Aprile in Finlandia

I primi fiori della primavera in aprile

Ad Aprile (huhtikuu in Finlandese) arriva la primavera.
Come in Italia il primo d’aprile potreste incappare in qualche scherzetto (Aprilli in finlandese), magari organizzato da un’emittente televisiva o dall’Helsingin Sanomat, il maggiore quotidiano finlandese.

Il 9 Aprile è il giorno dedicato a Mikael Agricola, il fondatore della lingua finlandese scritta, e a Elias Lönntot, l’autore del Kalevala. In questo giorno viene celebrata la lingua finlandese.
Il 27 Aprile è la Giornata Nazionale dei Veterani di Guerra.
Il 30 Aprile iniziano i festeggiamenti per Vappu, la festa dei lavoratori e degli studenti. I centri delle città si riempiono di studenti e si procede al lavaggio della statua più importante della città. Alla statua viene messo il cappello da studente, il lakki e dalle 18.00 in poi iniziano le celebrazioni in giro per i locali
La Pasqua capita a Marzo o Aprile.

Aprile a Helsinki

Vappu a Helsinki viene celebrato presso Kauppatori, il 30 Aprile. Se siete ad Helsinki non potete mancare: tutta la città si raduna intorno alla statua di Havis Amanda per l’annuale cambio del cappello e lavaggio della fontana. Da non perdere.
Per gli amanti del Jazz ogni anno ad Aprile viene organizzato l’April Jazz Festival, nella vicina città di Espoo.
[include file=/include/calendario.htm]
[include file=/include/firma.htm]

Marzo in Finlandia

Il centro di Helsinki all'inizio di marzo

Marzo (Maaliskuu in finlandese) è il mese in cui la neve inizia a sciogliersi e si comincia a rivedere la terra (Maa in finlandese).
Molto spesso è anche il mese della Pasqua.

L’8 marzo si festeggia anche in Finlandia la Festa della Donna, ma l’aria è ancora troppo rigida per vedere mimose. I finlandesi sono comunque usi regalare fiori o cioccolatini alle proprie donne.

Il 19 Marzo di celebra Minna Canth, scrittrice e attivista finlandese. Lo stesso giorno viene festeggiata e celebrata l’uguaglianza tra i sessi.
Il 21 Marzo è l’equinozio di primavera, il giorno e la notte hanno la stessa lunghezza.

Marzo a Helsinki

Marzo a Helsinki è il mese in cui le giornate iniziano sensibilmente ad allungarsi, c’è il passaggio dall’ora solare all’ora legale che se per tutto il mondo si traduce in un’ora in meno di sonno per la Finlandia vuol dire anche che per la prima volta la gente inizia a vedere un po’ di luce quando esce dall’ufficio. Un cambiamento importante che si traduce nell’umore dei Finlandesi. Si avvicina la primavera.

[include file=/include/calendario.htm]
[include file=/include/firma.htm]

Dicembre in Finlandia

Le strade di Helsinki pronte per il Natale

Dicembre si dice joulukuu in finlandese, che vuol dire proprio il mese del Natale. Infatti tutta la Finlandia si concentra su uno dei suoi simboli più forti: il Natale e Babbo Natale. Le città si trasformano già da Novembre per accogliere i turisti. Ma non è solo una questione di soldi: i Finlandesi ci tengono molto al Natale e alle sue tradizioni.

Le giornate sono corte, nel nord della Finlandia il sole non sorge mai, a Helsinki il sole sorge la mattina alle 9 e tramonta verso le 15. Per chi lavora in ufficio, l’arrivo dell’inverno significa vedere la luce del sole per diversi mesi solo nel fine settimana.

Il 6 Dicembre si festeggia una delle feste più importanti per la Finlandia: il giorno dell’indipendenza.

Per tutto il mese di Dicembre Babbo Natale è in tour per le varie città finlandesi, salutando i bambini e preparandoli all’arrivo del Natale.

Il Natale in Finlandia viene festeggiato in famiglia. Da non perdere la tradizione di lasciare candele ad illuminare i cimiteri.

Capodanno in Finlandia?

Dicembre a Helsinki

Il giorno dell’indipendenza viene celebrato con una parata degli studenti per la città, salutati dal Presidente della Repubblica che saluta dal Palazzo Presidenziale. Il corteo finisce a Senaatintori (Piazza del Senato, dove c’è il Duomo) con il coro che intona l’inno nazionale in finlandese e svedese.

A Natale Helsinki si svuota: tutti stanno in casa o tornano nei propri villaggi natii in tutta la Finlandia. Il trasporto pubblico viene addirittura sospeso dal pomeriggio del 24 fino alla mattina di Natale. Se siete a Helsinki nel giorno della Vigila fate un giro per il cimitero principale della città a Hietaniemi.

Capodanno a Helsinki?
Molti Finlandesi festeggiano il capodanno in casa per poi uscire per strada e sparare fuochi d’artificio. La città di Helsinki organizza sempre un concerto nella Piazza del Senato. Vestitevi pesanti.

[include file=/include/calendario.htm]
[include file=/include/firma.htm]

Febbraio in Finlandia

Il martedì grasso in Finlandia, tutti sullo slittino!

Febbraio (helmikuu) è un altro bellissimo mese per gli amanti dell’inverno finlandese. Temperature sotto lo zero (anche -20, -30 gradi) e neve su tutta la Finlandia. Il mar Baltico è ghiacciato e così anche tutti i laghi della Finlandia. Un mese ideale per gli amanti dello sci e del pattinaggio sul ghiaccio.

Tutte le scuole finlandesi chiudono per una settimana per permettere agli studenti e alle famiglie finlandesi di fare la settimana bianca. Le scuole non chiudono tutte insieme ma in scaglioni separati, da nord a sud, per non affollare le località turistiche, concentrate in Lapponia.

Se siete in Finlandia a febbraio vi consigliamo di fare una sauna: ne avrete sicuramente bisogno per riscaldarvi dopo una passeggiata a -20 gradi.

Parecchie ricorrenze ci sono a febbraio.
Il 5 Febbraio si festeggia l’anniversario della nascita del poeta Johan Ludvig Runeberg, con i tipici dolcetti (Runebergin torttu) venduti per l’occasione.
Il 14 Febbraio si festeggia San Valentino che però in Finlandia non è la festa degli innamorati bensì la festa dell’amicizia (ystävänpäivä). Oggigiorno ognuno lo celebra come vuole.
Il 28 Febbraio si festeggia il giorno del Kalevala con le bandiere finlandesi esposte per le strade. Con l’occasione si celebra anche il Giorno della Cultura Finlandese.

Febbraio a Helsinki

Laskiainen  è l’equivalente del nostro martedì grasso e molto probabilmente capiterà a febbraio (sette settimane prima di Pasqua). I Finlandesi si radunano in tutti i parchi cittadini scivolando con slittini e bob da ogni collina disponibile. A Helsinki gli studenti affollano principalmente Kaivopuisto e Koffinpuisto, su Bulevardi.

Oltre ai dolcetti di Runenberg avrete la possibilità di assaporare anche le laskiaispullat, simili ai nostri maritozzi con la panna.

[include file=/include/calendario.htm]
[include file=/include/firma.htm]

Gennaio in Finlandia

Tipico paesaggio finlandese in Gennaio

Gennaio (tammikuu) è un mese pienamente invernale, temperature molto rigide e quasi sempre neve, da Helsinki fino alla Lapponia.
Il mese inizia con Uudenvuodenpäivä: la festa di Capodanno, che viene vissuta come l’ultima sbornia prima della pausa di un mese .

Dopo le pesanti feste natalizie  i Finlandesi hanno bisogno di depurarsi un po’ il corpo. Infatti gennaio viene anche chiamato tipaton (letteralmente senza goccia): il periodo di astensione dall’alcool. Ovviamente questi non vale per tutti.

Il 6 si festeggia l’Epifania, Loppiainen, ma di solito non si fanno i regali come alla Befana da noi.
Consultate la nostra guida su come vestirsi d’inverno.

Gennaio a Helsinki

A gennaio a Helsinki si respira ancora l’atmosfera natalizia. Se siete fortunati potreste trovare la neve, sicuramente temperature rigide soprattutto verso la fine del mese. Il mar Baltico potrebbe già essere ghiacciato e sicuramente merita fare una passeggiata sopra il mare. Per i più temerari perché non provare il nuoto invernale?

[include file=/include/calendario.htm]
[include file=/include/firma.htm]

Novembre in Finlandia

Novembre,marraskuu in finlandese, è il mese dei morti, come conferma anche il significato del nome in finnico. A Novembre piove e nevica moltissimo. Spesso la temperatura non è troppo rigida, attorno allo zero, e quindi la neve non attacca lasciando solo le strade molto bagnate (questo tipo di neve si chiama räntä in finlandese). In Lapponia al contrario le temperature sono ben al di sotto dello zero e la neve ricopre il paesaggio.

Il primo sabato di novembre è la Festa di Ognissanti (Pyhäinpäivä). In questo giorno i Finlandesi si mascherano e festeggiano Halloween.

Il 6 Novembre si festeggia la cultura e l’identità finno-svedese, una ricorrenza molto sentita da quel 5% della popolazione che parla lo svedese come prima lingua.

La seconda domenica di Novembre è la Festa del Papà, contrariamente all’Italia dove la Festa del Papà è il 19 marzo, nel giorno di S. Giuseppe.

A Novembre iniziano i primi pikkujoulut, le feste aziendali per festeggiare il Natale, un’occasione per ubriacarsi e divertirsi goliardicamente con i colleghi, dimenticando tutto il giorno successivo.

Novembre a Helsinki

Novembre non è il miglior mese per venire in Finlandia. La gente inizia ad essere triste per la mancanza di luce, il tempo è brutto, spesso piove, quando c’è la neve è sempre sciolta per le strade rendendo difficoltoso muoversi a piedi senza bagnarsi. Va aggiunto però che le ultime annate sono state in un certo senso “singolari”, con pesanti nevicate e la quasi totale assenza di precipitazioni. Difficile valutare se sia un trend in via di consolidamento, ma tenetelo presente!

La prima domenica di Avvento Babbo Natale in persona viene a salutare Helsinki a Senaatintori dando vita anche ad un’allegra processione per Alexanderinkatu.

A Helsinki, per i festeggiamenti dei pikkujoulut, viene rafforzato il servizio di trasporti urbano, con corse fino a tarda notte anche di mercoledì e giovedì.

Ottobre in Finlandia

Paesaggio finlandese ad ottobre in Lapponia

Ad Ottobre (lokakuu in finlandese) inizia a farsi largo l’inverno. Il buio prende piede dopo le lunghe giornate di luce, arrivano le prime pioggie e di solito le prime nevicate, quasi sempre in Lapponia. Al Sud ancora è possibile raccogliere funghi, mentre in Lapponia le temperature rigide lo rendano difficile: una specie che resiste anche a temperature sotto zero è il cantarello tubiforme, in finlandese suppilovahvero.

Il 10 Ottobre è l’anniversario della nascita dello scritto Aleksis Kivi (i 7 fratelli), e nello stesso giorno si celebra anche la letteratura finlandese.

Il 24 ottobre è il giorno dedicato alle Nazioni Unite.

In Finlandia Halloween non si festeggia il 31 ottobre ma il primo sabato di novembre.

Ottobre a Helsinki

Ad ottobre a Helsinki c’è la sagra dell’aringa del Baltico (silakkamarkkinat): attorno alla Piazza del Mercato decine di pescatori vendono i loro prodotti e in particolare le aringhe del Baltico, appunto, marinate in tantissimi modi.

A Helsinki il tempo è di solito abbastanza piovoso, seppur la possibilità di nevicate è piuttosto rara. Il clima è umido (viste le intense precipitazioni) e la temperatura si irrigidisce. Consigliamo di vestirsi bene.

[include file=/include/calendario.htm]
[include file=/include/firma.htm]

Rispetto delle regole

Il rispetto delle regole raggiunge in Finlandia il suo apice: nel bene e nel male

Buon costume, cultura e poca flessibilità fanno della nazione di Babbo Natale uno dei luoghi al mondo con il più alto rispetto delle regole. Regole scritte o non scritte, i Finlandesi si comportano quasi sempre come “bisognerebbe”. Ma è una cosa positiva?
Ai semafori, per strada, a scuola, al cinema, ogni occasione è buona per rispettare le regole e… non trasgredirle!
Vietato giocare a calcio

Borsellino diceva che l’uomo rispetta le regole non perché esse siano scritte da qualche parte, ma perché sente dentro di sé di doverle rispettare. I Finlandesi sembrano applicare questa frase alla lettera. I Finlandesi sono un popolo rispettoso delle regole, delle cose altrui e della quiete pubblica.

Silenziosi e tranquilli, i Finlandesi rispettano norme di buon comportamento in ogni situazione possibile.

Se pensate di conoscerne altre, non esitate a segnalarle nei commenti.

Lo spazio vitale

Per calcolare lo “spazio vitale” dei finlandesi allungate un braccio. Quella distanza è la distanza da cui dovreste parlare in Finlandia tra sconosciuti. Se invadete lo spazio vitale, ad esempio toccando uno sconosciuto con una mano, non rispettate le regole di buon comportamento finlandesi ponendo il vostro interlocutore a disagio.

La coda

Si parla spesso di culture simili tra Finlandesi e Giapponesi. E come in Giappone anche in Finlandia le code si formano automaticamente e in fila indiana. Che si parli di coda alla cassa, ai musei, in farmacia, ai supermercati, ai concerti – e persino di fronte a un buffet- i Finlandesi formano file chilometriche e a coda di serpente senza bisogno di transenne, d’indicazioni, di qualcuno che gli dica dove inizi o finisca la coda. Seppur le code possano essere lunghe, l’ordine e la disciplina dei finlandesi fanno in modo che queste siano veloci.

Tutti in fila indiana, nel rispetto dello spazio vitale, la coda in Finlandia vale la pena di essere vista e sperimentata, anche se poi sarà difficile tornare alle code in Italia per un biglietto del cinema, senza inizio né fine, con la persona dopo di voi pronta a rubarvi il posto alla minima distrazione.

La puntualità

I Finlandesi sono puntuali. Se vi danno appuntamento alle 15:00, dovrete essere sul posto alle 15:00. Non arrivate troppo presto, ma non arrivate alle 15:10 (men che meno alle 15:30) senza aver telefonato prima, sareste considerati molto scortesi.

Per gli inviti a cena, 5 minuti sopra l’orario definito sono ben accettati. Non arrivate in anticipo.

Puntualissimi sono anche i mezzi di trasporto. Un tram previsto per le 16:46 partirà alle 16:46. Facile, no?

L’onestà

L’onestà dei Finlandesi è proverbiale. Se siete in Finlandia e non trovate il portafogli, una sciarpa, una borsetta, ci sono ottime probabilità che li abbiate persi e non che ve li abbiano rubati. Tornate all’ultimo posto dove ricordate di averli scordati e nella maggior parte dei casi gli occhiali da sole saranno ancora sul tavolino al bar. Se non ci sono è perché sono stati consegnati al barista, che ve li restituirà immediatamente.

È logico che ci sono eccezioni, a volte possono essere stati rubati, ma si parla di casi più unici che rari. Anche in discoteca o sui mezzi di trasporto i cellulari e le giacche trovate vengono prontamente restituite agli autisti, ai buttafuori o ai baristi.

Il rispetto delle regole in Finlandia: per strada

Gli incidenti nelle strade finlandesi sono pochissimi e quasi mai mortali. I Finlandesi rispettano le regole stradali e ciò rende più semplice guidare e anche sbagliare. Alla guida di un mezzo di trasporto si ha tutto il tempo necessario per rimettersi in carreggiata o svoltare all’ultimo secondo senza incorrere in sinistri.

Passare col rosso

Ai semafori si rispetta il rosso. Pedoni, biciclette, automobili, tutti rispettano i semafori e non ci sono eccezioni. Anche alle 2 di notte, con nessuno nel raggio di due chilometri, il pedone finlandese ci penserà molto bene prima di attraversare la strada col rosso. E anche in quel caso, spesso opterà per non passare.

Il rispetto dei limiti di velocità

I Finlandesi rispettano i limiti di velocità in macchina, che sono spesso molto bassi. A dire la verità i Finlandesi viaggiano sempre esattamente +/- 5 km/h intorno al limite di velocità. Se il limite è 80, la macchina che guida più piano di tutte viaggia a 75 km/h, quella più forte a 85.

In macchina in Finlandia noterete che all’arrivo nei centri abitati, le automobili frenano vistosamente per rispettare i 30 o 40 km/h, cosa purtroppo poco rispettata in Italia, dove il limite nei centri abitati è 50 km/h.

Alcol in macchina

Se si è l’autista designato della serata, non si beve, neppure una birra! Punto, non ci sono eccezioni. Guidatori ubriachi non ci sono. Le cause degli incidenti non sono praticamente mai legate all’alcol, anche perché viene considerata un’infrazione gravissima.

La pista ciclabile

Rispettare le regole per strada significa anche sapere dove andare con la bicicletta. Guardate sempre se ci sono piste ciclabili. Se non ci sono, la bici va guidata nella carreggiata dedicata alle macchine, e non sui marciapiedi, dedicati ai soli pedoni.

La pulizia per strada

Un argomento un po’ più complicato. Cartacce, mozziconi di sigaretta, escrementi di cani. In linea di massima le strade sono pulite, molto più pulite che nella maggior parte d’Italia. Come anche in Italia però, i più giovani sono quelli meno ligi al rispetto della pulizia delle strada.

Nelle grandi città finlandesi come Helsinki, Tampere o Turku, il centro cittadino diventa un vero e proprio campo di battaglia durante le notti dei weekend, dove bottiglie di birra, cartacce di Mc Donalds e quant’altro vengono lasciati per strada. Sembra quasi che, una volta ubriachi, i Finlandesi si dimentichino le buone maniere. Nelle prime ore del mattino le strade vengono comunque sempre ripulite.

Il rispetto delle regole in Finlandia: l’alcol

Da molte parti in Finlandia non si possono bere alcolici fuori dai locali. Se si compra una birra, questa va consumata all’interno del locale. Se si esce per fumare, il drink rimane all’ingresso, per terra o appoggiato su una mensola. Nessuno ve lo prenderà comunque, non preoccupatevi. Resterà lì ad aspettare il proprietario… sempre che se ne ricordi.

Molte terrazze non vogliono correre il rischio di vendere alcolici ai minori e così vietano l’accesso alle terrazze ai minori di 18 anni. Sempre parlando di terrazze, musica e alcol devono smettere di essere erogati al pubblico all’ 1:30 di notte. La poca flessibilità finlandese si vede in questi casi. Se alle 1:30 non siete dentro al locale, il buttafuori non sarà così gentile nell’invitarvi a rientrare.

Eccezione: le sale fumatori. Solitamente zone no-limits per alcol, molti si portano i bicchieri anche nelle sale fumatori.

Il rispetto delle regole in Finlandia: al lavoro

Tutte queste regole vengono anche rispettate al lavoro. Un meeting alle 9:00 comincia alle 9:00.

Non si bevono alcolici a pranzo, senza eccezione.

Al contrario, i Finlandesi sono molto meno rigidi per quanto riguarda abbigliamento e “presenza scenica” sul posto di lavoro. Ciabatte e sandali sono comuni, molti uffici non richiedono giacca e cravatta. Anche il taglio di capelli, tatuaggi ed eventuali piercing sono generalmente elementi su cui i datori di lavoro non si permettono di commentare, e di solito non sono prevenuti. Nell’ambiente di lavoro la stima si guadagna con i risultati lavorativi e non con la forma.

Il rispetto delle regole in Finlandia: a scuola

In Finlandia non si copia e non si suggerisce. Ma diversamente a quanto avviene ad ogni esame in ogni classe italiana, qui proprio non si copia. I bigliettini e le tecniche di copiatura “estreme” e sempre più ingegnose degli studenti italiani sono sconosciute, così come i professori che vagano tra i banchi pronti a scoprire i copiatori. Gli insegnanti di solito se ne stanno seduti in cattedra leggendo un giornale o lavorando, fiduciosi del fatto che ognuno pensi solo ed esclusivamente al proprio lavoro.

Per i più piccoli, una delle scene che colpisce di più in Finlandia, sono i bambini dell’asilo durante gli spostamenti da un posto all’altro. I bambini si tengono tutti per mano, hanno tutti il giubbetto catarifrangente, sono in fila per due e le maestre sono di solito davanti e dietro (a volte in mezzo).

[include file=/include/lsc.htm]

Nelle grandi città, chi abita nei palazzi non ha la possibilità di avere a disposizione un orto per la frutta e la verdura. Come ormai succede anche a Roma o in tantissime città della Germania, anche in Finlandia (ad esempio ad Helsinki e Tampere) ci sono terreni a disposizione dei cittadini.

Veri e propri orti fuori città dove coltivare verdure e frutta o semplicemente prendersi una pausa dalla frenesia cittadina (molti hanno anche un grill e alcune sedie per il momento relax).

La differenza con il resto del mondo è che in Finlandia questi orti non hanno porte con lucchetti vari, sono praticamente aperti. Il rispetto delle cose altrui qui è totale.

[include file=/include/firma.htm]

Agosto in Finlandia – Agosto a Helsinki

Agosto in Finlandia

Agosto (elokuu in finlandese) è un mese di transizione.

Il 15 di Agosto riaprono le scuole finlandesi, in anticipo rispetto all’Italia dove Agosto è l’estate per antonomasia. Il tempo in Finlandia inizia a peggiorare e la sera bisogna portare un maglioncino e a volte anche la giacca. Torna la pioggia e la temperatura si abbassa velocemente.

Ferragosto non viene festeggiato in Finlandia.

Ad Agosto in moltissime città si festeggia una specie di Notte Bianca, la notte delle arti (The Nights of Arts)

Agosto a Helsinki

Helsinki è invasa dagli Italiani che vengono a refrigerarsi un po’ viste le miti temperature finlandesi. Da Stockmann, il centro commerciale più grande di Helsinki, si parla praticamente solo italiano ad Agosto.

Nonostante l’estate volga al termine sono moltissime le manifestazioni organizzate a Helsinki. Ne segnaliamo alcune.

La fine dell’estate viene celebrata verso la metà di Agosto con il Flow Festival, uno dei festival più attesi a Helsinki.

L’Helsinki Festival inizia a metà agosto e dura fino all’inizio di Settembre. La Notte delle Arti fa parte dell’Helsinki Festival. Una serie di eventi che comprendono letteratura, scultura, pittura, teatro, cinema e musica. Per maggiori informazioni:
http://www.helsinginjuhlaviikot.fi/

A Vantaa, a 20 minuti da Helsinki, c’è l’Ankka Rock, un festival rock che vede sempre la partecipazione massiva di moltissimi amanti del genere.

[include file=/include/calendario.htm]
[include file=/include/firma.htm]

Settembre in Finlandia

Settembre in Finlandia

Settembre, chiamato syyskuu, che vuole appunto dire mese dell’autunno, è un mese piovoso. Gli alberi perdono le foglie e si può ammirare quell’eccezionale spettacolo di colori nelle immense foreste finlandesi chiamato ruska.

Il clima non è ancora rigido e tutta la pioggia che cade fa crescere tantissimi funghi. La Finlandia è famosissima per la quantità di funghi che cresce nei suoi boschi, soprattutto porcini e cantarelli, e raccogliere funghi è una delle attività preferite a Settembre in Finlandia. Troverete ottimi funghi a poco prezzo nei supermercati e nei banchetti dei mercati, venduti al litro e non al chilo.
I mercati sono letteralmente invasi dal genere preferito di funghi qui in Finlandia: i cantarelli.

Il 23 Settembre è l’equinozio d’autunno: il giorno e la notte hanno la stessa durata.

Settembre a Helsinki

Se siete ad Helsinki a Settembre potrebbe piovere spesso: le giornate di sole saranno ormai un ricordo lontano dell’estate. Perché non approfittarne per un giro al parco nazionale di Nuuksio, a meno di un’ora da Helsinki? Potrete ammirare la vera natura finlandese e tornare a casa con un cestino pieno di funghi.

A settembre a Helsinki viene organizzato il celebre Rakkautta & Anarkia (amore e anarchia), un festival cinematografico estremamente popolare.

[include file=/include/calendario.htm]
[include file=/include/firma.htm]

Luglio in Finlandia

Ragazze finlandesi all'Ilosaari Rock Festival di Joensuu

Luglio in Finlandia

Luglio (heinäkuu in finlandese) è un mese caldo. Siamo nel pieno dell’estate finlandese. I finnici se la spassano stando al sole, nei prati, su una coperta con qualcosa da bere. In città è così che si passa la maggior parte del tempo.

Generalmente a luglio il Finlandese va in vacanza. Le aziende sono deserte perché è in questo periodo che la gente va in ferie (diversamente dall’Italia dove il periodo è Agosto). Molti passeranno le loro vacanze (o almeno un weekend) nel mökki, il cottage in riva al lago, un vero must tutto finlandese.

Il 6 luglio si celebra l’anniversario della nascita del poeta Eino Leino, occasione per celebrare la poesia e l’estate (poetry and summer).

Luglio è il mese dei Festival in Finlandia:
A Pori (costa Ovest) c’è il Pori Jazz Festival, il festival jazz più famoso della Finlandia.

A Joensuu c’è il festival rock chiamato Ilosaarirock. A turku viene organizzato il Ruis Rock.

A Savonlinna continua per tutto il mese di Luglio il festival dell’opera (che inizia a giugno).

Luglio a Helsinki

Hietsu (la spiaggia di Hietaniemi, la più famosa di Helsinki) è il posto dove troverete metà degli abitanti della città durante le giornate di sole. La spiaggia si affolla di gente che cerca di godersi le poche splendide giornate di sole.

Luglio è il mese dei festival in Finlandia e in special modo a Helsinki. Ogni settimana un parco di Helsiki (kaivopiusto, alppilapuisto, koffinpuisto…) ospita un festival, dalla musica rock alla musica elettronica fino alla musica jazz. Ai finlandesi piace l’estate, il sole, la musica e l’alcol e troverete tutte queste componenti sapientemente mixate.

Se siete amanti della musica metal il festival Tuska fa per voi. In quel fine settimana il colore predominante della città è il nero, con migliaia di amanti della musica metal in giro per la città.

[include file=/include/calendario.htm]

[include file=/include/firma.htm]

Maggio in Finlandia

Maggio (toukokuu, mese del lavoro).

Kaivoupisto, il primo di Maggio

Maggio in Finlandia

Il primo Maggio è la giornata ufficiale dei lavoratori, Vappu in Finlandese. Il popolo finlandese si riversa nel parco più grande della città per un mastodontico picnic di massa.
Molti passano la notte nel parco per accaparrarsi i posti migliori.
Fate la spesa in anticipo e portatevi una coperta. Non dimenticate di comprare Sima e tippaleipä, bevanda e dolci classici del Primo Maggio in Finlandia.

La seconda domenica di maggio è la festa della Mamma, molto sentita in Finlandia (vedrete sventolare le bandiere finlandesi per le strade.

Il 9 maggio si festeggia la Giornata dell’Europa e anche per quest’occasione vengono affisse le bandiere della Finlandia.

Il 12 maggio invece è l’anniversario di Johan Vilhelm Snellman, statista Finlandese e ideatore del marco finlandese, la moneta in corso prima della venuta dell’euro.

La terza domenica di maggio è il giorno della memoria per i caduti durante la Guerra Civile e la Seconda Guerra Mondiale.

A maggio inizia il campionato di calcio finlandese ed è anche il periodo delle finali dei campionati mondiali di hockey sul ghiaccio: solitamente la Finlandia arriva seconda o terza.

A fine maggio finiscono le scuole.

Maggio a Helsinki

Il picnic di Vappu è organizzato tutti gli anni nel parco di Kaivopuisto, nel sud della città.
Cercate di andare presto per prendere un bel posto oppure andate là in tarda mattinata se volete osservare lo spettacolo offerto dal popolo finlandese. Ci sono le bande che suonano, musica di tutti i tipi suonata dai vari stand, intere famiglie a godersi, si spera, la bellissima giornata di sole, e gli studenti che festeggiano spesso (e volentieri) ubriachi. Per i più temerari è anche possibile fare una sauna in una speciale sauna mobile ricavata da un furgone.

Alla fine di Maggio a Helsinki c’è il World Village Festival, un festival che promuove la globalizzazione con cibi, artigianato, prodotti di ogni tipo provenienti da tutto il mondo.

[include file=/include/calendario.htm]
[include file=/include/firma.htm]

Giugno in Finlandia

Tempo bellissimo e visite al lago

Giugno in Finlandia

Giugno si dice kesäkuu in finlandese, che vuol dire mese dell’estate.
A Giugno le giornate sono lunghissime, in quasi tutta la Finlandia il sole non tramonta mai ed è possibile ammirare lo spettacolo del sole di mezzanotte. Siamo nel periodo del solstizio d’estate, celebrato in tutta la Finlandia durante la festa di San Giovanni Juhannus.

Dal mese di Giugno in ogni angolo delle principali città e in tutti i mercati troverete banchetti con fresche fragole, ciliegie, fave e altri frutti di bosco. I prezzi esposti sono al litro e non al chilo.

Il primo sabato di giugno si festeggiano le feste di diploma: la festa di diploma è la seconda festa più importante dopo il matrimonio per un finlandese e vi capiterà sicuramente di vedere molta gente elegante per strada che porta dei fiori.

Il 4 Giugno in tutta la Finlandia si festeggia Carl Gustaf Emil Mannerheim, maresciallo finlandese e presidente della Repubblica. Mannerheim ha combattuto per l’indipendenza della Finlandia durante la Guerra Civile. Oltre a Mannerheim si festeggia anche l’Esercito Finlandese e tutta la Difesa.

Il 21 Giugno è il solstizio d’estate, il giorno ha la sua durata massima rispetto alla notte.

Il venerdì tra il 20 e il 26 Giugno iniziano i festeggiamenti per la mezza estate, Juhannus, forse una delle feste più sentite dai Finlandesi. Il venerdì (Juhannusaatto) la bandiera finlandese viene issata per l’occasione alle 6 del pomeriggio e mantenuta per tutta la notte fino alle 9 di sera del giorno dopo (Juhannuspäivä).

A Juhannus i Finlandesi lasciano la città e vanno nei loro cottage per passare un fine settimana in tranquillità tra saune e bagni al lago.

A Seinäjoki c’è il Provinssi Rock , un festival di musica rock.

A Savonlinna inizia invece il festival dell’opera di Savonlinna (che dura fino alla fine di luglio).

Giugno a Helsinki

Giugno è un mese bellissimo, la città di Helsinki è un’esplosione di colori, il clima mite e il sole tramonta per pochissime ore, con la notte che non scende mai completamente sulla città.

Verso la seconda settimana di Giugno viene organizzata nella città di Helsinki il carnevale in stile samba: ballerine e ballerini di samba sfoggiano i loro costumi di piume per le strade della città. (qui le foto del carnevale samba 2011)

Il 12 giugno è l’anniversario della città di Helsinki. Date un occhiata agli eventi e agli sconti speciali. La grande piscina all’aperto Olympiastadion, ad esempio, è gratis durante tutta la giornata del 12 giugno.

Se capitate a Helsinki il fine settimana tra il 20 e il 26 Giugno vi troverete di fronte una città deserta. Sono tutti partiti per le vacanze di mezza estate, Juhannus, per passare un fine settimana nei cottage in riva al lago.
[include file=/include/calendario.htm]
[include file=/include/firma.htm]

Calendario Eventi Finlandia

Per non perdere la bussola, un calendario sulla Finlandia sul clima, gli eventi e i mutamenti di umore dei Finlandesi. Per ogni mese abbiamo raccolto i principali eventi in giro per la Finlandia, una panoramica sulle previsioni del tempo e un paragrafo speciale su cosa succede a Helsinki
Una guida da consultare su cosa accade in Finlandia, mese per mese.
Il sole di mezzanotte in Lapponia. Luglio.

Per facilitare la vita a voi che avete deciso di venire in viaggio in Finlandia da turisti o per voi che abitate in Finlandia e volete sapere cosa succede da queste parti, ecco una pratica guida sulla vita finlandese mese per mese

 

Gennaio in Finlandia – tammikuu
Febbraio in Finlandia – helmikuu
Marzo in Finlandia –maaliskuu
Aprile in Finlandia – huhtikuu
Maggio in Finlandia toukokuu
Giugno in Finlandiakesäkuu
Luglio in Finlandiaheinäkuu
Agosto in Finlandia elokuu
Settembre in Finlandia syskuu
Ottobre in Finlandia – lokakuu
Novembre in Finlandia – marraskuu
Dicembre in Finlandia – joulokuu

[include file=/include/firma.htm]

Il divorzio in Finlandia

Finlandia: il tasso di divorzio tra i più alti del mondo

La Finlandia è un paese strano: le coppie tendono a sposarsi molto giovani, certamente più giovani che in Italia. Spesso, già verso i 28 anni, le coppie iniziano a figliare indipendentemente dal loro status sociale (non è raro vedere studentesse madri, o studenti padri). Il rovescio della medaglia è un tasso di divorzi altissimo, ben il 54%!
Prima di sposarvi con una o con un finlandese, date un’occhiata alle statistiche!
Il divorzio in Finlandia

Perché quindi i finlandesi si sposano presto e poi una coppia su due divorzia nel giro di qualche anno? Al di là delle ovvie motivazioni sentimentali (aver trovato un altro lui o un’altra lei), i motivi sono molteplici, e proveremo ad elencarli di seguito.

In primo luogo la Finlandia è un paese culturalmente avanzato, dove le donne finlandesi hanno diritti e salari equivalenti a quelli degli uomini: in altri paesi molte coppie non possono permettersi un divorzio. Per una donna finlandese, semplicemente, è possibile mantenersi in maniera autonoma. Di conseguenza, i matrimoni durano solo se sono effettivamente solidi.

In secondo luogo sia il processo di sposarsi che quello di divorziare sono burocraticamente di facile attuazione. Si tratta semplicemente di riempire poche carte e aspettare pochissimi mesi. Se la donna ha un lavoro, il marito non è nemmeno tenuto a pagarle gli alimenti come è consuetudine fare in Italia. Gli unici obblighi riguardano i soldi necessari al sostentamento degli eventuali figli in comune.

Un altro motivo potrebbe essere legato agli ambiti lavorativi: certe persone passano 10 o più ore al giorno in ufficio, magari in team molto affiatati. Non è raro che qualcuno veda i colleghi più della sua famiglia. Un simile ambiente, va da sé, può essere terreno fertile per nuove love story, e anche in questa classifica la Finlandia si piazza in prossimità della vetta.

Infine vanno considerate le motivazioni religiose. La Finlandia non ha un grandissimo tasso di credenti o praticanti: l’alto tasso di divorzi è quindi dovuto anche a questo processo di secolarizzazione che non riconosce il matrimonio come un vincolo eterno e indissolubile anche quando nella coppia ci sono problemi piuttosto evidenti.

Da non sottovalutare inoltre il fatto che tantissime sono le persone con più di un divorzio alle spalle. Questo fa lievitare le statistiche con il numero di divorzi procapite quando realmente è una più piccola fetta della popolazione che semplicemente ha due o tre divorzi alle spalle.

[include file=/include/lsc.htm]

La Finlandia è il secondo (terzo secondo alcune classifiche che vedono la Bielorussia sfidarne il predominio) paese al mondo per tasso di divorzi, superato solo dalla Svezia (54.9%). Insomma, pensateci bene!

[include file=/include/firma.htm]

I denti bianchi dei Finlandesi

I Finlandesi e i loro famosi denti bianchi

Una caratteristica popolare dei Finlandesi è il fatto che abbiano denti bianchissimi, come nella celebre pubblicità delle Vivident Xylit… e ciò avviene in un Paese dove le caramelle si vendono dappertutto, persino in ferramenta!
Denti bianchi come la neve della Lapponia!

Un'immagine della pubblicità delle Vivident Xylit
Uno stereotipo popolare dei Finlandesi è quello di avere denti bianchissimi per l’alto consumo di xilitolo. Lo xilitolo, chiamato anche zucchero del legno, è un dolcificante naturale che si estrae principalmente da betulle (di cui la Finlandia è ricca), fragole e lamponi. Proprio in Finlandia una ricerca condotta negli anni Settanta trovò una correlazione tra il consumo di xilitolo ed effetti benefici sulla salute dei denti. Lo xilitolo inoltre ha il 40% delle calorie in meno del comune saccarosio e in Europa è utilizzato come dolcificante in molti prodotti, specialmente caramelle e chewing gum.

E’ proprio grazie alla nota pubblicità delle Vivident Xylit che i Finlandesi hanno guadagnato in Italia la fama di avere denti bianchi e forti. In questa pubblicità si vede una foresta dove un finlandese, vestito con una pelle d’orso, viene colpito con un potente tranquillante -come fosse una belva- per poter mostrare al pubblico la sua candida dentatura. I Finlandesi sono rappresentati come persone che vivono abitualmente nella foresta e mantengono la loro igiene orale rosicchiando betulla, e quindi assumendo tanto xilitolo.

Ad accrescere la fama dei denti bianchi dei Finlandesi la scoperta nell’agosto 2007 della più antica gomma da masticare della storia. A Kierikki, non molto distante da Oulu, nella costa Nord-Ovest della Finlandia è stata ritrovato un grumo scuro, ricavato da resina di betulla con chiari segni lasciati da denti, e risalente al periodo Neolitico, circa 5000 anni fa. Che i Finlandesi siano stati i pionieri della gomma da masticare?

[include file=/include/lsc.htm]

La vicenda della pubblicità delle Vivident Xylit è arrivata naturalmente anche in Finlandia e il popolare quotidiano Iltalehti vi dedicò un articolo. Ovviamente in finlandese.

[include file=/include/firma.htm]

Storia d’amore con un finlandese (o una finlandese)

Cosa c’è da aspettarsi da una relazione d’amore con un finlandese?

Se si pensa ad una relazione d’amore con un o una Finlandese, si fa spesso riferimento alla relazione con una donna finlandese. E a ragione. La maggioranza delle coppie sono composte da un uomo italiano e una donna finlandese, ma di certo non mancano le eccezioni. Cerchiamo di analizzare quali sono le principali differenze in una relazione tra i due popoli.
Famiglie ristrette, libertà e riservatezza, ecco cosa vi aspetta se vi trovate in una relazione con un finlandese.

Il ponte dell'amore a Helsinki

Italiani in Finlandia

In Finlandia ci sono tanti stranieri, ben 120.000 nel 2006 su una popolazione di 5 milioni (dati di Demographic Statistics). Di questi, la maggior parte sono russi, estoni e svedesi, ma anche, ovviamente, italiani. Degli Italiani residenti in Finlandia in quell’anno ce n’erano 1200. Alcuni sono rimasti dopo l’Erasmus a fare i ricercatori (le università sono molto appetibili per molti “cervelli in fuga” dall’Italia), molti sono venuti per lavoro: aziende come Nokia, Pöyry, Wärtsilä, Kone o ABB sono ricche di italiani. Ma tanti altri, la maggior parte, sono venuti perché in una relazione con un o una Finlandese.

Non è difficile immaginare il perché degli uomini italiani. È difficile resistere alle donne finlandesi, così belle e indipendenti. Il 75% di quei 1200 italiani è infatti di sesso maschile (dati di Demographic Statistics. E le donne italiane? Per alcune di loro, il carattere riservato, modesto, per niente esuberante dell’uomo finlandese, sommato all’essere spesso alto, biondo e con uno stile “dark”, forma un mix irresistibile.

L‘alta qualità della vita e il modello economico-sociale nordico convince molti italiani a restare e mettere su famiglia in Finlandia.
Ma com’è allora la storia d’amore con un Finlandese o una Finlandese?

Libertà e indipendenza

Una delle prime differenze è senza dubbio il fatto che ai finlandesi piace la loro libertà e indipendenza, e bisogna rispettarla. Questo funziona anche al contrario. Non significa solo che i finlandesi vi lasceranno liberi di uscire spesso la sera con gli amici, ma anche che, in casa, loro avranno bisogno di tempo da soli e in silenzio. Abituati alle famiglie numerose e spesso ad amici e parenti invadenti, è difficile per un italiano all’inizio accettare e capire questi momenti di solitudine che tutti i finlandesi hanno e che possono durare anche ore: i finlandesi sono un popolo abbastanza introverso, che ha bisogno di tempo e spazio da dedicare a sé stessi.

Per i maschi italiani gelosi: le donne finlandesi spesso escono con le amiche, fatevene una ragione! Come a voi piace tornare alle ore piccole, anche loro hanno il diritto di farlo. Per controparte, anche gli uomini finlandesi sono generalmente molto rispettosi della libertà delle loro compagne e la gelosia si limita all’essere protettivi, ma non in modo possessivo com’è tipico dei maschi italiani.

La casalinga finlandese non esiste

La casalinga è un mestiere che in Finlandia non riscuote molto successo. La donna finlandese studia (più del 70% dei laureati universitari sono donne) e lavora tanto quanto l’uomo. I lavori domestici quindi, sono un dovere di entrambi. Tenere tutto in ordine, pulire, fare la lavatrice, stendere il bucato, cucinare, stirare… in alcuni casi anche riattaccare bottoni o rammendare i calzini: preparatevi.

Assenza per paternità in Finlandia

In caso di maternità, le donne finlandesi sono solite prendere da 10 mesi a 3 anni di aspettativa. Ma anche gli uomini passano del tempo in casa: in Finlandia i padri prendono regolarmente almeno 1 mese di paternità, in molti casi anche 2 o 3.

Differenze culturali: come dimostrare l’amore in Finlandia

Abitare in Finlandia può essere uno schock culturale per molti italiani e specialmente in una relazione con un o una finlandese alcuni comportamenti che possono essere ovvi per la nostra cultura, sono del tutto estranei a quella finlandese. Pensiamo ad esempio il mandarsi miriadi di messaggi o telefonarsi spesso in caso di distanza: è assolutamente normale che una un finlandese non vi chiami per ore e ore. Non sanno cosa state facendo e non vogliono disturbare, ma in realtà si fidano di voi!

Persino pagare fuori a cena è una delle differenze culturali in una relazione con un finlandese. I ragazzi finlandesi non pagheranno la cena e spesso neanche il caffè. Si paga da un conto comune alla coppia o si divide. L’uomo finlandese è un romantico pratico, non farà regali fuori dalle date importanti e non comprerà i fiori, ma dimostrerà l’amore con altri, piccoli e ben più pratici gesti, come grattare il ghiaccio della macchina d’inverno dalla sua e dalla vostra macchina.

Litigare con un o una finlandese: non alzate la voce!

A parte alcuni casi rari, i finlandesi non alzano la voce, non fanno scenate. La comunicazione è diretta, spesso anche troppo. Questo vuol dire che non assisterete a litigi in strada o sentirete le urla dei vicini come in Italia, i finlandesi vi daranno la loro versione pacatamente e altrettanto si aspetteranno da voi. Alzare la voce è mancanza di rispetto. Quando ferite un o una finlandese, li vedrete chiudersi in loro stessi. Evitate per un po’ di parlarne o convincerli a parlare. Per un finlandese il litigio a quel punto è già finito. Seguiranno momenti o ore di silenzio finché non decideranno di tornare da voi per ridiscuterne o semplicemente lasciar “cadere” la discussione.

Relazione a distanza con un finlandese

Sovente le coppie nate da Erasmus o vacanze in Finlandia possono avere periodi più o meno lungo di relazione a distanza. Come gestirle? Dato il carattere indipendente dei finlandesi e la tecnologia che accorcia sempre più le distanze, non avrete grosse difficoltà a mantenere un rapporto, se ci sono sentimenti veri alla base. Inoltre i finlandesi non hanno nessuna difficoltà a muoversi o viaggiare da soli, quando hanno un po’ di tempo. Perciò i momenti di incontro anche in una relazione a distanza con un o una finlandese possono essere frequenti durante l’arco dell’anno.

[include file=/include/lsc.htm]

I finlandesi dicono ciò che pensano e se pensano che non abbia senso non lo dicono affatto. Non parlano per evitare momenti di silenzio come facciamo in Italia. E’ normale fare un viaggio in macchina dove per qualche ora nessuno dice niente. Non prendetelo come un brutto segno riguardo la vostra storia d’amore che probabilmente sta andando a gonfie vele 😉

[include file=/include/firma.htm]

Studiare in Finlandia

Studiare in Finlandia: numerose possibilità di studio anche agli stranieri, a costi praticamente nulli.

La Finlandia, con il suo alto livello di istruzione specializzata, rappresenta una meta da considerare per quelli che vogliono conseguire un titolo di studio all’estero.
Studiare in Finlandia è una buona idea non solo per l’ottimo insegnamento invidiato in tutto il mondo, ma anche per le famose feste studentesche!

Se volete venire a studiare in Finlandia avete diverse possibilità. Potete venire in Erasmus, ed eventualmente fermarvi qui, oppure potete iniziare un percorso di studio fin dall’inizio.

Nel primo caso, la possibilità di proseguire i vostri studi presso un istituto finlandese dipende unicamente dall’ente o dal dipartimento o dal singolo docente presso cui vorreste continuare a studiare. A volte esistono vincoli e regolamenti che impediscono questo tipo di passaggi, mentre altre volte, specie nei dipartimenti più piccoli o nel caso di menti particolarmente brillanti, le procedure burocratiche possono essere snellite notevolmente. È un discorso che va affrontato di volta in volta con il tutor o responsabile del dipartimento di turno, per cui non esistono soluzioni generali e applicabili per tutti in ogni frangente.

Se voleste invece iniziare da zero vi conviene come prima cosa consultare la persona responsabile dei contatti internazionali della scuola in cui volete andare a studiare. Questa persona potrà fornirvi tutte le informazioni di cui avete bisogno e saprà indirizzarvi in caso vi servissero informazioni più specifiche.

Tempi di studio e d’iscrizioni per studiare in Finlandia

È necessario muoversi per tempo, dal momento che le iscrizioni si chiudono già a fine gennaio per l’anno accademico successivo. In altre parole, se volete iniziare a studiare a settembre, dovrete inviare la domanda di ammissione e i relativi documenti richiesti entro fine gennaio. Conviene quindi iniziare ad informarsi con un anno di anticipo, visto che per alcuni documenti, come i diplomi o altri titoli di studio, potrebbe essere necessario aspettare dei mesi.

L’anno accademico presso l’università inizia sempre a settembre, mentre in alcune delle scuole applicate è possibile iniziare o a gennaio o a settembre. Il consiglio rimane lo stesso: informatevi presso la scuola in cui volete studiare. Nel caso voleste andare a studiare presso l’Università di Helsinki, a questo link troverete ulteriori informazioni: http://www.helsinki.fi/admissions/undergraduate_applicants.htm#applicationdeadline. Se invece voleste provare alla Aalto University (che riunisce a le facoltà di design, ingegneria e business management), l’indirizzo è http://www.aalto.fi/en/for/new_student/. La segreteria della scuola provvederà a inviare ulteriori comunicazioni a coloro che vengono ritenuti idonei a partecipare alle prove di selezione (vedi sotto).

Non ci sono tasse per studiare in Finlandia

L’educazione superiore in Finlandia è gratuita per tutti, e questo è un grosso incentivo alla mobilità internazionale. Sono molti infatti gli studenti di Paesi dove frequentare l’università è un privilegio dei più abbienti. Il costo della vita è molto alto in Finlandia, e per risiedere a lungo nel Paese è necessario dare conto (questo almeno in teoria) alle autorità della possibilità di provvedere alle spese di base senza pesare sulle strutture sociali del Paese. A meno di essere sponsorizzati da genitori o parenti, è necessario sostenersi trovando un impiego. Aiutatevi con la nostra guida su come trovare lavoro in Finlandia http://www.guidafinlandia.it/trasferimento-finlandia/lavorare-in-finlandia/come-trovare-lavoro-finlandia/

Il sussidio agli studenti

Gli studenti finlandesi godono di un sussidio (opintotuki) che lo Stato da loro per incentivare (o rendere possibile) l’educazione superiore. Questo sussidio è diviso in due parti, una borsa di studio fissa (opintoraha) ed una variabile in relazione all’affitto che si paga (asumistuki). Per cui se uno studente vive con i genitori o possiede un appartamento proprio prende solo l’opintoraha, mentre se paga un affitto prende tutti e due. L’asumistuki ovviamente non copre tutto l’affitto: fino ai 252€ viene coperto l’80% della quota, tutto quello che supera la soglia deve essere sborsato dallo studente. Il totale massimo di opintotuki che si può ricevere è 470€ al mese per un totale massimo di 55 mensilità. Con una somma del genere coprire le spese di base è molto difficile (a Helsinki poi, dati gli affitti alti, è praticamente impossibile), per cui quasi tutti gli studenti lavorano part-time o ricevono un prestito per studenti, garantito dallo Stato. Gli studenti stranieri ovviamente non ricevono il sussidio… a meno di essere cittadini europei e di avere risieduto nel Paese per due anni per motivi non legati all’educazione (ad esempio per lavoro) prima di iniziare a studiare.

Test d’ingresso all’università in Finlandia

Se è vero che l’Università è gratuita, c’è da aggiungere che non è propriamente aperta a tutti. Innanzitutto la lingua d’istruzione ufficiale, almeno all’Università, è il finnico, e per alcuni corsi di laurea è previsto anche lo svedese. Esiste solo una manciata di corsi di laurea la cui lingua di insegnamento è l’inglese, e si tratta di lauree a contenuto molto specialistico. Per i corsi di laurea in lingue moderne è necessario avere inoltre una conoscenza approfondita della lingua in questione (a meno che si tratti di una lingua asiatica o africana). La situazione migliora nelle facoltà scientifiche, dove è possibile concordare con l’insegnante della letteratura in inglese. L’ultima parola spetta sempre al singolo docente, per cui non è possibile dare indicazioni generali. Nei Politecnici e nelle scuole applicate al contrario esistono numerosi corsi di laurea in inglese, gettonatissimi dagli studenti stranieri. È ovviamente possibile mettersi d’accordo con i singoli professori per preparare gli esami con letteratura in inglese, ma ciò è a discrezione dei docenti.

Infine, a limitare l’accesso ai corsi di laurea ci pensano gli esami d’ammissione. Per poter entrare in una qualsiasi Università o Politecnico è necessario superare un esame d’accesso che verte sulla materia del corso di laurea o sulle discipline accessorie. Molto spesso vengono indicati anche i testi da studiare per le prove d’accesso. Tutte le informazioni riguardo agli esami sono comunicate in largo anticipo dalle segreterie a coloro che vengono invitati a partecipare alle prove. La selezione è generalmente molto dura: in palio ci sono solo pochi posti per ogni corso di laurea, e non è cosa inaudita sentire che qualcuno ha provato 4-5 volte ad entrare in una scuola o in un corso di laurea particolarmente ambito. Alcune università (come quella di Helsinki), per alcuni corsi di laurea prevedono delle quote per stranieri e organizzano prove di accesso in inglese. Le quote sono comunque piuttosto basse e i requisiti in termini di punteggio sono leggermente più alti rispetto a quelli degli studenti finlandesi. In particolare vige la regola che, per essere ammesso, lo studente straniero deve totalizzare nella prova di selezione un punteggio non inferiore a quello totalizzato dall’ultimo nella graduatoria degli studenti ammessi al corso di laurea.

L’accesso alle lauree di secondo livello per uno studente straniero solitamente non comporta un esame di accesso, ma è previsto un altro tipo di selezione che dipende largamente dal regolamento interno della Facoltà. Solitamente è richiesta una lettera di presentazione da parte di un docente dell’Università in cui ci si è laureati, ma è anche possibile che si venga invitati ad un colloquio sulla cui base viene decisa l’idoneità del candidato ad entrare nell’Università.

Organizzazione dei corsi di laurea

Non solo le università, ma anche le singole facoltà godono di larghe libertà nell’organizzazione dell’insegnamento e delle sessioni di esami, per cui è impossibile delineare, anche a grande linee, a cosa va incontro uno studente straniero. Ogni corso, se superato, garantisce un certo numero di crediti in una determinata area. Per laurearsi bisogna raccogliere un numero di crediti minimo in ogni area specificata come obbligatoria dal corso di laurea.

Non esiste una durata minima di anni per laurearsi, ma ne esiste una massima (6 – 7 anni) che però può essere “allungata” per motivi fondati.

Gli esami all’università non sono orali

I corsi sono strutturati diversamente dall’Italia, e così anche le modalità per superarli. Esistono corsi di tipo classico, dove il docente fa lezione e l’esame viene superato tramite un esame scritto (non esistono gli orali in Finlandia), ma anche corsi strutturati secondo workshop e lavori in gruppo, corsi per superare i quali bisogna tenere un diario delle lezioni, e altri in cui bisogna svolgere uno o più homework a casa.

[include file=/include/lsc.htm]

Copiare al liceo è già riprovevole e degno di sanzione per i Finlandesi, ma essere sorpresi a copiare durante un esame universitario è una cosa che quasi sicuramente porterà a serie conseguenze, fino ad arrivare all’espulsione dal corso di laurea

[include file=/include/firma.htm]

Pasqua in Finlandia

Come viene celebrata in Finlandia Pääsiäinen, ovvero la Pasqua?

Tradizionalmente, la Pasqua finlandese viene celebrata con un pranzo in famiglia, la caccia all’uovo per i bambini e per i più religiosi con la messa di Pasqua.
Caccia all’uovo!
Fazer Mignon
Il Fazer Mignon, un uovo interamente ripieno di cioccolato nel guscio di un uovo vero, una delle star del periodo di pasqua

In Finlandia la Pasqua è un giorno riservato alla famiglia. Dopo colazione si partecipa all’immancabile sauna. Poi si pranza insieme (il menu tipico comprende prosciutto al forno o agnello, spesso con purè di patate e salsa di funghi) e ci si intrattiene in attività ludiche come la caccia all’uovo.

La caccia all’uovo è abbastanza simile a quella che viene messa in atto in alcune regioni italiane: le uova (quando non sono di cioccolato o zucchero) vengono bollite, colorate e disseminate in giardino. I più piccoli poi avranno ovviamente il compito di trovarle.

La temperatura solitamente si aggira sui 10 °C, ma dipende molto da quando cade il giorno di Pasqua. Il tempo potrebbe essere soleggiato ma comunque abbastanza freddo e ventoso. E’ probabile che vi siano anche rimasugli di neve, che a volte non si sciolgono fino a maggio inoltrato!

Attività pasquali in Finlandia

Fra le attività più popolari post-pranzo c’è la camminata sul lungomare con il gelato (nonostante le temperature, i Finlandesi non dicono mai di no al gelato). Molte attività in periodo pasquale rimangono chiuse dal Venerdì Santo al Lunedì di Pasquetta, con la possibile eccezione di alcuni ristoranti, ma vi consigliamo caldamente di tenere d’occhio rispettivi siti web e orari d’apertura.

Il grande falò di Pasqua

In tutta la Finlandia, così come San Giovanni (Juhannus) anche il giorno di Pasqua è caratterizzato dai grandi falò, kokko in finlandese, per spaventare le streghe e i mostri della foresta.

Pasqua a Helsinki

A Helsinki, sull’isola di Seurasaari, potrete ammirare i bambini vestiti da streghe che cantano canzoni e recitano poesie per il pubblico. Un’alternativa è il museo dei giocattoli di Suomenlinna, che riapre le porte dopo esser stato chiuso tutto l’inverno proprio a Pasqua.

La messa di Pasqua

La Finlandia non è un paese particolarmente religioso. Almeno a Pasqua, però, sono molte le persone che si recano in chiesa. I riti vengono celebrati sia nelle chiese luterane, che in quelle ortodosse, che in quelle cattoliche.

[include file=/include/lsc.htm]

La domenica delle Palme, cioè la domenica che precede Pasqua, i bambini si travestono come streghe e folletti e girano di casa in casa chiedendo caramelle e dolciumi (esattamente come ad Halloween). In cambio, canteranno canzoni per spaventare gli spiriti maligni e allontanarli dalla vostra casa. Munitevi di dolciumi anzitempo!

[include file=/include/firma.htm]

Le donne finlandesi

La donna finlandese vuole essere libera di badare a sé stessa

Le donne finlandesi sono molto belle, dagli aspetti graziosi e dolci. Hanno però un’anima indipendente e determinata, sia per tradizione che per un livello d’istruzione mediamente elevato.
Visi innocenti che nascondono animi battaglieri!

Donne finlandesi che bevono in un locale
Le donne finlandesi sono rinomate per essere belle, con tratti gentili, capelli lisci e biondi, occhi allungati -ereditati dagli antenati asiatici- chiari, azzurri o verdi che siano. Le donne finlandesi però sono anche molto forti e indipendenti, amano lottare per i loro diritti e ottenerli. Sotto un breve elenco delle tappe principali della storia della donna in Finlandia:

1864 Una donna non sposata a 25 anni ha pieni diritti
1901 Le donne in Finlandia possono studiare all’università garantendo delle stesse condizioni degli uomini
1906 Le donne ottengono il diritto di voto e di potersi candidare alle elezioni (la Finlandia è stata per questo la prima nazine al mondo)
1907 Nel Senato finlandese ci sono i primi rappresentanti donne
1926 Un ministro donna viene nominato per la prima volta in Finlandia
1937 Il periodo di maternità è approvato dal Parlamento
1961 La pillola anticoncezionale è approvata in Finlandia
1988 Primi preti luterani donne
2000 Primo presidente della Repubblica di Finlandia donna
2003 Primo presidente del Consiglio donna
2007 Il Parlamento finlandese è rappresentato per il 60% da donne

Indipendenza delle donne finlandesi

La donna finnica vuole essere indipendente, avere un lavoro e uno stipendio proprio, essere libera di comprare le proprie cose senza dover rendere conto a nessuno. Le donne finlandesi hanno un carattere calmo e riservato ma sono testarde e non si danno pace fin quando non hanno ottenuto ciò che vogliono: questa determinazione (in finlandese, sisu)ben si nasconde dietro agli sguardi innocenti e ai sorrisi angelici.

Storicamente, le donne finlandesi hanno accresicuto la forza d’animo durante i lunghi periodi in cui gli uomini erano via in guerra. Le donne, quindi, dovevano badare da sole alla casa e ai figli, superando avversità come l’inverno finlandese. La Finlandia è stata infatti per secoli parte del Regno Svedese, che la utilizzava come “miniera di uomini” da portare sui campi di battaglia di tutta Europa.

Femminilità delle donne finlandesi

Le donne finlandesi assomigliano alle donne svedesi o comunque scandinave, e sono abbastanza differenti da estoni o russe. La donna finlandese non vuole essere giudicata per il suo aspetto, ma per le sue capacità.

Alcuni ritengono la donna finlandese un po’ mascolina, senza una femminilità molto forte. La lotta per la parità di diritti e la voglia di sentirsi sempre più uguali agli uomini probabilmente rendono anche i comportamenti delle donne un po’ mascolini. Alcune ritengono di non doversi rendere particolarmente belle ed attraenti “per far piacere agli uomini”: la donna finlandese preferisce prima di tutto piacere a sé stessa.

Rapporto con l’uomo

Le donne finlandesi hanno sempre lottato per le pari opportunità, la parità di diritti (tasa-arvo in finnico), e tendono ad essere leader nella coppia. In generale infatti nelle coppie finlandesi è la donna che prende le decisioni più importanti e che gestisce la famiglia e la casa. L’uomo finlandese è più mite e lascia di solito fare alla donna.

C’è però un pesante rovescio della medaglia: la violenza domestica. Come descritto da Stieg Larsson nella Trilogia Millenium per la Svezia, anche in Finlandia si registrano parecchi casi (molti dei quali non denunciati) di violenza su donne, specie nei villaggi: questi casi possono dipendere da scarsa comunicazione, solitudine o abuso d’alcol.

Le donne finlandesi e il sesso

Le donne finlandesi vivono la loro sessualità senza molti tabù e considerano normale avere un rapporto sessuale con una persona, seppur non la conoscano benissimo. Può capitare di conoscere una donna in un locale e passare con lei tutta la serata, se la donna si senta a suo agio e si diverta; da questa situazione non è poi molto difficile finirci a letto, ma all’indomani potete essere considerati quasi come estranei.

La donne finlandesi e l’alcol

Così come gli uomini, anche le donne in Finlandia bevono parecchio. Non è raro vedere ragazze nei locali ubriache: tradizionalmente in Finlandia quando si festeggia, c’è un alto uso di alcol, che spesso si trasforma in abuso.

Le donne finlandesi non amano bere superalcolici ma preferiscono bevande a basso contenuto alcolico e con un sapore abbastanza dolce. Il sidro è senza dubbio il drink più bevuto dalle donne finniche.

Berlusconi e le donne finlandesi

A seguito della sua visita nel 2005 in Finlandia, Berlusconi fece battute sul fatto che avrebbe usato la sua arte di “playboy” per convincere la presidentessa della Repubblica di Finlandia Tarja Halonen. In seguito Silvio Berlusconi dirà anche: “Amo le donne finlandesi… purché maggiorenni!”. Qui potete vedere le dichiarazioni dell’ex presidente del Consiglio.

Questi due episodi, uniti ai commenti gastronomici negativi sulla renna, hanno messo in cattiva luce Berlusconi agli occhi delle Finlandesi. Alcune tendono addirittura ad identificare Berlusconi con uno stereotipo sciovinista del maschio italiano, verso cui rimangono quindi molto diffidenti. In generale comunque le donne finlandesi sono incuriosite dall’Italia, dalla sua lingua e dalla sua cultura.

[include file=/include/lsc.htm]

Alla fine del 2005 il 27.5% delle donne finlandesi aveva un’educazione terziaria, ovvero titolo di studi superiore al diploma di maturità. Questo dato rappresenta il 4% in più rispetto agli uomini.

[include file=/include/firma.htm]