio è un problema serio in Finlandia: sempre in cima alla classifica, ma per fortuna non più al top, per la percentuale di morti causate da suicidio.

Per combattere il buio e la conseguente depressione stagionale in moltissime case viene installata una speciale lampada che simula il sorgere della luce del sole in modo da rendere il risveglio più naturale. Altro problema derivato dal buio è la carenza di vitamina D, solitamente assunta tramite costante esposizione ai raggi del sole. Uno studio scandinavo ha evidenziato l’effetto della vitamina D per prevenire la depressione. Il problema è in molti casi risolto grazie alla vitamina D in pastiglia.

I problemi legati all’alcol

Uno dei grandi problemi della Finlandia è l’abuso di alcool. I Finlandesi spesso abusano nel consumo di bevande alcoliche, sia in compagnia di amici che da soli. Qualche volta l’alcool viene bevuto per combattere la proverbiale timidezza, ma troppo spesso finisce per diventare dapprima un vizio, e poi una prigione dalla quale non si riesce ad uscire.

Una recente campagna pubblicitaria ha tentato di sensibilizzare l’opinione pubblica ma il problema dell’alcol è profondamente radicato. Spesso è trattato come un tabù e difficilmente i Finlandesi sono pronti a parlarne. A volte persone in stato di ubriachezza possono diventare anche violente e, purtroppo, non sono così rari i casi di maltrattamenti in stato di ebbrezza.

Problemi economico-finanziari

La Finlandia si è sviluppata notevolmente negli ultimi anni (economia), soprattutto il settore terziario, e a buon ragione può essere considerata una nazione ricca e moderna. La disoccupazione, intorno al 7% nel 2007, è un problema che viene ben gestito tramite gli ammortizzatori sociali che permettono a chi non ha un lavoro di ottenere un sussidio statale sufficiente per sopravvivere.

Ma non è un sistema perfetto e la crisi economica che ha colpito duramente il sistema economico-finanziario mondiale si è fatta sentire anche qui. Grandi aziende come la Nokia si sono viste costrette a licenziare molti lavoratori. Ad ogni modo la Finlandia è stata uno degli Stati che, a differenza di altre, si è risollevata molto in fretta dalla crisi.

Problemi sociali

Recentemente la Finlandia è salita agli onori della cronaca internazionale grazie a tre episodi che hanno sconvolto una nazione solitamente scevra di grandi eventi drammatici. Negli ultimi tre anni si sono verificati tre atti di sangue in cui un individuo ha aperto il fuoco su più persone innocenti, con conseguenze tragiche: il bilancio dei morti ha raggiunto anche la decina.

A parte questi episodi isolati la Finlandia è una nazione tranquilla dove si può girare da soli, anche di notte, senza rischiare di fare brutti incontri. Le cose stanno lentamente cambiando anche nel Paese di Babbo Natale, ma a Helsinki una ragazza in minigonna non ha paura di girare da sola nel cuore della notte.

La droga sta lentamente arrivando anche in Finlandia, ma non è ancora un problema se confrontata con la quantità di droga che circola in Italia o con la quantità di alcol consumata in Finlandia. In alcuni locali bisogna fare attenzione perché qualche malintenzionato potrebbe drogare il vostro drink con le droghe dello stupro come il Rohypnol. Queste droghe aumentano gli effetti del consumo di alcol, quindi non lasciate mai bibite incustodite e non accettate drink da sconosciuti.

I Finlandesi generalmente sono persone molto oneste e quindi non aspettatevi di venire truffati. Ma anche da queste parti ogni tanto c’è delinquenza e quindi fare un po’ d’attenzione non guasterà.

Il divorzio è un problema molto sentito: nel 2002 la Finlandia era al terzo posto mondiale per tasso di divorzi con il 51.6%. Confrontato con il 10% dell’Italia dà un po’ un’idea sulle differenze sociali tra le due nazioni. E’ anche verò però che molte persone in Finlandia hanno alle spalle due o più divorzi, facendo semplicemente aumentare il numero totale dei divorzi.

Problemi legati agli animali selvatici

In Finlandia c’è un solo tipo di serpente velenoso: il marasso, in finlandese kyykäärme. Prestate attenzione quando camminate per le foreste. Se il morso di una zanzara è solo fastidioso fate invece attenzione ai morsi delle zecche (punkki in finlandese).

Se venite morsi da una zecca rivolgetevi al pronto soccorso o al vostro medico curante. Il morso delle zecche infatti può trasmettere malattie anche piuttosto serie, dall’encefalite al Morbo di Lyme.

Sono in diminuzione, ma frequentemente mortali, gli incidenti dovuti all’attraversamento stradale di alci, in particolare all’alba e al tramonto. Bisogna quindi fare sempre attenzione e guidare con prudenza, specialmente nei tratti di strada segnalati con pericolo di attraversamento animali selvatici.

Non si tratta di un problema in sé, ma sicuramente la rigidità ferrea nell’attenersi a leggi e regolamenti può rappresentare un problema per molti stranieri che si trovano ad interagire con le autorità e con la burocrazia finlandese. Se ad esempio un regolamento prevede una sanzione per una certa mancanza, non aspettatevi di cavarvela esponendo a chi sta per multarvi le vostre ragioni per la suddetta mancanza. E non importa quanto pensiate di avere ragione, la sanzione verrà applicata, puntuale come un orologio svizzero, pardon, finlandese.

Il gioco d’azzardo in Finlandia

Lotto, poker, roulette, black jack: in Finlandia piace il gioco d’azzardo.

In Finlandia le slot machines sono praticamente ovunque. Alcune sono vietate ai minori di 18 anni, altre ai minori di 15 anni. I Finlandesi non disdegnano il lotto (anche se il loro jackpot è molto più basso di quello italiano) e sono un popolo a cui piace giocare a poker, soprattutto on-line. Inoltre in quasi tutti i locali, e non solo nei casinò, è possibile giocare alla roulette o al black jack. Ma ricordate: il banco vince sempre.

Un volto privo di espressione è l’asso nella manica dei Finlandesi che si avventurano nella carriera di giocatori di poker professionisti.


Gioco d’azzardo, scommesse, lotto, poker: in Finlandia c’è l’imbarazzo della scelta.

Nel territorio nazionale ci sono due casinò (uno a Helsinki e uno nelle isole Åland), quasi 20 mila slot machines e una cinquantina di impianti come gli ippodromi dove è possibile scommettere dal vivo. E non dimentichiamo i quasi 300 locali o ristoranti con tavoli da gioco dove i Finlandesi si cimentano magari guardando una partita di calcio o di hockey o prendendosi una pausa dalla pista da ballo.

Una nota molto positiva è che gli introiti derivanti da scommesse e gioco d’azzardo vengono investiti in organizzazioni no-profit legate al mondo dello sport, dell’educazione e della cultura.

Lo Stato ha il monopolio sulle scommesse e l’intero sistema viene gestito tramite quattro compagnie: RAY, Veikkaus Oy, Fintoto Oy e PAF.

Casinò, Slot Machines e Tavoli da Gioco

La RAY gestisce per conto del Monopolio statale i casinò, le slot machines e i tavoli da gioco. Tutti i guadagni sono reindirizzati ad organizzazioni che si occupano di problemi sociali e di salute pubblica. Alla RAY non è concessa la gestione delle scommesse on-line: la società è in attesa di ricevere l’autorizzazione governativa. In passato c’è stata una battaglia legale tra la RAY e la PAF, proprio perché con l’avvento del poker on-line le scommesse nei casinò sono calate vertiginosamente.

Lotto in Finlandia

La particolarità del lotto finlandese è che, oltre a poter essere giocato interamente on line, i numeri che possono essere scelti vanno dall’uno al trentanove. Il lotto, la lotteria nazionale finlandese, è gestito da Veikkaus Oy che si occupa dei proventi e li destina in programmi per la cultura, l’arte, la scienza, offerte lavoro per i giovani e attività sportive.

Il viking lotto è la lotteria organizzata in collaborazione tra Danimarca, Svezia, Norvegia, Islanda, Estonia e Finlandia. Il gioco permette di vincere un mega premio unico e altri piccoli premi gestiti indipendentemente dalle varie nazioni. Lo scopo è selezionare una combinazione di sei numeri scelti tra 1 e 48. Durante l’estrazione vengono estratti 6+2 numeri. Il primo premio viene vinto da chi indovina tutti e 6 i numeri, dopodiché vengono assegnati tutti gli altri premi minori a livello locale.

Corse dei cavalli

Le scommesse legate alle corse dei cavalli (o simili) sono gestite dalla Fintoto Oy. Tutti i guadagni sono reinvestiti nel mondo dei cavalli.

Scommesse on-line

Una quarta azienda, la PAF, si occupa delle scommesse nel territorio delle isole Åland. La PAF gestisce anche le scommesse sui traghetti che ad esempio collegano la Finlandia alla Svezia e tutto quello che avviene su internet come slot macchine virtuali, lotterie, poker, scommesse sportive e altri tipi di giochi legati al mondo delle scommesse.

Come nei casi precedenti, tutti i profitti sono reinvestiti in opere pubbliche legate alla cultura, al settore sociale e allo sviluppo e promozione dello sport.

Il Poker in Finlandia

La popolarità del poker è cresciuta molto negli ultimi anni, grazie anche alla copertura mediatica e ai numerosi eventi trasmessi in televisione. La Finlandia è la patria di Patrik Antonius (attualmente residente a Monte Carlo), vera e propria star nel mondo del poker. In Finlandia viene giocata spesso una variante del poker, chiamata Sökö, dove tra coppia e doppia coppia ci sono altre combinazioni vincenti come ad esempio una scala fatta con solo quattro carte.

I premi importanti si vincono nei tornei di poker organizzati nei due casinò statali gestiti dalla RAY. Altri tornei di poker (Helsinki Freezeout, Extreme Poker Challenge, Small Town Poker Tour) sono giocati in diversi locali delle varie città. Quando non ci sono tornei è possibile giocare on line. La PAF è la compagnia che gestisce e offre la possibilità di giocare a poker on-line. E’ possibile trovare stanze per giocare a poker, piazzare scommesse sportive o tentare la fortuna tramite la lotteria.

Le star finlandesi di poker a livello internazionale, oltre a Patrik Antonius, sono: Juha Helppi, Sami Kelopuro, Ilari Sahamies e Jani Sointula. Per ognuno di loro esiste una biografia in inglese su wikipedia.

Età minima per scommettere

Come detto precedentemente, l’età minima dipende dal luogo dove si scommette e da quale società gestisce quel tipo di scommessa. Per i servizi RAY l’età minima è di 18 anni mentre per Veikkaus Oy l’età legale è di 15 anni. Ad ogni modo si sta tentando a livello legislativo di uniformare le cose e di applicare l’età minima di 18 anni per scommesse e gioco d’azzardo.

L’87% dei Finlandesi ha fatto una scommessa o giocato d’azzardo almeno una volta nella vita. Il lotto è la forma più comune seguita dai gratta e vinci e dalle slot machine.

Il silenzio in Finlandia

L’importanza del silenzio nella vita e nella conversazione in Finlandia

Come risaputo, i Finlandesi sono gente di poche parole. Anzi, molto spesso, non hanno proprio bisogno di dire nulla!
Uno svedese e un finlandese vanno al bar.
Lo svedese alza il boccale di birra e dice “Salute!”.
Il finlandese non risponde.
Alla seconda birra stessa scena, lo svedese dice “Salute!” e il finlandese non risponde.
Così per altre sei birre, fino a quando, all’ennesimo brindisi proposto dal compare il finlandese ribatte stizzito:
“Siamo venuti qui per bere o per parlare?”

Il silenzio in Finlandia - un'abitudine imparata dalla natura
Se siete stati in Finlandia o vi capiterà a breve di visitarla, non potrete non notare la calma ed il silenzio della gente che vi sta attorno. Questo vale per tutta la Finlandia, ma ancora di più per le aree non urbane. Fanno ovviamente eccezione i fine settimana quando tutti si trasformano in “Mr. Hyde” e diventano molto più rumorosi del solito!

A differenza di quello che si pensa comunemente, il silenzio per i Finlandesi non indica un senso di disagio o dissenso, bensì è solamente la manifestazione di un normale stato dell’essere. Per i Finlandesi essere silenziosi non significa affatto essere annoiati, timidi o in alcun modo scortesi. Sotto molti punti di vista la capacità di stare in silenzio viene infatti apprezzata: sapere ascoltare gli altri e non interrompere il proprio interlocutore sono considerati come fattori molto più importanti del dover forzatamente esprimere la propria opinione.

In ambiente lavorativo, inoltre, il silenzio aiuta a concentrarsi meglio nelle proprie mansioni ed è per questo che ad esempio le telefonate sono minime (si predilige la mail) e quelle private vengono effettuate rigorosamente fuori dall’ufficio o a bassa voce.

Spesso però, la nostra concezione del silenzio come “imbarazzante” è in realtà dovuta ad un’avidità di dettagli da parte nostra. I Finlandesi sono un popolo che non ama raccontare tutto a tutti, le “perpetue” non sono mai arrivate così a Nord! I Finlandesi durante una conversazione non si dilungano troppo in dettagli inutili e spesso rispondono in modo molto conciso, ma pur sempre preciso, alla domanda che gli viene formulata.

Non solo, spesso la barriera linguistica può creare problemi e momenti di silenzio. I Finlandesi sono un popolo molto preciso e se parliamo con loro in un’altra lingua che non sia il finnico, vogliono essere sicuri che quello che dicono è corretto. Se non ne sono convinti, spesso preferiscono non parlare (tranne sotto l’effetto di qualche bicchiere, quando abbattono alcuni freni inibitori e mostrano una conoscenza notevole della lingua in questione).

In generale, per arrivare dritti al cuore di un finlandese, bisogna imparare a parlare la loro lingua.

Ovviamente, come molti stereotipi culturali, anche quello riguardante il silenzio finlandese non è sempre valido e può capitare di imbattersi in Finlandesi molto loquaci e “chiacchieroni”, specie dopo qualche bicchiere.

Di sicuro, il silenzio finlandese va considerato come una regola di buona educazione. Ciò significa che, se si è in compagnia di Finlandesi, è bene parlare quando si ha qualcosa da dire, ma mai “a vanvera” tanto per riempire il silenzio con inutili parole.

“Se non hai niente d’interessante da dire, non dire niente”
(citazione di ogni mamma finlandese)

Spesso i Finlandesi se v’incontrano per strada non salutano. Anche quando arrivano o escono dall’ufficio, non salutano. Sembra che il mero sentire i passi o vedersi sia già considerato come saluto, o più che altro un “riconoscimento di presenza”.

Natale in Finlandia

Come si celebra il Natale in Finlandia, la patria di Babbo Natale?

La vigilia di Natale è un giorno molto importante in Finlandia: le famiglie, che spesso abitano lontano, si riuniscono e celebrano tre giorni con le persone care, andando in sauna e mangiando cibi tradizionali – tra cui il tanto agognato prosciutto al forno – e rispettando alcune tradizioni che risalgono al Medioevo!

Babbo Natale che entra dalla porta durante il giorno, beve un bicchierino, parla ai bambini e lascia non uno ma dieci regali?! Questa è la norma in un Natale in Finlandia!


Il giorno di Natale è un giorno sacro in Finlandia, amato dai più piccoli, come dai più grandi. E’ forse l’unica occasione dell’anno in cui tutta la famiglia si riunisce e passa molte ore insieme. Con “famiglia” però non intendiamo la classica famiglia italiana, composta da genitori, figli, nonni, cugini e zii. A Natale in Finlandia si riunisce solo il nucleo familiare formato da genitori e figli. I nonni ad esempio non passano normalmente il Natale con i nipoti.

Vigilia o giorno di Natale?

Vigilia. I Finlandesi festeggiano il Natale il 24 dicembre. Il 25 dicembre è ancora un giorno di festa, ma il giorno principale di festa del Natale è il giorno della Vigilia. È l’unico giorno dell’anno in cui i Finlandesi siedono a tavola per più di mezz’ora e, come in ogni tradizione finlandese, ci sono dei rituali da rispettare. A Natale i rituali cominciano addirittura il giorno prima!

La sauna e la dichiarazione di pace del Natale in Finlandia

Il Natale comincia con l’immancabile sauna familiare. Il giorno della Vigilia di solito sono i genitori, che si sono alzati presto per riscaldare la sauna e controllare il cibo, che entrano per primi, seguiti poi dai figli. La casa viene pulita, ordinata, le candele accese e la tavola imbandita a festa. I bambini guardano i cartoni animati, con edizioni speciali per il giorno di Natale, che, ricordiamo, è il 24 dicembre.

A mezzogiorno si sintonizzano i canali delle televisioni per seguire la Dichiarazione di Pace del Natale dalla città di Turku. La Dichiarazione di Pace è una tradizione che viene rispettata ogni anno dal Medioevo (tranne nel 1939 durante la Guerra) ed è ormai letta in ogni grande città della Finlandia, ma quella della vecchia capitale Turku è l’unica trasmessa in tutto il Paese dal 1935.

La Dichiarazione di Pace del Natale comincia con una canzone, viene poi letto un testo vecchissimo in cui si proclama che nel giorno del Santo Natale sia rispettata la pace tra gli abitanti della città. La cerimonia si conclude con l’inno finlandese e tra le altre cose sancisce che per il 24 e 25 dicembre non si caccia e non si spara.

Il cenone di Natale in Finlandia

Finita la dichiarazione è giunto il momento di mangiare: qui il prosciutto è l’attore principale. Una particolarità tutta finlandese e motivo di schock culturale è senza dubbio lo stile a buffet del pranzo. Anche in un ambiente privato e intimo, bisogna mettersi in fila, fare la coda, scegliere il cibo e poi aspettare che tutti siano tornati al tavolo per iniziare a mangiare. Per quanto riguarda i piatti, non c’è un ordine preciso, non si dividono i cibi in antipasti, primi e secondi. Tutto va sullo stesso tavolo e ognuno decide da sé da cosa partire.

Cosa si mangia a Natale in Finlandia?

Il grande protagonista gastronomico del Natale è il prosciutto di Natale. I Finlandesi attendono di mangiare questa prelibatezza tutto l’anno. Il prosciutto di Natale viene consumato anche alle feste aziendali di Natale (pikkujoulut), ma per chi non partecipa a queste feste (come i più piccoli), l’unica occasione di mangiarlo è proprio il giorno di Natale. Il prosciutto viene comprato qualche giorno prima surgelato. Verrà poi fatto scongelare, ricoperto di pane grattugiato, alcune spezie, mostarda, bagnato con una birra non alcolica casereccia o acqua e cotto in forno per più di 10 ore (di solito un’ora per ogni chilo di carne). Il forno viene acceso la sera prima e il prosciutto è così pronto al mattino del giorno di Natale. Ma non caldo. Il prosciutto viene servito a fette molto sottili.

Inoltre si mangiano cibi tipici della gastronomia finlandese : salmone , stufato di renna al forno con bacche rosse, sformato di patate, carote, rapa svedese (lanttu), pane di segale, insalata mista e un assortimento di formaggi da cui non manca mai il leipäjuusto, formaggio di mucca fresco guarnito di marmellata di lakka.

L’albero di Natale in Finlandia

Dopo il cenone, la famiglia si riunisce per addobbare l’albero di Natale. L’albero di Natale in Finlandia è principalmente un abete vero. In Finlandia l’albero finto non va di moda e si rischia di essere giudicati negativamente se si adotta la soluzione albero di plastica. L’albero di Natale viene scelto nelle foreste adiacenti la casa (è legale) e prima della caduta delle prime nevi, già a novembre. Ognuno segna il proprio albero con un nastro colorato o un cartellino col proprio nome. L’albero viene tagliato qualche giorno prima di Natale o il 23 dicembre e portato in casa.

Gli addobbi dell’albero il giorno di Natale in Finlandia non sono molto differenti da quelli italiani, con palle di Natale e drappi colorati. Se c’è una differenza, è che in Finlandia, come sulle pizze, non c’è un limite: mettono drappi e palline finché possono, senza un vero senso o ordine logico.

L’arrivo di Babbo Natale e i tanti regali

Verso le 17 arriva Babbo Natale. Ma arriva davvero!

In Finlandia Babbo Natale non viene di notte, non scende dal camino e non si nasconde da occhi curiosi ma bussa la porta la Vigilia di Natale, entra e parla con tutta la famiglia, interroga i bambini se sono stati buoni durante l’anno e quindi meritevoli dei tanti regali che il simpatico vecchietto ha in dono. Joulupukki (Babbo Natale in finlandese) porta tantissimi regali a tutti i membri della famiglia. Le calze e i guanti di lana sono tra i suoi doni preferiti, ma anche caramelle di ogni genere e regali sia economici che costosi, fino a raggiungere anche dieci regali ciascuno.

Ma chi è Babbo Natale? Un membro della famiglia che non abita lontano, un amico o un vicino. Ma non solo, negli ultimi anni sono infatti stati tantissimi gli studenti che per guadagnarsi qualcosa durante la pausa invernale fanno i “Babbo Natale in affitto”, andando di casa in casa a portare doni ai più piccini e liberando la famiglia del fardello di trovare per quell’anno chi indossi la barba e il cappello rosso.

Dopo la consegna dei doni Babbo Natale se ne va, ma non prima di aver consumato un bicchierino e qualche dolcetto. Gli studenti “affittati” da molte famiglie spesso si ritrovano in poche ore parecchio brilli a cantare a bambini mai visti. Aperti i regali, il giorno della Vigilia del Natale volge lentamente al termine. La famiglia si riunisce a giocare a tavola o a guardare un film, bevendo vino rosso e glögi, il vin brulè finlandese.

La Santa Messa di Natale in Finlandia

La Messa di Natale è a mezzanotte del 24 dicembre, come in Italia. Molto popolari anche la messa delle sei di mattina, a mezzogiorno e alla sera.

Ricordiamo che la maggior parte della popolazione (più del 90%) è protestante quindi informatevi sul calendario delle celebrazioni cattoliche, sempre che non vogliate partecipare alla celebrazione del Natale luterano protestante.

Il Natale in Finlandia, tra parenti vivi e morti

Oltre all’immancabile sauna mattutina, è tradizione far visita ai parenti deceduti. Da questo punto di vista il Natale si può paragonare al 2 Novembre in Italia, quando i cimiteri sono affollati di visitatori. Ma non solo, visto che si è ormai usciti di casa, di solito il giorno seguente la Vigilia si fa visita ai parenti, ai nonni, agli zii e cugini più vicini. I cimiteri rimangono aperti con orario prolungato e senza illuminazione che viene sostituita dalle centinaia di candele che tutti portano sulle tombe dei propri cari. Uno spettacolo da non perdere.

Il cenone di Natale viene mangiato di continuo durante l’arco dei due tre giorni di festa. Ci si siede a tavola tutti insieme solo una volta, poi il tavolo del buffet rimane lì pronto ogni qualvolta si voglia avere un altro po’ di quello che è rimasto.

Laskiainen, il Martedì Grasso finlandese

Il Laskiainen, ovvero la festa più… scivolosa dell’anno

Iniziare il periodo di digiuno e riflessione spirituale con una bella discesa in slittino e tanti bei maritozzi con la crema potrebbe sembrare eccessivo a noi Italiani… ma per i Finlandesi è la regola.

Aspettare la Pasqua… scivolando

Laskiainen è una festa articolata su due giorni, la domenica (Laskiaissunnuntai) e il martedì successivo (Laskiaistiistai), sette settimane prima di Pasqua. Il Laskiaistiistai corrisponde al nostro Martedì Grasso, e come il nostrano Carnevale è un momento di gioia e umorismo generale. Durante questa giornata tutti quanti, giovani e meno giovani, si ritrovano nei parchi muniti di slittino, bob o immancabile bustona di plastica. Durante il Laskiainen si fanno due cose: si scivola tutti insieme sfruttando ogni discesa coperta di neve e si gustano le squisite laskiaispullat, molto simili ai nostri maritozzi alla panna. Per il pomeriggio del Laskiaistiistai le associazioni studentesche delle diverse università e scuole applicate organizzano delle feste all’aperto con musica, bevande e dolciumi, oltre vere competizioni a chi realizza la slitta più bizzarra con cui discendere da una collina locale (a Helsinki è tradizione scivolare giù per Tähtitorninmäki, la collina del vecchio Osservatorio Astronomico dalle parti del terminal Olympia, vicino il parco Kaivopuisto). In queste occasioni non è raro vedere divani e vasche da bagno sfrecciare giù per i pendii innevati.

Il nome “Laskiainen” deriva dal verbo laskea che vuol dire “contare”, poiché era l’inizio della conta dei 40 giorni di digiuno quaresimale. Dal momento che però in finlandese laskea significa anche “discendere”, “scivolare”, ecco spiegate le origini della tradizione dello scivolare giù per la collina, senza considerare il fatto che sia un divertimento a costo zero, e quindi l’unico praticabile dai contadini e braccianti agricoli nei secoli scorsi.

I cibi tradizionali del Laskiainen erano molto poveri e semplici. Ovviamente non contenevano carne (proibita nella Quaresima) ma questo divieto era aggirato parzialmente facendo affumicare i piatti assieme al prosciutto o altre parti del maiale. Le laskiaispullat apparvero solo nel 1800. Esse sono disponibili in tre squisite varietà: con la panna montata, con il marzapane e con la marmellata di fragole.

Capodanno in Finlandia

Capodanno in Finlandia

Intrigati dal Nord? Volete passare un Capodanno alternativo? La Finlandia vi offre la possibilità di finire l’anno tra palle di neve e concerti di musica dal vivo…o magari abbracciati ad ammirare un’aurora boreale. Ma occhio a preparare bene la valigia perché d’inverno, in Finlandia, può essere davvero freddo.

In Finlandia Capodanno è una festa da passare con gli amici. Spesso festeggiando a casa per poi finire per strada, a mezzanotte, a brindare.

Per Capodanno non aspettatevi dei cenoni costosissimi come da noi in Italia. In Finlandia il Capodanno si festeggia principalmente a casa con gli amici, chiacchierando, bevendo e uscendo per strada a mezzanotte a brindare, specialmente a Helsinki, dove di solito è organizzata la festa con i fuochi d’artificio.

Brindiamo al nuovo anno

L’aspetto più interessante di Capodanno è la non puntualità dei Finlandesi nel festeggiare lo scoccare della mezzanotte. In Italia siamo molto pignoli, mentre in Finlandia molto spesso si sta facendo la conta finale quando nella casa a fianco stanno già brindando, o viceversa.

L’ultima festa di un lungo Dicembre…

Dicembre è un mese ricco di feste in Finlandia. I Finlandesi iniziano a festeggiare il Natale già a Novembre con le famose feste natalizie, aziendali e non (pikkujoulut). L’ultima festa dell’anno è naturalmente Capodanno, che è vista come una festa “normale”: questo significa che i locali non alzano il prezzo del biglietto d’entrata. L’entrata ai locali è quasi sempre tra i 5 e i 10 euro (come avviene tutto l’anno). Informatevi se è possibile acquistare il biglietto in prevendita e se questo vi dà diritto a saltare la fila per entrare, visto che a Capodanno le code per entrare nei locali si allungano più del solito. Gli orari di apertura sono sempre gli stessi quindi non aspettatevi di fare mattina in discoteca. Alle 3.30, come da regola, inizieranno a mandarvi fuori.

E attenzione: la notte di Capodanno la temperatura potrebbe essere davvero bassa, quasi sicuramente sotto lo zero per tutta la notte. Preparatevi a lunghe code per prendere un taxi o un autobus. Il servizio non viene potenziato a Capodanno e ci si può ritrovare fuori al freddo, in coda, ad aspettare per troppo tempo.

Capodanno a Helsinki

Per l’ultimo dell’anno la città di Helsinki organizza un concerto nella Piazza del Senato, Senaatintori, al centro della città. Allo scoccare della mezzanotte c’é anche un bellissimo spettacolo pirotecnico. A settembre, un concorso a Töölönlahti, la baia nel cuore della città, sancisce il miglior organizzatore di fuochi d’artificio, che come premio avrà l’onore (e l’onere) di illuminare la notte della capitale finlandese il 31 dicembre.

Il centro città, specialmente Piazza del Senato e la via commerciale Aleksanterinkatu sono piene di gente, che dopo la mezzanotte si muove verso i locali notturni di Helsinki.

Capodanno in Lapponia

E’ possibile passare un Capodanno estremo in Lapponia a patto che ricordiate di mettere in valigia vestiti che vi tengano al caldo anche a -30 gradi. Se siete fortunati, potrete brindare al nuovo anno sotto ad un’aurora boreale da sogno. Scaldarsi davanti al fuoco in una kota (tenda lappone), partire per un safari artico con le slitte o fare una sauna sono solo alcune delle numerose attività che potrete fare durante una breve vacanza sopra al Circolo Polare Artico.

Come vestirsi per passare il Capodanno in Finlandia

Di solito a Capodanno ci si veste eleganti, ma molti si vestono anche casual e sicuramente non sfigurerete con abiti più confortevoli.

Se il vostro programma prevede invece di passare la serata fuori allora non sottovalutate il clima. Vi consigliamo una calzamaglia, calzini di lana e una maglietta termica sotto ai vestiti normali. Una giacca che vi ripari dal freddo ed eventualmente dal vento è essenziale. Ma siamo sicuri che se avete già passato qualche giorno in Finlandia il clima del 31 dicembre non vi prenderà così alla sprovvista.

Se poi continuate la festa in un locale allora vi consigliamo le scarpe di ricambio. Non è inusuale per tutto l’inverno arrivare in un locale e togliere gli scarponi invernali (che possono essere consegnati al guardaroba) e indossare scarpe più eleganti. Fate attenzione: il ghiaccio sulle strade può creare zone sdrucciolevoli, e una suola di gomma è preferibile a quella di cuoio di una classica scarpa elegante.

Gennaio, il mese “tipaton”

Il primo giorno dell’anno è un giorno speciale per molti Finlandesi. E’ l’inizio del tipaton tammikuu, ovvero il Gennaio senza alcool. Dopo un dicembre ricco di feste ad alto contenuto alcolico, quali i Pikkujoulut ad esempio, i Finlandesi sentono il bisogno di un mese per disintossicarsi. E gennaio è il mese in cui Alko, il monopolio di stato unico rivenditore per alcolici forti, vende meno alcool in assoluto di tutto l’anno.

Scopri il tuo futuro in una scultura di stagno. A capodanno in Finlandia è tradizione disciogliere una pezzo di stagno in un cucchiaino da te o in un pentolino e far colare questo liquido dentro un recipiente contenente acqua fredda. Lo stagno a contatto con l’acqua si solidificherà in pochi attimi e la “scultura” che otterrete vi dirà qualcosa sul vostro futuro.

Come rimorchiare ragazze finlandesi

Tutto quello che serve sapere per rimorchiare in Finlandia

Se vi interessa la Finlandia non è solo per l’organizzazione efficiente, l’aurora boreale e un buon tenore di vita… siete incuriositi anche dalle ragazze finlandesi e dai “leggendari” facili costumi della Scandinavia. Ma è tutto vero? GuidaFinlandia vi aiuta a scoprirlo.
Belle, bionde e senza troppi problemi… le ragazze finlandesi sono capaci di stregarvi, ma non fate i soliti pappagalli!

Un ragazzo adesca una ragazza finlandese in un bar
Quante volte avete sentito dire che le ragazze finlandesi sono facili e che si riesce a portarle sempre a letto la prima sera, soprattutto se siete italiani? Solo stereotipi? Vediamo di fare un po’ di chiarezza e di capire cosa piace e cosa non piace alle splendide donne della Finlandia.

Le ragazze finlandesi sono obiettivamente molto attraenti, specialmente agli occhi degli uomini mediterranei, poiché hanno lineamenti molto fini, occhi chiari e angelici sorrisi. Questo aspetto gentile, innocente nasconde un’anima indipendente, determinata, di colei che sa quello che vuole.

Dove e quando rimorchiare ragazze finlandesi?

Come già detto le ragazze finlandesi sanno quello che vogliono, quindi ci sono momenti e situazioni in cui sono socievoli, aperte e “rimorchiabili”, e altri in cui invece è più difficile.

Indubbiamente, la sera nei locali è il miglior momento per fare conoscenza e cominciare una conversazione. Nei locali troverete infatti tantissime ragazze. In media, più della metà dei clienti nei locali finlandesi sono donne, di solito in gruppetti di due o tre, che ballano, si divertono e bevono: un perfetto “set” d’inizio per rimorchiare in Finlandia.

Anche i numerosi caffè che ci sono in Finlandia – qui si passano ore per bere magari solo una tazza di caffè finlandese – sono posti buoni per attaccare bottone e sedurre ragazze, specialmente se queste sono da sole. Se non avete in mente una bella frase d’apertura, evitate di avvicinarvi a due, tre amiche che conducono una fitta discussione: stanno parlando dei fatti loro e non sono perciò recettive. Quello che potrete fare è però sorprenderle con una frase ad effetto o divertente, e magari fare in modo di lasciare la mail o il telefono, sperando che la prima impressione sia stata buona.

Ricordate che la sorpresa è un elemento fondamentale per rimorchiare in Finlandia. Ad esempio invece di chiedere il numero, lasciatelo. Non se lo aspettano e la curiosità può farle venire voglia di chiamarvi o scrivervi un messaggio.

Gli approcci nei mezzi pubblici (specialmente a Helsinki) sono possibili, ma di solito non avrete molto tempo e quindi anche qui potrete cercare di prendere il contatto con una conversazione di poche battute, e organizzare un incontro in un secondo momento. Più propizio è certamente il treno, dove trascorrerete più tempo in compagnia di qualche ragazza, magari sola e annoiata, e potrete giocarvi meglio le vostre carte.

Tutto è più molto facile invece su bus e treni notturni quando la maggior parte delle ragazze sono di ritorno da una serata in pub o discoteca e sono più propense ad intavolare un discorso anche con uno sconosciuto. Cercate solo di evitare che si senta a disagio perché la state rimorchiando. I Finlandesi sono in genere molto timidi, per cui quando si rivolge la parola ad una sconosciuta bisognerebbe cercare di essere il più naturali possibile.

Un luogo molto famoso per rimorchiare ragazze finlandesi è la Viking Line che collega ogni giorno Helsinki con Stoccolma. Sulla cosiddetta “Trombonave” (o Love boat) le ragazze, ma anche i ragazzi finlandesi, vanno esplicitamente per passare un fine settimana all’insegna dell’alcol e del divertimento.

Una notazione sul tempo e sulle stagioni: le ragazze finlandesi sono un po’ metereopatiche, allegre nelle giornate serene e più cupe in periodi grigi e bui. Infatti d’estate le donne sono più sorridenti, poiché possono passare tanto tempo all’aria aperta e godersi infinite giornate di luce. Le terrazze dei bar e i parchi, dove vengono improvvisati continuamente picnic (spesso alcolici), sono punti ideali per conoscere nuove persone e iniziare piacevoli e divertenti discussioni: approfittate del sole!

Come rimorchiare ragazze finlandesi?

Le donne finniche hanno bisogno di allegria e di buon umore, per cui fatele ridere! Siate simpatici, naturali e fate battute… senza esagerare però! Un uomo che le fa ridere, quasi senza provarci, ha già fatto un grande passo avanti nel guadagnarsi la fiducia della donna finlandese.

Ovviamente dovete essere capaci di comunicare bene in inglese, o finlandese. Tutte le ragazze parlano bene inglese e la loro pronuncia è chiara e pulita: un livello scolastico potrebbe non bastare. In quel caso potrete usare opportunamente il linguaggio del corpo che a volte può essere più efficace di 1000 parole. E’ importante non trasmettere che ci state provando. Meglio sembrare indifferenti al loro fascino: se trasmettete troppo presto di essere sessualmente interessati potreste perdere numerose occasioni.

Come a tutte le ragazze del mondo, anche alle ragazze finlandesi piacciono i complimenti. E come tutte le ragazze del mondo, anche loro sono abituate agli sdolcinati commenti da smaliziati uomini italiani. Gli italiani sono molto conosciuti anche qui, nel bene e nel male: quasi tutte sono state in Italia, specialmente a Milano, Roma e sul Lago di Garda, e conoscono perfettamente i pappagalli e tamarri italiani, che credono che la donna nordica stia aspettando proprio loro. Non fate come loro. Siate l’uomo che hanno sempre desiderato senza gettarvi ai loro piedi. E ricordate che parecchie ragazze finlandesi parlano o almeno comprendono un po’ d’italiano: evitate figuracce! La tecnica è fare un bel complimento seguito da un commento più acido, che farà intendere che sì, vi piace, ma insomma, potrebbe essere meglio. Le farete impazzire.

Per rimorchiare una ragazza finlandese potete sicuramente far leva su un aspetto, a cui le finniche non sono molto abituate: la galanteria. Le donne finlandesi non sono use ricevere dai loro compatrioti corteggiamenti o particolari gentilezze, e gradiranno molto questo tipo di atteggiamento. Vi consigliamo di farlo in maniera carina, spiritosa e molto naturale, senza forzare troppo la mano.

Un’altra cosa che le ragazze finlandesi adorano è un uomo che sappia ballare. Sono pochi gli uomini che ballano in Finlandia, rari o addirittura inesistenti nei piccoli centri, e infatti i corsi di ballo hanno una stragrande maggioranza di esponenti del gentil sesso e pochissimi ragazzi. Se siete capaci di ballare, quindi, provate un approccio diretto in pista. Ballate, anche da soli, fate vedere che vi state divertendo un mondo e poi -con il dovuto garbo- invitatele a ballare, a condividere il divertimento con voi. A volte basta prenderle gentilmente la mano e farla girare. Non state subito addosso però! Lasciatele il suo spazio e anche voi ballate da soli guardandovi intorno. Devono essere loro a cercare le vostre attenzioni ora, voi vi siete già esposti chiedendole di ballare. Il corteggiamento è un tira e molla.

Internet dating

Una risorsa da non sottovalutare in un Paese tecnologico come la Finlandia, sono i servizi di ricerca dell’anima gemella on-line. Sono molto usati e parecchi sono completamente gratuiti.

Fatevi il vostro account, mettete foto interessanti, senza mostrarvi seminudi, ubriachi etc., e potrete contattare parecchie ragazze finlandesi annoiate e in cerca di svago! Rendetevi simpatici e misteriosi (la chiave dell’on-line dating) e poi combinate un incontro dove lei voglia sapere di più.

Provate ad esempio http://treffit.suomi24.fi, http://www.city.fi/deitti o eliittikumpaani per iniziare, o perché no, la famosa applicazione “Tinder”, che potete usare direttamente sul vostro cellulare.

Con “l’anonimato” della rete potrebbe essere più facile rompere il ghiaccio con qualche ragazza e concedere tempi più lunghi al corteggiamento, piuttosto che in situazioni come discoteche o bar.

In confronto all’Italia vi accorgerete di come qui sia più facile passare la notte con una sconosciuta. Ma non date per scontato il classico momento romantico del giorno dopo, anzi spesso ci si vede per una volta sola, e poi potreste essere considerati anche come sconosciuti. Potrebbe essere uno shock per voi, ma è solo una cultura differente.

Erasmus in Finlandia

Erasmus in Finlandia: studiare con studenti da tutto il mondo nelle principali città Finlandesi

Un’esperienza che apre gli occhi agli studenti stranieri su un Paese da molti ancora ritenuto esotico. Altissimi livelli di insegnamento e tanto divertimento, cosa chiedere di meglio?

Un’esperienza di studio che in pochi riescono a dimenticare…

Erasmus in Finlandia

Fare l’Erasmus in Finlandia è una delle “situazioni d’entrata” più comuni per gli studenti stranieri che poi decidono di rimanere, o tornare, nel Paese. In Finlandia le istituzioni hanno ben presente il ritorno positivo in termini di immagine che si può ricavare dal fornire un’ottima esperienza di studio agli studenti stranieri, incentivando così l’immigrazione di ricercatori e lavoratori altamente specializzati.

Con un livello qualitativo degli insegnamenti estremamente alto, specie se rapportato alle tasse d’iscrizione, limitate spesso ad un’assicurazione sanitaria che costa circa 80€, la Finlandia mette a disposizione degli studenti stranieri posti riservati sia per le lauree brevi che per le specialistiche.

Anche la partecipazione ai corsi è generalmente facilitata per gli studenti Erasmus rispetto a quelli locali visto che questi devono spesso rispettare i requisiti di alcune graduatorie prima di ottenere l’agognato posto nelle classi. Mentre per gli studenti Erasmus si tratta semplicemente di combattere la classica burocrazia universitaria (e di preparare una bella lettera di presentazione), gli studenti locali devono spesso superare test d’ingresso, il cui non superamento comporta ritardi negli studi anche di svariati anni. A volte, invece, bisogna semplicemente iscriversi per primi on-line.

I preparativi prima dell’Erasmus in Finlandia

E’ generalmente buona regola per chi volesse fare l’Erasmus in Finlandia tenere d’occhio i siti dell’università prescelta partendo già molti mesi prima dell’inizio dell’anno accademico. Le università italiane generalmente richiedono un piano di studi preliminare e a volte anche di entrare in contatto con i coordinatori locali prima di spedire studenti allo sbaraglio.

I tempi universitari sono lenti da ambedue le parti, quindi non è mai troppo presto per iniziare a raccogliere informazioni. Vi capiterà spesso di non avere informazioni aggiornate fino a poche settimane dall’inizio dei corsi. Quello che vi consigliamo di fare è di scrivere il piano di studi e la lettera d’intenti basandovi sul materiale disponibile durante l’anno precedente. Nella maggior parte dei casi dovrete modificare le cose in corsa, ma di solito questa è una soluzione più che accettabile: serve, infatti, più per capire la vostra dedizione allo studio rispetto a quello che farete poi veramente.

Cercate comunque di trovare corsi corrispondenti e contattate gli eventuali insegnanti per conferma, onde evitare di trovarvi con programmi completamente incompatibili fra loro. Purtroppo non è cosa rara, anche per la scarsa collaborazione fra docenti italiani e finlandesi, ma in fondo studiare è solo uno degli altri mille buoni motivi per andare in Erasmus…

L’arrivo in Finlandia

Le università finlandesi generalmente organizzano 2-3 giorni introduttivi per gli studenti Erasmus, al fine di descrivere il funzionamento dell’università e di introdurre gli studenti ai propri tutor. Questi sono dei volontari che si offrono di guidare i nuovi studenti sia alla vita universitaria che alle possibilità mondane che il mondo studentesco può offrire.

L’alloggio in Finlandia

L’alloggio in Finlandia è una questione scottante e vi consigliamo caldamente di preoccuparvene dal primo giorno utile per mandare l’applicazione. In Finlandia la stragrande maggioranza degli alloggi studenteschi è in mano all’Unione degli Studenti Universitari, che li gestisce per mezzo della fondazione HOAS, e funzionano generalmente sulla base di chi primo arriva meglio alloggia. Negli ultimi anni è successo in ripetute occasioni che gli alloggi non bastassero, quindi se non volete ritrovarvi nei guai al vostro arrivo mettete la ricerca di una casa in affitto fra le vostre priorità principali.

Normalmente è sufficiente compilare un modulo on-line, effettuare il pagamento di un deposito che verrà restituito alla fine della vostra permanenza, e attendere il verdetto dell’associazione che possiede gli alloggi. Nella maggior parte dei casi dovrebbero farvi sapere il vostro indirizzo di casa alcune settimane prima del vostro arrivo.

Le chiavi vanno sempre recuperate a mano in orari d’ufficio, quindi assicuratevi di avere un alloggio alternativo se arrivate durante i weekend. Tenete presente che tutti gli Erasmus hanno lo stesso problema e arrivano tutti quasi contemporaneamente, quindi preparatevi a lunghe attese. Lasciare le chiavi vi sarà invece molto più facile visto che potete lasciarle a qualsiasi ora nella buca delle lettere dell’agenzia al momento in cui lasciate l’alloggio.

A seconda dell’affitto pagato, mobili e internet saranno inclusi o esclusi. Per evitare sorprese, cercate informazioni in merito nel contratto che vi viene proposto.

Le abitazioni studentesche in Finlandia sono ben studiate, immergendovi completamente in un ambiente popolato da ragazzi e ragazze come voi. Non è raro vedere interi edifici che partecipano alla stessa festa o gruppi di vicini che di sera si spostano insieme verso i locali. Tenete presente però che alcuni Finlandesi non apprezzano schiamazzi e maleducazione, e non è quindi sorprendente se alcune feste finiscano con una volante della polizia e il proprietario della casa che deve fare un verbale. In alcuni posti, addirittura, le residenze Erasmus sono completamente separate da quelle degli studenti Finlandesi, proprio per evitare screzi dovuti alla differente percezione del termine “silenzio”.

Le feste Erasmus sono ad alto tasso alcolico e cominciano già dal tardo pomeriggio… molto prima nei weekend! Poiché tutti gli appartamenti sono vicini, vi capiterà spesso di avere inconsapevolmente ospiti, pensando che siano amici di amici o che magari conosciate appena di vista. Il clima delle feste Erasmus porta ad avvicinare molto facilmente ragazzi e ragazze e ad improvvisare feste anche in un normale giorno feriale.

Erasmus a Helsinki

Helsinki è ovviamente una delle mete privilegiate, sia per il numero di facoltà presenti, sia per le altre attrattive che la città può offrire. L’università di Helsinki è piuttosto organizzata e nonostante la burocrazia regni sovrana anche qui, le code agli sportelli e i gravi problemi che affliggono molte università italiane si rivelano spesso solo un triste ricordo.

La città è piena di associazioni studentesche, sia legate alle regioni di provenienza (Osakunta) che alle facoltà o agli hobby più svariati. Generalmente il vostro tutor sarà in grado di aiutarvi ad iscrivervi a tutte le mailing list più rilevanti. Cercate di non fare gruppo solo con altri Erasmus, se non volete perdervi tutto quello che gli studenti di Helsinki hanno da offrire!

I pasti per gli studenti ad Helsinki sono serviti da Unicafé o le varie mense per studenti gestite da Sodexo o Fazer Amica, e vi verranno a costare generalmente fra i 2.60€ e i 4€. Libri e internet sono liberamente disponibili nella libreria Alexandria e più in generale in tutti gli edifici universitari.

L’Erasmus Student Network, o ESN in breve, si occupa dell’accoglienza degli studenti Erasmus in tutta Europa. La divisione finlandese è particolarmente attiva, e previo iscrizione (gratuita, o quasi) vi verrà rilasciata una tessera per avere consistenti sconti nei locali dove l’ESN organizza le serate (almeno una a settimana, spesso anche di più). L’ESN inoltre effettua viaggi organizzati in Russia o verso altre destinazioni nel Baltico. Il miglior modo per rimanere informati sulle iniziative collegate all’ESN è fare un salto sui loro forum internazionali e, una volta in Finlandia, iscriversi alla mailing list relativa: il vostro tutor vi spiegherà come.

Il Finlandese in vacanza

Grande amante della natura, il Finlandese predilige spesso vacanze a stretto contatto con foreste e laghi. Ma anche le grandi città del mondo sono mete molto ambite.

La vacanza tradizionale del finlandese medio è per la maggior parte delle volte caratterizzata da una visita all’amatissimo mökki, il cottage di campagna. I Finlandesi sono però gente molto attiva, che ama esplorare la propria natura ma anche il mondo al di fuori della Finlandia. Per questo anche le vacanze all’estero sono molto popolari tra tutti i Finlandesi.
I Finlandesi amano utilizzare le loro vacanze al meglio. Che la vacanza sia a centinaia o migliaia di chilometri di distanza non importa! Se si prendono le ferie, l’importante è godersele, anche nel giardino di casa!

FInlandese in vacanza - la lapponia
Un esempio tipico di vacanza finlandese è la tradizionale visita al mökki, il cottage di campagna. Quasi ogni famiglia finlandese ne possiede uno ed è tradizione che parte delle vacanze vengano spesso spese qui. Nella stragrande maggioranza dei mökki sono presenti almeno una sauna e spesso l’annesso laghetto e un barbecue formato gigante per le grigliate a qualsiasi ora della giornata.

Il Finlandese ama moltissimo trascorrere le vacanze anche in altri posti all’interno della Finlandia. Le mete nazionali sono molto popolari, specialmente tra le vecchie generazioni, abituate a non viaggiare troppo. A questo fine, molti finlandesi residenti fuori dall’area di Helsinki possiedono spesso un camper. La vacanza in camper è infatti una delle vacanze piu tipiche e molto in auge negli anni Settanta e Ottanta.

Un altro tipo di vacanza molto comune sono le camminate di trekking o hiking, soprattutto in Lapponia dove ci sono percorsi di svariati chilometri che possono durare anche giorni interi. I Finlandesi sono persone sportive, molto attive ed abituate ad essere a contatto con la natura. Per questo, le vacanze con tenda e sacco a pelo sono tra le preferite, indipendentemente dall’età. Se la camminata non è lo sport prediletto, si può optare per una vacanza in canoa o in bici.

Le generazioni più giovani di Finlandesi sono grandi amanti delle vacanze all’estero. Tra le mete più popolari ci sono le grandi città europee, con la Spagna e l’Italia tra le mete più popolari. Quando possibile, i Finlandesi amano visitare anche altri parti del mondo fuori dal nostro continente. Specialmente la Tailandia è una delle mete preferite, visto che la compagnia di bandiera locale, la Finnair, opera moltissime rotte a prezzi contenuti. Helsinki è a livello logistico uno degli aeroporti europei più vicino agli scali asiatici. Inoltre, la vacanza in Asia rappresenta un ottimo modo per scappare dal freddo inverno finlandese visto che i mesi di dicembre e gennaio sono i migliori in Asia ed tra i più freddi in Finlandia.

Se invece la vacanza coinvolge pochissimi giorni o solo un fine settimana, i Finlandesi sono soliti andare a Tallinn, Stoccolma o San Pietroburgo. Queste mete sono raggiungibili in nave, all’interno delle quali ci sono servizi e intrattenimenti per non annoiarsi durante il viaggio. Non solo, sulle navi l’alcol è detassato e i Finlandesi ne comprano quindi in grandi quantità da portare a casa come scorta.

Il famoso “safari in Lapponia” è un tipo di vacanza organizzata prettamente per turisti stranieri. Difatti, a differenza di quello che molti di voi possano credere, vi sarà molto difficile trovare un finlandese che sia andato in slitta con i cani o con le renne!

Ragazze Finlandesi

Le ragazze finlandesi: indipendenti e senza pregiudizi

Chi si è già trasferito in Finlandia ci è già passato. Ci si trasferisce da queste parti per due motivi: per lavorare nell’IT… o per una donna. Le ragazze finlandesi, occhi azzurri, bionde, bellissime, sono uno dei migliori biglietti da visita della Finlandia e noi uomini italiani ne veniamo come ipnotizzati… A volte però, la magia è solo fumo negli occhi…

Le ragazze finlandesi sono tra le donne più belle del mondo. Guai comunque a trattarle come delle bambole: il popolo finlandese è molto orgoglioso della loro indipendenza e della loro cultura. Le donne non ne sono un’eccezione. Una donna finlandese ha sempre bisogno di spazio per esprimere la sua personalità, spesso a scapito dell’uomo.


Da Marilyn Monroe, passando per Pamela Anderson (che vanta origini finlandesi!) fino a Charlize Theron e Paris Hilton, le bionde sono tra le più amate da noi italiani. E quanto fece parlare Anna Falchi al suo arrivo in Italia? Bene…la mamma di Anna Falchi è originaria di Tampere.

Appena arrivati in Finlandia noterete tante ragazze bionde con occhi azzurri e visi bellissimi. Le donne finlandesi sono oggettivamente splendide. Se poi arrivate d’estate preparatevi a giornate sconvolgenti per gli occhi di un italiano non abituato. Quando inizia a far caldo, i pantaloni diventano hot-pants, le gonne sono corte, le magliette smanicate e la quantità di pelle bianca in attesa di scottatura è impressionante.

No donna oggetto: le ragazze finlandesi sono indipendenti

Ma le donne finlandesi non amano essere considerate bamboline o oggetti del desiderio. Ci tengono alla loro indipendenza e non si lasceranno abbindolare facilmente dal classico playboy italiano.

Parlare con le ragazze finlandesi

Le ragazze finlandesi parlano fluentemente l’inglese. Se non parlate bene l’inglese vi sarà difficile comunicare inizialmente con una sconosciuta. Poiché i finalndesi parlano tante lingue straniere, non sarà difficile trovare qualcuna che parli italiano, più o meno bene.

Se invece parlate inglese non avrete difficoltà a conoscere una ragazza finlandese, in quanto qui le ragazze sono molto aperte, curiose, e non disdegnano una chiacchierata con sconosciuti…a differenza dei ragazzi finlandesi che sono fondamentalmente più timidi e hanno a volte bisogno di qualche bicchiere per poter socializzare.

In generale comunque, i Finlandesi sono un popolo abbastanza amichevole, che ama parlare con gli stranieri e praticare l’inglese. Unico consiglio: fate tante domande.

Uguaglianza tra i sessi

Qui le donne hanno guadagnato il diritto di voto nel 1906 (40 anni prima che in Italia!), la Finlandia è l’unica nazione al mondo in cui il Presidente della Repubblica e il Primo Ministro sono state due donne nello stesso tempo! Insomma, la donna finlandese sa come far valere i propri diritti e il senso di uguaglianza con l’altro sesso è molto forte.

Cura del corpo

Una ragazza finlandese si riconosce anche da questo. La bellezza qui è molto acqua e sapone. Sono poche le donne che usano trucchi pesanti o che sono vestite in modo appariscente.

Le donne finlandesi comunemente si tingono i capelli… sia di biondo che di nero. Quasi tutte le ragazze bionde e more, in Finlandia, sono tinte. Il biondo naturale è abbastanza scuro (il cosiddetto “biondo cenere”) e molte ragazze preferiscono schiarirlo ricorrendo alla tinta. Cosa opposta per le sopracciglia, che sono spesso tinte più scure. per farle risaltare di più. Anche le more sono tinte. Lo noterete dopo poco che siete arrivati: i capelli scuri naturali sono tipici solo delle popolazioni Sami, in Lapponia.

Riguardo la cura di alcuni particolari le finlandesi sono simili alle ragazze svedesi e diametralmente opposte alle ragazze russe ed estoni, che invece sono sempre molto curate fino ai minimi particolari. Le ragazze finlandesi, pur essendo spesso molto trendy, non indossano capi firmati o made in Italy, e quando camminerete per le strade vi sembrerà di assistere ad una sfilata di capi H&M: il look nordico qui va per la maggiore. Al Nord la moda viene dettata spesso dalle ragazze svedesi, sempre al passo con l’ultima fashion e le prime a sperimentare i capi che poi diventeranno tendenza in tutta la Scandinavia.

A differenza delle ragazze russe invece, le coetanee finlandesi non fanno molta attenzione alle unghie e, infatti, non è raro vedere smalto non perfettamente curato.

Sesso e Ragazze Finlandesi

Visto che le ragazze finlandesi sono uno dei principali motivi per cui un uomo italiano va in vacanza a Helsinki ci sembra giusto darvi alcuni consigli anche sul sesso.

Le ragazze finlandesi sono più aperte, mentalmente, delle ragazze italiane, e a volte perfino dei ragazzi italiani. Per i finlandesi non è una cosa inaudita andare a letto insieme dopo una bella serata e non salutarsi neppure il giorno dopo per strada. E una donna non ha paura dei giudizi sociali: qui fare sesso non è un motivo per venire stigmatizzate.

Anche se a volte l’abuso dell’alcol potrebbe portare a scelte sbagliate, cercate di stare attenti! Evitate una gravidanza indesiderata ma soprattutto il contagio di malattie veneree. Usate sempre il preservativo!

Posso offrire un drink ad una ragazza finlandese?

Ci sono teorie discordanti su questo punto ma un fatto è certo: la ragazza finlandese lavora e non cerca un uomo che la mantenga. Pagare un drink ad una ragazza in Finlandia può essere visto come un tentativo di “comprarla”. State sicuri comunque di trovare anche qui la donna che vi accompagnerà al bancone sorridente, si farà offrire un drink e sparirà non appena avrà finito di sorseggiarlo.

Farete molto più colpo se quando lei chiederà: “Prendiamo qualcosa da bere?”, risponderete con un: “Sì, per me una birra, grazie”. Dopo un primo momento di sorpresa, apprezzerà e vi comprerá da bere. Il prossimo drink però lo dovrete offrire voi!

Se vi capiterà l’occasione di fare una sauna comune, le ragazze saranno probabilmente completamente nude, così come sarete voi. In Finlandia è uso fare la sauna nudi. Se non vi ritenete in grado di sopportare la “pressione”, non andate! E ricordate che le saune non sono fatte per far sesso.

La vita notturna in Finlandia

La vita notturna in Finlandia comincia molto presto ma finisce altrettanto presto: alle 3:30 chiudono tutti i locali!

I Finlandesi amano divertirsi, frequentano ristoranti, bar, locali e di solito non perdono l’occasione per bere qualche bicchiere in più. Troverete tante ragazze e nessuno che vuole menare le mani.
Nel fine settimana festa nei bar e anche per strada, ma cosa fare quando i locali chiudono così presto? Organizzate un after party!

Un tipico locale di Helsinki: tante ragazze bionde che si divertono
La vita notturna in Finlandia è molto attiva e ci sono divertimenti per ogni età. I Finlandesi amano divertirsi e spesso il frequentare locali e feste è uno dei mezzi più efficienti per mantenere una vita sociale attiva, specialmente d’inverno. Pub e discoteche si trovano quasi sempre in centro città per permettere a tutti di potervi giungere agevolmente con il trasporto pubblico, taxi o bicicletta, senza bisogno di prendere mezzi propri e di privarsi quindi di qualche birra!

Nelle discoteche e nei pub rimarrete colpiti dalla quantità di ragazze presenti. Se in Italia la maggioranza è principalmente maschile, qui sono le ragazze finlandesi ad essere in numero sempre più elevato. Soprattutto in pista, non troverete quasi mai più uomini che donne. Anzi, vi capiterà spesso, se siete Italiani e se è ancora presto, di essere gli unici uomini in pista.

I locali notturni, le discoteche, i pub e le birrerie sono categorizzati come ristoranti: in Finlandia li troverete infatti sotto la dicitura ravintola. Seppur nelle città la distinzione tra le discoteche e i veri e propri ristoranti sia evidente, nei paesini spesso lo stesso locale ha funzione di ristorante e di locale notturno. Generalmente i locali si affollano dalle 23 a mezzanotte, ma già prima è possibile trovare gente.

Di solito le discoteche vere e proprie non sono grandissime e il prezzo d’ingresso è inferiore ai 15 euro. Ricordate che ciò non comprende nessuna consumazione. I drink generalmente sono abbastanza costosi; in più la quantità di alcool servita per ogni cocktail o shot è misurata attentamente per mezzo di misurini. Altra peculiarità dei locali finlandesi è che il servizio guardaroba è obbligatorio – spesso anche in assenza di giacche – e di solito costa 2 euro. Per molti locali questo è anche l’unico prezzo di entrata che pagherete.

In Finlandia il gioco d’azzardo è legalizzato e nella maggior parte dei locali potete sedervi al tavolo e giocare a poker, black jack o alla classica roulette.

I locali in Finlandia chiudono al massimo alle h 3:30. A quell’ora la musica si ferma e gli addetti alla sicurezza iniziano ad invitare i clienti a lasciare il locale. Quello è l’orario dopo il quale, per legge, non è possibile servire bevande alcoliche, almeno fino alle 9 di mattina. Cosa fare? Se avete conosciuto qualcuno e guadagnato la sua fiducia, potete organizzare un after-party (jatkot) a casa o in albergo, per continuare a bere e divertirvi fino a quando non siete esausti… D’estate, alla chiusura dei locali troverete gente per strada ancora per qualche ora, perché c’è già luce nelle strade grazie al sole di mezzanotte.

I generi preferiti dai Finlandesi sono la musica commerciale, il rock e la musica elettronica. Popolare è anche il pop finlandese (suomipoppi), che i Finlandesi amano poiché possono cantare le canzoni a squarciagola anche ballando ubriachi sui tavoli. Non a caso il karaoke è una delle attività preferite dai Finlandesi, che cantano canzoni sia finlandesi che straniere. Tra le più famose ci sono due cover: Olen suomalainen -cover de “l’Italiano” di Toto Cutugno- e Aikuinen nainen -cover di “Maledetta primavera” di Loretta Goggi. Se conoscete queste canzoni magari potete divertirvi con qualche finlandese a cantarla a due voci (e due lingue).

Una peculiarità tutta finlandese sono le feste in casa. Ogni occasione è buona per organizzare feste, riunirsi e bere qualcosa insieme. Compleanni (synttärit), feste d’inaugurazione della casa (polttarit) e persino feste di divorzio sono le più gettonate. Generalmente il padrone di casa è uso offrire un punch alcolico e qualche stuzzichino da mangiare, tra cui le immancabili caramelle gommose, che i Finlandesi adorano. Le bevande? Ognuno se le porta da casa e non è comune condividerle. Queste feste cominciano verso le 18 e il grado di rumore (e umore) aumenta col passare del tempo. Ricordate che dopo le 23 in Finlandia non si può urlare per non disturbare la tranquillità dei vicini! A quell’ora la festa si sposta altrove.

Nei piccoli villaggi non troverete quasi mai uomini che ballano nelle discoteche. Di solito le donne ballano e gli uomini rimangono seduti a continuare a bere. Il ballo non è considerato molto virile nelle campagne finlandesi.

La cantina o la soffitta in una casa finlandese

Ottimizzazione degli spazi: soffitte riscaldate e rifugi anti bombardamento che fan da cantina

C’è sempre posto per le cianfrusaglie.

Gli appartamenti e le case finlandesi hanno sempre una stanza al di fuori dell’appartamento, spesso all’ultimo piano o nel sotterraneo. La soffitta o la cantina sono sempre presenti nelle case finlandesi. Le soffitte e le cantine dei palazzi si differenziano non poco da quelle italiane. Spesso infatti non sono vere e proprie stanze “personali”. La soffitta o cantina sono stanzoni comuni, a cui tutti gli abitanti hanno accesso. Di solito sono presenti degli spazi a metà tra armadi e pollai (chiamati per l’appunto kanakopit, gabbie per polli), costruiti con assi di legno e spesso reti metalliche, che si possono chiudere con un lucchetto. Tutti vedono ciò che gli altri abitanti hanno riposto in cantina o soffitta, il che è abbastanza curioso per un popolo amante della privacy come i Finlandesi. In molti casi le cantine o soffitte sono anch’esse riscaldate, per evitare di congelarsi durante l’inverno.

Le cantine dei palazzi sono state concepite originariamente come rifugi anti bombardamento.

In molti palazzi sono anche presenti stanzoni in cui riporre le biciclette d’inverno.

In alcuni appartamenti sono addirittura presenti stanze in cui riporre i passeggini e i giochi dei bambini per il cortile interno a molti palazzi. Questo rimarca l’onestà dei finlandesi, che possono permettersi di lasciare il passeggino in una stanza in cui tutti possono entrare.

Il bagno e la sauna in una casa finlandese

Nel bagno finlandese non ci sono finestre e gli spazi molto molto ridotti. Il bagno in Finlandia è solo funzionale, non ha nessun aspetto estetico. in Finlandia non c’è il bidet, ma c’è qualcosa che è anche meglio!Appena entrati in un bagno finlandese, sorprenderà immediatamente la mancanza di finestre. I bagni in Finlandia non hanno le finestre, ma grazie a sistemi di areazione posti sul soffitto del bagno, gli odori escono comunque.

Un bagno finlandese tipico nei cottage immersi nella foresta
Un’altra peculiarità della grande maggioranza dei bagni finlandesi è la standardizzazione della zona lavandino. C’è il lavandino e poi c’è lo specchio, che nella maggior parte dei casi si apre e nasconde un piccolo mobiletto per gli accessori da toilette, e un doppio specchio opposto ad ante molto comodo per guardarsi dietro la nuca.

Come nella maggior parte dei Paesi del mondo, anche in Finlandia non esiste il bidet. L’unico bidet è nella casa del vecchio Presidente finlandese Urho Kekkonen. I Finlandesi hanno ovviato a questa mancanza con un utensile che noi di GuidaFinlandia.it riteniamo essere anche più comodo del bidet nostrano: la cosiddetta doccetta da water. Si tratta di una doccetta collegata al lavandino, che si può portare fino alle zone intime, senza bisogno di spostarsi dal gabinetto!

In Finlandia è tradizione appendere tante asciugamani per mani, viso e corpo quanti sono gli abitanti della casa, più uno per gli ospiti. Molti Finlandesi amano aggiungere anche una targhetta coi nomi sopra ad ogni asciugamano e la vostra sarà vieras, ovvero “ospite”. E se il porta-asciugamani in bagno è di metallo e attaccato al muro, state attenti a non scottarvi! Il porta-asciugamani in realtà un termosifone, che viene usato sia per scaldare il bagno che per gli asciugamani.

Molto spesso i bagni finlandesi sono piccoli e lo spazio è utilizzato al massimo, a discapito del box doccia, che di solito non esiste. La doccia si fa in mezzo alla stanza con una tenda, per separarla dal resto del bagno. Anche se a prima vista può sembrare strano, col tempo ci si abitua e il bagno resta indubbiamente molto più pulito, visto che almeno il pavimento viene lavato ogni volta che vi fate una doccia! Inoltre, poiché in Finlandia c’è il teleriscaldamento, l’acqua calda è disponibile immediatamente, senza bisogno di aspettare interminabili minuti a infreddolirsi sotto la doccia.

La parte migliore di un bagno finlandese: la sauna!

Le sorprese non sono finite. Negli appartamenti più moderni e in molte case, in bagno c’è una porta che vi accompagnerà alla famosa sauna! Da molti usata anche come stanza per asciugare i vestiti, la sauna in casa è usata sia d’inverno che d’estate da tutti i membri della famiglia. La sauna è presente in ogni palazzo. Se non c’è nell’appartamento, vuol dire che è comune a tutti gli abitanti del palazzo. In quel caso potete prenotare il vostro turno settimanale, al costo di 8-15 euro mensili, o andare con estranei nel turno settimanale disponibilie per tutti i condomini.

In Finlandia (soprattutto in città), è quasi sempre presente una stanza comune a tutti gli abitanti delle palazzine intorno adibita a lavanderia (con lavatrice e a volte persino asciugatrice). Gli spazi angusti dei bagni spesso non permettono di avere una lavatrice, presente per l’appunto in queste stanze comuni.

Feste e tradizioni in Finlandia

Come ogni nazione, anche la Finlandia ha tantissime feste e tradizioni

In Finlandia sono numerose le ricorrenze, le feste e le tradizioni che ogni mese portano il popolo finlandese a celebrare a casa, per strada, nei parchi, nei cottage estivi o nei locali notturni. Tra le ricorrenze più sentite ci sono indubbiamente il Natale e il Primo di Maggio, ma queste sono solo due delle numerosissime feste, di cui parleremo qui.

“Qualsiasi ragione è buona per mettersi in maschera e divertirsi insieme”

Feste principali in Finlandia

Le feste principali in Finlandia sono il Natale e la Pasqua, ma anche il Primo Maggio e la Festa di Mezza Estate.

Natale in Finlandia – Joulu

La ricorrenza più sentita è sicuramente il Natale. Babbo Natale è nato in Finlandia e le celebrazioni cominciano già a novembre. Il Natale viene in realtà festeggiato il 24 dicembre e trascorso rigorosamente in famiglia. Un Italiano che passa il Natale in Finlandia sarà colpito dalla quantità di regali che i Finlandesi si scambiano, anche dieci ciascuno.

Pasqua in Finlandia – Pääsiäinen

La Pasqua in Finlandia comincia alla mattina presto, quando i bambini si vestono da streghe e vanno a bussare alla porta dei vicini, chiedendo cioccolatini e caramelle in cambio del “salvataggio” dagli incantesimi malefici. Dopo l’immancabile sauna, così come alla festa di San Giovanni, anche a Pasqua è di tradizione avere un grande falò per ogni villaggio, per spaventare le streghe e i mostri della foresta. Il Venerdì Santo (pitkäperjantai) è festivo, come una domenica.

Primo di Maggio in Finlandia – Vappu

Se dovete visitare la Finlandia per un giorno solo, fatelo durante il Primo di Maggio, chiamato Vappu qui in Finlandia. Tutti i Finlandesi si riversano nelle strade e nei parchi sia il 30 aprile che il Primo Maggio, felici, colorati, celebrando la festa dei lavoratori ma soprattutto quella degli studenti.

Festa di mezz’estate in Finlandia – Juhannus

Juhannus, la festa che celebra l’estate e la luce. Se passate dalla Finlandia durante la festa di San Giovanni, non vedrete quasi nessuno in giro in città, ma di sicuro vedrete fumo in lontananza. Per Juhannus i Finlandesi vanno di solito ai cottage estivi con amici o famiglia e accendono falò.

Altre feste importanti

Durante l’anno ci sono altre feste importanti per i Finlandesi. Tra queste le famose feste prenatalizie e la festa della Mamma, ma non solo…

Feste prenatalizie in Finlandia – Pikkujoulut

Da fine novembre a metà dicembre in Finlandia è costume organizzare feste prenatalizie, pikkujoulut, nate come feste aziendali e divenute col tempo consuetudine anche tra amici e associazioni sportive. Praticamente ogni weekend di dicembre è occupato da un pikkujoulut, una festicciola dove bisogna vestirsi molto eleganti, bere a dismisura e… pentirsene il giorno dopo.

Festa della Mamma in Finlandia – Äitienpäivä

La seconda domenica di maggio è celebrata la festa della Mamma. La tradizione vuole che i bambini si sveglino presto la mattina, preparino la colazione alla madre e gliela portino a letto, dove i bambini passeranno un po’ di tempo nel letto materno.

Capodanno in Finlandia – Uuden vuoden aatto

Il Capodanno finlandese altro non è che un normale sabato sera. Le temperature proibitive non permettono di stare a lungo all’aperto. Anche nelle grandi città si va in piazza 10 minuti prima della mezzanotte, per rientrare al caldo 20 minuti dopo.

Eurofestival – Eurovision Song Contest

Spettacolo televisivo di fine maggio, l’Eurovision Song Contest, una specie di Festival di Sanremo internazionale, è il programma non sportivo più visto del mondo ed è molto famoso anche in Finlandia, così famoso che il sabato dell’Eurovision non vedrete nessuno per le strade fino al termine dello spettacolo, intorno all’una di notte.

La Finlandia ha (incredibilmente) vinto l’Eurovision Song Contest nel 2006 con la rock band LORDI grazie allla hit “Hard Rock Hallelujah”

Halloween in Finlandia

Visto che non si celebra il Carnevale, il primo sabato di novembre (pyhäinpäivä) viene “preso in prestito” Halloween dalla cultura anglosassone. Ovunque in città ci sono feste e le discoteche sono piene di qualsiasi personaggio immaginabile.

Festa di inaugurazione della casa – Tuparit

Una tradizione finlandese è celebrare un nuovo appartamento o casa con una festa tra amici. La casa non ha veramente vita, finché questa festa non è stata celebrata. La tradizione vorrebbe che il regalo da fare agli abitanti sia sale e pane di segale ma ormai si portano regali di ogni tipo. L’unico elettrodomestico necessario è la macchina per fare il caffè.

Matrimonio e dintorni

I Finlandesi amano celebrare la famiglia, dal fidanzamento al battesimo del neonato, passando per matrimonio e dintorni.

Festa di fidanzamento ufficiale in Finlandia – Kihlaus

In Finlandia il fidanzamento ufficiale può avvenire anche tre anni prima del matrimonio, e viene celebrato con una festa in cui s’invitano vicini e amici e familiari. Tutti portano un regalo che sia di buon auspicio alla coppia e li aiuti nei primi momenti di vita insieme.

Addio al celibato o nubilato in Finlandia – Polttarit

L’addio al celibato finlandese si può organizzare anche mesi prima del matrimonio. Si “rapisce” il malcapitato alla mattina presto e si riconsegna ore o giorni dopo. Una delle ricorrenze preferite negli addii al celibato è travestire il futuro sposo in modo ridicolo e farlo girare per il centro cittadino, dove dovrà compiere ogni sorta di gioco per gioia dei partecipanti, tra cui vendere buffi oggetti.

L’addio al nubilato in Finlandia è molto particolare. Solitamente le ragazze si riuniscono al mattino e poi seguono una procedura, che prevede, tra le altre cose, la sauna, con un rituale molto antico per verificare l’amore per il futuro sposo. Anche le ragazze come gli uomini vanno in giro per la città. Solitamente tutte le partecipanti si vestono in modo uguale e la futura sposa porta qualche buffo accessorio.

Matrimoni – häät

Il matrimonio finlandese è leggermente diverso dal tipico matrimonio nostrano. Innanzitutto è molto raro che gli sposi si comprino i vestiti nuziali. Gli sposi in Finlandia sono soliti affittare sia il vestito di lui che quello di lei. Se uno dei due decide di comprarne uno, questo sarà probabilmente rivenduto.

Il pasto è sempre a buffet, come nella tradizione dei pasti in Finlandia e solitamente è presente una band che suona canzoni tipiche finlandesi. Il matrimonio finlandese è molto più basso profilo rispetto ad un italiano e questo perché di solito sono gli sposi stessi a pagare il tutto (e non le famiglie, come spesso avviene in Italia) e i partecipanti non superano mai il centinaio. .

Visto che solitamente gli sposi vivono già insieme da parecchi anni, il matrimonio non si conclude mai con gli sposi in viaggio per una luna di miele, ma finisce spesso in discoteca con i partecipanti.

Battesimo in Finlandia – Kastajaiset

Il battesimo è una celebrazione molto importante in Finlandia. Non tanto per il suo significato religioso, quanto perché prima del battesimo il nascituro non ha nome! I genitori dei bimbi appena nati hanno tre mesi per registrare il nome all’anagrafe, e prima di quel giorno non si usa dire a nessuno il nome scelto. In Finlandia quindi, nelle prime settimane (o mesi) di vita, si guarda se il nome scelto può essere effettivamente accostato al carattere del bambino.

Varpajaiset

Quando nasce un bambino, il padre finlandese aiuta molto in casa. Per questo all’incirca un mese o due dopo la nascita, il padre celebra con alcuni amici maschi il cosiddetto varpajaiset, che prevede una sauna, cena e notte in discoteca, per togliersi, almeno per una sera, lo stress dell’essere neo-padre.

Altre ricorrenze

Altre ricorrenze particolari in Finlandia sono il carnevale, i funerali e… il mese di gennaio.

Gennaio senza bere in Finlandia – Tippaton

Se Dicembre è il mese più alcolico dell’anno per colpa delle Piccole Feste di Natale, Gennaio è il mese meno alcolico di tutti. La tradizione vuole che Gennaio sia il cosiddetto mese tippaton, ovvero, senza goccia. Per pulirsi il corpo, e la mente.

Carnevale in Finlandia

Il Carnevale, in Finlandia, non viene festeggiato mascherandosi. Il martedì grasso (laskiaiset), c’è l’usanza di lanciarsi con slittini nei parchi e per le pendenze innevate. Quasi in ogni altra festa è usanza avere costumi allegri e simpatici e i Finlandesi non hanno quindi bisogno di un ulteriore tradizione in cui vestirsi in modo eccentrico.

Funerali in Finlandia – Hautajaiset

I funerali finlandesi si discostano un po’ dal modello italiano. Innanzitutto non è tradizione vedere il morto, come da noi. Il funerale poi avviene anche quattro settimane dalla morte e si riceve un invito per la partecipazione. In Finlandia, è buona tradizione offrire cioccolatini e caffè ai partecipanti del funerale.

Lo sapevi che…?

Molto curioso è il fatto che in Finlandia i partecipanti a queste feste, dai matrimoni alle feste di Natale, raggiungano il posto indicato in taxi o in autobus, per potersi concedere anche un bicchiere in più.

Vivere in Finlandia

Vivere in Finlandia, uno stile di vita davvero speciale

Per un Italiano può risultare difficile capire lo stile di vita finlandese. Un popolo che cammina sempre di fretta, a volte silenzioso, a volte chiacchierone. Un clima a volte mite e accogliente altre volte terribilmente freddo, con i Finlandesi che si adattano velocemente e con cambiamenti radicali.

Alcuni suggerimenti per capire come si vive davvero in Finlandia, da veri Finlandesi

Vivere in Finlandia - il lungo e freddo inverno finlandese

La vita in Finlandia durante l’anno

La vita in Finlandia durante l’estate è molto piacevole. La gente è sorridente e il clima mite e non afoso. Tutti appena possono vanno nei parchi organizzando pic-nic. Le biciclette sono le padrone delle strade e l’intera nazione è animata da un’energia unica.

Durante l’inverno finlandese, quando la temperatura scende fino a meno -30 gradi sotto lo zero e il sole non si vede mai per diversi giorni, i Finlandesi diventano più cupi. Il freddo non permette di passare molte ore all’aperto e i Finlandesi sono a casa o nei pub. Ma non appena il sole fa capolino, anche per alcune ore, i Finlandesi sono tutti fuori a passeggiare magari sul mar Baltico o sui numerosi laghi, che in pieno inverno normalmente ghiacciano.

Come sono i Finlandesi?

I Finlandesi sono un popolo indipendente. In Finlandia si va a vivere da soli molto presto, solitamente tra i 16 e i 20 anni. I Finlandesi sono onesti, puntuali e anche curiosi. Il loro silenzio potrebbe spaventarvi all’inizio, ma con il tempo, e qualche bicchiere, ogni finlandese si scioglie e condivide con voi un po’ della sua vita.

L’uomo finlandese è più taciturno se confrontato con la donna finlandese. A volte sono le stesse Finlandesi che si lamentano di questo comportamento. E’ difficile far aprire un uomo finlandese: è quasi impossibile che vi parlino dei loro sentimenti o delle loro situazioni personali. D’altro canto, se riusciste a fare amicizia con un finlandese, avrete un amico leale, disponibile e per sempre.

La Finlandia può essere vista come una nazione governata dalle donne. In Finlandia il suffragio universale è stato introdotto nel 1906, le donne votavano 40 anni prima rispetto all’Italia. Addirittura nel 2003 per alcuni mesi sia la carica di Presidente della Repubblica (Tarja Halonen) che quella di Primo Ministro (Mari Kiviniemi) sono state occupate da donne.

In Finlandia c’è molta attenzione per i bambini. Ci sono molte strutture dedicate alla ricreazione e all’educazione dei bambini. Inoltre, visto l’alto tasso di divorzi, viene posta molta attenzione ai genitori single, sia con aiuti finanziari che sociali. E’ inoltre pratica diffusa che il padre si alterni con la madre a casa in “paternità”, supportando la famiglia.

Storicamente, la Finlandia è stata dominata prima dalla Svezia poi dalla Russia, e ciò ha segnato questa nazione. Un segno profondo è visibile ancora oggi: in Finlandia lo svedese è lingua ufficiale riconosciuta dalla Costituzione e il 5% della popolazione parla svedese come prima lingua specialmente nella zona Ovest della Finlandia, l’Ostrobotnia.

Depressione, suicidio e carattere dei Finlandesi

Purtroppo la Finlandia è tristemente conosciuta per la depressione dei suoi abitanti e l’alto tasso di suicidi. E’ molto facile reperire anti-depressivi in farmacia: i medici li prescrivono abbastanza facilmente. Sicuramente è vero che i Finlandesi non sono generalmente gioviali come noi italiani, ed è vero che durante il lungo freddo e buio inverno sono tendenzialmente cupi, ma la situazione rispetto a 40 anni fa è cambiata: la Finlandia non detiene più il primato del più alto tasso di suicidi nel mondo, anzi, è stata sorpassata da Nazioni come il Belgio.

Qualcosa che però è rimasto intatto è un tratto della personalità dei Finlandesi: la perseveranza, la grinta, che qui viene riassunta sotto il nome di sisu. Se un finlandese ha in mente di fare qualcosa e inizia il lavoro deve portarlo fino alla fine. A volte la poca flessibilità e la testardaggine portano questo aspetto dei Finlandesi all’eccesso.

L’istruzione in Finlandia

Studiare in Finlandia è gratis. Le università sono a numero chiuso ma una volta entrati si ha diritto ad una serie di vantaggi impensabili per noi italiani. Si riceve uno stipendio mensile di circa 500 €, un alloggio scontato e sconti per moltissimi servizi, come il treno a metà prezzo.Qui le biblioteche universitarie sono accessibili 24 ore su 24, e non è raro per gli studenti finlandesi andare a studiare all’università anche a notte fonda.

La famiglia finlandese

La famiglia finlandese è differente da quella italiana. In Finlandia quando i figli vanno via di casa, molto presto, il rapporto economico in qualche modo si interrompe. Per studiare i giovani finlandesi chiedono prestiti alle banche (opintotuki) e non sono i genitori a supportare la loro carriera. Sono prestiti agevolati che alla fine degli studi andranno restituiti, a tasso zero. Ma certo questa è una grandissima differenza con il sistema italiano: studenti universitari mantenuti di solito dai genitori.

Nelle famiglie finlandesi entrambi i genitori lavorano e i figli vengono accuditi da entrambi. Entrambi i genitori partecipano alle attività domestiche: l’eguaglianza tra i sessi è assoluta.

La casa finlandese

La casa finlandese è calda, sia d’estate che d’inverno. Ci si toglie le scarpe appena entrati e si può fare molto rumore visto che l’isolamento sia termico che acustico è buono. In cucina i finlandesi non sono portati e tra i giovani vanno di moda sughi e piatti già pronti o magari surgelati. Al bagno manca il bidet ma la doccia è meravigliosa: l’acqua calda è disponibile immediatamente, grazie ai sistemi centralizzati e al vasto uso del teleriscaldamanto.

Ricordate che di solito non ci sono di solito citofoni, quindi è bene far sapere in anticipo se state per visitare qualcuno, ed essere puntuali per farvi aprire il portone.

Mangiare in Finlandia

La gastronomia finlandese è molto lontana da quella italiana, ma sorprenderà la varietà di prelibatezze che si possono gustare. Certo, si mangia ad orari parecchio anticipati rispetto alle abitudini italiane. Per esempio non è raro che alle 17 una famiglia finlandese abbia già cenato. E non è raro che i giovani si incontrino al bar alle 18 per iniziare la serata senza andare a cena. Fra l’altro cenare fuori costa molto più che in Italia!

Diversamente dall’Italia, gli orari dei pasti soprattutto tra i più giovani non sono così rigorosi, e infatti troverete sempre gente nei ristoranti a qualsiasi ora, specialmente a Helsinki.

Feste e Tradizioni

Le principali feste e tradizioni finlandesi non sono solamente legate alla religione. Oltre al Natale e la Pasqua, le feste nazionali sono legate alla storia finlandese, alle vittorie militari e alla celebrazione degli eroi nazionali.

Tra le feste più sentite, ricordiamo vappu, festa del Primo Maggio, e juhannus, celebrata alla fine di giugno. A vappu tutti indossano il tipico cappello bianco (lakki in finnico), che si riceve al conseguimento del diploma di maturità, e si riversano nei parchi per fare un grande pic-nic. Nel periodo di juhannus, che è anche la festa della luce, è possibile ammirare in Finlandia il fenomeno del sole di mezzanotte, con il sole che non tramonta mai e le giornate che durano 24 ore.

Altra festa molto sentita qui in Finlandia è la festa della mamma, che si festeggia la seconda domenica di maggio. Come per le feste militari e di identità nazionale, durante la festa della mamma lungo le strade delle città viene esposta la bandiera della Finlandia. Le madri ricevono regali e attenzioni particolari dagli altri membri della famiglia.

La Sauna

La sauna è tradizionlamente molto in voga in Finlandia e i Finlandesi ci vanno spesso. La temperatura intorno ai 100 gradi aiuta a scaldarsi dopo una giornata passata al freddo, e a rilassarsi. D’estate i Finlandesi amano fare la sauna nei pressi di un lago o del mare, avendo la possibilità di alternare quindi la sensazione di caldo con un bel bagno rinfrescante. Bagno che spesso viene fatto anche d’inverno in un buco scavato nel ghiaccio: il cosiddetto avanto.

 I Finlandesi nel tempo libero

I Finlandesi amano lo sport e la natura. Sono amanti del trekking e della vita all’aria aperta. Infatti amano passare weekend o addirittura intere settimane nei loro cottage (mökki) in riva al lago, dove vanno in sauna, pescano e fanno passeggiate in mezzo alla foresta.

Altro aspetto è che amano uscire la sera e ballare. E insieme ai giapponesi sono tra i paesi più amanti del karaoke. I Finlandesi cantano, tutta la notte, classici del passato e hit del momento. Olen Suomalainen, cover de l’Italiano di Toto Cutugno, è uno dei pezzi più amati e popolari.

La vita notturna in Finlandia

La vita notturna è molto attiva. Molti sono i concerti dal vivo e le opportunità di svago. Solitamente l’ingresso nei locali è gratuito, o a prezzi accessibili, ma le consumazioni sono più care rispetto all’Italia. La gente comincia ad affollare bar e pub a partire dalle 18. I locali chiudono alle 3:30 di mattina, ma spesso la festa continua a casa di qualcuno o al parco. Insomma, finché c’è qualcosa da bere i Finlandesi non si tirano indietro!

Da notare che se non si sono compiuti i 18 anni in Finlandia non si può entrare praticamente in nessun locale. Dopo le 18 non ci sono bar accessibili ai minorenni e molte discoteche hanno il limite di età anche a partire da 24 anni. Non dimenticate un documento d’identità!

Alcol e droga in Finlandia

Aspetto costante di tutte le feste è l’alcol, di cui i Finlandesi fanno abbondante consumo, seppur gli alcolici non siano così a buon mercato. L’unico mese in cui i Finlandesi bevono meno è Gennaio, chiamato tipaton. In questo mese i Finlandesi sono usi “depurarsi” dopo il periodo natalizio costellato dalle feste prenatalizie (pikkujoulut) e Capodanno, quando il consumo di alcool è ai massimi livelli.

Le droghe invece sono consumate pochissimo. Per un finlandese medio, il consumo di droghe leggere non è molto differente dal consumo di droghe pesanti. Sono tutte droghe e sono tutte viste malissimo dalla società. In Finlandia anche uno spinello può farti perdere il posto di lavoro per sempre. Parlare del consumo di droghe leggere è quasi un tabù, al contrario dell’Italia.

La Finlandia e gli stranieri

I rapporti con i Paesi confinanti, siano Russi, Svedesi o Estoni, è molto diverso e riflette gli eventi storici.

I Russi sono gli “eterni nemici”. Nonostante la guerra sia finita molti anni fa i Finlandesi sono ancora in guardia perché la Russia potrebbe sempre provare ad invaderli e gli sconfinamenti dello spazio aereo sono sempre mal visti dalla Finlandia, che come nazione si aspetta sempre una risposta politica severa.

Gli Svedesi sono gli “eterni vincitori”. Per la Finlandia è più importante vincere contro la Svezia che vincere il primo posto. Un classico esempio sono le partite di hockey su ghiaccio, sport nazionale finlandese, giocate contro la Svezia, particolarmente sentite dai Finlandesi.

Gli Estoni sono visti come dei “fratellastri”, forse per la somiglianza delle due lingue. Paragonati con gli Estoni, i Finlandesi possono sentirsi a volte “superiori” e i loro viaggi a Tallinn si limitano solo ad escursioni per acquistare alcool a buon prezzo e fare shopping a prezzi convenienti rispetto alla Finlandia.

Il rapporto con gli altri stranieri è diversificato: da una parte i Finlandesi sono chiusi e si assiste a volte ad episodi di razzismo, specialmente nei piccoli villaggi. Dall’altra, i Finlandesi sono molto curiosi, parecchi viaggianotanto e parlano inglese in maniera fluente. Molti Finlandesi hanno una vera e propria sete di conoscenza verso l’estero e gli stranieri sono molto popolari.

Il solo essere italiani può darvi quell’esoticità e carattere in più rispetto a tutti i Finlandesi. Quindi il rapporto con noi italiani è generalmente positivo, anche se i Finlandesi odiano Berlusconi, a causa di esternazioni sulla cucina finlandese e anche su Tarja Halonen, quando era Presidente della Repubblica.

La casa finlandese

Come si differenzia un appartamento o una casa finlandese da una italiana?

La casa finlandese è di modello occidentale e quindi simile a quelle italiane. Ma sono tantissime le piccole differenze e le cose da sapere per evitare uno vero e proprio shock culturale. GuidaFinlandia.it ha organizzato per voi il primo tour virtuale in una casa finlandese.

Non suonate il campanello e toglietevi subito le scarpe!


Arrivati in una casa finlandese noterete subito un elemento molto particolare: la mancanza del citofono. Qualsiasi ospite dovrà telefonare per farsi aprire la porta. Nei palazzi le porte principali d’entrata sono equipaggiate di codice a quattro cifre numeriche. Consigliamo di scrivervi i codici dei vostri amici così da non doverlo chiedere ogni volta! Il citofono, nei rari casi in cui esista, viene automaticamente spento dopo le 22:00, e lo stesso vale per i codici delle porte, che vengono disattivati.

Il campanello è situato sulla porta vera e propria e nelle case di campagna questo assume il compito del citofono..

Le porte di casa si aprono verso l’esterno, al contrario di qualsiasi porta d’ingresso italiana che invece si apre verso l’interno. Il motivo è la sicurezza. Una porta che si apre verso l’esterno è antipanico e quindi più adatta in caso di pericolo. L’unico problema è riuscire ad aprire la porta quando fuori c’è un metro di neve.

Entrati in qualsiasi casa finlandese, ci raccomandiamo di non fare il primo e più comune errore degli italiani appena arrivati in Finlandia: ricordatevi di TOGLIERVI LE SCARPE! Le case finlandesi hanno solitamente pavimenti in parquet o linoleum, e mai in mattonelle. In casa si cammina scalzi…anche per evitare di sporcare.

Essere scalzi non sarà un problema. Sorprende infatti il fatto che nelle case finlandesi ci sia sempre caldo, anche in pieno inverno, con il termometro che fuori dalla finestra segna meno 25 gradi. Questo è dovuto sia agli efficienti sistemi di riscaldamento centralizzati (almeno per quanto riguarda gli appartamenti) che alle doppie finestre.

Davanti alla porta appena entrati si è soliti trovare la posta e le pubblicità della giornata. In Finlandia non esistono di solito le cassette della posta. La posta viene consegnata porta per porta, almeno in città.

Una tradizione finlandese è che alla prima visita da ospiti in una casa o appartamento, vi verrà fatto fare un “tour della casa”. Ed è quello che vi faremo fare anche noi.

Tour virtuale della casa finlandese

Gli ascensori ci sono quasi ovunque nelle case Finlandesi, anche considerando la presenza di Kone tra le aziende più importanti. Attenzione però, alcuni ascensori non hanno la porta di chiusura e vedrete il muro salire e scendere davanti ai vostri occhi!

La cucina finlandese

Solo piastre e acqua potabile: benvenuti in una cucina finlandese

Come si accende il gas?


La cucina finlandese cambia a seconda che si viva in un appartamento o in una casa.

Quando affittate o comprate un appartamento troverete la cucina molto spesso già arredata.

Frigorifero, fornelli, forno: c’è già tutto. Le cucine degli appartamenti sono quasi sempre di colore bianco. Al contrario, le case hanno in genere cucine di colori sgargianti, come rosso o blu.

La cucina finlandese di una casa o di un appartamento rispetterà comunque alcune “regole”, sempre valide. Nelle cucine in Finlandia i fornelli a gas sono una rarità. Vengono utilizzati fornelli con piastre elettriche o a termoinduzione (nei modelli più recenti).

Spesso in cucina non è presente il tavolo per mangiare, che è in soggiorno. Se presente, noterete che la tovaglia non serve per proteggere il tavolo dai residui di cibo, e viene usata invece a fini di decorazione. Colorata e in tinta con le tende, la tovaglia non è mai grande quanto il tavolo come in Italia, ma corta e sottile.

Se vi troverete a lavare dei piatti, spesso non si usa la tipica spugna giallo-verde. In Finlandia i piatti si lavano con una spazzola. Una delle caratteristiche più curiose che troverete in ogni cucina finlandese è il fatto che i piatti generalmente si tengono nel colapiatti sopra al lavandino anche asciutti! Quindi se state cercando un piatto, una tazza o una posata, non cercate in cassetti o scompartimenti vari, ma semplicemente sopra il lavandino.

Il primo cassetto vicino ai fornelli in Italia è solitamente adibito alle posate. In Finlandia il primo cassetto nasconde un’asse di legno per tagliare il pane!