Kalakukko

Il “gallo-pesce” (kalakukko)

    Ingredienti:

  • 600 gr di pesce persico eviscerato
  • 400 gr di pancetta di maiale fresca, abbastanza grassa
  • sale grosso
  • 1 kg farina di segale
  • 1 tazza farina bianca
  • 750 gr acqua

Questa ricetta è tipica della Savonia settentrionale: si tratta di una pagnotta di pane di segale ripiena di carne e pesce.

Preparate l’impasto con la farina, un po’ di sale e acqua. Stendete l’impasto fino allo spessore di un centimetro. Formate degli strati ponendo alternativamente il pesce persico, un po’ di sale e la pancetta a fettine abbastanza sottili.

Ora chiudete il kukko ermeticamente, magari aiutandovi con un po’ d’acqua per saldare insieme i bordi. Ponete in una busta da forno oppure arrotolate la pagnotta bene in un foglio di carta stagnola. Cucinate in forno per un’ora a 200 gradi e per le successive quattro ore a 125 gradi.

Nel caso utilizziate quantità ridotte, potete cuocere il gallo-pesce per meno tempo.

[include file=/include/ricette.htm]
[include file=/include/firma.htm]

I biscottini alla zenzero

Tipiche Ricette Finlandesi

biscotti allo zenzero guarniti

I biscotti alla zenzero (piparkakku) sono i più gustosi e popolari biscotti finlandesi. Sono molto popolari in tutti i paesi del Nord Europa.

    Ingredienti:

  • 600 gr farina
  • 200 gr burro
  • 1 dl sciroppo d’acero
  • 1 uovo
  • 2 cucchiaini zenzero in polvere
  • 2 cucchiaini cannella in polvere
  • 1 cucchiaino chiodi garofano in polvere
  • 2 cucchiaini buccia d’arancia grattugiata
  • 2 cucchiaini bicarbonato

Mescolate burro, zucchero, sciroppo d’acero e le spezie a fuoco dolce e spegnete quando il burro è sciolto. Quando il composto si sarà raffreddato, aggiungete il bicarbonato sciolto in acqua, l’uovo e la farina, impastate e formate una massa omogenea.

Fate riposare per una notte in un luogo fresco.

Successivamente stendete una sfoglia molto sottile (circa mezzo centimetro) e fate dei biscottini con le forme desiderate: stelline, cuoricini etc.

Cuocete in forno per 10 minuti a 175 gradi.

Torna a ricette finlandesi.

[include file=/include/firma.htm]

Lo sformato di fegato

Ricette tipiche finlandesi

Lo sformato di fegato (maksalaatikko) è un piatto tipico finlandese che si mangia anche a Natale. E’ uno dei piatti più semplici da preparare. Si può trovare anche in confezioni pronte in tutti i supermercati: dovete slo scaldare in forno e gustare.

    Ingredienti:

  • 2 dl riso
  • 5 dl latte
  • burro q.b.
  • 1 cipolla media
  • 350 gr fegato bovino macinato
  • 1 uovo
  • una manciata di uva passita
  • sale, pepe bianco, maggiorana

Soffriggete la cipolla tagliata a cubetti nel burro. Fate bollire il riso già salato. Spegnete, aggiungete nella stessa pentola la cipolla, il latte, il fegato, l’uva passa e le spezie, e mescolate il tutto. Imburrate una pirofila e versatevi il composto. Spalmate un po’ di burro in superficie e mettete in forno per 75 minuti a 175 gradi.

Torna a ricette finlandesi.

I dolci alla cannella

Ricette tipiche finlandesi

I korvapuusti, tipico dolce finlandese alla cannella

I dolci alla cannella (korvapuusti) sono una delle ricette più tradizionali della pasticceria finlandese e ne esistono innumerevoli versioni. Qui ne presentiamo due leggeremente diverse. A voi la scelta.

Prima ricetta

    Ingredienti:

  • 1 kg farina
  • 500 gr latte
  • 50 gr lievito
  • 1 uovo
  • 2 dl zucchero
  • un pizzico di sale
  • cardamomo
  • 150 gr margarina
  • per la farcitura

  • margarina, zucchero in grani o perlato, cannella in polvere

Scaldate a 37-40 gradi il latte e unite uova, zucchero, sale e cardamomo. Aggiungete anche metà della farina e il lievito. Quando l’impasto è omogeneo aggiungete la margarina sciolta e il resto della farina. Fate un bell’impasto e lasciatelo crescere per un’ora. Quando l’impasto è cresciuto stendetelo col mattarello in una sfoglia di un centimetro di spessore e spennellare margarina, zucchero e abbondante cannella. Arrotolate, tagliate diagonalmente (a forma di V) questo rotolo in paste da 2-5 cm e schiacciate leggermente al centro di ogni pezzo per dare la classica forma. Fate crescere per un paio d’ore, spennellate la superficie con dell’uovo sbattuto, aggiungete zucchero in grani e mettete in forno per 10 minuti a 250 gradi.

Seconda ricetta

    Ingredienti:

  • 4dl acqua
  • 50 gr lievito
  • 14dl farina
  • 1 uovo
  • zucchero in grani e cannella

Unire acqua e lievito, aggiungere la farina e mescolare per ottenere una massa omogenea. Lasciar crescere per 40-50 minuti.

Stendere la sfoglia fino allo spessore di un centimetro, aggiungere cannella e zucchero abbondantemente.

Rotolare, tagliare a triangolo e schiacciare leggermente al centro. Far crescere per altri 10-15 minuti. Spennellare con uovo crudo e aggiungere in superfice un po’ di zucchero in grani.

Far cuocere in forno per 15 minuti a 200 gradi

Torna a ricette finlandesi.

Il vorschmack

Ricette tipiche finlandesi

Una raffinata presentazione del vorschmack

    Ingredienti:

  • 250 gr carne di agnello macinata
  • 20 gr burro o margarina
  • 400 gr carne di manzo macinata
  • 1 cipolla grande
  • 4 spicchi d’aglio
  • 100 gr di filetti di acciughe
  • 2 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • sale, pepe nero
  • in aggiunta

  • 8 patate grandi
  • barbabietole rosse marinate
  • capperi sotto aceto o freschi
  • cetrioli marinati
  • panna acida (smetana)

Il vorschmack ha un nome tedesco che vuole dire quattro sapori. E’ semplice da preparare ma richiede un po’ di tempo. Il generale Mannerheim, eroe della guerra d’inverno, ne andava ghiotto.

Fate bollire le patate e fatele raffreddare per rimuovere la pelle.

Soffriggete la carne di agnello e, quando pronta, ponetela in una grande pentola con il coperchio. Procedete allo stesso modo con la carne di manzo. Ora soffriggete aglio e cipolla sminuzzati e versateli nella pentola con la carne, continuando la cottura. Tagliate a pezzettini i filetti di acciuga e aggiungeteli al composto con le spezie e il concentrato di pomodoro. Aggiungete mezzo bicchiere d’acqua e fate cuocere in forno a 150 gradi per un’ora e mezza. Controllate di tanto in tanto che lo stufato non sia troppo secco.

Servite il vorschmack con le patate togliate a fette grandi, i cetriolini, le barbabietole, i capperi e un cucchiaio di panna acida.

Torna a ricette finlandesi.

Lo spezzatino della Carelia

Ricette tipiche finlandesi

Lo spezzatino careliano

    Ingredienti:

  • 300 gr carne di maiale
  • 300 gr carne di manzo
  • 300 gr carne di agnello
  • 3 cipolle medie
  • 2 carote
  • sale, pepe in grani e qualche foglia di alloro

Lo spezzatino della Carelia (karjalanpaisti) è un piatto molto semplice da preparare. Mettete la carne in una pirofila e mettere in forno per 20 minuti a 200 gradi per far chiudere i pori della carne; il maiale andrebbe messa sopra.

Di seguito aggiungere le verdure tagliate grossolanamente, le spezie e il sale. Aggiungere acqua fin quando la carne non sia coperta e mettere il forno a 150-175 gradi per 2-3 ore: più la carne cuoce, più diventa morbida.

Potete coprire con un foglio di carta stagnola per evitare che si secchi troppo.

Accompagnare la carne con purea di patate o patate bollite.

[include file=/include/firma.htm]

Torna a ricette finlandesi.

I tortini careliani

Tipiche ricette finlandesi

I tortini careliani (karjalanpiirakka)

    Ingredienti:

  • 1,5 dl farina di segale
  • 1 dl farina bianca
  • 1 dl acqua
  • 1-2 dl riso
  • 1 l latte
  • sale

I tortini careliani (karjalanpiirakat) sono tra le più popolari ricette finlandesi. Seppur siano un piatto regionale -della Carelia, appunto- vengono mangiati in tutta la Finlandia.

Preparate la pasta con i due tipi di farina, sale e acqua. Nel frattempo cuocete il riso nel latte, salate.

Lasciate raffreddare il riso e dividete l’impasto in 15 parti circa formando delle barchette e farcendole con il riso.

Potete puntare i bordi con la forchetta. Mettete in forno per 20 minuti a 250 gradi.

Servite calde, accompagnandole se volete con il munavoi: burro mescolato con uova sode sbriciolate.

[include file=/include/firma.htm]

Torna a ricette finlandesi.

Le bistecche di aringa del Baltico

Tipiche Ricette Finlandesi

Le famose silakkapihvit

    Ingredienti

  • 600 gr filetto di aringa del Baltico
  • burro per friggere
  • farina di segale
  • sale, pepe bianco
  • aneto

Le bistecche di aringa del Baltico (silakkapihvit) sono un piatto molto tipico della Finlandia, poiché questa piccola aringa si trovi solo nel Baltico.

Eviscerate le aringhe, rimuovete la spina dorsale e lavatele velocemente. Mettete i filetti aperti sul tagliere e ponetevi sale, pepe e aneto tritato. Unite ogni coppia di filetti pressandoli nella parte interna, in modo che rimangano attaccate. Passatele delicatamente nella farina di segale e ponetele in un tegame caldo dove avrete sciolto un pochino di burro. Friggetele a fuoco moderato girandole di tanto in tanto fin quando non diventano brunite.

[include file=/include/ricette.htm]

[include file=/include/firma.htm]

Torna a ricette finlandesi.

Cucina finlandese: le ricette popolari

Tante ricette finlandesi di carne e pesce

Le più popolari ricette finlandesi hanno come ingredienti principali carne, come la renna, o pesce, come salmone e aringhe. Senza tralasciare i dolci, di cui i finlandesi sono ghiotti.

Tipico piatto finlandese: lo stufato di renna

Provate il vorschmack, il piatto preferito dal generale Mannerheim!

I piatti della cucina finlandese non hanno una fama internazionale, ma ci sono ricette originali e molto gustose. I maggiori ingredienti sono carne e pesce, accompagnati sempre dalle patate. non dimenticatevi dei funghi, che potete trovare senza difficoltà nei boschi della Finlandia.

Potreste avere difficoltà nel trovare in Italia alcuni ingredienti autentici finlandesi, come carne di renna o alcune bacche finlandesi. Comunque la maggior parte degli ingredienti della cucina finlandese si trova anche in Italia.

Piatti finlandesi di carne

Tra i piatti di carne tipici della Finlandia uno dei più famosi è lo stufato di renna, lo sformato di fegato, lo spezzatino della Carelia e il vorschmack, una sorta di macinato composto da quattro ingredienti, il piatto preferito del generale Mannerheim.

Piatti finlandesi di pesce

Tra le ricette di pesce tradizionali finlandesi c’è il salmone (lohi) preparato marinato, affumicato o al forno con le patate, ma anche le piccole aringhe del baltico (silakka) hanno un ruolo da protagonista. Per fare il salmone affumicato avrete bisogno di un affumicatore e la procedura è molto veloce.

Dolci finlandesi

I Finlandesi sono molto golosi di dolci e ne mangiano in gran quantità. Sono molto diffusi i dolci con pan di spagna, bacche e panna montata. Le frittelle tipo crêpes (pannukakku) sono anche molto popolari, e si consumano con marmellate alle bacche (specialmente mirtillo e lampone) o panna montata, di solito il giovedì.

Tra la pasticceria più conosciuta menzioniamo dei dolci alla cannella (korvapuusti) e i biscottini allo zenzero (piparkakku).

Cucina careliana e della Savonia

Tra le cucine regionali finlandesi, la cucina della Finlandia orientale ha tante ricette che vengono utilizzate comunemente in tutta la Finlandia. La tradizione della Finlandia orientale ha sentito pesantemente gli influssi della vicina Russia. Tra le ricette più popolari, oltre al già menzionato spezzatino della Carelia, i tortini careliani (karjalan piirakka) e la pagnotta imbottita (kalakukko), tipici della Savonia.

Se volete saperne di più sulla gastronomia finlandese cliccate qui.

[include file=/include/lsc.htm]

Lo chef Gordon Ramsay, uno dei giovani cuochi più famosi al mondo insieme a Jamie Oliver, ha dato un guidizio molto negativo sulla cucina finlandese, in particolare riferendosi al mämmi, porridge tipico del periodo di Pasqua, che assomigli secondo lui a pupù di bambino.

[include file=/include/firma.htm]

Salmone marinato

Il carpaccio di salmone

    Ingredienti:

  • 700 gr -1 kg filetto di salmone
  • sale grosso
  • un cucchiaino di zucchero
  • pepe bianco o pepe rosa in grani
  • aneto fresco

Il carpaccio di salmone (graavilohi) è una delle ricette più popolari e diffuse in tutta la Finlandia. Ci sono tante preparazioni diverse di questa ricetta. Qui vi proponiamo quella forse più semplice. Pulite il filetto di salmone di tutte le lische e adagiatelo in un grande vassoio avendo cosparso precedentemente il fondo con qualche grano di sale grosso. A questo punto aggiungete in superficie il sale grosso (circa 2 cucchiai per chilo), il pepe e lo zucchero. Considerate anche che in Italia si trovano salmoni più piccoli e meno grassi che in Finlandia, per cui avranno bisogno di meno sale. Mettete in frigo, coprendo con la carta trasparente e, se volete, un peso per favorie la fuoriuscita dei liquidi dal salmone. Scolate l’acqua che il pesce rilascia ogni 12-24 ore. Dopo tre giorni il salmone è pronto. Servitelo tagliato a fettine molto sottili con aneto fresco e qualche goccia di limone a piacere.

Il salmone preparato in questo modo si conserva parecchi giorni in frigo, basta tenerlo coperto con la carta trasparente per evitare che si secchi troppo.

Una simpatica variante sono dei rotolini di salmone ripieni di formaggio. Prendete il vostro salmone già marinato e tagliato a fettine sottili, e ponetelo su un foglio di pellicola. Preparate una crema di formaggio fresco con varie erbe come aneto e erba cipollina e spalmatelo sulle fettine di salmone. Ora, aiutandovi con la carta trasparente arrotolate strettamente e ponete questo rotolo in congelatore per circa un’ora, in modo che prenda la sua forma. Scongelate e servite a rotolini.

Torna a ricette finlandesi.

Lo stufato di renna

Lo stufato di renna

    Ingredienti:

  • 500 gr straccetti di carne di renna
  • 50 gr burro
  • 3 dl d’acqua o birra
  • sale, pepe aromatico
  • purea di patate (da preparare prima)
  • mirtilli rossi freschi o in salsa

Lo stufato di renna (poronkäristys) è uno dei piatti più tradizionali della cucina finlandese. Soffriggete la carne di renna nel burro caldo e quando sarà brunita aggiungete l’acqua o la birra e le spezie. Cuocete fino all’evaporazione del liquido. Servite in un piatto, formando un buco nella base di purea di patate, adagiatevi la carne e aggiungete i mirtilli rossi (puolukka) accanto.

Torna a ricette finlandesi.

La Pizza in Finlandia

La pizza in Finlandia: tradizionale italiana, versione “turca” o fatta in casa, molti modi per assaporare uno dei nostri piatti più famosi.

Mangiare la pizza in Finlandia è la cosa più semplice del mondo: sono moltissimi, infatti, i locali che la offrono a prezzi più o meno convenienti. Mangiare una pizza tradizionale è un po’ più difficile, ma non impossibile.
Potete visitare la Finlandia e non provare almeno una volta la famosa Pizza Berlusconi?
La pizza in Finlandia

In Finlandia ci sono almeno tre varianti “generali” di pizza fra cui scegliere. La prima, senza dubbio la più comune, è quella offerta dai vari venditori di kebap turchi, che nella quasi totalità dei casi offrono come alternativa anche felafel, pasta o, appunto, pizza.

Simile nella forma e nell’aspetto, questo tipo di pizza turca tende però ad essere offerta con un miscuglio di ingredienti che vanno contro ogni più elementare regola gastronomica della cucina italiana. In primo luogo il formaggio non è mai mozzarella, ma pizzajuusto (“formaggio da pizza”), una specie di julienne di formaggi vari. Le farine usate non sono sempre il massimo nemmeno nei ristoranti italiani, e tendono per la pizza turca a diventare piuttosto “creative”. Quasi tutte le versioni si limitano a mescolare gli stessi 5-6 ingredienti in quantità diverse: non è raro veder mischiare carne e pesce, ad esempio, o cipolle e aglio. La pizza turca ha comunque dei vantaggi: è generalmente mangiabile, nonostante il gusto non esattamente “italiano”; inoltre costa relativamente poco (la trovate anche a 6€) e funziona perfettamente come riempitivo prima o dopo serate troppo alcoliche.

La seconda opzione è ovviamente quella di recarsi in un locale italiano per ottenere qualcosa di più simile a quello che siamo abituati a mangiare in Italia. Il livello di approssimazione cambia notevolmente da pizzeria a pizzeria, ma in generale i locali italiani usano ingredienti di qualità migliore. Inoltre le pizzerie italiane non si lanciano in accostamenti azzardati, anche se qualche concessione ai gusti locali viene sempre fatta (la pizza con ananas e formaggio piccante è una costante). Per avvicinarvi ad un gusto più “italiano”, vi consigliamo di richiedere mozzarella in luogo del pizzajuusto descritto sopra.

Per un elenco dei migliori ristoranti italiani di Helsinki, potete leggere il nostro articolo dedicato.

Un’ultima opzione è ovviamente rappresentata dalla possibilità di cucinare la pizza in casa. Quasi tutte le cucine finlandesi sono dotate di forno, quindi la cottura non dovrebbe essere un problema. Trovare gli ingredienti non è complesso -solo i negozi più piccoli potrebbero deludervi- ma per farvi, ad esempio, una pizza al prosciutto crudo di Parma, preparatevi a spendere in totale non meno di 8€ (sfortunatamente, sia la mozzarella che gli affettati d’importazione costano un occhio della testa, con una possibile eccezione rappresentata da quanto offerto al LIDL).

La Pizza Berlusconi

Le brutte figure di Berlusconi all’estero sono note, e le sue performance finlandesi non fanno certo eccezione. Di particolare rilevanza è la Pizza Berlusconi, una pizza offerta dalla catena Kotipizza e nata dopo le famose dichiarazioni del politico italiano sulla povertà dell’offerta gastronomica finlandese in rapporto a quella italiana (riassumibili in: “I Finlandesi hanno solo il prosciutto di renna”). La Pizza Berlusconi, che peraltro è stata eletta come pizza più buona del mondo nel 2008, è condita con renna affumicata, cipolle rosse, un formaggio finlandese simil-gorgonzola (aurajuusto) e funghi tipici finlandesi (cantarello tubiforme, suppilovahvero in finnico). A nostro parere, la Pizza Berlusconi è difficilmente “la più buona del mondo”, ma senza dubbio si tratta di una variazione simpatica ed originale!

[include file=/include/lsc.htm]

C’è da fare qualche differenza anche fra i locali italiani gestiti da italiani, e quelli gestiti dai finlandesi. Il ristorante “Mare Chiaro” a Helsinki, ad esempio, è famoso per avere un pizzaiolo finlandese abbastanza scorbutico. La pizza è ottima, ma in forma, ingredienti e dimensioni si allontana abbastanza dalla ricetta tradizionale. Ovviamente la proprietà italiana non garantisce cibo migliore a priori. Da notare che sono pochi i ristoranti con un forno a legna. In tutta Helsinki, ad esempio, solo il ristorante Virgin Oil ne ha uno, e la differenza in termini di gusto si sente.

[include file=/include/firma.htm]

Il caffè in Finlandia

Il caffè finlandese è molto diverso dall’espresso…

Ogni italiano che si rispetti serba nel suo cuore un posto d’eccellenza per il caffè di qualità. Una volta a Helsinki o in un’altra città finlandese, vi capiterà di sedervi al bar e ordinare un caffè. Ma la scelta è ampia, e l’espresso non costa esattamente come a casa…

Caffè Finlandese, forte nel gusto…e a volte anche nelle conseguenze!
Il caffè in Finlandia

Sebbene sia difficile da credere, la Finlandia è il paese al mondo con il più alto consumo di caffè pro-capite. Avete capito bene, anche più dell’Italia (la Finlandia ci batte 12kg a 5.9kg all’anno)!

Uno dei motivi di questa schiacciante vittoria è senza dubbio la tipologia del principale caffè finlandese, ovvero lungo, in maniera molto simile al caffè che viene consumato negli Stati Uniti.

Non sono pochi gli italiani che si spingono fino a comprare macchine per il caffè finlandese in luogo delle più tradizionali moke da espresso. Se mai vi capitasse di aiutare un amico finlandese durante un trasloco, aspettatevi di venir ricompensati perlomeno con un caffè e una pulla (pasta dolce) alla fine della giornata.

C’è Starbucks in Finlandia?

Starbucks, la principale catena americana, in Finlandia non è ancora arrivata. Esistono catene molto simili allo Starbucks (e, a dirla tutta, molto simili tra loro). Su tutte ricordiamo le due principali, Wayne’s Coffee e Robert’s Coffee. Wayne’s è finlandese, mentre Robert’s è svedese.

I Finlandesi, comunque, amano talmente tanto il caffè che nei bar della città è possibile ordinare praticamente qualsiasi cosa. Wayne’s Coffee e Robert’s Coffee ad esempio offrono letteralmente almeno una decina di opzioni. Fra le tipologie più popolari: Caffe Latte (che sarebbe espresso mischiato con schiuma di latte), Latte alla vaniglia/cannella/mandorla (a dispetto del nome, la bevanda contiene anche caffè), Latte Macchiato (come caffè latte, solo con meno caffè), Espresso, Espresso Macchiato, Espresso al lime (!) e Cappuccino.

I prezzi del caffè in Finlandia e le marche più diffuse

Non aspettatevi dei prezzi italiani. Se andate in un locale, un espresso può costare dai 2.50€ ai 3€, altri caffè, a seconda della dimensione, arrivano anche a 4.50€ senza difficoltà. Con un caffè e cornetto potete arrivare a spendere  5€, quindi fate attenzione! Se invece volete comprarlo in un negozio, i prezzi sono invece molto più abbordabili, soprattutto per quel che riguarda il caffè finlandese classico, ovvero quello lungo: ci si aggira in genere sui 2 euro per 500g. Le marche più diffuse sono Paulig, President, Juhla Mokka, Kulta Katriina, Costa Rica e Saludo, e differiscono per il grado di tostatura: più questo è alto più il caffè è gustoso, ma anche forte. Anche il caffè liscio è presente in diverse versioni, tanto da contemplare anche tostature “alla parigina”.

Nei grandi supermercati è possibile comprare caffè italiano, principalmente Segafredo, Lavazza e Illy, ma non aspettatevi di pagare meno di 4-5€ a barattolo. I locali italiani, ovviamente, tendono sempre a servire caffè italiano. Se siete a Helsinki, recatevi in un bar dove l’espresso è buono e costa solo un euro: il Kaffe Centralen http://www.kaffecentralen.com/, presente in tre punti vendita situati nella zona del centro di Helsinki.

Per quanto riguarda le macchine per fare caffè, Moccamaster è l’azienda produttrice più famosa della Finlandia. Le macchine da caffè costano circa 200 euro ed è l’unica a fornire un servizio di manutenzione a domicilio.

[include file=/include/lsc.htm]

Il caffè lungo Finlandese si distingue da altri caffè analoghi disponibili in altri Paesi per le particolari reazioni che può provocare in uno stomaco non allenato alla particolare tostatura dei chicchi a la Finlandese. Non è raro, infatti, bere un caffè e dover correre in bagno entro 30 secondi dopo aver posato la tazza! Con il tempo, ovviamente, ci si abitua.

[include file=/include/firma.htm]

Le bevande alcoliche Finlandesi

Tutto l’alcol prodotto in Finlandia che dovete provare almeno una volta nella vita.

Considerato il consumo di bevande alcoliche in Finlandia, è logico aspettarsi liquori e alcolici locali tipici che valga la pena provare una volta giunti nel Paese. Pur non distinguendosi per particolare raffinatezza, l’approccio Finlandese alla produzione è personale ed efficace.

Alzate il vostro cicchetto e urlate “Pohjanmaan kautta!”, che vuol dire “Alla goccia!” (letteralmente “All’uso della gente di Pohjanmaa”).

Le bevande alcoliche in Finlandia

Viina e Vodka

Fra le prime richieste che un italiano tende a fare in Finlandia ci sarà quella di provare la vodka locale. Esistono un paio di varianti sul tema: la koskenkorva viina, e la vodka così propriamente definita, ambedue prodotte con l’orzo. La differenza fra le due bevande risiede nella presenza o meno di zucchero e nel luogo di produzione. Esiste anche una variante prodotta con la segale, chiamata koskenkorva viina ruis.

Tutte queste bevande hanno una gradazione alcolica elevata (solitamente tra i 38% e 40%, ma anche 60%) ed un gusto molto forte che suggerisce gradazioni anche superiori. Si usano spesso mischiate a vino frizzante e succhi di frutta nella preparazione del booli (ovvero il punch), per alcuni cocktail ma anche e soprattutto per shot diretti. Fate particolare attenzione: se siete a stomaco vuoto bastano un paio di shot per ubriacarvi e dopo cinque bicchierini non è raro venire assaliti dalla nausea. Sul versante positivo, le ubriacature da koskenkorva e vodka – se moderate – tendono a non farvi svegliare con orribili mal di testa il giorno successivo (krapula, in finlandese).

I liquori alle bacche

La grande varietà di bacche presenti in Finlandia porta alla produzione di numerosi liquori. Questi sono liquori dolci con una gradazione attorno al 20%, ottimi bevuti freschi come digestivi. Oltre al mirtillo e al ribes rosso, troverete il liquore alla mora di palude (lakka) o all’olivello spinoso (tyrni). Ci sono tanti marchi, ma i più popolari sono i liquori “Lapponia”.

Minttu

Il Minttu è un liquore alla menta piperita prodotto a Turku, ma popolare non solo in Finlandia ma anche in Svezia, Norvegia e altri paesi della stessa area. La gradazione alcolica supera i 40% e generalmente viene bevuto con ghiaccio o mischiato nei cocktails. La cioccolata calda con il minttu è un’altra particolarità finlandese.

Salmiakkikossu

Il Salmiakkikossu, conosciuto anche come Salmari, è prodotto dall’unione di Koskenkorva con pepe turco e liquirizia salata. Nonostante gli ingredienti possano sembrare non esattamente invitanti, si tratta di uno dei liquori “da shot” più diffusi, dal gusto atipico ma particolarmente intrigante, che non mancherà di stregare chi ha già una certa passione per le caramelle alla liquirizia salata (Salmiakki, appunto). Il Salmari ha una gradazione di 38%.

Fisu

Chi conosce le Fisherman’s Friend saprà già di cosa stiamo parlando. Il Fisu è un liquore alla menta forte e penetrante, che unisce la vodka al gusto caratteristico delle pastiglie alla menta più forti, che l’industria delle caramelle abbia mai prodotto. Come nei casi precedenti, la gradazione alcolica è molto alta. Viene servito di solito molto freddo e va giù sorprendemente bene, lasciando un gusto fresco in bocca… è perciò facile abusarne!

Birra

In Finlandia si consumano principalmente birre lager di origine finlandese, sebbene sia sempre più facile trovare una selezione delle più note marche tedesche, belga, inglesi etc. I supermercati finlandesi generalmente ospitano soprattutto birra marchiata Lapin Kulta, Karhu, Sandels, Kukko e Karjala. Le differenze fra l’offerta sono meno marcate di quello che sarebbe lecito aspettarsi, ed è la quasi assenza di spuma e bollicine a caratterizzare tutte le birre finlandesi, che sembrano studiate apposta per essere bevute in grandi quantità. Sul lungo periodo hanno un gusto più che accettabile, a patto di non essere abituati a quanto altre nazioni europee hanno da offrire. Non è infatti difficile capire perchè una birra belga possa costare quasi il doppio al pub…

Tra le birre finlandesi la più gustosa è senza dubbio la Sandels, mentre il fanalino di coda spetta alla Olvi e alla Lapin Kulta (che letteralmente vuol dire l’oro della Lapponia, ma molti Finlandesi del Sud la definiscono lapinpusta, “pipì di renna lappone”).

Il brand Karjala

Il marchio Karjala è anche protagonista di un aneddoto storico piuttosto interessante. Durante gli Anni 60 il marchio Karjala si trovava in condizioni finanziarie abbastanza incerte. Fu l’intervento dell’Unione Sovietica, per mezzo del suo ambasciatore in Finlandia, a modificarne le sorti. Andrei E. Kovalev fece infatti notare che il nome ricordava sfortunati eventi storici risalenti alla guerra, e che anche il prodotto in questione ne era quindi vittima inconsapevole. L’annuncio ottenne una tale copertura mediatica che il marchio Karjala tornò presto sulla bocca di tutti, con tanto di slogan “Carelia è tornata, bottiglia su bottiglia” (riferendosi al logo che vede contrapporsi una lama svedese e una spada russa).

Lonkero e Siideri

Il Lonkero, o long drink, è sostanzialmente una versione in lattina del gin tonic. Viene generalmente preparato mischiando succo di pompelmo con soda e gin, ed è fra tutte le proposte finlandesi forse quella più fresca e meno impegnativa da degustare. La gradazione si aggira sui 5,5%, ed è spesso scelta come ottima alternativa alla birra.

Il sidro (siideri) è una bevanda particolarmente popolare fra le donne. Simile ai corrispettivi sidri trovati anche in altre nazioni europee, le principali marche finlandesi (Kopparberg su tutti) si distinguono per la generale dolcezza della bevanda e per la grande scelta di gusti disponibili: pensate ad un frutto qualsiasi e probabilmente esiste un sidro finlandese che lo riporta sull’etichetta. Il sidro più bevuto è sicuramente quello alla mela, l’omena siideri.

[include file=/include/lsc.htm]

Pochi eletti lo sanno, ma mischiare la birra con il Salmari produce una bevanda tutt’altro che disgustosa, particolarmente utile in quei casi in cui abbiate l’urgenza di ubriacarvi con una certa fretta. Immaginatevi una birra aromatizzata alla liquirizia e avrete un’idea abbastanza chiara di quello che potreste creare…

[include file=/include/firma.htm]

Il Salmone in Finlandia

I piatti più popolari a base di Salmone, il famoso pesce rosa della Nazione

Pietanza gourmet, zuppa o piatto alla griglia acquistabile nella Piazza del Mercato di qualsivoglia cittadina finlandese, il salmone è uno dei cibi più apprezzati in Finlandia, indipendentemente dall’occasione.

La carne dei Finlandesi è…il pesce, ed in particolar modo il salmone!

Salmone Lohi

I Finlandesi hanno una relazione particolare con il salmone. Tanto è l’apprezzamento che nutrono nei confronti delle sue carni, che non è azzardato paragonarlo alla pasta per gli italiani: buono per ogni occasione, dalla mangiata caciarona con gli amici alle ricette più squisite nei ristoranti esclusivi.

Le ricette tipiche

Fra i piatti più gettonati a base di salmone ci sono sicuramente il filetto al forno o alla griglia (servito spesso con pepe bianco e rosso, aneto e panna) e il salmone affumicato (con cui si produce anche una salsa, i cui restanti ingredienti comprendono aneto, limone, farina, olio, sale, pepe e porro).

Altri piatti molto conosciuti sono la casseruola di salmone (con patate, cipolle, panna, latte, sale e pepe), la zuppa di salmone (a seconda delle versioni con vino, patate, carote, finocchio, cipolle, aneto, sale e pepe oppure con latte, prezzemolo, burro, timo e panna) e il salmone marinato al limone (con lime, limone, succo d’arancia, zucchero e aneto).

Il salmone è un piatto talmente comune che al supermercato lo potete trovare anche a meno di 5 euro al kilo! Per una festa con amici, il salmone è l’ideale. Cospargetelo di sale grosso e pepe al limone e mettetelo in forno. In mezz’ora avrete un chilo di filetto di gustoso salmone al forno per soli 5 euro. Un vero affare!

Anche nel caso in cui decideste di assaggiarlo in uno dei tanti ristoranti di cucina tipica finlandese, i prezzi non sono solitamente inavvicinabili: dipende ovviamente da dove lo state mangiando e in che modo è stato preparato, ma in linea generale un piatto a base di salmone vi costerà sempre meno di un piatto a base di carne.

Dove si trova

In Finlandia il salmone viene pescato principalmente in due fiumi vicini alla costa Nord-Est, il Tenajoki e il Näätämönjoki. Una volta il salmone era presente in più di 20 fiumi sulla costa finlandese del mar Baltico, ma ad oggi solo due fiumi (il Tornionjoki e il Simojoki) hanno salmone a sufficienza per auto-sostenersi. Anche il lago Saimaa ospita una particolare varietà di salmone, rilasciata successivamente anche in altri grossi laghi finlandesi, come Inarijärvi e Päijänne.

Nei pressi di Kotka (Sud-Est della Finlandia) si trova ancora un cottage dove lo Zar di Russia e la sua famiglia passavano le vacanze estive. il fiume sembra ancora un ottimo posto per la pesca al salmone.

C’è una differenza tra il salmone di lago e di mare. In Finlandia, poiché il mar Baltico ha alti livelli di diossina, non è consigliabile mangiare salmone di mare per più di una volta a settiamana, in quanto potrebbe essere tossico. Non ci sono controindicazioni per il salmone pescato in acqua dolce. Da notare infine che nei supermercati la maggior parte del salmone viene dai mari della Norvegia, e non dalla Finlandia stessa.

[include file=/include/lsc.htm]

Pare che alcuni studi condotti in Finlandia e altre parti del mondo suggeriscano che mangiare salmone aiuti a diminuire il tasso di omicidi di un paese. Merito, pare, delle vitamine (in particolare della celebre Omega-3) contenute nel pesce!

[include file=/include/firma.htm]

Carne di Renna

Se il cigno è il simbolo ufficiale del Paese, la renna ne è quello spirituale…e gastronomico!

I bambini la conoscono come l’animale che traina la slitta di Babbo Natale, gli adulti, spesso, preferiscono pensare alla renna come ad un ottimo piatto di carne.

Dalla slitta di Babbo Natale fino al piatto con contorno di patate, la renna è un animale che non lascia nessun Finlandese indifferente.

Mangiare Renna
Estremamente popolare sulle tavole finlandesi, la renna ha carni morbide che ben si accompagnano al vino rosso, alla birra, al purè di patate e alla salsa di mirtilli rossi (puolukat).

Altri contorni tipici che vengono serviti con la renna sono una deliziosa crema di funghi o contorni come spinaci e patate novelle, bacche come mirtilli e ribes e persino formaggio di capra o piccante.

Troverete la carne di renna principalmente preparata come stufato (poronkäristys), accompagnato dal purè di patate e salsa di mirtilli rossi. E’ meno frequente la preparazione del filetto o controfiletto semplicemente arrostiti in padella, poiché la carne ha un sapore particolare e può risultare troppo forte se non accompagnato da qualche salsa o contorno. La renna viene anche consumata affumicata, o come ingrediente per salse che accompagnano altri cibi.

Nonostante la sua diffusione, i prezzi per la carne di renna sono notevolmente più alti rispetto a quelli di carni più comuni. Il filetto fresco, preso al bancone o confezionato, si aggira sui 50 euro al chilo, mentre la carne di renna per stufati congelata è assai più economica (dai 18 ai 40€ a seconda della provenienza).

Gli allevamenti di renne sono diffusi soprattutto in Lapponia, e tutte le provvigioni dipendono dalla produzione interna di circa 5000 fattorie, solitamente gestite da piccoli gruppi familiari di quattro o cinque persone. Ogni anno, circa il 2% dei prodotti gastronomici a base di renna vengono esportati verso altri paesi. La Finlandia da sola consuma circa 2,5 milioni di chili di carne di renna all’anno, di cui un terzo direttamente ai consumatori, mentre il resto a ristoranti ed alberghi.

[include file=/include/lsc.htm]

La renna come ingrediente è stato messo dai Finlandesi persino sulla pizza. Infatti la celebre Pizza Berlusconi è una pizza impastata con farine di segale e di grano integrali, e guarnita con cipolle rosse, funghi, straccetti di renna e un formaggio finlandese simile al gorgonzola (aurajuusto). Il singolare nome di questa prelibatezza, creata dalla catena di pizzerie Kotipizza, è dovuto ad una famosa battuta di Silvio Berlusconi pronunciata in segno di spregio verso la gastronomia finlandese, durante il periodo della diatriba relativa all’assegnazione territoriale dell’EFSA, l’autorità europea per la sicurezza alimentare. I Finlandesi, non gradendo l’uscita dell’allora Primo Ministro italiano, hanno ben pensato di battezzare una pizza così patriottica in suo onore. Ironia della sorte, al momento della sua introduzione sul mercato, la Pizza Berlusconi è stata internazionalmente dichiarata la “più buona del mondo”.

[include file=/include/firma.htm]

La gastronomia finlandese

La gastronomia finlandese: una cucina ricca per sopportare bene il freddo inverno

La cucina finlandese risente molto delle influenze dei paesi limitrofi, come Svezia e Russia. Nonostante ciò esistono molte specialità che si possono trovare solo in Finlandia: il leipäjuusto, formaggio cotto a fiamma, il kalakukko, una pagnotta di pane di segale ripiena di pesce e carne di maiale o il tradizionale joulukinkku, un grande prosciutto cotto lentamente al forno. Grande è la varietà di pane, preparato con farine di diversi cereali, e dolci finlandesi.
Non solo patate! Carne, pesce, formaggi e dolci… lasciatevi stupire dalla gastronomia finlandese!

Tipico cottage finlandese con cibi tradizionali

La Finlandia, per la sua particolare posizione geografica fra Occidente e Oriente, è stata influenzata sia dalle popolazioni europee – in particolare dalla Svezia – che dalla Russia. I principali alimenti della cucina finlandese sono il pesce, specialmente di lago e di fiume, la carne bovina e suina, il latte e i suoi derivati (fra tutti la panna), ma anche bacche e funghi, che vengono utilizzati specialmente nel periodo autunnale. Molto vari e gustosi sono i diversi tipi di pane così come la pasticceria finlandese.

La patata è l’alimento più comune della cucina finlandese. Serve tipicamente per accompagnare il piatto principale di carne o pesce. Viene generalmente servita bollita, come pure in casseruola con panna o aglio. Molto comune è anche il purè di patate. Anche la rapa (nauris), in tante varietà, è assai popolare.

Il salmone (lohi) spicca tra i pesci più comuni ed è assai più economico che in Italia. Può essere servito al forno con patate ma è molto gustoso e particolare quello essiccato (graavilohi). In questa preparazione il salmone viene salato da crudo e, successivamente, vengono aggiunti pepe rosa in grani e aneto.

Altri tipi di pesce diffusi in Finlandia sono il luccio (hauki), il pesce persico (ahven), il coregone (siika), il luccioperca (kuha) nonché l’aringa del Baltico (silakka) e un pesciolino di lago chiamato muikku.

Fra le carni, la renna (poro) è senza dubbio la più caratteristica, ma non la più diffusa. Gli allevamenti di renne si trovano in Lapponia, ma è abbastanza comune trovare carne di renna (inscatolata o surgelata, fresca è una rarità) al supermercato in tutta la Finlandia. Lo stufato di renna (poron käristys) è la più classica delle ricette; esso viene accompagnato da purea di patate e mirtilli rossi. C’è comunque un largo consumo di carne suina e bovina, specialmente come spezzatini e stufati.

Il latte (maito) è molto popolare tra i Finlandesi, visto che viene bevuto perfino a pranzo e consumato anche sotto forma di latte acido (piimä). Nella cucina finlandese, inoltre, sono molto utilizzati la panna da cucina (ruokakerma) ed il burro (voi) per la preparazione di molti piatti. La gastronomia finlandese presenta alcune specialità di formaggi: tra tutte il leipäjuusto, un formaggio lappone cotto a fiamma da gustare con una confettura di mora di palude (lakka).

Le bacche sono molto utilizzate dal finlandese. Specialmente nel periodo autunnale le bacche si trovano in tutti i mercati e vengono vendute a usando come unità di misura il litro! Oltre a fragole, mirtilli, more e lamponi esistono in Finlandia alcune bacche che non potete gustare in Italia, come il rovo artico (lakka) o l’olivello spinoso (tyrni).

In autunno, inoltre, nelle numerose foreste finlandesi si trovano moltissimi funghi, fra tutti porcini (tatti) e gallinacci (kantarelli).

Le varietà di pane sono tantissime. Il pane di segale (ruisleipä) ha un ruolo principale sulle tavole finlandesi e viene consumato in abbondanza specialmente dalle persone anziane. Sono sicuramente da provare anche alcuni tortini salati. I più famosi sono i karjalanpiirakka, che sono costituiti da un impasto di farina di segale ed un ripieno di riso cotto nel latte (riisipuuro).

Infine, i Finlandesi sono ghiotti di dolci e, per questo, la gastronomia finlandese conta tante specialità di pasticceria. Tra tutti consigliamo il korvapuusti, che è un rotolo di pasta con zucchero, cardamomo e cannella.

[include file=/include/lsc.htm]

Il fiore del lampone artico è raffigurato nella moneta finlandese da due euro

[include file=/include/firma.htm]